CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
16 min

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
3 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
7 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
8 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
8 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
8 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
8 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
9 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
23 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
1 gior

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
calcio
31.07.2022 - 19:01

Dopo due bluff ecco il poker del Lugano

Uno scatenato Mattia Bottani e Zan Celar, autore di una doppietta, protagonisti della prima vittoria in questo campionato

di Daniele Neri
dopo-due-bluff-ecco-il-poker-del-lugano
Keystone
È festa bianconera alla Schützenwiese

Prima vittoria stagionale per il Lugano, che, dopo le due sconfitte consecutive, è riuscito a espugnare la Schützenwiese con un chiaro e meritato 4-1. Tre punti conquistati con una buona prestazione, soprattutto nel primo tempo quando la formazione di Croci-Torti ha dominato il Winterthur, incapace di mettere in difficoltà il Lugano. Solo nei primi 15 minuti di gioco, gli zurighesi hanno premuto, trovando però il vantaggio grazie a un regalo del Lugano. Poi non c’è stata storia. I bianconeri sono cresciuti minuto per minuto e hanno trovato subito il pareggio e poi altre due reti che hanno sancito il risultato del primo tempo. Un Lugano trascinato nei primi 45 minuti da uno scatenato Mattia Bottani. Il fantasista bianconero è stato autore di una rete, due suoi passaggi sono stati all’origine della seconda e terza segnatura luganese e altre due sue conclusioni sono degne di nota. Quindi le molte chiacchiere di queste settimane sul suo futuro sono state cancellate da una prestazione maiuscola.

I sottocenerini si sono presentati in campo con la stessa formazione schierata a Zurigo con il Gc, unica eccezione al posto di Durrer, il nuovo arrivato Arigoni, buona la sua prestazione sia in fase difensiva come pure offensiva, come pure quella di Mahou, soprattutto nel primo tempo, molto ispirato e ispiratore della segnatura di Bottani.

Un primo tempo partito maluccio per il Lugano, che già dopo pochi minuti avrebbe capitolare, quando l’ex di turno Rodriguez, da pochi passi dalla porta manca il facile bersaglio. Pericolo scongiurato, ma solo per pochi minuti, quando un retropassaggio di Valenzuela "lancia" Buess che non si lasciava scappare l’opportunità e in uscita batteva l’incolpevole Saipi, portando in vantaggio la propria squadra. Portiere del Lugano che poi nel primo tempo è rimasto sempre inoperoso. Da un portiere all’altro, da Saipi a Punkaj che invece nel giro di 22 minuti deve raccogliere ben tre volte il pallone finito nella sua rete. Una parte di colpa all’estremo difensore zurighese la si può attribuire sul pareggio di testa di Celar: indeciso nell’uscita non ha potuto intervenire sulla capocciata dell’attaccante sloveno. È invece incolpevole sulle altre due reti, quella sempre di testa da parte dia Haile-Selassie e di Bottani. Dopo il tè, complice anche il gran caldo, l’intensità della partita cala. Il Lugano bada a controllare il vantaggio, cercando con rapidi contropiedi di mettere in difficoltà la neopromossa. Quindi sterile supremazia dei padroni di casa, ma solo un’incornata di Buess, fa tremare la retroguardia luganese. Poi, quando il Winterthur non ci crede più, il Lugano prende nuovamente in mano le redini dell’incontro e si fa preferire grazie a delle belle conclusioni, una delle quali, di Belhadj termina sul palo a portiere battuto. Celar, su rigore, fischiato da Cibelli per un fallo di mani in area, sancisce poi il risultato finale di 4-1.

Winterthur - Lugano (1-3) 1-4

Reti: 11’ Buess 1-0, 20’ Celar 1-1, 22’ Haile-Selassie 1-2, 31’ Bottani 1-3, 91’ Celar (rigore) 1-4.

Winterthur: Pukaj; Gonçalves, Lekaj, Schmid, Diaby (73’ Kamberi); Arnold (46’ Abedini); Ramizi (81’ Chiappetta), Corbaz (46’ Gantenbein), Di Giusto (60’ Ballet), Rodriguez; Buess.

Lugano: Saipi; Arigoni (87’ Durrer), Mai, Ziegler, Valenzuela; Sabbatini, Doumbia; Haile-Selassie (73’ Bislimi), Bottani (87’ Hajdari), Mahou (80’ Mahmoud); Celar.

Arbitro: Cibelli.

Note: 7800 spettatori. Winterthur privo di Costinha e Hammer (infortunati). Lugano privo di Daprelà (squalificato), Aliseda, Amoura, Babic, Facchinetti, Hajrizi e Macek (infortunati). Ammoniti: 27’ Arigoni, 48’ Diaby, 76’ Ballet, 89’ Gonçalves, 95’ Rodriguez. 83’ palo colpito da Belhadj.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved