BENCIC B. (SUI)
0
CIRSTEA S. (ROU)
1
2 set
(2-6 : 1-2)
colpi-di-genio-e-colpi-di-testa-i-50-anni-di-zidane
Keystone
Zidane sfugge a tre brasiliani in Francia-Brasile del 2006
+6
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
25 min

In ricordo di Angelo Ghirlanda e Franco Casalini

Franco Facchinetti lavorò con entrambi: ‘Due grandissimi maestri’
ATLETICA
2 ore

Decathlon, Ehammer sempre al comando

Agli Europei l’elvetico guida la classifica dopo 8 gare su 10
Atletica
4 ore

Ricky Petrucciani in finale sul giro di pista

A Monaco il 22enne onsernonese non stecca: il secondo tempo in semifinale (in 45"55) gli vale un posto nella corsa per le medaglie di domani
Hockey
6 ore

Mondiali Under 20, la Svizzera trova il Canada

Avversario proibitivo per i rossocrociati nei quarti di finale
Hockey
6 ore

Luca Sbisa nello staff degli Sharks

L’elvetico lascia Anaheim per raggiungere San José
Tennis
10 ore

La storia non si ripete: Teichmann saluta Cincinnati

Incapace di sfruttare un match point nel tie-break del secondo set, dopo una lunga battaglia, l’elvetica cede il passo a Petra Kvitova
STORIE MONDIALI
12 ore

La Fifa fra guerre e ricchi contratti

Le qualificazioni ai Mondiali del 1970 furono la miccia che innescò un conflitto da seimila morti fra El Salvador e Honduras
Tennis
18 ore

A Cincinnati tre ore di battaglia, poi Stan s’arrende

Nuova batutta d’arresto per il vodese, costretto a cedere strada ad Andy Murray nell’Ohio, che lo batte per la tredicesima volta in carriera
Hockey
19 ore

Una rete di Attilio Biasca regala i quarti alla Svizzera U20

Il diciannovenne di origine ticinese segna il gol-partita nella sfida con l’Austria e permette agli elvetici di proseguire la loro avventura ai Mondiali
ciclismo
22 ore

Tom Dumoulin è pensionato, da subito

L’olandese 31enne, non smetterà, come preannunciato, a fine stagione: per lui è già ora del ritiro
calcio
23 ore

L’inizio non entusiasma, ma le prospettive sono buone

Il Lugano può sfruttare la vittoria di Basilea per lanciare definitivamente la sua stagione. Intanto però c’è da pensare alla Coppa Svizzera
NUOTO
23 ore

A Roma la Svizzera brilla di luce intensa: Mamié nuova regina

Dopo l’argento di Noè nei 100 delfino, gli elvetici tornano due volte sul podio: la zurighese vince i 200 rana, il turgoviese è secondo nei 200 sl
Calcio
1 gior

Procedura aperta contro Marius Müller

Sotto la lente della Lega c’è una dichiarazione omofoba
CICLISMO
1 gior

Roglic in Spagna per difendere la sua tripla corona

Lo sloveno, che si era ritirato dal Tour de France dopo una caduta, correrà la Vuelta
BASKET
1 gior

Brittney Griner farà appello

La cestista statunitense condannata e detenuta in Russia ha deciso di ricorrere
Altri sport
1 gior

Sébastien Buemi lascia la e.dams: rimarrà in Formula E?

Il trentatreenne pilota vodese con un passato in F1, alla Toro Rosso, annuncia sui social che lascerà la scuderia per cui correva dal 2014
CICLISMO
1 gior

Bernal torna a correre dopo sette mesi

Il colombiano, vittima di un incidente lo scorso inverno, al via del Tour di Danimarca
ATLETICA
1 gior

Europei, oro nella maratona per Richard Ringer

Successo allo sprint per il tedesco, israeliano il resto del podio
hockey
1 gior

Prima uscita ticinese per il Lugano

Dopo la sconfitta 3-0 a Rapperswil gli uomini di Chris McSorley sono ospiti domani alle 19.30 dei Ticino Rockets
NUOTO
1 gior

Echi da Roma: Noè Ponti e la forza mentale

Il ticinese più forte anche dei guai fisici delle ultime settimane. E dopo il podio nei 100 m delfino, in cerca di gloria sulla distanza doppia
EUROPEI
1 gior

Decathlon: Ehammer vince i 100 m, Mayer si ritira

L’elvetico, che ha chiuso in 10"56, comanda la classifica
PROMOTION LEAGUE
1 gior

Pareggio senza reti fra Chiasso e Bienne

Tirapelle: ‘Molto migliorata la fase difensiva’
Nuoto
1 gior

Ponti controlla: è semifinale nei 200 m delfino

Agli Europei di Roma, dopo il brillante argento il gambarognese si qualifica per il penultimo atto (stasera) sulla distanza doppia
Calcio
1 gior

Il Lugano stende il Basilea ed espugna il St. Jakob Park

La truppa di Mattia Croci-Torti ha superato i renani all’ultimo respiro con il punteggio di 2-0
Nuoto
1 gior

Noè Ponti è d’argento agli Europei

Il campione ticinese ha colto la seconda posizione nei 100m delfino, dietro all’imprendibile Krisof Milak.
Tennis
3 gior

Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati

Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
3 gior

Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni

Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
3 gior

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
Altri sport
3 gior

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
3 gior

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
3 gior

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
3 gior

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
3 gior

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
3 gior

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
nuoto
3 gior

Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso

Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
CALCIO
4 gior

Archiviata l’Europa, il Lugano riparte da Basilea

Dopo l’eliminazione in Israele dalla Conference League, i bianconeri pronti a raddrizzare una stagione iniziata con il piede sbagliato
pugilato
4 gior

Tyson Fury si ritira, di nuovo

Il pugile britannico annuncia l’addio al ring nel giorno del suo 34esimo compleanno
canottaggio
4 gior

Jeannine Gmelin messa ko dal Covid

La 32enne deve rinunciare alle semifinali europee nel canottaggio, a causa di un test positivo
Altri sport
4 gior

Ducarroz soltanto quinta

Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
calcio
23.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:53

Colpi di genio e colpi di testa: i 50 anni di Zidane

Celebriamo il compleanno di Zizou raccontando le due partite che più lo definiscono, quelle con il Brasile e l’Italia ai Mondiali 2006

Contravvenendo alla regola che qualcuno ha messo in bocca a Frank Zappa ("Scrivere di musica è coma ballare di architettura"), si può provare a descrivere un calciatore che in campo sembrava un hockeista su ghiaccio citando un consiglio di un campione di tennis? Se quel calciatore è Zinedine Zidane, uno dei pochi eletti che ha letteralmente sfondato il confine del proprio sport per diventare altro, per diventare arte, perché no?

La frase, controintuitiva, quasi suicida, di Bill Tilden (vincitore di 3 Wimbledon, 7 Davis, 19 Slam in totale), è: "Gioca sul colpo più forte del tuo avversario, ancora e ancora, fino a sgretolargli ogni certezza". Zidane magari non l’ha nemmeno mai sentita quella frase, eppure sembra la descrizione esatta di una delle due partite che meglio definiscono la sua lunga carriera, arrivate entrambe quando la carriera aveva già la data di scadenza. Quella data l’aveva messa lui, ed erano i Mondiali del 2006. Li giocava sapendo che avrebbe smesso comunque, qualsiasi cosa fosse successa. E di cose, in quei giorni, ne sono successe parecchie.

La partita che è diventata la dimostrazione plastica della frase di Tilden è Francia-Brasile, giocata il primo luglio, un classico di YouTube per pallonari. La Francia, considerata a fine ciclo, con un gioco a tratti involuto e un allenatore (Raymond Domenech) poco ispirato, ha appena battuto la Spagna 3-1 negli ottavi di finale. Era andata sotto, l’aveva ripresa, aveva rischiato grosso e infine l’aveva ribaltata anche grazie a una partita sontuosa di Zidane. Non era ancora niente.


Pallonetto ai danni di Kakà (Keystone)

Più brasiliano dei brasiliani

Quando i francesi scendono in campo nei quarti di finale contro il Brasile, i sudamericani sono considerati ampiamente favoriti: hanno Ronaldo, Ronaldinho, Kakà, Cafu, Roberto Carlos… possono perfino permettersi di tenere in panchina gente come Adriano e Robinho. I rapporti di forza sembrano chiari e difficilmente ribaltabili: a quello però ci pensa Zidane, che da solo cambia l’inerzia della partita, così come farà – in senso opposto – pochi giorni dopo nella finale contro l’Italia.

Zizou inizia l’incontro saltando tre avversari a centrocampo con un colpo di tacco e un doppio passo, con un’inevitabilità che ti fa pensare alla premeditazione. Poi si mette a stoppare palloni impossibili come se fosse il venditore di una colla da applicare agli scarpini che deve dimostrare la validità del suo prodotto.

Si prende anche spazi e tempi quasi teatrali per queste giocate, come se volesse essere sicuro che tutti vedano. Supera Kakà in palleggio strappando gli applausi dello stadio, salta un sorpreso Cafu con un rapido giochino fatto usando entrambi i piedi e non si ferma più fino alla fine tra tunnel, pallonetti e dribbling irridenti. Sta facendo il brasiliano in mezzo ai brasiliani, meglio dei brasiliani. Attira palloni perché capisce che quell’esibizione sta togliendo certezze ai verdeoro che, come gli avversari dei videogiochi, perdono una tacca di energia ogni volta che Zidane li colpisce con una giocata. Robinho a fine primo tempo lo abbraccia con un sorriso e un impeto eccessivi per l’occasione come un padrone di casa che si ritrova a cena l’amico che teme possa sedurgli la moglie.


Il pallonetto a Ronaldo (Keystone)

Nel secondo tempo Zizou alza il livello andando a dribblare perfino dove non serve, e provando giocate sugli avversari più forti (un pallonetto a Ronaldo viene accolto con un’ovazione). Sarà ovviamente lui a pescare con una punizione telecomandata sul secondo palo Thierry Henry, che tutto solo segna il gol che vale la partita. Il resto si riassume così: appena il Brasile prova ad alzare la testa, i francesi passano la palla a Zidane e quelli si ritirano indietro tutti assieme come un’onda.

Il 10 della Francia sbaglia il primo pallone, al limite della sua area, a pochi minuti dalla fine, per stanchezza - forse - e per eccesso di confidenza. A fine partita, Robinho gli passa accanto e nemmeno lo guarda, come uno che durante la cena ha visto sparire la moglie con l’amico: Zizou gli passa una mano sopra la testa. Missione compiuta: la Francia elimina il Brasile. Il gol – come detto – è di Henry, ma si parla solo di Zidane. Ci si chiede perché un campione così scintillante debba lasciare il calcio di lì a pochi giorni. L’unico precedente di un giocatore capace di far ammattire così la Seleçao a un Mondiale era stato Bruno Conti, nel 1982 – inafferrabile al cospetto di un ÜberBrasile, quello di Zico, Falcao, Socrates e compagnia – incoronato da Pelé con l’etichetta "l’unico vero brasiliano in campo".


Francia-Brasile è finita. I sudamericani sono fuori (Keystone)

Una carriera in 90 minuti

Conti però non era a fine carriera e inoltre la sua luminosità fu in parte offuscata dai tre gol di rapina – tutti decisivi – di Paolo Rossi: uno di quei casi in cui puoi riassumere la carriera di un calciatore in 90 minuti. È un gioco che può valere per tanti. Van Basten e il gol impossibile nella finale di Euro ’88; Cannavaro che - rimbalzando quanto la palla - anticipa tutti i tedeschi nella semifinale del 2006; Pelé che resta sospeso in aria all’Azteca come farà al cinema in "Fuga per la Vittoria"; la rovesciata da 40 metri di Ibrahimovic nella partita in cui fa 4 gol agli inglesi: è una parte per il tutto. Pensiamo al Maradona del 1986 contro l’Inghilterra, che prima ci mette la mano e 4 minuti dopo segna il gol più bello di sempre partendo dalla propria metà campo: un furbo, un capopopolo, un genio del calcio, tutto assieme.

Lì, in meno di 300 secondi, Maradona, che è sempre un po’ diverso dagli altri, esce spremuto fino all’essenza non solo come calciatore, ma anche come uomo: puro Diego distillato. Per arrivare alla stessa profondità con Zidane bisogna aggiungere una partita e aspettare altri 8 giorni da quella mattanza "unocontroundici" inflitta al Brasile, ovvero la finale con l’Italia.


Un giovane Zidane (il terzo in alto da destra)

Vedere rosso

Con gli azzurri, che lo conoscono bene e che hanno tutt’altro sistema difensivo, Zidane non riesce e forse non vuole replicare la gara contro i brasiliani: segna un calcio di rigore con lo scavetto (alla Totti, o meglio alla Panenka), la palla tocca la traversa ed entra. Fortuna e follia. Poi, nei supplementari – lasciato solo in area – obbliga Buffon al miracolo su colpo di testa. Sfortuna. Non era la sua arma migliore, eppure proprio di testa segnò ben due gol nella vittoriosa finale del Mondiale casalingo, ancora contro i brasiliani. Infine la testata più famosa del mondo, a Materazzi, l’espulsione. Follia.

In molti, fuori e dentro il campo, videro in quel raptus un repentino cambio di direzione della partita, che sembrava nelle mani dei francesi, sia a livello di gioco che mentale. Sappiamo tutti com’è finita: l’Italia ha vinto ai rigori, Zidane ha smesso di giocare a calcio quella sera stessa diventando, insieme a Cafu (che però era un difensore), il calciatore con più cartellini (6) della storia dei Mondiali. I due verranno poi superati da Mascherano, arrivato a quota 7. Ma Zizou è anche l’unico, insieme al camerunense Rigobert Song (altro difensore), ad avere collezionato due espulsioni.


Il colpo di testa deviato da Buffon nella finale 2006 (Keystone)

Questa cosa dei cartellini rossi non è un dettaglio: sempre al vittorioso Mondiale ’98 passeggiò con i tacchetti sopra a un calciatore saudita, beccandosi due giornate (e molti la ritennero una sanzione leggera). Con la Juventus riuscì a collezionare in Champions League due espulsioni di fila, la seconda per aver dato una testata a un giocatore dell’Amburgo. Insomma, i raptus sono stati ricorrenti quasi quanto le sue magie.


Espulso anche con la Juventus in Champions League (Keystone)

Un calciatore, un film

Ai tempi del Real Madrid Zidane riuscirà a farsi espellere anche in una rissa con il Villarreal nata per un intervento duro ai danni del compagno Raúl. Quel giorno, il 23 aprile 2005, Zizou aveva 17 telecamere puntate sempre e solo su di lui. E lo sapeva bene. Si stava girando l’anomalo film "Zidane, un ritratto del 21esimo secolo". Lui non è uno dei 22 in campo (finché ci resta), ma il protagonista assoluto, la partita è un contesto che rimane sullo sfondo.

E qui torniamo alla capacità di certi campioni di essere loro stessi l’essenza del calcio: è indagando loro, i loro movimenti, i loro gesti che puoi vedere la magia del gioco, pur non potendo mai svelare fino in fondo il trucco. Quell’operazione era molto più artistica che commerciale: se vuoi vendere metti in vetrina i gol, le ville, gli amori, gli scherzi e gli screzi. In quel caso si è scelto di concentrare tutto l’interesse su un uomo che eccelle a fare una cosa proprio mentre la fa. Se segna un altro nemmeno lo vedi, il gol, ma anche quello di Henry contro il Brasile è rimasto offuscato, perché Zidane sapeva essere più grande e ingombrante perfino dei gol decisivi che serviva agli altri.

Dentro quell’esperimento video (in cui comunque serve un assist a Ronaldo), Zidane sembra quasi aver voluto infilare a forza un’espulsione rabbiosa, adolescenziale, da lite al campetto, senza arbitro e senza porte. Come se il contorno, in quel caso il Bernabeu di Madrid, non influisse su quel modo istintivo, naturale di giocare a calcio, che include anche i raptus e che si è formato alla periferia di Marsiglia, dove lui – figlio di immigrati algerini – è cresciuto. Farsi rispettare era la prima cosa: avevi due modi per farlo, giocando meglio degli altri e – alle brutte – picchiando almeno quanto gli altri. Senza chiedere mai scusa. Lo ha raccontato lui.


Espulso, passa accanto alla Coppa del Mondo (Keystone)

Per quello non si è pentito della testata a Materazzi, se non a distanza di anni e mai troppo convintamente, perché essere un genio in campo andava a braccetto con il suo lato oscuro. Uno Zidane non poteva esistere senza l’altro. Proprio come quei 4 minuti di Maradona, prima manigoldo e poi extraterrestre. Anzi, manigoldo ed extraterrestre insieme.

Da che pianeta arrivi?

Spesso ci si chiede da quale pianeta vengano campioni così trasversali, capaci di uscire dalla traiettoria sportiva assegnata dal loro talento. Il Maradona al suo picco sembrava uno slalomista in mezzo ai paletti, capace di uscire da pendenze impossibili senza inforcare mai, ci sono stati i discesisti alla Roberto Carlos, Baggio, che era un ballerino sulle punte, e grandi bomber come Gerd Müller e Romario, doppisti pronti a chiudere sotto rete punti lavorati da altri; Cruyff, con i suoi dribbling lenti, uno scacchista che aspettava pazientemente la mossa dell’avversario prima di inventare dal nulla lo scacco matto, Gullit, che avanzava come un giocatore di football americano (oltre che "cervo che esce di foresta", Boskov dixit), Bergkamp e le sue movenze quasi metafisiche, capace di domare il pallone col pensiero e allo stesso tempo renderlo un fluttuante volano da badminton.

Zizou l’hockeista, invece, durante i suoi numeri più entusiasmanti sembrava pattinare sul campo, quasi come se avesse tra i piedi un disco che passava velocissimo dal destro al sinistro (la "ruleta", in cui ruota a 180 gradi scivolando sul pallone, resta uno dei suoi marchi di fabbrica), scomparendo alla vista, proprio come il puck dietro al bastone dei migliori giocolieri su ghiaccio.


Il primo gol di testa nella finale del ’98 contro il Brasile (Keystone)

Zidane ha saputo scivolare poi anche da allenatore, rubando un po’ di mestiere a Carlo Ancelotti, di cui è stato il secondo. Lo spogliatoio del Real Madrid, pieno di primedonne, non è un luogo da gestire dimenandosi: questo suo tenere i piedi per terra gli ha permesso di non inciampare. E vincere. Resta l’unico allenatore ad avere alzato 3 Champions League consecutive. Oggi compirà 50 anni e sembrava dovesse scivolare verso il Psg: il nome giusto per sfatare la maledizione del club francese in Champions, ma pare che i parigini guardino altrove. Forse aspetterà la chiamata della Francia dopo un Mondiale che per l’attuale Ct Deschamps (suo ex compagno alla Juve e in Nazionale) andrà bene solo se lo rivincerà.

Prima o poi Zizou tornerà, anche se da quel primo luglio 2006 non è più la stessa cosa. Nel frattempo possiamo sempre andare su YouTube, scrivere "Francia-Brasile 2006" e goderci lo spettacolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brasile calcio champions compleanno francia italia mondiali zinedine zidane zizou
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved