CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Storie mondiali
31 min

Usa 94, gloria per la Svizzera e requiem per Escobar

Durante il Mondiale 1994, dove i rossocrociati tornavano dopo quasi trent’anni, un calciatore colombiano venne ucciso a causa di un’autorete
hockey
10 ore

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
10 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
11 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
11 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
11 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
11 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
13 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
16 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
18 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
19 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
CALCIO
30.05.2022 - 16:56

Elettrizzante e intensa, è la prima Nations League di Yakin

Quattro partite in dodici giorni. Per il c.t. rossocrociato sarà un appuntamento importante per preparare al meglio i Mondiali in Qatar

elettrizzante-e-intensa-e-la-prima-nations-league-di-yakin

Quattro impegni in giugno, due in settembre. La prima campagna di Murat Yakin sarà breve, molto breve. Tutto si giocherà in poche settimane, con lo sguardo già proiettato verso la Coppa del mondo in Qatar, vero obiettivo rossocrociato di questo 2022. La terza edizione di Nations League, dunque, si presenta al tempo stesso elettrizzante e stressante. Elettrizzante perché gli avversari chiamati a testare le qualità della selezione rossocrociata sono di valore e di prestigio: Spagna, Portogallo e Repubblica Ceca, vale a dire la sesta (iberici), la settima (lusitani) e la trentatreesima (boemi) di un ranking Fifa che vede la Svizzera al 14º posto. Stressante perché nel mese di giugno in arrivo, la selezione di Yakin disputerà ben quattro sfide in undici giorni: si inizierà giovedì con la trasferta in Repubblica Ceca, si proseguirà domenica con quella in Portogallo, prima di installarsi a Ginevra per affrontare il 9 la Spagna e il 12 ancora Cristiano Ronaldo e compagni. Un vero tour-de-force per quelli che saranno i primi impegni rilevanti del 2022, dopo le due amichevoli di marzo (sconfitta 2-1 in Inghilterra, pareggio 1-1 con il Kosovo). La campagna di Nations League si concluderà dopo la pausa estiva con la trasferta in Spagna (24 settembre) e la sfida casalinga a San Gallo contro la Repubblica Ceca (27).

La logica lascia intendere che proprio l’appuntamento del Kybunpark dovrebbe essere quello decisivo nell’ottica di una permanenza nella Lega A che appare come l’obiettivo più realistico. Dopo aver preso parte alla "final four" nel 2018, in occasione della seconda edizione del nuovo torneo Uefa, nel 2020 la Svizzera si era salvata grazie al forfait dell’Ucraina (Covid-19) nell’ultima decisiva sfida di un gruppo che, oltre alla Germania, comprendeva già la Spagna.

Non la vede allo stesso modo Ricardo Rodriguez, secondo il quale la Nati «vuole vincere questa Nations League. Non sarà facile, lo sappiamo, ma sono convinto che ce la potremmo fare».

La sicurezza espressa dal difensore del Torino trova le sue radici nell’exploit di Euro 2020, quando la Svizzera, dopo aver mandato a casa la Francia, aveva costretto la Spagna ai rigori, ma soprattutto nella fase finale della campagna per i Mondiali in Qatar, con l’arrivo in panchina di Murat Yakin e la qualificazione, per molti versi clamorosa, a spese di un’Italia fresca di titolo europeo. La Svizzera, insomma, sembra aver imparato a gestire anche le sfide decisive contro le grandi del panorama mondiale, dopo le eliminazioni, spesso frustranti, contro l’Argentina (2014), la Polonia (2016), la Svezia (2018), senza dimenticare lo scontro diretto decisivo in Portogallo nell’ultima giornata delle qualificazioni per Russia 2018 e, ovviamente, i due impegni (Portogallo e Inghilterra) delle "final four" del 2018.

Sommer, Xhaka, Shaqiri, Akanji, Freuler, Zakaria, Elvedi, Rodriguez, Embolo, Okafor e Frei, nelle intenzioni del tecnico rossocrociato dovrebbero avere già il biglietto in tasca (a meno di infortuni o improvvisi crolli di forma) per salire sul volo che tra cinque mesi e mezzo porterà la Nazionale in Qatar. I posti a disposizione rimangono parecchi ed è praticamente certo che Yakin approfitterà della Nations League per compiere le valutazioni del caso. Anche sull’ultimo entrato nella grande famiglia della "Nati", Mattia Bottani: il ticinese dovrà cercare di convincere il selezionatore rossocrociato durante i prossimi 15 giorni, per guadagnarsi una nuova opportunità in settembre e poi sperare di mantenere alto il livello di gioco nei primi mesi della nuova stagione. Perché Yakin, questo è sicuro, non farà sconti a nessuno: in Qatar non andranno i nomi, ma i giocatori più in forma. E chi in questi mesi ha fatto panchina e tribuna – come Haris Seferovic al Benfica a causa, in particolare, di troppi guai fisici – dovrà darsi una svegliata se non vorrà rischiare di rimanere giù dall’aereo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved