gli-errori-individuali-costano-caro-al-lugano
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
STORIE MONDIALI
36 min

Breve la vita felice di Cartavelina e Trello

Nel 1938 la Svizzera tolse a Hitler il sogno di vincere la Coppa del mondo disputata in Francia
Calcio
7 ore

Violenza sessuale, arrestato un calciatore inglese

Un non meglio precisato giocatore di Premier League interrogato a Londra per un presunto stupro avvenuto il mese scorso. Ne dà notizia il The Sun
Tennis
8 ore

Rafa a spasso per Londra. Poi, però, deve soffrire

Il maiorchino batte in tre set il ventisettenne olandese, venticinquesimo dell’Atp, con qualche preoccupazione nel finale: ai quarti contro Taylor Fritz
Sci
10 ore

Petra Vlhova, olimpionica di Slalom, si allena a Tenero

Il tecnico ticinese Mauro Pini: preparazione mirata, focus sulle discipline tecniche, all’orizzonte c’è Cortina 2026
CALCIO
12 ore

Hicham Mahou bianconero per i prossimi quattro anni

Il laterale francese di origini marocchine ha disputato l’ultima stagione con il Losanna. Per il Lugano un prezioso rinforzo sulla corsia laterale
CICLISMO
15 ore

Marc Hirschi e la Uae Emirates, uniti per la causa di Pogacar

TdF, il 23enne bernese: ‘Non credo avrò molta libertà d’azione. Il Covid sembrava avermi tagliato fuori, ora invece sto bene e sono contento di esserci’
Calcio
16 ore

Gabriel Jesus all’Arsenal

Lascia il City dopo 5 anni
ciclismo
16 ore

Maratona dles Dolomites, Rocco Cattaneo vince ancora

Settimo successo consecutivo per il ticinese sulle strade dolomitiche, su un percorso che vanta ben 4320 metri di dislivello
BASKET
18 ore

La qualificazione unica buona notizia per una Nazionale scarsa

Il weekend dedicato alle pre-qualifiche di Euro 2025 ci ha restituito una Svizzera povera di contenuti, sia con Cipro (figuraccia), sia con l’Irlanda
L'ANNIVERSARIO
1 gior

Quando il Ticino si fermò per Brasile-Italia

Il 5 luglio del 1982 ai Mondiali di Spagna si disputò una delle partite più significative della storia del calcio, anche per la nostra realtà
CALCIO
10.04.2022 - 18:26
Aggiornamento: 18:42

Gli errori individuali costano caro al Lugano

Bianconeri battuti in casa dal Sion al termine di una brutta prestazione, caratterizzata da troppe sbavature, in particolare sul fronte difensivo

Mettiamola così: meglio oggi che tra dieci giorni. Sì, molto meglio che il "jour sans" come direbbero i romandi, la classica giornata nera, sia capitata oggi piuttosto che giovedì 21, quando in programma, qui a Cornaredo, ci sarà la semifinale di Coppa Svizzera contro il Lucerna. Il Lugano ha incassato contro il Sion la quarta sconfitta di questo 2022, al termine di una brutta prestazione collettiva, a rivalutare la quale non è bastata la reazione d’orgoglio mostrata nella ripresa. I vallesani, per quanto poco abbiano mostrato nell’arco dei 90’, hanno meritato il successo finale, se non altro per aver avuto il merito di sfruttare le clamorose amnesie di una difesa bianconera per una volta ampiamente al di sotto dello standard minimo di rendimento. Ancora priva di Maric e con Osigwe tra i pali al posto di Saipi, non ha peccato tanto nel collettivo, quanto nei singoli: le reti con le quali il Sion ha deciso la sfida, al 42’ e al 44’ – in pratica le prime due conclusioni nello specchio della porta dell’intero primo tempo (su un fronte come sull’altro) – sono state facilitate da due clamorosi errori individuali. Dapprima, una conclusione di piatto di Baltazar dai 16 metri, precisa ma nulla più, ha visto Osigwe andare a terra con colpevole ritardo; due minuti più tardi Daprelà, ultimo uomo in mezzo all’area di rigore in fase di costruzione, ha pensato bene di farsi scippare la sfera da Cavaré, il quale ha prontamente indirizzato un diagonale piuttosto lento e sul quale l’estremo difensore bianconero non ha fatto una bella figura.

Un uno-due micidiale per un Lugano, già poco ispirato di suo. Nella ripresa Croci-Torti ha inserito Aliseda per Rüegg e Haile-Selassie per Sabbatini e l’ex neocastellano al 72’, dopo bello slalom, ha servito a Lovric il pallone dell’1-2. Da lì in poi, il Sion non è praticamente più uscito dalla sua tre-quarti, schiacciato da un Lugano che ha disperatamente provato a girarla, nonostante troppi errori banali che hanno contraddistinto tutti i 90’ e che non sono quindi soltanto figli della foga. All’84’ in una delle pochissime apparizioni vallesane in area bianconera, Karlen (appena entrato) ha avuto tempo di girarsi e di concludere debolmente, con Osigwe che ha confezionato la tripletta di figuracce.

Insomma, una brutta prestazione, condita da poche idee e molti errori. Un passo falso inaspettato, ma che si può perdonare a una squadra abituata a viaggiare costantemente al di sopra delle aspettative. A patto che si sia trattato di una caso: a soli dieci giorni dall’appuntamento più importante della primavera, non è certo questo il momento di mollare.

Lugano - Sion (0-2) 1-3

Reti: 42’ Baltazar 0-1. 44’ Cavaré 0-2. 72’ Lovric 1-2. 84’ Karlen 1-3

Lugano: Osigwe; Custodio, Daprelà (76’ Amoura), Ziegler; Lavanchy, Rüegg (46’ Aliseda), Lovric (88’ Durrer), Valenzuela; Sabbatini (46’ Haile-Selassie), Bottani (88’ Muci), Celar

Sion: Fickentscher; Bamert, Ndoye, Benito, Marquinhos; Cavaré, Zuffi (76’ Karlen), Grgic; Baltzar; Wesley (76’ Arraz), Bua (76’ Tosetti)

Arbitro: Cibelli

Note: 3’018 spettatori. Lugano senza Maric, Facchinetti, Guidotti, Baumann (infortunati); Sion senza Sio e Sojilkovic (squalificati), Itaitinga e Hoarau (infortunati). Ammoniti: 57’ Ziegler. 59’ Lovric. 66’ Grgic. 70’ Bua

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano fc sion super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved