CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
2 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
6 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
7 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
7 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
7 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
7 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
7 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
22 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
22 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
1 gior

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
1 gior

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
1 gior

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
08.04.2022 - 17:56
Aggiornamento: 18:15

Kevin Rüegg, il jolly del Lugano: ‘Possiamo andare lontano’

Il 23enne di ‘formazione’ terzino si è rapidamente imposto a Cornaredo, anche grazie alla sua duttilità che lo vede ora giocare con successo a metà campo.

di Daniele Neri
kevin-r-egg-il-jolly-del-lugano-possiamo-andare-lontano

Arrivato in punta di piedi a inizio febbraio a Lugano in prestito dal Verona (fino a giugno, ma il club sottocenerino vanta un diritto di riscatto), Kevin Rüegg ci ha messo ben poco a ritagliarsi uno spazio importante nello scacchiere bianconero, tanto che ha già accumulato nove presenze in campionato (7 dal primo minuto) e uno spezzone di match in Coppa Svizzera. Merito sicuramente anche della sua duttilità, che ha permesso al tecnico Mattia Croci-Torti di schierarlo in difesa (suo ruolo principale) come a centrocampo, in entrambi i casi prima sugli esterni e poi più centrale, posizione quest’ultima che ha ricoperto nelle ultime tre partite e nella quale è sembrato in grado di dare più vivacità e dinamismo alla manovra luganese. Come dire che nonostante a Verona fosse rimasto praticamente sempre in panchina in questa stagione (una sola presenza in Coppa Italia, mentre erano state 7 nella passata Serie A), il "Crus" sembra averci visto lungo sull’ex capitano dello Zurigo (107 presenze tra il 2017 e il 2020).

«Kevin è un terzino che in questo momento mi sta dando quanto mi mancava a centrocampo – ha spiegato il tecnico dell’Fcl –. Ho sempre detto che ho dei ragazzi che in quella zona del campo in questi mesi non mi hanno dato tanto, di più. Ognuno con le proprie caratteristiche, Rüegg è un elemento che può cambiare ritmo, mentre gli altri sono più monopasso. In questo momento a centrocampo avevo bisogno di qualcosa di nuovo e lui me lo sta fornendo».

Il 23enne: ‘Giocare a centrocampo mi piace e mi sta facendo crescere molto’

Un discorso quello del suo nuovo mister che trova d’accordo anche il diretto interessato, che ammette come «in questi anni sono cresciuto e ho potuto imparare molto, sia dal punto di vista difensivo, sia offensivo. Giocando a centrocampo, dove l’attenzione nella lettura della partita è fondamentale, sono ancora più consapevole dell’importanza di essere in campo. Chiaramente i meccanismi devono essere migliorati, come terzino ho più esperienza, ma mi trovo bene e sento che sto crescendo».

Un’evoluzione favorita dall’ottimo inserimento in quel di Cornaredo e in generale dal ritorno in un calcio che conosce bene... «Sono contento che ho già potuto giocare molto, la forma sta salendo, anche se sono sempre molto autocritico – prosegue il 23enne, che vanta anche 15 presenze con la Svizzera U21 –. Qui mi trovo molto bene, tutti mi hanno aiutato a integrarmi il più presto possibile, non solo dal lato sportivo, anche da quello umano. Rispetto a quando ero partito dalla Svizzera non è cambiato molto, ma ho subito notato che i giovani trovano sempre più spazio e questo è certamente positivo. La mia percezione è anche quella di più dinamismo».

A Rüegg e compagni domenica pomeriggio verrà chiesto di portare a casa i tre punti contro un Sion che non sta attraversando un buon periodo, ma per il giocatore nativo di Uster rimane una sfida da prendere con le pinze, oltretutto all’inizio di un tour de force con 4 partite da giocare nel giro di 14 giorni (il club vallesano e il Losanna in campionato, la semifinale di Coppa con il Lucerna e la trasferta a San Gallo sempre in Super League)... «Ogni partita è diversa, contro il Sion l’ultima volta abbiamo vinto ma ciò non toglie che sarà un match difficile, dove ci vorrà tanta pazienza. Gli obiettivi sono tanti e importanti, ma abbiamo buone possibilità di raggiungerli tutti. Sì, con questa squadra possiamo andare lontano e non lo nascondiamo, alla finale di Coppa Svizzera vogliamo esserci».

Stagione finita per Facchinetti. Croci-Torti sul Sion: ‘Dovremo essere lucidi nella gestione e nelle scelte’

In casa Lugano per il match con i vallesani mancheranno Facchinetti – che si è sottoposto a un’operazione al ginocchio e che per 6/8 mesi dovrà stare lontano dai campi (sembrerebbe comunque vicino al prolungamento di contratto) – Guidotti e Baumann, quest’ultimo infortunatosi a un piede durante la settimana. In dubbio anche la presenza di Maric. Situazioni da monitorare anche in vista della sempre più vicina semifinale di Coppa (21 aprile), anche se Croci-Torti mantiene il focus sugli avversari del weekend... «Tramezzani è un allenatore che cambia spesso modulo, in avanti mancheranno due giocatori importanti (Stojilkovic e Sio), quindi a maggior ragione giocherà in modo differente. Dovremo capire bene nei primi minuti come si metteranno in campo, adattarci di conseguenza e trovare un modo per metterli in difficoltà. Non sarà evidente sbloccare la partita, il Sion ha un allenatore che cura particolarmente bene la fase difensiva. Ai ragazzi ho detto quello che dovevo dire e vogliamo giocarcela fino in fondo, per farlo dovremo essere molto lucidi nella gestione e le mie scelte rifletteranno questa condizione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved