CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
20 min

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
1 ora

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
1 ora

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
1 ora

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
1 ora

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
1 ora

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
16 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
16 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
18 ore

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
19 ore

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
21 ore

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
22 ore

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
CALCIO
03.03.2022 - 22:59

Con le unghie e con i denti il Lugano passa contro il Gc

Bianconeri in vantaggio 0-2 soprattutto grazie a un ottimo primo tempo, ma nella ripresa le cavallette reagiscono e nel finale sfiorano il pareggio

con-le-unghie-e-con-i-denti-il-lugano-passa-contro-il-gc

Senza soffrire non c’è gusto. Quanto meno per il Lugano che nei finali di partita si trova spesso a dover stringere i denti e aggrapparsi con le unghie a un risultato positivo. È successo anche al Letzigrund, di fronte a un Grasshopper svegliatosi con 45’ di ritardo e incapace di recuperare il terreno perso. Il 2-1 firmato dalla doppietta di Celar e dal gol di Sène rappresenta un risultato preziosissimo per la compagine di Mattia Croci-Torti che in classifica rosicchia due punti al Basilea. E domenica a Cornaredo scenderanno proprio i renani, con la possibilità per i bianconeri di effettuare il sorpasso e portarsi al terzo posto a quattro punti dallo Young Boys secondo.

Meglio non accelerare i tempi, però. Perché a Zurigo, il Lugano ha speso molte energie e da qui a domenica occorrerà riempire il serbatoio di una compagine dall’età media piuttosto elevata. La vittoria del Letzi, tutto sommato ci sta, ma alle cavallette è consentito recriminare per non essere riuscite ad agguantare per lo meno il pareggio. Nel secondo tempo, in effetti, a fare la partita sono stati proprio i padroni di casa, i quali si sono creati tre o quattro ghiotte occasioni, in particolare con Sène e Lenjani, dapprima con un salvataggio di Sabbatini, poi con una conclusione passata a pochi centimetri dal palo della porta di Saipi e, infine, con un altro salvataggio alla disperata di Lovric sull’attaccante senegalese.

Alla luce di come il Grasshopper è tornato in campo dopo la pausa, nello spogliatoio Giorgio Contini deve aver fatto volare i tavolini. Infatti, il primo tempo è stato tutto a favore dei bianconeri, molto più presenti nei duelli (nonostante troppi errori da parte di Sabbatini e Custodio) e bravi nel trovare spazi aperti a centrocampo. Ed è proprio da una palla recuperata da Lavanchy in collaborazione con Bottani che al 17’ il numero 10 ha dato il "la" all’azione del vantaggio con una perfetta apertura per Celar: controllo e conclusione precisa tra le gambe di Moreira.

Che questo Lugano si trovi perfettamente a suo agio quando si tratta di muovere il pallone negli spazi aperti, già lo si sapeva. E nel primo tempo del confronto del Letzigrund ne ha dato ulteriore testimonianza. In particolare grazie a Bottani, molto attivo sia nel recuperare palloni all’altezza del centrocampo, sia a ripartire in transizione e a innescare Celar o gli inserimenti dei laterali, Lavanchy in particolare. Purtroppo, non è stato altrettanto preciso quando al 38’ ha sfruttato uno scambio con Celar per andare alla conclusione da ottima posizione, deviata però in corner dall’estremo difensore zurighese.

Poi, come detto, la metamorfosi nel corso della ripresa, quando è stato il Grasshopper a farsi preferire. Per fortuna, il gol di Sène su calcio d’angolo è arrivato troppo tardi e soprattutto dopo che al 71’ un contropiede di Celar si era concluso con un tiro incrociato che Moreira aveva deviato ma non bloccato. Nel finale i padroni di casa hanno comunque spinto e messo in difficoltà un Lugano che, nonostante i cambi operati da Croci-Torti, è sembrato un po’ sulle gambe. A eccezione di Celar, grande protagonista della serata e capace fino all’ultimo minuto di sacrificarsi in sgroppate a vuoto nella metà campo delle cavallette, non più presidiata dai suoi colleghi bianconeri.

Tutto è bene quel che finisce bene, dunque. Una vittoria che lancia nel migliore dei modi la sfida di domenica a Cornaredo contro il Basilea.

Grasshopper - Lugano (0-1) 1-2

Reti: 17’ Celar 0-1. 71’ Celar 0-2. 77’ Sène 1-2.

Grasshopper: Moreira; Arigoni, Margreitter, Li; Jordão (46’ Lenjani); Bolla (75’ Da Silva), Kawabe (75’ Morandi), Herc (86’ Kacuri), Schmid; Bonatini (46’ Momoh), Sène.

Lugano: Saipi; Daprelà, Maric, Ziegler; Lovric (82’ Rüegg); Lavanchy, Custodio, Sabbatini, Facchinetti (86’ Hajrizi); Celar, Bottani (73’ Haile-Selassie).

Arbitro: Wolfensberger.

Note: 3’039 spettatori. Grasshopper senza Abrashi (squalificato) e Pusic (ammalato). Lugano senza Amoura e Guidotti (infortunati). Ammoniti: 56’ Lenjani. 90’ Maric. 94’ Celar.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved