CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
il dopopartita
2 ore

Ambrì punito ‘oltre misura’ dal Ginevra

I Leventinesi tengono testa alle Aquile con una prova generosa e un po’ sfortunata, ma pagano la tripletta di Teemu Hartikainen nel periodo centrale
IL DOPOPARTITA
2 ore

Riecco i tre punti, nonostante Asselin. ‘Prova di carattere’

I bianconeri chiudono le quattro trasferte di fila espugnando la Raiffeisen Arena di Porrentruy. Samuel Guerra: ‘In queste settimane abbiamo imparato’
QATAR 2022
3 ore

Alla fine la spunta l’Argentina, Olanda beffata dopo la rimonta

In avanti con Molina e Messi, l’Albiceleste si fa riprendere nel finale dalla doppietta di Weghorst. Dagli undici metri i ‘gauchos’ sono più precisi
hockey
3 ore

Ambrì generoso ma sconfitto dal Ginevra

In casa della capolista i biancoblù sono stati sconfitti 5-2.
Hockey
4 ore

Il Lugano espugna Porrentruy e torna a sorridere

I ragazzi di Luca Gianinazzi tornano al successo nell’ultima traferta della serie, piegando i giurassiani con il punteggio di 5-2
QATAR 2022
7 ore

I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie

In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
8 ore

Wawrinka sconfitto da Medvedev

L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
10 ore

Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa

Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
10 ore

L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia

La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
12 ore

Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen

In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
roller hockey
13 ore

Il Biasca asfalta il Wimmis e accede ai quarti di Coppa

La partita finisce su un perentorio 9-3, grazie al poker di Gregorio Boll e alla tripletta di ‘Timo’ Devittori
Atletica
14 ore

A Biasca poker per Sam Massagno e Sab Bellinzona

Alle finali regionali dell’Ubs Kids Cup Team ci saranno anche Virtus Locarno e Sfg Biasca
Tennis
19 ore

Bollettieri, il fabbricatore di campioni

Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
21 ore

L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’

La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’
I mondiali dal divano
21 ore

Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)

La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
Volley
1 gior

Alla Riveraine il Lugano sfiora uno storico successo

Grande reazione delle ragazze di Apostolos Oikonomou sul campo del capolista Neuchâtel, che (a fatica) riesce a spuntarla soltanto al tiebreak
Qatar 2022
1 gior

Messi: ‘I tifosi ci danno la carica’

La Pulce ricorda l’importanza dei supporter alla vigilia del quarto di finale contro l’Olanda
unihockey
1 gior

Solo il Ticino di Tomatis festeggia il successo

I rossoblù sconfiggono il Langenthal Aarwangen, ma poi si arrendono all’Eggiwil. Verbano battuto da Thun e Grünenmatt.
Qatar 2022
1 gior

Brasile-Croazia, classe contro compattezza

Nel primo quarto di finale, i balcanici affrontano i lanciatissimi sudamericani
Tennis
1 gior

Wawrinka spianatutto, dopo Berrettini sconfigge anche Rublev

Il vodese si regala le semifinali al torneo esibizione negli Emirati Arabi, dove domani contenderà al russo Daniil Medvedev il posto nell’atto decisivo
Hockey
1 gior

Ambrì, il ritorno (inatteso) di Claude Julien

Da domani, e per una dozzina di giorni, il sessantaduenne tecnico che si è fatto un nome nella Nhl tornerà a dispensare consigli alla Gottardo Arena
qatar 2022
1 gior

La Nazionale è ritornata in Svizzera

Giocatori e staff sono atterrati a Kloten, dove sono stati accolti da amici, parenti e tifosi
Tennis
1 gior

La classifica protetta aiuta Stan: sarà in campo a Melbourne

Il vodese è uno dei due rossocrociati iscritti di diritto al tabellone principale, mentre invece tra le donne la Svizzera avrà almeno tre rappresentanti
Basket
1 gior

La cestista americana Brittney Griner è libera

Detenuta in Russia per traffico di droga è stata inserita in uno scambio di prigionieri con un mercante d’armi
QATAR 2022
1 gior

Enrique non è più il selezionatore: Spagna a De La Fuente

L’uscita di scena della Nazionale spagnola dai Mondiali a favore del Marocco, ha pesato sul tecnico asturiano. Gli succede il tecnico dell’U21
Volley
1 gior

Il Bellinzona e una sconfitta che regala speranze

Le ticinesi sconfitte 3-1 in casa dal Köniz nel campionato cadetto. Coach Mirandi: ‘Meritavamo di andare almeno al tiebreak’
Qatar 2022
1 gior

Raheem Sterling torna in Qatar venerdì

L’attaccante ventisettenne sarà in panchina contro la Francia, dopo essere tornato a casa, dopo che la sua famiglia è stata vittima di un furto
mountain bike
1 gior

Il Tamaro Trophy è confermato

Il 25 e 26 marzo appuntamento con Colombo, Schurter e i loro avversari a Rivera. Al posto di Marzio Cattani ci sarà una copresidenza
QATAR 2022
2 gior

Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’

Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale
Hockey
2 gior

Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)

A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Games, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
2 gior

Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie

In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
04.03.2022 - 16:15
Aggiornamento: 31.03.2022 - 08:19

Modello Percassi: da ex calciatore a re Mida dell’Atalanta

Sette anni da difensore, un primo flop, il successo nell’imprenditoria e poi una serie di scelte azzeccate che ne ha aumentato il valore in campo e fuori

di Dario Saltari
modello-percassi-da-ex-calciatore-a-re-mida-dell-atalanta
Antonio Percassi, sette stagioni da giocatore e creatore della nuova Atalanta (Keystone-Wikipedia)

Il 14 febbraio del 1993 l’Atalanta è terza in classifica e qualcuno si chiede perché non se ne parli. "Siamo terzi in classifica da due mesi, ma si parla di noi solo adesso, perché giochiamo contro il Milan", dice l’attaccante nerazzurro Maurizio Ganz. La squadra guidata da Marcello Lippi ha 23 punti, gli stessi della Lazio, ma adesso è chiamata al salto di qualità contro il Milan invincibile di Fabio Capello, che viene da una striscia di risultati utili che dura da 54 settimane.

Il modello Milan

La sensazione euforica è che possa essere proprio l’Atalanta a tagliare la testa al drago, d’altra parte in casa ha già battuto il Napoli, la Roma e la Juventus, quest’ultima proprio pochi giorni prima che a Bergamo arrivassero i rossoneri. Tra Milano e Bergamo, però, corre buon sangue, e il giovane presidente della ‘Dea’, Antonio Percassi, sembra guardare al club rossonero come un modello. "Ma lo sapete che all’estero la prima cosa che chiedono a me che sono italiano è il Milan? È riuscito a mettere in secondo piano perfino la mafia. Dobbiamo imparare da una società come quella", dice Percassi, che secondo Repubblica ha portato all’Atalanta "una gestione più moderna, meno artigianale".

Percassi aveva esordito da presidente dell’Atalanta poco più di due anni prima, proprio contro il Milan. Era l’11 novembre del 1990, di nuovo a Bergamo: una decina di giorni prima aveva rilevato la squadra dopo la scomparsa del precedente presidente, Cesare Bortolotti.


Percassi, ultimo accosciato a destra, sotto a Gaetano Scirea, nell’Atalanta 1973-74 (Wiki)

Sulle tribune dell’allora Atleti Azzurri d’Italia era stato attento a sedersi accanto a Silvio Berlusconi, socio d’affari in alcuni investimenti immobiliari. Percassi, in confronto a lui, era ancora in erba. Allora aveva da poco compiuto 37 anni e il suo impero era ancora nelle prime fasi della sua espansione.

Sette stagioni nerazzurro

Aveva iniziato poco prima del suo ritiro da calciatore, con i risparmi messi da parte in quella breve carriera che l’aveva visto giocare per sette anni all’Atalanta e poi smettere dopo appena due partite al Cesena, come se non ce la facesse a indossare altri colori.

A 25 anni aveva già dismesso i panni del calciatore e ancora prima aveva iniziato a pensare di buttarsi nel franchising, investendo nella catena d’abbigliamento Stefanel, che da un piccolo negozio nei pressi di Treviso era cresciuta al punto di pensare di poter fare concorrenza a Benetton. Ironico, per Percassi, che dopo quell’esperienza fece il salto nel mondo dell’imprenditoria proprio grazie alla vicinanza a Luciano Benetton, portando i suoi negozi monomarca prima a Bergamo e poi nel resto del mondo.

L’importanza dello spettacolo

Forse da Benetton, forse da Berlusconi, Percassi aveva appreso l’importanza dello spettacolo. Appena diventato presidente dell’Atalanta aveva messo in cima alle priorità la costruzione di un nuovo stadio scintillante, che secondo quanto aveva anticipato Repubblica "dovrà ricalcare il modello bomboniera dell’impianto di Montecarlo o degli stadi di football americano". Prima ancora della sua costruzione, comunque, la stagione 1992/93 sembra poter far sedere l’Atalanta al tavolo dei grandi. La squadra di Lippi riesce a fermare il Milan sull’1-1 e chiude il campionato in settima posizione, a un passo dalla qualificazione alla Coppa Uefa.


Zapata e Freuler contro Neymar durante i quarti di Champions 2020

Tanto basta a Percassi per sentirsi sufficientemente sicuro di lanciarsi nel vuoto per provare a spiccare il volo. In estate accompagna alla porta Marcello Lippi, come se non fosse stato sufficiente lanciare uno degli allenatori più promettenti della Serie A, e dal mazzo della Serie C pesca Francesco Guidolin, che la stagione precedente aveva guidato il Ravenna alla promozione con un gioco spumeggiante. "Reggiana e Ravenna le ho viste diverse volte quest’anno: anche quando perdevano, i tifosi uscivano dallo stadio contenti malgrado tutto", dice Percassi con orgoglio "Guardiamo il Foggia: ha sempre fatto notizia. Io voglio che si parli dell’Atalanta, di come gioca bene, esattamente come l’anno scorso parlavano del Ravenna di Guidolin"

La mossa ricalca quasi alla perfezione quella che qualche anno prima fece proprio Silvio Berlusconi, che aveva lanciato il Milan nell’iperspazio assumendo un misconosciuto allenatore visionario, Arrigo Sacchi, che infatti accoglie l’arrivo di Guidolin all’Atalanta con un telegramma d’auguri.

Falsa partenza

A Bergamo sembra stia per arrivare una nuova era, e per prepararsi all’appuntamento con il futuro la squadra nerazzurra si sistema, cambiando il suo stemma per la prima volta. Le cose, però, vanno tutte al contrario del previsto. Dopo l’illusoria vittoria inaugurale contro il Cagliari in casa, la difesa a zona di Guidolin inizia a fare acqua da tutte le parti e l’Atalanta incappa in una striscia di nove partite consecutive senza vittorie in campionato, conclusa dalla disastrosa sconfitta a Lecce per 5-1.

Percassi non riesce a tenere la nave nella tempesta e, non vedendo nemmeno lo spettacolo che aveva promesso in estate, esonera Guidolin, chiamando dalle giovanili un altro giovane allenatore esordiente, Cesare Prandelli. Le cose vanno di male in peggio: l’Atalanta dovrà aspettare l’ultima partita del 1993, contro il Genoa, per una vittoria. Nella seconda metà del campionato, di diciotto partite, la "Dea" ne vincerà appena due, curiosamente entrambe contro l’Inter ed entrambe per 2-1. Le restanti dieci sconfitte e sei pareggi condannano l’Atalanta a una retrocessione inequivocabile. E mentre la rabbia dei tifosi si rovescia su Bergamo, Percassi è costretto a lasciare il suo posto come un sovrano in fuga.


Il nuovo stadio dell’Atalanta (Keystone)

L’esilio imprenditoriale

Passano anni di esilio imprenditoriale in cui l’esperienza maturata con Benetton viene replicata prima con Zara e poi con moltissimi altri brand (da Nike a Gucci, da Ferrari a Ralph Lauren). Il successo è tale che Percassi si avventura anche in aree lontane dal semplice retail creando nuovi brand di successo, come Kiko.

Sono anni in cui i suoi affari vanno talmente a gonfie vele che forse inizia a pensare che non è poi così un peccato se il calcio non è più il suo mestiere. Ma la fine della sua prima esperienza da presidente dell’Atalanta è stata troppo improvvisa, troppo traumatica per non lasciare un vuoto da provare a colmare di nuovo. La sua storia con la "Dea" viene riannodata nell’estate del 2010, quando la prende in consegna questa volta da Alessandro Ruggeri, figlio di quell’Ivan Ruggeri che aveva preso il suo posto nel 1994.

La rivoluzione

Quello che torna a Zingonia a distanza di 16 anni è un presidente diverso, meno impulsivo, che dietro un nuovo annuncio di uno stadio di proprietà ("un gioiello da 20mila posti") nasconde la consapevolezza che anche lo spettacolo deve poggiarsi su basi solide. "Dovremo rifondare l’intera struttura, sia dal punto di vista tecnico che da quello ambientale", dice appena arrivato. Prima lo sport, quindi, e poi tutto il resto.

Si comincia dal potenziamento del settore giovanile, diventato un fiore all’occhiello dell’Atalanta da quando in società è entrato il leggendario Mino Favini, voluto proprio da Percassi agli inizi degli anni ’90. Anche se lascerà la Dea nel 2015, è lui a tracciare la prima linea: "Noi siamo l’esatto contrario dell’Udinese. Loro prendono giocatori già selezionati, noi invece partiamo dai ragazzini di 8 anni e li portiamo fino al campionato Primavera".


Gian Piero Gasperini portato in trionfo dai suoi giocatori (Keystone)

Poco prima dell’uscita di scena di Favini (scomparso nel 2019), Percassi mette anche il secondo mattone, Giovanni Sartori, che aveva già fatto le fortune del Chievo. È lui a capitalizzare l’oro della Primavera, trasformandolo poi in acquisti che, anno dopo anno, hanno permesso all’Atalanta di essere sempre più competitiva tra le prime squadre della Serie A.

Gasperini e il sogno europeo

Due anni più tardi, l’ultimo ritocco: l’ingaggio di Gian Piero Gasperini - una scelta che riflette quella di Guidolin ma che allo stesso tempo rappresenta tutta la distanza tra il primo e il secondo Percassi. Un tecnico offensivo e spettacolare, sì, ma non contro-culturale, con un bagaglio di fallimenti in Serie A tale da forgiarne l’esperienza nei momenti più difficili. "Non credevo che questo calcio offensivo potesse svilupparsi in una squadra di provincia", ha ammesso Percassi nell’estate del 2020, poco prima dello storico quarto di Champions contro il Psg "era un rischio, ma adesso compiremo dieci anni in Serie A, un record nella storia del club. Non ci aspettavamo una trasformazione di questo tipo, con un tipo di calcio rivoluzionario".

Negli ultimi anni Antonio Percassi si è gradualmente ritirato dalla vita pubblica, lasciando il comando della squadra a suo figlio Luca, che ha seguito diligentemente le sue orme. Anche lui, come il padre, è cresciuto da calciatore nell’Atalanta, e anche lui, come il padre, si è ritirato sulla soglia dei 25 anni poco dopo essersi separato dalla "Dea" (a 17 anni passò al Chelsea nell’operazione che portò a Londra Samuele Dalla Bona). Secondo Antonio Percassi, il fatto che siano entrambi ex calciatori li aiuta a "capire come funziona lo spogliatoio" e ad "affrontare i momenti difficili - perché nel corso di un campionato incontri sempre delle difficoltà".

Forse è questo che ha convinto i nuovi proprietari americani (che l’hanno pagata 350 milioni di euro per il 55%) capeggiati da Stephen Pagliuca a lasciarli entrambi al comando dell’Atalanta, d’altra parte dopo i risultati degli ultimi anni voi cosa avreste fatto? Questo è il momento in cui si guarda a ciò che si è fatto, più che a ciò che si farà.

Pochi giorni fa, nella conferenza pre-partita del playoff di Europa League contro l’Olympiakos, lo ha fatto anche Gasperini, parlando della cessione dell’Atalanta a cui ormai la sua storia è indissolubilmente legata. "Quando il presidente e Luca Percassi mi hanno avvisato della situazione che si stava concretizzando c’è stato un momento di grande emozione, abbiamo avuto la sensazione di avere fatto qualcosa di molto importante".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved