CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
10 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
10 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
10 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
12 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
12 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
14 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
15 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
01.02.2022 - 17:27
Aggiornamento: 23:20

Al Barcellona commesse ‘azioni delittuose gravissime’

Pesanti accuse alla vecchia proprietà dei ‘blaugrana’ da parte della nuova gestione facente capo a Laporta: ‘Operazioni di mercato fuori dalla realtà’

al-barcellona-commesse-azioni-delittuose-gravissime

Alle prese con una crisi finanziaria senza precedenti, la direzione dell’Fc Barcellona si è nuovamente scagliata contro la vecchia dirigenza facente capo a Josep Maria Bartomeu, accusandola di gravissima condotta delittuosa in un rapporto le cui conclusioni hanno provocato l’apertura di un’inchiesta giudiziaria. «Non si tratta di qualificare di migliore o peggiore la gestione precedente – ha spiegato l’avvocato del club catalano Jaume Campaner –. Si tratta di segnalare all’autorità competente una serie di azioni delittuose gravissime che sfociano nel campo del “penale”». Tale rapporto, curato dalla società di consulenza Kroll, è stato sollecitato dal presidente Joan Laporta, tornato alla testa del Barcellona lo scorso marzo e punta a fare luce su possibili irregolarità commesse dal suo predecessore Josep Maria Bartomeu, costretto a lasciare l’incarico nell’ottobre 2020. Laporta ha parlato espressamente di fatti incontestabili, evocando pagamenti sospetti e sproporzionati. «Le persone all’origine di queste operazioni dovranno risponderne».

«Il club – ha tuonato Campaner – deve tutelare i propri interessi». «Non volevamo essere complici», ha rincarato Laporta, accusando la vecchia dirigenza di aver lasciato il Barça in rovina. In occasione della presentazione di un primo audit interno lo scorso ottobre, il direttore generale del club catalano Ferran Reverter aveva affermato senza mezze misure che all’arrivo della nuova direzione il club si trovava in una situazione di fallimento contabile a causa di un debito complessivo di 1,35 miliardi di euro e di una massa salariale insostenibile. Una gestione nefasta – ha ricordato Reverter – con operazioni d’acquisto di giocatori totalmente disconnesse dalla realtà. Nessuno si chiedeva se li potessimo pagare. La notte in cui comprammo Griezmann (dall’atletico Madrid per 120 milioni di euro), si sono resi conto che non c’erano i soldi per pagarlo e li hanno chiesti a un fondo». Altra questione spinosa, «le commissioni particolarmente elevate e poco abituali per degli intermediari in occasione di trasferimenti di calciatori: tra il 20 e il 30 per cento, a fronte di un 5 per cento che solitamente si versa». Tutte critiche che Bartomeu aveva rispedito al mittente imputando le perdite alla crisi dovuta alla pandemia.

Il Barcellona ha chiuso l’esercizio 2020/21 con una perdita netta di 481 milioni di euro. Il club conta comunque di chiudere il 2021/22 con un piccolo beneficio di 5 milioni. Dall’arrivo di Laporta, già alla testa della società tra il 2003 e il 2010, la massa salariale è stata ridotta a 155 milioni, dai 759 nel marzo 2021.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved