Ajoie
2
Lugano
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
1. tempo
(2-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
2
1. tempo
(2-2)
Ajoie
2
Lugano
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
1. tempo
(2-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
2
1. tempo
(2-2)
lugano-questione-di-scelte-e-di-lettura
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Podismo
3 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
3 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
4 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
4 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
4 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
5 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
5 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
5 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
6 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Domani in campionato Sam Massagno a Monthey, Tigers ospiti di Swiss Central
Tennis
13 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
13 ore

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
15 ore

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
23 ore

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
1 gior

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
1 gior

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
1 gior

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
1 gior

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
Calcio
 
28.11.2021 - 17:530
Aggiornamento : 18:47

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’

Sono stati i giorni degli sconti, ovunque. Il Lugano però non è squadra da cedere alla tentazione di fare delle concessioni, né gruppo con scarsa personalità disposto ad allinearsi alle tendenze del momento. Al contrario, come si compete a un gruppo maturo e pienamente consapevole dei valori che sa esprimere, ha onorato il weekend dell’agognato “sì” al Polo sportivo che ha fatto segnare una bella vittoria sul piano politico, fornendo la risposta migliore che si potesse dare in campo: una bella vittoria, per di più in trasferta, al Letzigrund che di recente si era rivelato campo assai indigesto. L’1-0 ai danni del Grasshopper è il quarto successo di fila dei bianconeri, ora saliti a 26 punti in classifica, al terzo posto. È la sesta vittoria nelle ultime otto giornate per una squadra che viaggia e vele spiegate e che dal successo contro il Lucerna del 26 settembre ha perso solo al ‘Letzi’ appena espugnato, ma contro lo Zurigo, e a Basilea.

Il modulo caro al mister che prevede che Bottani possa spaziare alle spalle del terminale offensivo Celar, utile per fare a sportellate sul fronte offensivo anche nei giorni in cui non tocca a lui timbrare il cartellino, sta regalando tante soddisfazioni a una squadra che lo manda a memoria, interpretandolo con una sagacia tattica, un rigore e un cinismo da “grande” squadra, verrebbe da dire. Jonathan Sabbatini, da buon condottiero, intuisce il momento felice ma puntualizza «che siamo ambiziosi, ma c’è ancora tanto lavoro da fare, è bene rimanere con i piedi per terra».

L’umiltà del capitano bianconero fa rima con quella di Mattia Croci-Torti, tecnico pragmatico e onesto nell’ammettere che l’idea iniziale di affiancare una seconda punta, Amoura, a Celar non si è rivelata pagante. Pagante, quindi, il ritorno all’antico. L’ingresso dopo pochi minuti dalla ripresa di Custodio, un centrocampista in più, al posto dell’algerino, parso un po’ spaesato, si è rivelato decisivo. Vuoi per gli effetti benefici sugli equilibri e sulla solidità della squadra, vuoi perché lo stesso mediano ha realizzato di testa il gol della vittoria. «La scelta di inizio partita – ha ammesso il ‘Crus’ – non ha pagato. Non abbiamo trovato le dinamiche giuste di gioco. Con il modulo che lascia a Bottani la libertà d’azione a servizio di Celar i ragazzi si sono trovati a meraviglia. Ho cercato di dare qualcosa di nuovo e di diverso, ma la mossa non ha sortito i frutti sperati. Un allenatore deve anche capire quando sbaglia. Io ho preso la decisione errata, ma sono stato in grado di leggere bene la situazione apportando le correzioni del caso e trovando quella che si è rivelata la soluzione giusta, visto che siamo riusciti a vincere la partita. Ero conscio dei rischi e avevo la contromossa già in testa. So cosa Custodio sa dare in termini di sostanza ed equilibrio. Il cambiamento di modulo fatto al momento giusto ci ha permesso di ritrovare fluidità di gioco, dando grande stabilità al centrocampo. Dopo quell’assestamento abbiamo sofferto poco le iniziative del Grasshopper».

L’analisi non fa una grinza. Il campo ha restituito proprio l’immagine di un Lugano in leggera difficoltà nel primo tempo, trascorso alla ricerca di un gioco che però ha latitato, al pari delle occasioni da rete che altro non sono che una conseguenza di quanto si produce: ben poco, fronte bianconero, qualcosa di più da parte delle cavallette di Giorgio Contini, vicine al gol soprattutto con Sène, il cui colpo di testa l’attento Saipi ha deviato sull’interno del palo, dopo aver negato la gioia del vantaggio a Schmid in avvio di partita.

Niente di straordinario, la ripresa degli ospiti, saliti però di tono quanto basta per assumere il controllo delle operazioni, neutralizzare le velleità dei padroni di casa senza enormi difficoltà e trovare il gol che ha fatto la differenza tra il pareggio che sarebbe stato un buon risultato e la posta piena che riempie di gioia e rimpolpa una classifica mai così bella in passato (26 punti) dopo 14 delle 36 giornate in programma.

Di Custodio, come detto, la rete del successo dei ticinesi. Il centrocampista ha ribadito in fondo al sacco un pallone respinto dalla traversa colpita da Lavanchy. Il quale poco prima si era però “mangiato" una rete (tiro debole), liberato splendidamente alla conclusione al termine della più bella azione della partita, tutta quanta in velocità e “di prima”. Sempre nella ripresa a tinte bianconere un’altra clamorosa traversa, protagonista il già citato Custodio, il cui tiro a giro è stato respinto dal “legno” in maniera beffarda. Sul piano personale, una bella rivincita per il giocatore vodese, che due mesi fa fallì dal dischetto il rigore che avrebbe potuto valere il successo sempre ai danni del Gc anche nel confronto di andata a Cornaredo, chiuso sull’1-1 lo scorso 23 settembre. «Avremmo potuto vincere anche a Lugano – ricorda il matchwinner della gelida serata di Zurigo – nonostante non fosse stata una prestazione impeccabile. Sono felice di aver potuto contribuire a un successo che al Letzigrund mancava da tanto tempo. Questa squadra ha nello spirito di gruppo la sua forza. Ci aiutiamo, i giocatori di maggiore esperienza aiutano i nuovi arrivati. Sapevamo che sarebbe stata una sfida complicata, contro un avversario che gioca bene a calcio. Sono entrato in campo con l’atteggiamento giusto».

Lo stesso hanno fatto i compagni partiti dalla panchina, e il risultato si è visto. Un Lugano diverso, tornato se stesso, ha svoltato in direzione della quarta soddisfazione filata. Da aggiungere alla vittoria ancor più pesante ottenuta sul tavolo della politica comunale che ha fatto tirare un sospiro di sollievo di tale forza da spazzare via la coltre nevosa che ha imbiancato le montagne.

Sulle ali dell’entusiasmo si guarda ora con ottimismo al recupero infrasettimanale di Berna contro lo Young Boys sconfitto a Zurigo e scivolato a -4 in classifica. Una situazione inedita, dalla quale cercare di trarre il massimo profitto.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved