yakin-l-orgoglio-e-l-onore-di-essere-il-mister-della-nazionale
L’arrivo a Villa Sassa (Ti-Press)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Freestyle
3 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
12 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
12 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
14 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
16 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
17 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
19 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
19 ore

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
1 gior

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
1 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Calcio
08.11.2021 - 16:430
Aggiornamento : 30.11.2021 - 20:48

Yakin, l’orgoglio e l’onore di essere il mister della Nazionale

Il ct rossocrociato: ‘So come funziona a questi livelli. E so relazionarmi con giocatori del calibro di Xhaka o Shaqiri’

Lo aveva indicato come un attaccante di primo livello, moderno, forte fisicamente e di testa, rapido e consapevole. Insomma, tanto Murat Yakin si è coccolato Breel Embolo, la punta attorno alla quale costruire il gioco d’attacco della Svizzera, che lui… si è rotto, privando il ct della Nazionale di un terminale offensivo che si era fatto decisivo, nelle ultime uscite. Un vero e proprio colpo basso. «Non ci volevo credere - spiega Yakin -. Non può essere vero, mi sono detto, non prima di una partita così decisiva. L’infortunio è la conseguenza della sua applicazione in campo. Gioca perlopiù in posizioni non sue, ma si adatta e non si risparmia mai. Non considera mai perso un pallone. Agli Europei ha dato prova della sua abnegazione: Dopo la sostituzione per infortunio contro la Spagna se l’è presa perché riteneva di aver lasciato la squadra in difficoltà. E si era fatto male: questo la dice lunga sul carattere di questo 23enne. La sua assenza mi costringe a rivedere un po’ i piani tattici di Roma. Poco male, abbiamo l’obiettivo della qualificazione davanti a noi, la squadra resta positiva e accetta l’ennesima sfida».

‘Dallo 0-3 degli Europei abbiamo imparato molto’

Europei, Italia-Svizzera 3-0. Si sente di escludere un esito simile? «Da quella sconfitta abbiamo imparato tutti. Non vedo l’ora della partita, abbiamo fatto nostri alcuni aspetti del gioco dell’Italia, siamo aperti e pronti a imparare anche dal gioco degli avversari. Prendiamo Chiellini, maestro nella difesa preventiva nella metà campo avversaria: ho detto ai miei che serve maggiore intensità, maggiore propensione alla corsa. Chiellini ha 37 anni ma corre molto di più dei nostri difensori centrali».

«Non sono contro la difesa a tre - prosegue -, tuttavia ritengo che con quattro uomini si possa attaccare meglio e controllare l’avversario, in quanto le distanze tra le linee sono ridotte. Mi fa piacere che Sommer riceva critiche eccellenti, ma se il portiere è il migliore in campo significa che la squadra ha un problema. Uno dei miei primi obiettivi era proprio limitare gli attacchi degli avversari. Non è un caso se per quattro incontri non abbiamo incassato reti. Non mi sono mai posto la questione di come la Svizzera giocava in passato: per me conta solo il futuro, abbiamo grandi obiettivi, davanti».

Durezza e correttezza

Dallo Sciaffusa alla Nazionale, un salto imprevedibile. «Non avrei mai immaginato niente del genere. Ho avuto i miei momenti di gloria, ho avuto successo. A volte però le opportunità si presentano improvvisamente. Mi sono chiesto: mi stimola l’idea di diventare ct? Mi basta una decina di partite all’anno? Mi basta questo poco tempo per fare progredire la squadra? Le risposte non me le sono ancora date tutte. Ho però avvertito subito il piacere, l’orgoglio e l’onore di essere l’allenatore della Nazionale. Quanto al rapporto con i giocatori, avere a che fare con calibri del genere di Xhaka, Shaqiri o Akanji è affascinante e impegnativo, ma so come funziona, a questi livelli. E so come relazionarmi con calciatori di quel livello. Ciò che più conta, come allenatore, è la flessibilità. Non è possibile avere solo un piano A, le contingenze possono richiedere un cambiamento, anche repentino. Mi ritengo creativo e flessibile quanto basta. So di avere un passato importante come calciatore, ma non basta. I giocatori hanno antenne sensibili e captano in fretta eventuali insicurezze di chi li guida. Servono durezza e correttezza, a maggior ragione in Nazionale, giacché non sono io il loro allenatore di riferimento. Quello del club lo è. Tuttavia il capo sono io, finché sono con me».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved