svizzera-missione-compiuta-e-in-bello-stile
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa

Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
10 ore

Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso

Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
11 ore

‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’

Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
11 ore

Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti

In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Calcio
12 ore

Valon Behrami ha detto addio al calcio giocato

A svelarlo un post di un suo compagno al Brescia, eliminato domenica dai playoff di Serie B. Il 37enne ha vestito 83 volte la maglia della Svizzera
Formula 1
12 ore

Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola

Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
tennis
15 ore

Henri Laaksonen saluta il Roland Garros

Nulla da fare per l’elvetico contro il danese Rune nel secondo turno dello Slam di Parigi
CALCIO
1 gior

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
1 gior

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
1 gior

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
2 gior

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
2 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
2 gior

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
2 gior

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
2 gior

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
CALCIO
09.10.2021 - 23:24
Aggiornamento : 10.10.2021 - 13:05

Svizzera, missione compiuta. E in bello stile

La Nazionale batte l’Irlanda del Nord con una prestazione molto offensiva (ma con troppi errori sotto porta). Prosegue il testa a testa con l’Italia

Deve essere scritto da qualche parte nella Bibbia del calcio che contro l’Irlanda del Nord per la Svizzera non è mai tempo di vacche grasse. Certo, a Ginevra la Nazionale di Murat Yakin ha ottenuto quel successo indispensabile per continuare ad alimentare le ambizioni di primo posto di gruppo (sinonimo di qualificazione diretta aiMondiali di Qatar 2022) e per la prima volta nella sua storia ha battuto gli irlandesi con più di un gol di scarto, ma ancora una volta il compito non è stato agevole. Le due reti rossocrociate, giunte a firma Zuber nel primo tempo e Fassnacht nel secondo, sono entrambe cadute in tempo di recupero, dopo tante (troppe) occasioni sprecate. Non che gli irlandesi abbiano davvero rappresentato un problema per la difesa elvetica, visto che i sudditi di Sua Maestà hanno concluso una sola volta verso la porta di Sommer (all’8’ una leggerezza di Akanji ha costretto il portiere a respingere di pugni una conclusione di Washington) e nei restanti 82’ più recuperi, non sono più stati capaci di rendersi pericolosi. Ma il fatto che la Svizzera non sia riuscita a mettere in cassaforte il risultato quanto ne ha avuto l’opportunità, ha lasciato la contesa alla mercè di qualche estemporanea azione irlandese, potenzialmente in grado di rovinare quanto fatto in una partita che gli uomini di Yakin hanno interpretato (come giusto che fosse) con piglio offensivo.

La cifra dello sforzo profuso dagli elvetici sta tutta nelle statistiche: Shaqiri e compagni hanno concluso verso la porta difesa da Peacock-Farrell qualcosa come 25 volte, 7 nello specchio della porta, 10 al lato, mentre 8 tiri sono stati bloccati in partenza. Il dominio è stato totale, agevolato dall’espulsione del difensore Lewis già al 37’: dopo che il direttore di gioco aveva richiamato per almeno quattro volte gli irlandesi, intimando loro di smetterla di perdere tempo, sull’ennesima rimessa laterale ritardata oltre misura, ha sventolato per la seconda volta il cartellino giallo sotto il naso di Lewis, il quale pochi minuti prima aveva platealmente trattenuto Embolo). Rimasta in 10, l’Irlanda del Nord si è ulteriormente ritirata in difesa, ma la Svizzera è comunque riuscita a costruirsi una mole di occasioni come forse non le era mai capitato in passato. Embolo, Shaqiri, Zuber, Steffen, Fassnacht hanno tutti avuto sui piedi più di una possibilità per chiudere la partita. Ed è forse emblematico, in una serata nella quale il pallone non ne voleva sapere di entrare di fronte alla strenua difesa degli ospiti, il fatto che entrambe le reti siano arrivate su ripartenze: la prima innescata da Embolo, il cui controllo approssimativo si è tramutato in un assist per Zuber, la seconda con Fassnacht che ha approfittato dell’assist ancora di Embolo per presentarsi tutto solo davanti al portiere ospite.

Rispetto alla sfida di un mese fa a Belfast, ma pure alle due che quattro anni fa avevano regalato ai rossocrociati la qualificazione per Russia 2018, a Ginevra la Svizzera ha strappato i convinti applausi dei 19’000 presenti per la qualità della prestazione offerta. In campo con un 4-2-3-1 che questa Nazionale conosce molto bene dai primi tempi dell’era Petkovic, ha saputo mostrare un’inconsueta vivacità sul fronte offensivo, nonostante un avversario chiuso a riccio a difesa dello 0-0. Ovvio, non tutti hanno reso al meglio e per un Mbabu incontenibile sulla fascia, Steffen ha racimolato pochino, mentre Embolo ha sì fornito due assist (per altro uno involontario), ma ha anche sbagliato molto (troppo) sotto porta. Freuler e Zakaria (quest’ultimo in gol dopo 4’, ma il VAR ha annullato per fuorigioco di Mbabu) hanno garantito sostanza in assenza di Xhaka, mentre Shaqiri ha provato a illuminare, ma ha raccolto pochino e con il passare dei minuti è andato spegnendosi, al contrario del solito Zuber che – ed è una piacevole costante – a questa squadra riesce sempre a dare molto. Unico vero neo di una serata che ha soddisfatto i presenti, l’uscita di Akanji al 53’ per un problema all’inguine.

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. La Svizzera è piaciuta, ha convinto e può prepararsi con serenità alla trasferta di martedì in Lituania per proseguire nel testa a testa con l’Italia per la leadership di gruppo.

Mbabu, missione compiuta

«Missione compiuta – ha commentato Kevin Mbabu a fine partita –. Siam ostati baravi a restare pazienti. All’inizio non è stato facile, di fronte al loro blocco difensivo molto basso, era difficile riuscire a trovare spazi per costruire vere occasioni. Possiamo accontentarci dei due gol, ma il nostro rapporto occasioni/reti è rimasto ancora una volta molto basso. Abbiamo sempre detto che questo è un settore nel quale dobbiamo migliorare: è ciò che ancora ci manca per superare il prossimo gradino e poter competere sempre alla pari con le migliori squadre del mondo».

«Sono il primo a essere arrabbiato per le molte occasioni sbagliate – ha aggiunto Breel Embolo –. A il mio compito in campo è di far sì che la squadra vinca e oggi ho comunque fornito due assist. È stata una vittoria molto importante, sulla quale però non dobbiamo soffermarci troppo. Dobbiamo guardare avanti e il prossimo impegno è in programma già martedì»

Svizzera - Irlanda del Nord (1-0) 2-0

Reti: 45’+3’ Zuber 1-0. 91’ Fassnacht 2-0.

Svizzera: Sommer; Mbabu (80’ Widmer), Akanji (53’ Schär), Elvedi, Rodriguez; Freuler, Zakaria; Steffen, Shaqiri (92’ Sow), Zuber (80’ Fassnacht); Embolo (92’ Itten).

Irlanda del Nord: Peacock-Farrell; Ballard, Cathcart, Brown (80’ Ferguson), Lewis; Davis, Thompson (80’ Jones), Saville, McNair; Dallas (86’ Bradley), Washington (63’ Magennis)

Arbitro: Vincic (Slovenia)

Note: 19’129 spettatori. Svizzera senza Xhaka e Seferovic (infortunati). Espulso al 37’ Lewis (2. giallo). Ammoniti: 23’ Lewis. 88’ Bradley. 89’ Zakaria e Magennis

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio irlanda nord qatar 2022 svizzera

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved