CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
47 min

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
1 ora

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
4 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
5 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
5 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
6 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
6 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
7 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
9 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
9 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
1 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
2 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
2 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
2 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
2 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
2 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
2 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
2 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
2 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
2 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
2 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
22.09.2021 - 17:00
Aggiornamento: 17:15

Spazio al Lugano di Croci-Torti, aggressivo e coraggioso

Domani i bianconeri ricevono a Cornaredo il Grasshopper: ‘Avversario solido, ben impostato e duttile. Dovremo mettere in campo le nostre migliori qualità’

spazio-al-lugano-di-croci-torti-aggressivo-e-coraggioso
Mattia Croci-Torti e Cao Ortelli

Chiamarlo esordio non è un termine del tutto appropriato, perché la panchina da “titolare” l’ha già vissuta contro Basilea e in Coppa a Neuchâtel. Di fatto, però, per Mattia Croci-Torti la sfida di domani sera a Cornaredo contro il Grasshopper un gusto particolare l’avrà di sicuro, dopo aver ricevuto l’imprimatur da parte della nuova dirigenza bianconera che in lui ha visto il caposaldo di un progetto a lungo termine. Alla domanda se quanto successo nelle ultime 48 ore abbia in qualche modo scombussolato il suo tran tran quotidiano, la risposta di Croci-Torti è lapidaria: «Assolutamente no». E non è cambiato nulla nemmeno nei rapporti con lo spogliatoio, peraltro già abituato da anni alla sua presenza… «Devo ammettere che in questi giorni mi hanno fatto sorridere alcune analisi secondo le quali il ruolo di viceallenatore è diverso da quello di head-coach. In Super League la situazione è tutt’altra, gli amici non esistono e se non giochi, il vice lo odi esattamente come il “capo”. A Lugano non sono mai stato amico di nessuno, con alcuni ragazzi ho avuto meno difficoltà nel relazionarmi, ma alla fine undici ti apprezzano e undici ti odiano, a prescindere dal fatto che tu sia quello che dà un paio di pacche sulle spalle in più dell’allenatore. In Super League vi è un solo obiettivo, quello di giocare sempre e sempre dal primo minuto. Non piaceva nemmeno a me rimanere in panchina, chiunque fa fatica ad accettare le scelte dell’allenatore, ragion per cui si andrà avanti come sempre: starò simpatico agli undici che manderò in campo e sulle scatole agli undici che manderò in panchina. Sono le regole del gioco. Detto questo, nello spogliatoio non ho avuto granché da dire se non ringraziare tutti i giocatori, perché se non fosse stato per quanto loro hanno mostrato in queste due partite, per il modo nel quale hanno seguito le mie indicazioni, mai avrei ricevuto questa proposta».

Se i giocatori possono essere rimasti più o meno indifferenti alla promozione di Croci-Torti, altrettanto non si può dire dell’opinione pubblica che ha fatto sentire il suo apprezzamento nei confronti del nuovo tecnico… «Sono rimasto sorpreso da tutto questo entusiasmo. Durante la mia carriera ho sempre cercato di essere sincero e onesto, un atteggiamento che forse in questi giorni ha pagato. È stato bello, mi ha fatto piacere, ma adesso arriva il campo e non vedo l’ora».

‘Lottare fino all’ultimo minuto’

E allora parliamo di calcio giocato. In molti si chiedono se cambierà qualcosa nel Lugano di Mattia Croci-Torti… «Il mio Lugano sarà una squadra capace di mostrare un carattere tosto, una squadra aggressiva, coraggiosa, con la volontà di non uscire battuta. Caratteristiche che, peraltro, ci hanno caratterizzato nel corso degli ultimi anni. Per quanto attiene al gioco, c’è da lavorare, bisogna conoscere meglio i nuovi arrivati, per cui occorrerà un po’ di tempo. Ma, come successo nelle ultime due partite, è essenziale vedere un Lugano che lotta dal primo all’ultimo minuto. Potrà apparire scontato, ma questa è una squadra capace di mettere in difficoltà chiunque solo se entra in campo con la giusta mentalità».

Quella del Gc è una maglia che il “Crus” ha vestito per un paio di stagioni dal 2000 al 2002, un motivo in più per considerare speciale l’appuntamento di Cornaredo… «Il Grasshopper rappresenta un avversario speciale per tutti gli amanti del calcio svizzero. Non dimentichiamoci che rimane – e nettamente – la società più titolata del Paese e continua a emanare un fascino speciale. Peccato che negli ultimi anni abbia perso credibilità, ma il Gc resta sempre il Gc. Io ho avuto il piacere e l’onore di allenarmi con il grande Grasshopper, quello di Chapuisat e Nuñez e per me si trattava di un sogno».

Ma queste sono cavallette più piccole rispetto a quelle di un tempo… «È un gruppo solido, ben impostato, senza stelle. Un gruppo che si rispecchia nell’elasticità del suo allenatore. Giorgio Contini è molto duttile, capace di cambiare sistema e stile di gioco a dipendenza degli avversari. Finora ha schierato una difesa a 3, eccezion fatta per la Coppa, quando è passato a 4. Noi dobbiamo concentrarci su quelli che sono i nostri pregi, sapendo che il Gc è una neopromossa e in quanto tale sta ancora veleggiando sull’entusiasmo e sulla fame di successo tipici di chi arriva da una categoria inferiore».

Torniamo al Lugano, per capire se l’impostazione della squadra sarà quella ereditata dai tecnici precedenti… «Ho tante idee che mi frullano in testa. So cosa possiamo fare da subito e cosa potremmo fare con un po’ di pazienza. D’altro canto, due o tre sedute di allenamento non sono sufficienti per inculcare certi concetti. Vi sono principi di gioco che mi appartengono e che mi piacerebbe vedere applicati nelle prossime partite, ma in primo luogo in campo occorre vi siano delle certezze, sulle quali iniziare a costruire qualcosa di importante. Il mio desiderio è che a Cornaredo si possa mostrare ai tifosi un gioco propositivo e divertente. Chi viene a Cornaredo deve essere contento di farlo, anche con un pizzico di orgoglio, conscio di vedere all’opera una squadra coraggiosa».

Bottani valore aggiunto

Contro il Gc mancherà ancora Baumann, mentre Bottani ha ripreso gli allenamenti… «Purtroppo, Baumann dubito lo si possa rivedere in campo prima di un mese. Osigwe, comunque, ha recuperato dalla febbre che lo aveva costretto a saltare la trasferta di Coppa e contro le cavallette tornerà al suo posto, in quanto gode della fiducia mia e di tutto il gruppo. Per quanto riguarda Bottani, è un giocatore in grado d’influenzare qualsiasi partita. Senza di lui, le ultime due non sono state facili, perché bisogna ammettere che la gestione Braga ha avuto in lui un evidente trascinatore. Quest’anno l’ho visto maturato dal punto di vista mentale, tanto da divenire un vero e proprio leader. Ieri ha ripreso gli allenamenti e spero che contro il Gc ci possa dare una mano, fosse solo per qualche minuto. Per fortuna, il suo infortunio non si è rivelato grave, perché per questa squadra lui rappresenta un valore aggiunto».

Due parole sul grado d’inserimento dei nuovi innesti… «Siamo a buon punto e sono molto contento di tutti gli ultimi quattro arrivi. Inserirsi in un gruppo come quello del Lugano non è facile, in quanto possiede sinergie particolari. Per farlo occorre approcciarsi con il sorriso, mostrare il desiderio di essere accolti. Sussistono difficoltà linguistiche, ma l’approccio degli ultimi innesti non poteva essere più giusto. Saipi ha già dato il suo contributo, così come Celar e Amoura. In settimana abbiamo integrato pure Hadj, rimasto fermo per un lieve problema fisico. Hanno tutti una gran voglia di mettersi in mostra, il che non sempre è scontato».

Giovedì il Gc, domenica la trasferta a Lucerna, ma di turnover ancora non si parla… «In difesa, a centrocampo e sulle fasce i giocatori sono contati. Davanti no, ma negli altri settori non è il caso di pensare a turnover spinti. D’altra parte, da buon allenatore svizzero sono propenso a ritenere che cambiare troppo non sia così facile. In un campionato a 10 squadre bastano due partite senza punti per cambiare l’umore di una squadra. In primo luogo bisogna trovare i giusti equilibri, poi qualche cambiamento arriverà da solo, vuoi per condizioni di forma o fisiche, vuoi per le caratteristiche dell’avversario. E c’è un fattore che si tende a non considerare, ma che quest’anno assumerà grande rilievo: il ritorno del pubblico. Dopo un anno e mezzo di partite nel silenzio di stadi vuoti e che hanno facilitato il fatto di giocare in trasferta, adesso vi è una nuova situazione alla quale adeguarsi. Perché un conto è giocare in un St. Jakob vuoto, tutt’altra cosa è stare in campo quando senti la Muttenz mettere pressione all’arbitro dal 1’ al 90’. Dovremo ritrovare la capacità di tramutare in carica positiva la pressione delle tifoserie avversarie».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved