CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Storie mondiali
1 ora

Usa 94, gloria per la Svizzera e requiem per Escobar

Durante il Mondiale 1994, dove i rossocrociati tornavano dopo quasi trent’anni, un calciatore colombiano venne ucciso a causa di un’autorete
hockey
10 ore

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
11 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
11 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
11 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
12 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
12 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
13 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
17 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
CALCIO
08.09.2021 - 22:52
Aggiornamento: 23:20

Una brutta Svizzera non va oltre lo 0-0 a Belfast

Vanificato il punto conquistato contro l'Italia da una prestazione sotto tono dal punto di vista tecnico come fisico. Al 33’ Seferovic sbaglia un rigore

una-brutta-svizzera-non-va-oltre-lo-0-0-a-belfast

Una brutta Svizzera non è andata oltre il pareggio contro l'Irlanda del Nord. Un risultato che vanifica il pareggio, pure a reti inviolate, conquistato contro l'Italia. E che costringerà i rossocrociati, se tutto andrà come da copione, a vincere la sfida diretta del 12 novembre a Roma contro i campioni d'Europa, messi meglio nella differenza reti, anche grazie alle cinque rifilate alla Lituania. È stata la Svizzera che non ti saresti aspettato, la Svizzera molle e priva di mordente alla quale non eravamo più abituati, a maggior ragione dopo la grintosa prestazione di domenica a Basilea. Di fatto, in tutti i 90’ i rossocrociati non sono riusciti ad andare alla conclusione più di due volte nello specchio della porta irlandese. E una di questa è stato un calcio di rigore, assegnato al 32’ per una trattenuta di Smith ai danni di Vargas e battuto in maniera francamente oscena da un Seferovic che non ne ha combinata una giusta. All'attaccante del Benfica, comunque, non vanno addossate tutte le responsabilità per il risultato deludente. Nessuno ha raggiunto la sufficienza, in una partita nella quale gli elvetici hanno mostrato inconsuete e preoccupanti lacune anche sul piano tecnico, con una miriade di passaggi sbagliati e una costruzione del gioco farraginosa nonostante un possesso palla che ha superato il 70%.

Nel primo tempo la Svizzera ha concluso una sola volta verso la porta irlandese, proprio in occasione del rigore sbagliato da Seferovic. Per il resto, tanto giro palla, ma nessuna possibilità di andare al tiro. Anzi, a correre i pericoli maggiori è stato Sommer. Il portiere del Borussia M'Gladbach non ha dovuto sfoderare le sue qualità, come era stato il caso domenica contro l'italia, ma al 9’ gli sono scesi brividi freddi lungo la schiena quando una leggerezza di Akanji a centrocampo ha lasciato partire tutto solo Lavery: tallonato da Elvedi, l'attaccante si è presentato davanti a Sommer, ma ha finito per calciare malamente a lato quella che è stata la più grossa palla gol da azioni di tutto il primo tempo.

Troppi, d'altro canto, gli errori tecnici individuali per pensare di poter mettere in ambasce un'Irlanda del Nord ordinata e che ha fatto del classico spirito battagliero l'arma migliore.

Secondo tempo come il primo, con la Svizzera che ci prova, ma non ha idee offensive per cercare di scardinare la difesa avversaria. È andato vicino al gol al 49’ Akanji, che in scivolata è giunto in leggero ritardo su una punizione battuta da Vargas. È stata quella, in pratica, l'unica vera occasione di una ripresa che i cambi voluti da Yakin non sono riusciti a mettere sulla strada giusta. E adesso, la strada che porta in Qatar si è fatta più tortuosa.

Irlanda del Nord - Svizzera 0-0

Irlanda del Nord: Peacock-Farrell; Smith (68' Bradley), Ballard, Cathcart, Brown, Lewis; McCann, Steven Davis, Thompson (74' Saville); Washington (68' Charles), Lavery (86' Jones).

Svizzera: Sommer; Widmer (86' Lotomba), Elvedi, Akanji, Rodriguez; Frei (59' Steffen); Fassnacht (59' Zuber), Freuler, Zakaria (86' Aebischer), Vargas; Seferovic (77' Zeqiri).

Arbitro: Lechner (Austria)

Note: 15'660 spettatori. Ammoniti: 16' Frei. 24' Smith. 48e Lewis. 53e Zakaria. 93e Brown.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved