CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
58 min

Luis Enrique non è più il selezionatore della Spagna

L’uscita di scena della Nazionale spagnola dai Mondiali, a favore del Marocco, ha pesato sul tecnico asturiano
Qatar 2022
3 ore

Raheem Sterling torna in Qatar venerdì

L’attaccante ventisettenne sarà in panchina contro la Francia, dopo essere tornato a casa, dopo che la sua famiglia è stata vittima di un furto
mountain bike
4 ore

Il Tamaro Trophy è confermato

Il 25 e 26 marzo appuntamento con Colombo, Schurter e i loro avversari a Rivera. Al posto di Marzio Cattani ci sarà una co-presidenza.
QATAR 2022
21 ore

Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’

Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale
Hockey
1 gior

Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)

A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Days, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
1 gior

Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie

In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
Qatar 2022
1 gior

Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’

Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
1 gior

Che umiliazione

La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
1 gior

I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa

Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
QATAR 2022
1 gior

La lunga marcia del calcio asiatico non è ancora finita

Dopo un Mondiale iniziato in maniera molto promettente, Australia, Giappone e Corea del Sud si sono infrante sul muro degli ottavi di finale
QATAR
1 gior

Eto’o colpisce uno youtuber, il video diventa virale

L’uomo, un algerino, lo aveva provocato sull’arbitro dello spareggio Algeria-Camerun che molti ritengono essere stato comperato
Angolo Bocce
1 gior

Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria

La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
QATAR 2022
1 gior

Il Manchester United vorrebbe Yann Sommer già da gennaio

L’accordo tra il portiere rossocrociato e il Borussia Mönchengladbach scadrà a fine stagione, proprio come quello di David de Gea con i Red Devils
Hockey
1 gior

Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler

Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
2 gior

Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria

Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
2 gior

I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo

Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
2 gior

Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza

La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
2 gior

L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea

Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
2 gior

L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’

L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
2 gior

Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping

Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
2 gior

Ai rigori vince la Croazia

I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
2 gior

Tutti i numeri di Kylian Mbappé

Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
2 gior

Sotto indagine dirigenti e giocatori della Celeste

La Fifa apre una procedura per quanto avvenuto al termine della sfida vittoriosa contro il Ghana
QATAR 2022
2 gior

La Fifa ha deciso, gol di Griezmann da annullare

Respinto il ricorso della federazione francese, che riteneva scorretto l’uso del Var nella sconfitta contro la Tunisia
Calcio
19.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:05

Addio al Fair Play finanziario dell’Uefa

Il nuovo tetto salariale al vaglio nel calcio europeo, parametrato ai ricavi del club, non annacquerà di certo le attuali disparità

di Marco De Santis
addio-al-fair-play-finanziario-dell-uefa
Per ingaggiare Messi il Psg ha sfruttato un vuoto normativo (Keystone)

La faraonica campagna acquisti del Paris Saint-Germain, culminata con l’acquisto di Messi, ha riportato al centro dei discorsi economici legati al calcio il concetto di fair play finanziario proprio nel momento in cui questa misura voluta nel 2010 dall’Uefa attraversa il suo periodo più critico. L’impossibilità di farla rispettare, a seguito dello scoppio della pandemia di Covid-19 che ha comportato una drastica riduzione dei ricavi dei club, ha dato il colpo di grazia a un regolamento già avversato in precedenza dai club più ricchi con in prima fila le due società di proprietà degli sceicchi, il Manchester City e soprattutto il Paris Saint-Germain. Purtroppo le soluzioni alternative al vaglio dell’Uefa, rese note recentemente dal quotidiano britannico ‘The Times’, presentano numerosi punti critici che rischiano di trasformare le nuove misure in un ulteriore assist a favore degli sceicchi.

Messi al Psg? Quest’anno tutto è lecito

A seguito dell’acquisto di Messi da parte del Paris Saint-Germain, ciliegina sulla torta di una sessione di mercato che ha visto l’approdo a Parigi anche di Sergio Ramos, Donnarumma, Hakimi e Wijnaldum, da Barcellona ma non solo si sono levate parole di accusa al club di proprietà dell’emiro Al-Thani incolpato di aver violato le regole del fair play finanziario. In realtà questa critica non ha ragione di esistere, perché il fair play finanziario come lo abbiamo conosciuto non esiste più. Per venire incontro ai pesanti passivi accumulati senza colpe dai club in tempo di pandemia, infatti, l’Uefa ha emanato all’inizio della scorsa stagione un regolamento ibrido che ha allungato i termini entro i quali le società erano chiamate a soddisfare la “Break-Even Rule” (ovvero la richiesta di un equilibrio nei bilanci fra ricavi e perdite, pena sanzioni che per alcune società hanno comportato in passato l’esclusione dalle competizioni europee) e successivamente non ha imposto alcun vincolo per la stagione 2021/22, rimandando ogni valutazione a un nuovo regolamento in fase di studio in queste settimane. Il Paris Saint-Germain ha sfruttato questo vuoto normativo facendosi forte delle illimitate capacità economiche del suo proprietario, per il quale gli effetti negativi della pandemia hanno avuto un impatto irrisorio.


I nuovi gioielli dello sceicco (Keystone)

Cosa bolle in pentola

Secondo le anticipazioni del ‘The Times’, nel nuovo fair play finanziario che dovrebbe entrare in vigore nel 2022/23 verrà abolita la “Break-Even Rule” per far posto a un tetto salariale fissato al 70% dei ricavi prodotti dal club. In caso di sforamento di questo vincolo i club “colpevoli” potranno comunque partecipare alle coppe europee sanando la loro posizione tramite il versamento di una “Luxury Tax” proporzionale ai soldi pagati in eccesso per gli stipendi. Le discussioni sull’ammontare di questa tassa di lusso sono ancora in corso, ma dovrebbe attestarsi per il primo anno di sforamento su 1 euro per ogni euro speso in più rispetto al tetto salariale e crescere fino a 1,5 o 2 euro per ogni euro in eccesso in caso di ripetute violazioni o di ingaggi che superino il tetto salariale per più del 20%. È allo studio l’ipotesi di sanzioni più dure, che possano arrivare fino alla squalifica del club, solo in caso di numerose violazioni, ma questo punto regolamentare non è stato ancora confermato né è stato specificato dopo quanti anni di infrazioni consecutive potrà scattare. I proventi della “Luxury Tax” sarebbero poi distribuiti ai club virtuosi.

Soluzione semplice… ma quali conseguenze?

Sulla carta questa nuova impostazione ha l’obiettivo di risolvere alcune criticità del “vecchio” fair play finanziario. Ma sarà veramente così?

Le idee di tetto salariale e “Luxury Tax” sono mutuate dall’Nba, ma fuori dal loro contesto potrebbero non funzionare. Il basket a stelle e strisce è un sistema chiuso, senza retrocessioni, e prevede un “Salary Cap” uguale per tutti. Sono queste specifiche, di cui la seconda inapplicabile in Europa per le norme dell’Unione europea sulla libera concorrenza che la vietano espressamente, che garantiscono un maggiore equilibrio fra le società. Nel modello Uefa, con il tetto salariale diverso per ogni squadra e parametrato ai ricavi del club, le disparità attuali non verranno di certo annacquate dalla redistribuzione di pochi milioni a un numero di squadre ancora indefinito (le 32 che parteciperanno alla Champions League o le 96 che parteciperanno alle coppe europee?) e variabile da stagione a stagione.

Agganciare il valore del tetto salariale ai ricavi se da una parte aggira i divieti della normativa Ue dall’altra non risolve la critica maggiore del fair play finanziario, ovvero la facilità con la quale si possono aggirare le regole gonfiando le proprie sponsorizzazioni per aumentare i ricavi. Una pratica che continuerà anche con il nuovo regolamento per ottenere un tetto salariale più elevato.

La “Break-Even Rule” permetteva alle società di raggiungere il proprio equilibrio di bilancio anche tramite il ricorso alle plusvalenze, ovvero alle cessioni di propri giocatori a un costo superiore a quello indicato a bilancio dall’ammortamento residuo del loro costo di acquisto. Questo sistema da una parte provocava qualche distorsione, vedasi scambi a prezzi gonfiati di alcuni giocatori, ma ha anche permesso a club con elevata capacità di scouting e di valorizzazione dei propri talenti, come per esempio l’Atalanta, di aumentare i propri investimenti nel corso degli anni nel pieno rispetto del fair play finanziario. D’ora in poi per queste società potrebbe essere più difficile crescere perché le plusvalenze non vengono di norma calcolate a bilancio nei ricavi dei club ma sono indicate in una voce a parte, non verranno quindi prese in considerazione per il calcolo del tetto salariale.

Chi sostiene le nuove regole spiega che queste favoriranno l’ingresso nel calcio di presidenti facoltosi che potranno portare più velocemente al vertice club meno blasonati grazie all’abolizione della “Break-Even Rule”. Ma in realtà club con bassi ricavi avranno un tetto salariale così basso che per aumentare in maniera effettiva la propria competitività i presidenti dovranno impegnarsi a sostenere “tasse di lusso” elevatissime per più annualità. Ciò comporta un rapporto rischi/benefici che potrebbe essere accettabile solo per chi ha capitali praticamente infiniti ai quali attingere come, ancora una volta, gli sceicchi. E proprio gli sceicchi potranno per la stessa ragione ampliare ancor di più le spese per rafforzare squadre che già ora sono al top d’Europa. Se non verranno ratificate norme certe per eventuali esclusioni dalle competizioni in caso di gravi violazioni, nulla impedirà per esempio al Paris Saint-Germain di sforare notevolmente il tetto salariale ogni stagione facendosi beffe della tassa di lusso, in ogni caso di ammontare irrilevante rispetto alle ricchezze del suo proprietario. Non solo, l’abolizione della “Break-Even Rule” toglierà anche qualsiasi limite al costo dei giocatori. Se il Psg vorrà presentare un’offerta di 300 o più milioni per un calciatore potrà farlo, visto che il fair play finanziario non riguarderà in alcun modo il monte ammortamenti del club né i passivi di bilancio fatti registrare nelle singole stagioni. Difficile immaginare che ciò non aumenti il divario fra quei club che teoricamente possono permettersi innumerevoli spese folli, come Psg e Manchester City, e le altre big europee che possono spendere molto ma non hanno a disposizione capitali infiniti.

Il futuro non è scritto

Ci dobbiamo quindi attendere un dominio ininterrotto di Paris Saint-Germain e Manchester City? Fermo restando che è sempre il campo a dire l’ultima parola sembrerebbe di sì, anche se fra meno di due anni le carte potrebbero essere rimescolate. A febbraio del 2023 scadrà infatti il mandato del presidente dell’Uefa Ceferin, che è il primo promotore di questa riforma. Inoltre, dopo la conclusione dei Mondiali di calcio nel “suo” Qatar, previsti per la fine del 2022, sarà da verificare la volontà del presidente del Psg Al-Thani di investire ancora molti soldi nel club. Due variabili che potrebbero nuovamente cambiare in maniera radicale il futuro del calcio europeo.


Il mandato di Ceferin all'Uefa scade a febbraio del 2023 (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved