Zurigo
4
Lucerna
0
fine
(3-0)
Young Boys
1
Servette
0
1. tempo
(1-0)
Thun
2
Wil
4
fine
(1-3)
SC Kriens
1
Vaduz
3
fine
(1-1)
Roma
0
Inter
3
fine
(0-3)
Napoli
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
1
Losanna
0
1. tempo
(1-0)
Ambrì
1
Zurigo
2
1. tempo
(1-2)
Langnau
0
Zugo
1
1. tempo
(0-1)
Lakers
2
Friborgo
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
Bienne
1
Ginevra
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
Berna
0
Lugano
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
2
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
Zurigo
4
Lucerna
0
fine
(3-0)
Young Boys
1
Servette
0
1. tempo
(1-0)
Thun
2
Wil
4
fine
(1-3)
SC Kriens
1
Vaduz
3
fine
(1-1)
Roma
0
Inter
3
fine
(0-3)
Napoli
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
1
Losanna
0
1. tempo
(1-0)
Ambrì
1
Zurigo
2
1. tempo
(1-2)
Langnau
0
Zugo
1
1. tempo
(0-1)
Lakers
2
Friborgo
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
Bienne
1
Ginevra
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
Berna
0
Lugano
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
2
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
cornaredo-e-l-fcl-pronti-per-la-prova-del-nove
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
15 ore

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
21 ore

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
22 ore

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
22 ore

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
1 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
1 gior

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
1 gior

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
1 gior

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
1 gior

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
1 gior

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
1 gior

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
1 gior

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
1 gior

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Freestyle
1 gior

I moschiettieri rossoblù delle gobbe

Marco Tadé e Nicole Gasparini, ma anche i giovani Martino Conedera ed Enea Buzzi: saranno ben quattro i ticinesi al via domani a Ruka in Coppa del mondo!
Sci
1 gior

In Colorado il padrone di casa è sempre Marco Odermatt

Il ventiquattrenne nidvaldese domina il primo superG della stagione, sulle nevi su cui aveva già trionfato due anni fa. Sul podio con lui Mayer e Thompson
Judo
2 gior

Ticinesi con onore agli assoluti di Bienne

A impreziosire il bilancio rossoblù sono state le medaglie di Loris Perosa, Christian Edouard e Martin Motta
Sci
2 gior

Prima il vento, ora il caldo. Mentre Lara incrocia le dita

Di nuovo niente allenamenti in vista del debutto della stagione femminile della velocità, domani in Canada. Dove la ticinese farà i conti con la ‘grippe’
Hockey
2 gior

Zanetti e Canonica nella rosa allargata per i Mondiali U20

I due ex bianconeri convocati da Marco Bayer per l’ultima fase di avvicinamento alla rassegna iridata che si giocherà in Canada
Sci
2 gior

Semaforo verde per le prove di St. Moritz

Le gare dell’11 e 12 dicembre si terranno regolarmente: le sciatrici potranno beneficiare di un allentamento delle disposizioni di quarantena
Calcio
 
22.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:43

Cornaredo e l’Fcl pronti per la prova del nove

Domenica per l’esordio nella nuova stagione Cornaredo tornerà a ospitare più di 100 spettatori in un match ufficiale per la prima volta dal 24 ottobre

Domenica Cornaredo tornerà a ospitare più di 100 spettatori in un match ufficiale per la prima volta dallo scorso 24 ottobre, quando 1’380 persone avevano assistito alla vittoria 1-0 della squadra diretta allora da Maurizio Jacobacci sul San Gallo, nella quinta giornata di Super League, l’ultima disputata prima delle nuove restrizioni che hanno di fatto chiuso al pubblico gli stadi per il resto del campionato. Se il nuovo Lugano di Abel Braga è pronto per la stagione che per i bianconeri scatterà appunto in casa contro lo Zurigo (ore 14.15), sarà il campo a dirlo. Gli spalti, le tribune e tutto il contorno al match rappresenteranno invece la prova del nove per la società sottocenerina per quel che riguarda l’accoglienza dei tifosi, con il test di sabato scorso nell’amichevole di lusso con l’Inter non del tutto riuscito.

«La partita contro l’Inter è stata molto utile per renderci conto dei problemi legati ai certificati Covid – ci spiega il direttore generale dell’Fcl, Michele Campana, riferendosi al fatto che nella sfida con gli italiani così come in tutti i match di Super League, potranno assistere alle partite solo persone completamente vaccinate, guarite dal Covid oppure testate negative –. In particolare quello relativo al fatto che molte farmacie ticinesi rilasciano ancora attestazioni improvvisate e non appunto i certificati provvisti di codice Qr che garantiscono in modo univoco la veridicità delle informazioni. Per questo motivo abbiamo dovuto respingere agli ingressi diverse persone, circa il quattro-cinque per cento dei 1’800 biglietti venduti (una settantina di persone, ndr). In ogni caso il dialogo con le autorità cantonali è ottimo, abbiamo già previsto diversi correttivi, tra i quali l’allestimento di un infopoint fuori dallo stadio al quale gli eventuali tifosi “respinti” potranno rivolgersi per trovare una soluzione».

Soluzioni necessarie anche per mettere delle “pezze” a direttive non proprio chiare… «Noi facciamo quello che ci dice la Swiss Football League, ma ad esempio non capiamo come mai operatori tv e giornalisti debbano avere il certificato, mentre gli addetti alla ristorazione no. O ancora la gestione del settore ospiti non è per nulla chiara, con la scelta lasciata ai club mentre mi sarei aspettato una soluzione su scala nazionale. Noi abbiamo deciso di aprirlo e dalle indicazioni dovrebbero arrivare molti sostenitori zurighesi, anche se la maggior parte sembrerebbe intenzionata a rimanere all’esterno dell’impianto».

Questa la situazione attorno al rettangolo verde, ma in campo? Qual è il tasso di immuni all’interno della squadra bianconera? «La percentuale varia in continuazione, saremo attorno al 70 per cento di elementi della rosa vaccinati o che si stanno vaccinando. Ci sono dei giocatori contrari, noi non possiamo obbligare nessuno ma stiamo cercando di sensibilizzarli. Vogliamo evitare di finire come il Kriens: vedere ancora oggi, dopo tutto quello che abbiamo passato, una squadra della seconda categoria svizzera finire quasi completamente in quarantena manco fossero una squadretta amatoriale è piuttosto eclatante».

Campagna abbonamenti a tappe
e diverse novità all’interno dello stadio

«È stata una campagna abbonamenti a tappe, avanzata a pari passo con l’evoluzione della situazione e soprattutto con le decisioni del Consiglio federale relative alle restrizioni – ci spiega Luca Pedroni, responsabile marketing e business development dell’Fc Lugano –. È stata fatta chiarezza relativamente tardi e solo una volta arrivata la certezza di poter riaprire totalmente lo stadio già per l’inizio del campionato e le condizioni per farlo, siamo potuti partire con la campagna vera e propria, in pratica il 24 giugno. Basti pensare che solo martedì abbiamo aperto la vendita dei posti nell’ultimo settore, quello degli spalti (quelli in piedi che non si trovano né in curva né nel settore ospiti)».

Questo non vuol dire che fino a quel momento Pedroni e colleghi se n’erano stati con le mani in mano… «Assolutamente no. Ad esempio con l’amichevole contro l’Inter si è concluso un processo iniziato in realtà già la scorsa estate e nel quale abbiamo investito molto, che consisteva nel rinnovare, anzi rivoluzionare i punti di ristoro all’interno dello stadio, sia a livello di qualità del cibo e delle bevande proposte sia nel meccanismo di vendita. In particolare il processo di pagamento è stato decisamente velocizzato grazie a un nuovo sistema di cassa che utilizziamo solo noi e due o tre club di Premier League, che ci permetterà di eseguire le transazioni più rapidamente e quindi servire più clienti. Un aspetto da non sottovalutare visto che a differenza dell’hockey, nel calcio abbiamo solo una pausa da sfruttare».

A proposito di spettatori, qual è stata la risposta del popolo bianconero in una fase di avvicinamento alla nuova stagione perturbata inizialmente oltre che dal Covid anche dal mancato cambio di proprietà? «Direi buono, anche se non avevamo dubbi vista la dimostrazione di attaccamento che avevamo già ricevuto dai nostri tifosi con l’adesione significativa all’iniziativa cuore bianconero, con in pratica il 93 per cento degli abbonati che avevano rinunciato al rimborso dell’abbonamento (praticamente inutilizzato visto che a fine ottobre gli stadi erano nuovamente stati chiusi al pubblico, ndr). Per cui ci aspettiamo di arrivare attorno al migliaio di abbonati, come appunto nella passata stagione in cui per colpa del Covid ne avevamo persi circa 300 rispetto all’anno prima. Non sappiamo ancora se potremo contare sulla presenza all’interno dello stadio dei ragazzi della curva, in quanto come un po’ tutte le tifoserie organizzate della Svizzera sembrerebbero intenzionati per protesta a boicottare le partite. Noi speriamo ancora di poter contare sul loro sostegno, più che per la perdita di introiti per la società, per la squadra».

C’è poi il delicato discorso legato agli sponsor… «Alcuni purtroppo stanno pagando la coda lunga del Covid e sono un po’ in difficoltà, con evidenti conseguenze anche per noi. Fortunatamente però gli sforzi degli ultimi anni ci hanno permesso di trovare nuovi clienti nonostante la situazione difficile e questo è positivo. I nostri partner stanno inoltre apprezzando molto il nostro lavoro sul digitale e stanno dirottando in quell’ambito gli investimenti: abbiamo ad esempio delle sponsorizzazioni per il live-streaming del prepartita, altre per le varie grafiche nel giorno dei match (ad esempio le formazioni delle squadre). Sempre in questa direzione abbiamo inoltre effettuato un investimento importante che si concretizzerà alla fine di ottobre con la posa (lato Sud, ma non dove c’è già il tabellone elettronico, ndr) e la messa in funzione di un maxi schermo da 40 metri quadri, che ci permetterà sia di aumentare i ricavi legati alle sponsorizzazioni, sia di migliorare l’animazione all’interno dell’impianto».

Come dire che Cornaredo è (quasi) pronto, ora mancano i tifosi, ai quali per domenica Pedroni lancia un ultimo appello: «Sarebbe bello vederli indossare la maglia speciale ricevuta per aver aderito all’iniziativa cuore bianconero e colorare così lo stadio con i nostri colori».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved