young-boys-calma-e-continuita-sono-virtu-dei-forti
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
7 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
9 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
10 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
10 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
18 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
1 gior

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
1 gior

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
1 gior

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
1 gior

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
1 gior

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 gior

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
20.07.2021 - 16:49
Aggiornamento: 17:23
di Peter Lerch (Ats)

Young Boys, calma e continuità sono virtù dei forti

Mai un caso, mai una polemica, nell'orbita giallonera. Si punta su un progetto solido e ben strutturato, operando in silenzio ma con grandi risultati

All’inizio dell'estate del 2018, per qualche tempo è regnata l’incertezza circa il nome del sostituto di Adi Hütter sulla panchina dello Young Boys (il tecnico austriaco passò all’Eintracht Francoforte). Tanti i nomi che circolavano, ma non quello di Gerardo Seoane, il profilo sul quale però i gialloneri decisero di puntare.

A facilitare il compito dell’allenatore lucernese, neofita ad alti livelli, contribuirono la continuità data al progetto tecnico, nonché una rosa già di ottimo livello che venne in larga parte confermata. Le basi, insomma, già erano state gettate. Con Seoane alla guida, lo Young Boys disputò una stagione eccellente segnata da una serie di record battuti, dalla nascita della Super League. Record che erano fin lì detenuto dai grandi rivali del Basilea, la squadra che dominò la scena nazionale fine al 2016, l’anno coinciso con l’inizio dell’egemonia giallonera che dura tuttora e non sembra poter essere messa in discussione.

Squadra costruita bene

Seoane superò a pieni voti anche il campionato successivo, seguito stavolta a una profonda rivoluzione a livello di organico. Un anno dopo, tocca a lui cedere la sua creatura al successore. Una squadra che, proprio come toccò a lui tre anni fa, David Wagner trova già praticamente costruita. E competitiva.

Al nuovo allenatore tedesco viene riconosciuta da molti di quelli che hanno a che fare con lui, una dote che è propria anche a Gerardo Seoane, ossia la capacità di  interagire con i giocatori anche a livello emotivo, puntando a instaurare anche un rapporto di fiducia sul piano umano, oltre che una relazione di ordine strettamente professionale: uomini, quindi, oltre che giocatori. Benché la rosa della passata stagione fosse larga e piuttosto equilibrata, non sono emersi malcontenti, né giocatori poco utilizzati hanno mai generato discussioni o polemiche. Non tutti sono sempre stati impiegati con continuità, ma ciascuno ha avuto spazio per dare il proprio contributo. A beneficio della condizione sempre ottimale di tutti gli elementi a disposizione del mister.

Qualche cessione è da mettere in conto

Benché la piazza sia attrattiva, il direttore sportivo Christoph Spycher ha detto di aspettarsi che nella finestra di mercato internazionale qualcuno possa essere tentato da una squadra di livello superiore. «Molti dei nostri giocatori - ha spiegato l’ex nazionale rossocrociato - si sono messi in luce attirando su di sé le attenzioni di molti osservatori». Impossibile andare contro le logiche di mercato, ragion per la quale nei cinque anni della sua direzione sportiva, spycher ha imparato a giocare d’anticipo, facendo delle mosse in proiezione di quanto “sente” che potrebbe accadere.

L’organico giallonero è talmente ampio e ben strutturato, che una o due partenze per fare cassa non inciderebbero troppo sulla sostanza di un gruppo che è in grado di rimediare in fretta all’una o all’altra cessione, se si dovessero verificare. Per fare un esempio concreto, David Wagner ha addirittura tre varianti possibili per formare il suo asse centrale di centrocampisti: Sandro Lauper e Michel Aebischer, Vincent Sierro e Christopher Martins, oppure Alexandre Jankewitz e Fabian Rieder. Con il navigato  Marvin Spielmann che a sua volta può essere impiegato al centro.

Benvenuta abbondanza

Il tecnico non ha certo motivo di lamentarsi dell’abbondanza di cui dispone. In primis, perché gli infortuni possono incidere, sulla quantità dei giocatori a disposizione e, di riflesso, sulla qualità di una squadra che nella stagione 2019/20 in alcuni momenti fu confrontata con una decina di defezioni di un certo peso che incisero non poco sul suo rendimento. Wagner, se l’Yb sarà risparmiato dagli infortuni, farà ruotare tutti gli elementi a disposizione. Se lo Young Boys in autunno dovesse entrare in una delle fasi a gironi delle competizioni europee, si troverebbe costretto a sostenere ben 14 settimane “inglesi” (con turno infrasettimanale), 12 in Europa e una sia in campionato sia in Coppa Svizzera. Impossibile quindi prescindere dalla rotazione degli effettivi.

Al contrario di altre piazze (Basilea, Grasshopper, Sion…), lo Young Boys (che sia l’allenatore, il direttore sportivo, i giocatori o la società) non ha mai fornito alcuno spunto per un “caso” o una polemica. Il motore è sempre in funzione, la sua azione è potente ma silenziosa. Seoane ricordò in una delle prime interviste quale tecnico giallonero che una delle cose che apprezzava di più era la possibilità di lavorare in un clima di grande serenità e calma. Le competenze e i ruoli sono definiti, si lavora assieme laddove serve la collaborazione. Con il quinto titolo filato quale obiettivo. A questo punto minimo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
david wagner super league young boys
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved