lugano-italo-brasiliano-renzetti-resta-presidente
+3
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
basket
9 ore

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
10 ore

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
10 ore

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
11 ore

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
11 ore

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
12 ore

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
12 ore

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
calcio
12 ore

Lugano e Inter di fronte nella ‘Lugano Super Cup’

Il 12 luglio a Cornaredo si affrontano i vincitori della Coppa Svizzera e della Coppa Italia
CALCIO
14 ore

Bernt Haas nuovo direttore sportivo del Grasshopper

L’ex nazionale aveva ricoperto lo stesso ruolo a Vaduz (con Giorgio Contini) e a Sciaffusa. Per il Gc esordio il 24 luglio contro il Lugano
CALCIO
15 ore

Divorzio tra l’Olympique Marisglia e Jorge Sampaoli

L’allenatore argentino aveva espresso dubbi in merito alla volontà della società di operare sul mercato per essere protagonista nella prossima Champions
BASKET
15 ore

Brittney Griner a processo in Russia per traffico di droga

Il dibattimento è iniziato oggi in un sobborgo di Mosca. La stella della Wnba accusata per il possesso di un liquido a base di cannabis. Rischia 10 anni
PALLANUOTO
19 ore

Sconfitti al Lido, gli Sharks sono con le spalle al muro

Nei quarti di finale dei playoff, il Lugano è stato battuto in rimonta dal Carouge. Domani a Ginevra gara 2. Obbligo di vincere per prolungare la stagione
CALCIO
19 ore

In Qatar sarà introdotto il fuorigioco semi-automatico

La Fifa ha approvato la nuova tecnologia che consente di stabilire la posizione di palla e giocatore in ogni momento. Non sostituirà il giudizio arbitrale
CICLISMO
1 gior

Comincia il Tour fra sospetti e Covid

Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
1 gior

Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo

A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
BASKET
1 gior

Una brutta Nazionale battuta a Cipro

Nelle pre-qualificazioni per Euro 25, Svizzera superata 71-63. Ciò nonostante, in caso di vittoria domenica in Irlanda passerebbe al secondo turno
CORSA D'ORIENTAMENTO
1 gior

Argento per Aebersold, diploma per Elena Roos

Ai Mondiali sprint in Danimarca, nella prova individuale la ticinese ha mancato la medaglia per un’indecisione tra il 15.mo e 16.mo punto di controllo.
CALCIO
1 gior

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
1 gior

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Calcio
27.05.2021 - 19:13
Aggiornamento: 19:35

Lugano… italo-brasiliano, Renzetti resta presidente

Trovato l’accordo con due soci (uno italiano, l’altro italo-brasiliano) per il passaggio del pacchetto di maggioranza del club. Ora la palla passa alla Lega

L’accordo per il passaggio di proprietà dell’Fc Lugano Sa tra Angelo Renzetti, attuale azionista di maggioranza con il 60 per cento delle quote societarie e il gruppo di investitori stranieri con il quale il presidente bianconero è in trattativa serrata ormai da settimane è stato raggiunto. Renzetti ha pure svelato chi si cela dietro questa operazione: due soci, un italiano e un italo-brasiliano, già ricevuti in Municipio.

Non che vi fossero poi troppi dubbi sulla sua felice conclusione, sulla quale lo stesso numero uno bianconero si era già espresso con ottimismo, parlando di accordo vicino. Ora, però, è giunta l’ufficializzazione da parte del Lugano che scioglie le ultime riserve circa la felice conclusione della transazione che prevede che Angelo Renzetti - dato, questo, per niente scontato - resterà alla testa del club in veste di presidente. 

‘Garantirò il trapasso’

«Più che di un gruppo - conferma Il 67enne massimo dirigente -, si tratta di due persone, un italiano che si è già occupato di calcio nelle leghe inferiori del suo Paese e un brasiliano che ha recentemente preso il domicilio nel Canton Lucerna. Per prendere in mano il Lugano sfrutteranno una mia società che avevo creato per finanziare il club, ma che non ho quasi mai utilizzato. Di più non posso dire, una volta che sarà tutto finalizzato saranno loro a presentarsi al pubblico, io li ho introdotti al Municipio della città perché ritengo che fosse giusto farlo, a maggior ragione con la questione nuovo stadio ancora aperta».

Un punto quest’ultimo che ha spinto Renzetti a non abbandonare subito e in maniera totale la barca bianconera… «Resterò presidente per un po’ di tempo in maniera da garantire un po’ il trapasso tra la vecchia e la nuova gestione, in pratica continuerò a metterci la faccia, in particolare nella situazione relativa al Polo sportivo, fondamentale per il futuro della società (ma anche per tutta la città di Lugano) e su cui si voterà probabilmente in autunno. Ci tenevo a gestirla in prima persona e per questo ho deciso di rimanere, anche se per me non è forse la posizione più comoda, anzi. All’inizio della mia esperienza ho già fatto il presidente stando chiuso nel baule della macchina (quando il club era ancora in mano a Giambattista Pastorello, ndr), ma se chi guida va contro un muro mi faccio male anche io. Non è una bella sensazione, lo ammetto, ma era un atto dovuto nei confronti del club in un momento particolare come questo».

Quanto alle tempistiche, l’imprenditore locarnese assicura che dall’ufficio legale della Swiss Football League abbiamo ricevuto le dovute rassicurazioni, entro martedì dovrebbe arrivare l’ok definitivo per la mini licenza, così potremo iniziare a pianificare concretamente una prossima stagione il cui inizio della preparazione è pianificato per il 18 giugno. E con diversi contratti in scadenza da discutere, il lavoro non manca».

L’accordo è sì stato avallato (oltre che promossa) dall’azionista di minoranza Leonid Novoselskiy, ma, si legge nel comunicato, “è soggetto al realizzarsi di determinate condizioni”, ma soprattutto è subordinato “all’approvazione definitiva da parte della Swiss Football League”. La gestione sportiva dll’Fc Lugano passerà quindi di mano in mano solo al momento della suddetta approvazione da parte della Lega, e più specificatamente, della commissione delle licenze chiamata a esprimersi sulla citata minilicenza richiesta giorni da dalla società bianconero. "Condicio sine qua non" per la certificazione di un passaggio di proprietà per il quale c’è l'accordo tra le parti ma non ancora la certezza granitica.

Insomma, Renzetti e i suoi interlocutori sono d’accordo, il punto di partenza è questo. Tuttavia il passaggio del pacchetto di maggioranza del capitale azionario della Lugano Sa è subordinato all'approvazione da parte della commissione delle licenze che si sta chinando sul dossier ma che ancora non si è pronunciata. «Non è una questione di ore - ha confermato il responsabile della comunicazione in seno alla Swiss Football League Philipp Guggisberg - bensì piuttosto di giorni. Difficile, quindi ipotizzare che la ratifica dell'accordo possa giungere entro la fine della settimana corrente. Più facile che si debba attendere l'inizio della prossima (come del resto confermato dallo stesso Renzetti), dopo di che il Lugano sarà libero di presentare tutti i dettagli di un’operazione che sta comunque volgendo alla conclusione nei termini desiderati. In tempi tutto sommato brevi.

«Il dossier lo abbiamo inviato dieci giorni fa alla Sfl - aveva ricordato Renzetti settimana scorsa - e stiamo aspettando una risposta. Gli investitori interessati provengono dall’estero e per questo motivo la Lega, per tutte le valutazioni del caso, ha dovuto far capo alla consulenza di una società specializzata, dalla quale sta aspettando l’inoltro del rapporto».

La procedura, insomma, non è delle più veloci, ma alla luce di quanto successo in un passato nemmeno tanto remoto, è giusto che le autorità del calcio svizzero procedano con i piedi di piombo prima di concedere la mini licenza a una possibile nuova proprietà. Che, comunque, avrebbe pur sempre Novoselskiy, persona ben conosciuta in Ticino, a fungere da garante con quel 40% delle azioni che rimarrebbe in mano sua.

La Lega: ‘Abbiamo tutti i documenti del caso’

La concessione della mini licenza comporta un’analisi patrimoniale al 31 marzo, la presentazione delle garanzie e un’indagine sui nuovi acquirenti e sulla provenienza dei loro capitali. Sono gli ultimi due punti a dover ancora essere passati al vaglio. La Lega è stata già sollecitata dall’Fc Lugano, lo stesso ha certamente fatto Swiss Football League con la suddetta società di consulenza. La questione è ovviamente delicata, ma siamo ormai prossimi alla soluzione.  «Abbiamo tutti i documenti del caso - conferma Guggisberg - e l’abbiamo sottoposta alle autorità competenti, ossia la commissione delle licenze. L’analisi è in corso, comunicheremo il risultato non appena la commissione ci darà l’ok. Capisco che il club abbia comunicato di aver trovato un accordo con gli acquirenti interessati, ma questo non comporta che la Lega abbia dato un preavviso favorevole. La situazione è delicata perché si agisce su due fronti. Da una parte società e investitori lavorano a un accordo che possono anche trovare, come ha fatto il Lugano. D'altro canto però tale accordo, ammesso di trovarlo, è subordinato all’approvazione da parte della nostra commissione». Senza la quale tutto verrebbe rimesso in discussione.

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angelo renzetti fc lugano presidente
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved