con-questo-lugano-fa-festa-anche-il-vaduz
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
EURO 2020
6 ore

Quel sinistro che consegnò Marc Hottiger alla storia della Nati

Il 1. maggio 1993 il laterale destro segnò il gol della vittoria contro l'Italia, spianando la strada verso Usa 94: ‘Peccato, non ho conservato le scarpette’
Euro 2020
12 ore

L'autogol di Hummels offre tre punti alla Francia

Il big-match all'Allianz Arena segnato pure dagli spunti di Mbappé e Benzema nella ripresa, le cui due reti sono però state annullate entrambe per fuorigioco
CICLISMO
14 ore

Al Tour stavolta c'è anche Chris Froome

A 36 anni, e dopo due di assenza, il keniano bianco sarà al via della Grand Boucle, il 26 giugno a Brest. Alla testa della formazione Israel Start-Up Nation
Euro 2020
15 ore

A Budapest il Portogallo dice grazie a (Willi) Orban

Ungheria frenata dal Var, che annulla il vantaggio di Schön all'81, e poi beffata da una deviazione del difensore, che stende pure Silva per il rigore dello 0-
Euro 2020
16 ore

Petkovic: ‘Dobbiamo frenare l'entusiamo dell'Italia’

Il selezionatore elvetico lancia l'attesa sfida di mercoledì con gli Azzurri di Mancini, che sulla Svizzera dice: ‘La rispettiamo, ci servirà un gran match’
Altri sport
18 ore

Il sogno ‘Weltklasse’ da toccare con mano

Finale cantonale della Kids Cup a Bellinzona: i vincitori parteciperanno alla finale svizzera a Zurigo
Euro 2020
18 ore

Il derby che non c’è ma che tutti vogliono vincere

Domani all’Olimpico va in scena la sfida numero 59 tra Italia e Svizzera, vissuta con fervore dalle nostre parti, meno in casa azzurra
EURO 2020
20 ore

Caso Arnautovic, aperta una procedura disciplinare

L'Uefa decide di investigare sulle parole pronunciate dal giocatore austriaco nei confronti degli avversari della Macedonia del Nord
Unihockey
21 ore

Comeback Cup, gli ‘aquilotti’ alle finali svizzere

Gli Under 14 dell'Unihockey Eagles Sementina impegnati sabato a Meilen contro i Lions per l'atto conclusivo della Coppa della loro categoria
CALCIO
08.05.2021 - 20:190
Aggiornamento : 09.05.2021 - 12:37

Con questo Lugano fa festa anche il Vaduz

Bianconeri messi sotto dalla penultima in classifica, nonostante un perdominio territoriale tanto ampio, quanto sterile

Quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per un Lugano che sembra avere perso il filo di un discorso che lo aveva condotto, appena un mese fa, a raggiungere quei 40 punti considerati la quota necessaria per poter iniziare a pensare a qualcosa di più ambizioso di una salvezza ormai garantita. E invece, da quel 10 aprile è arrivata soltanto la vittoria con il San Gallo a fronte delle sconfitte con Young Boys, Servette, Zurigo e Vaduz. Anche contro gli uomini del Principato, impegnati a lottare per la sopravvivenza nell’élite svizzera, ai bianconeri è parso mancare qualcosa. Non certo sotto il profilo dell’impegno, mai venuto meno, ma piuttosto su quello fisico. Perché se è vero che gli uomini di Jacobacci hanno corso fino all’ultimo secondo, è però venuta loro meno la lucidità necessaria per fare la cosa giusta al momento giusto. Il gol del vantaggio trovato da Cicek dopo appena 16’ con una conclusione tanto bella, quanto estemporanea, non ha certo facilitato il compito a Sabbatini e compagni. Ma a conti fatti i bianconeri non sono praticamente riusciti a proporre una reazione ragionata ed efficace, finendo con il limitarsi a molti traversoni – per lo più dalla tre quarti – assolutamente inutili per una squadra che non ha nella sua Santa Barbara la capacità di offendere per via aerea (ma anche palla a terra, ultimamente le cose non vanno certo meglio, con un Ardaiz impalpabile nei primi 45’ e un Abubakar più mobile ma altrettanto inefficace nella ripresa).

Certo, qualche occasione c’è stata, ad esempio quella di Guerrero al 43’ o quella di Gerndt al 45’, ma nel complesso Büchel non si è mai dovuto superare per preservare un successo di fondamentale importanza nella lotta per la salvezza.

Anche nella ripresa, quando si è giocato praticamente a una porta sola (ma l’occasione migliore l’ha comunque avuta il Vaduz al 52’ con Dorn che tutto solo sul dischetto degli undici metri ha ciccato un servizio rasoterra dalla destra), il Lugano è apparso privo di lucidità e di idee. Come in occasione del raddoppio ospite, firmato in mischia da Schmied al 79’, su un calcio d’angolo (forse inesistente) che la difesa non ha saputo gestire.

Adesso, in classifica i punti di vantaggio sul Vaduz sono scesi a sette, quando in palio ne rimangono 12. Certo, il margine di sicurezza è ancora ampio, ma lo 0-2 di Cornaredo allontana l’Europa in modo quasi definitivo.

Lugano - Vaduz (0-1) 0-2

Reti: 16’ Cicek 0-1. 79’ Schmied 0-2

Lugano: Baumann; Custodio, Daprelà, Ziegler (86’ Oss); Lavanchy, Covilo, Lovric, Sabbatini (75’ Lungoy), Guerrero (75’ Facchinetti); Gerndt, Ardaiz (46’ Abubakar)

Vaduz: Büchel; Schmied (93’ Rhimi), Schmid, Simani; Dorn, Gajic, Hug (46’ Obexer); Lüchinger, Cicek (69’ Djokic), Gasser (69’ Prokopic); Di Giusto (80’ Gomes)

Arbitro: San

Note: 100 spettatori. Lugano senza Kecskes, Maric, Bottani, Guidotti (infortunati); Vaduz senza Wieser (infortunato), Sutter (ammalato). Ammoniti: 20’ Ardaiz. 26’ Gasser. 63’ Gerndt

 

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved