maurizio-jacobacci-e-gli-attributi-da-ritrovare-del-lugano
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
9 ore

Mujinga supersonica: titolo europeo in 22’’32

La bernese si mette al collo la medaglia d’oro nei 200 agli Europei di Monaco di Baviera. È il terzo podio stagionale per la trentenne dell’St Berna
BEACH VOLLEY
10 ore

Nina e Tanja torneranno in campo per giocarsi l’oro

La svittese e la zugana sono in finale nel torneo fermminile, dove affronteranno le lettoni Kravcenoka e Graudina che non hanno ancora perso un set
gallery
calcio
11 ore

Il Gambarogno ‘è abbastanza maturo per tentare il colpaccio’

Il Mister Gabriele Censi è convinto della possibilità della sua squadra di eliminare il Kriens dalla Coppa: ‘per loro non sarà una passeggiata’
TUFFI
12 ore

Roma, dai tre metri Michelle Heimberg si colora d’argento

Altra medaglia dagli Europei al Foro Italico, dove la ventiduenne argoviese è stata battuta soltanto dall’italiana Chiara Pellacani
mountain bike
12 ore

Vince Pidcock, Colombo è di nuovo terzo

Il britannico precede il danese Fini Carstensen e il ticinese, sul podio come l’anno scorso a Novi Sad, autore di una gara sempre nelle prime posizioni
CICLISMO
13 ore

Grenchen incorona Bigham nuovo re dell’ora: 55,548 km

Il britannico della Ineos, team per il quale lavora anche come ingegnere, sul velodromo solettese supera nettamente il primato del belga Campenaerts
hockey
16 ore

Il Lugano è a Straubing, ‘un viaggio per conoscerci meglio’

I bianconeri affrontano i Tigers, mentre Oliwer Kaski vuole continuare a migliorarsi: ‘Devo riuscire a centrare gli angolini’
atletica
19 ore

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
20 ore

Débâcle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
20 ore

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
22 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
1 gior

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
1 gior

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
1 gior

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
ATLETICA
1 gior

La staffetta torna in pista, ma Mujinga non c’è

Come ai Mondiali il tecnico Adrien Rothenbühler decide di correre le eliminatorie senza la sua numero uno. Sarà il gran giorno di Melissa Gutschmidt
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Europei di Monaco, Filippo Colombo ambizioso

Venerdì si assegnano le medaglie nel cross-country e il ticinese, reduce da ottime prove in Nordamerica, si sente pronto
Calcio
1 gior

L’addio all’Acb di Sesa: ‘Bentancur scorretto con me’

La società: non accettiamo le sue dimissioni
Calcio
1 gior

Tatjana Hänni lascerà a fine 2022

La direttrice del calcio svizzero femminile andrà negli USA
07.05.2021 - 18:28

Maurizio Jacobacci e gli attributi (da ritrovare) del Lugano

Dopo la brutta prestazione di Zurigo (3-0 e quarta sconfitta nelle ultime 5 partite) il tecnico bianconero si aspetta una reazione domani contro il Vaduz

Maurizio Jacobacci rivuole un Lugano con gli attributi. Intesi come qualità solitamente proprie della sua squadra quali «solidarietà, compattezza, umiltà, aggressività, forza nei duelli e solidità difensiva», ma intesi anche in senso lato, per dirla in maniera elegante, il carattere. Sì perché il tecnico bianconero non è per nulla contento di quello che ha visto nelle ultime uscite – quattro su cinque terminate con una sconfitta – e in particolare domenica in quel di Zurigo, da dove i ticinesi sono tornati con un secco 3-0 sul groppone che ha lasciato l’amaro in bocca all’allenatore bernese forse più per il modo in cui i suoi ragazzi hanno interpretato il match che per il risultato in sé. “Jaco” lo aveva immediatamente messo in chiaro dopo la partita del Letzigrund («l’atteggiamento del gruppo non è stato quello che mi aspettavo, avrei voluto vedere un Lugano molto più grintoso e aggressivo») e lo ha ribadito in settimana: prima ai diretti interessati, i giocatori, con i quali ha avuto un confronto diretto martedì in una riunione voluta dallo stesso tecnico al posto dell’allenamento sul campo (in seguito svolto in maniera individuale); poi, oggi, nuovamente alla stampa, di fronte alla quale non è riuscito a nascondere un misto di nervosismo e delusione per quello che avrebbe potuto essere ma che ora difficilmente sarà, ossia il secondo posto in campionato e la conseguente qualificazione ai preliminari dell’Europa Conference League (alla quale si accederà comunque anche attraverso la terza piazza in Super League e forse pure la quarta, in caso il Servette dovesse trionfare in Coppa Svizzera e chiudere tra i primi tre).

«È vero, nelle scorse settimane ho parlato io stesso di secondo posto e di Europa, ma ho sbagliato – le parole (formulate certamente anche per stimolare e far reagire indirettamente i giocatori bianconeri) di Jacobacci alla vigilia della sfida di domani sera a Cornaredo (18.15) contro un Vaduz in piena lotta contro la retrocessione (+2 sul Sion ultimo) –. Mi sono lasciato prendere dal vostro gioco, perché eravate soprattutto voi giornalisti a parlare di Europa, ma dobbiamo capire che davanti a noi ci sono squadre come il Basilea che sta di nuovo facendo bene e un Servette (entrambe a +4 sul Lugano, ndr) che ha battuto due volte l’Yb. Essere ambiziosi è un conto ma bisogna tenere in considerazione tante cose e forse il secondo posto forse è un traguardo troppo grande per noi visto il peso come società del Basilea e il suo organico. Penso ad esempio a un Cabral che da solo ha segnato 18 gol, più della metà delle reti del Lugano (35, ndr). Noi finora avevamo compensato le nostre mancanze mettendoci solidarietà, compattezza, umiltà, aggressività, forza nei duelli e solidità difensiva. Non si parla di tecnica ma di mentalità. A Zurigo non abbiamo portato in campo queste caratteristiche e abbiamo visto com’è andata. Ora però basta pensare sia allo Zurigo sia all’Europa, dobbiamo concentrarci sul Vaduz e conquistare una vittoria che aiuterebbe tutti a dimenticare l’ultima brutta partita».

‘Mancare l’Europa non sarebbe un fallimento’

Un successo che però potrebbe non bastare visto che come detto quello di Zurigo non è stato l’unico passo falso dei bianconeri nelle ultime settimane (in chiave Europa pesa in particolare il ko 1-0 nello scontro diretto con il Servette). Sbavature che Jacobacci teme possano far passare in secondo piano la grande stagione della sua squadra… «Mi auguro che direte veramente – ha proseguito il 58enne rivolgendosi ai giornalisti – che un’eventuale mancata qualificazione in Europa non sia un fallimento. Anche perché abbiamo disputato un bel campionato, che avrebbe potuto essere anche migliore. Ricordo diverse partite che per sfortuna o episodi a sfavore sono terminate con un risultato meno positivo di quello che poteva essere: penso al quarto di finale di Coppa (sconfitta 2-1 con il Lucerna a Cornaredo, ndr), alla sfida pareggiata all’ultimo secondo dal Servette o a quella persa in casa 3-2 contro il Lucerna, per non parlare del 2-2 di Basilea. Ci sono state piccole delusioni che hanno fatto male, avremmo potuto disputare un grande campionato ed eravamo vicini a una cosa veramente importante come la Coppa svizzera, ma dobbiamo per forza di cose accettare la situazione. Anche per questo ho voluto organizzare la riunione con i ragazzi (programmata quella mattina stessa, a differenza di quanto scritto erroneamente da qualcuno), nella quale abbiamo discusso soprattutto di come desideriamo affrontare le quattro gare che rimangono, con quale mentalità e quali motivazioni. Per me è fondamentale non snobbare questi impegni e ne abbiamo parlato perché sono loro scendere in campo. In palio ci sono ancora 12 punti e non possiamo permetterci di buttarli, è da settembre che tutti facciamo sacrifici e ho voluto sottolineare quanto sia importante arrivare in fondo con lo stesso atteggiamento. Già da domani dobbiamo avere una grande reazione».

Per reagire servono le energie fisiche e soprattutto mentali che sono sembrate venire meno a Sabbatini e compagni nelle ultime settimane e Jacobacci è certo che la sua squadra saprà trovarle… «Il gruppo ha ancora qualcosa da dare, lo si vede tutti i giorni negli allenamenti. I ragazzi hanno voglia di allenarsi, sono presenti e persino martedì dopo che gli ho detto che erano liberi perché mi interessava che recuperassero dal profilo mentale, hanno preferito restare e allenarsi in sala pesi o in campo. Questo dimostra che hanno voglia di stare insieme ed è positivo».

Fuori gioco i ‘big’ Maric e Bottani: ‘Chi gioca deve esaltarsi, saranno pronti’

Oltre ai tre punti, a Zurigo il Lugano ha perso anche due colonne portanti come Mijat Maric e Mattia Bottani. Se il numero dieci potrebbe recuperare dall’infortunio muscolare alla coscia per le ultime due o tre partite della stagione, il difensore (problema a un ginocchio) ha già chiuso anzitempo la sua stagione. Oltre a loro, contro la squadra del Principato mancherà anche Kecskés… «Non posso pensare a chi non ci sarà, devo concentrarmi e rispettare chi sarà a disposizione. Sono convinto che chi subentrerà sarà pronto a fare il meglio possibile. Come detto ci vuole in tutti la voglia di chiudere il campionato nel miglior modo possibile, al là dell’avversario mi importa come gioca la mia squadra, con quale atteggiamento scende in campo. Chi entra deve dimostrare quello che sa fare ed esaltarsi. Contro San Gallo e Losanna qui a Cornaredo abbiamo vinto perché avevamo questa gran voglia prima di tutto di non subire gol e poi una volta recuperata palla di andare a segnare. Chiedo questa carica che è sempre stata l’arma importante del Lugano. Con questi attributi e con l’aspetto tecnico che abbiamo, siamo stati in grado di ottenere belle vittorie».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano maurizio jacobacci super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved