daniel-pavlovic-il-chiasso-e-le-sue-finali
Da gennaio a Chiasso
+1
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BOXE
6 ore

Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield

25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
calcio
13 ore

La nazionale femminile demolita dalla Germania

Nella penultima amichevole prima degli Europei le ragazze di Nils Nielsen vengono sconfitte addirittura per 7-0
calcio
13 ore

Il Basilea si aggiudica Zeki Amdouni

Il pezzo pregiato del calciomercato elvetico si accasa ai rossoblù con un prestito biennale con successiva possibilità d’acquisto definitivo
tennis
14 ore

Tennis, la favola di Bellier si conclude contro Bautista Agut

Lo spagnolo elimina l’elvetico nella semifinale del torneo di Maiorca
atletica
14 ore

Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri

Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
17 ore

Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino

Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
ATLETICA
18 ore

Athletissima, si prepara un 200 di grande livello

Presentati i primi nomi della 47esima edizione in programma il 26 agosto. Ma il cartellone definitivo verrà stilato solo dopo Mondiali ed Europei
CALCIO
19 ore

Parte la campagna abbonamenti dell’Fc Lugano

I detentori di una tessera stagionale potranno entrare gratuitamente alla prima partita casalinga di Conference League
CALCIO
19 ore

‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’

Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
22 ore

A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner

Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
CALCIO
1 gior

Il norvegese Ole Selnaes a Zurigo

Il centrocampista ha firmato per una stagione. Il Sion cede in prestito al Winterthur il portiere Timothy Fayulu
NUOTO
1 gior

Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti

La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
Calcio
1 gior

Calendario Liga, il Real debutta ad Almeria

Si gioca dal 14 agosto, il Barça riceve il Rayo, trasferta breve per l’Atletico (Getafe)
Calcio
1 gior

Un centrocampista congolese per lo Zurigo

Jonathan Okita ha firmato per tre anni con i campioni svizzeri
NUOTO
1 gior

Mondiali, Noè Ponti va in finale

Obiettivo raggiunto a Budapest nei 100 delfino. Domani alle 18.44 tornerà in acqua per una medaglia. Roman Mityukov nei 200 dorso ha chiuso al 7. posto
atletica
1 gior

Del Ponte, Petrucciani e tutti gli altri

Ticino come al solito ambizioso ai Campionati Svizzeri assoluti di Zurigo. Spiccano le presenze di Ajla Del Ponte e Ricky Petrucciani
06.05.2021 - 19:52

Daniel Pavlovic, il Chiasso e le sue ‘finali’

Il 33enne terzino sinistro dopo aver girato Svizzera, Germania e Italia sta mettendo la sua esperienza a disposizione del club momò a caccia della salvezza

di Emiliano Rossi

Alcuni giorni di quiete a Coccaglio, per preparare una sfida con il Winterthur che viene definita una finale. Un termine usato spesso nel calcio: parlando del Chiasso, si potrebbe far notare che le vere finali saranno le ultime due di campionato, contro i diretti avversari per la salvezza in Challenge League Sciaffusa e Xamax, ma è anche vero se non arrivassero dei buoni risultati prima, a quelle finali si potrebbe anche arrivare con poco da dire.

«Certamente le ultime due partite saranno delle finalissime, però è ancora presto per pensarci – concorda Daniel Pavlovic, esperto difensore (33 anni) che lo scorso gennaio ha raggiunto il Riva IV dopo un lungo girovagare che lo ha portato ad esempio a vestire le maglie, elencate per numero di presenze, di Grasshopper, Sciaffusa, Frosinone, Kaiserslautern, Sampdoria, Crotone e pure Lugano (4 apparizioni nella scorsa Super League) –. Dobbiamo concentrarci sulla sfida di venerdì contro il Winterthur (che tra l’altro ha il peggior ruolino di marcia del 2021, ndr). Per essere ancora lì a giocarcela dobbiamo vincere, è molto importante anche per il morale».

Una semifinale, chiamiamola così. Contro il Thun è arrivata una frenata (2-0), dopo un buon periodo. «Sapevamo che non sarebbe stato facile, loro hanno disputato una buona partita e noi purtroppo un po’ meno. Siamo andati là per vincere ma non è andata bene».

Due donne nella quaterna arbitrale: «Un bel segnale ma in campo cambia poco, l'arbitro rimane il capo‘

Un dettaglio curioso della sfida di venerdì con gli zurighesi: ci saranno due donne nella quaterna arbitrale, l'arbitro Esther Staubli e la guardalinee Susanne Kueng (assieme a Remy Zraggen, il quarto uomo sarà Esteban Risi). Un segnale sicuramente di apertura del mondo del calcio verso le donne, non sempre scontato, che la società rossoblù ha salutato con favore... «Trovo sia qualcosa di positivo. Non mi è successo molto spesso di essere stato arbitrato da donne, con la signora Staubli abbiamo pareggiato con il Thun e ricordo che è stata molto brava, mostrando personalità. Per noi che sia un uomo o una donna cambia poco, in campo è il capo e cerchiamo di avere un dialogo positivo, perché sappiamo che anche il loro non è un compito facile, poi ovviamente succede di non essere d’accordo con qualche decisione. Ma avere due donne nella quaterna è un bel segnale».

Il difensore elvetico di origine bosniaca, svincolatosi dai bianconeri ad agosto, definisce la sua stagione «strana, è iniziata di fatto a febbraio, quando sono arrivato a Chiasso. Cosa è successo prima? Non lo so, ci sono periodi nel calcio dove non arrivano occasioni che piacciono. È quel che è capitato a me e ho preferito aspettare piuttosto che dire sì a qualcosa che non mi convinceva, certo non si sa per quanto tempo bisogna attendere e non è facile. Basilare è continuare ad allenarsi e rimanere sul pezzo anche in momenti del genere».

Mister Baldo Raineri, che come tutti gli allenatori parla poco dei singoli e più del gruppo, spende spesso parole importanti per Pavlovic e qualche settimana fa ha definito uno scandalo il fatto che non giochi in categorie superiori. Complimenti che fanno piacere al diretto interessato... «Cerco di fare del mio meglio per aiutare la squadra a raggiungere il nostro risultato che è la salvezza. Provo anche a dare consigli ai miei compagni, soprattutto su situazioni che magari ho già vissuto da giovane oppure se vedo qualcosa che secondo me potrebbe essere fatto in un altro modo».

‘Bello lottare per vincere con il Gc, ma la Serie A è un altro mondo’

Ad alti livelli, in effetti, il terzino sinistro ha giocato... «Qual è stato il periodo più importante della mia carriera? Sicuramente vincere la Coppa Svizzera e lottare per i primi posti in campionato col Grasshopper è stato fondamentale e molto stimolante, però se penso a quando giocavo in Italia con la Sampdoria, posso dire che la Serie A è un altro mondo, per gli stadi in cui scendi in campo, per gli avversari che sfidi, per le tifoserie. Se mi chiedi cosa fa la differenza, non si può nascondere come le risorse economiche siano importanti. In Svizzera si sta facendo un ottimo lavoro, infatti ogni anno tanti giocatori vanno a disputare i campionati più importanti d’Europa, però è difficile competere con chi ha cinque volte il tuo budget e può acquistare i calciatori che vuole. I soldi permettono di garantirti la qualità, non possono essere sottovalutati. Se non ci sono, si lavora con quanto si ha a disposizione. La Svizzera sta in ogni caso facendo, ripeto, qualcosa di valido, anche in Nazionale arrivano sempre elementi promettenti. L’Italia, che è anche una nazione più grande, calcisticamente è sempre stata superiore».

A proposito di nazionale, Pavlovic dopo aver rappresentato la Svizzera nelle selezioni giovanili, ha scelto la Bosnia, con cui ha accumulato due presenze nel 2017, una in amichevole e una nelle qualificazioni mondiali... «Non credo proprio che questa decisione abbia influito sulla mia carriera – risponde quando gli chiediamo se magari qualcuno nel nostro paese può non averla presa bene –. Non mi sono mai arrivate chiamate dalla nazionale maggiore svizzera quando giocavo qui, poi mentre ero alla Sampdoria mi è giunta quella della Bosnia. Non ho esitato a dire sì, sono stato molto orgoglioso».

Un discorso che però appartiene al passato («per essere chiamati in ogni selezione nazionale bisogna giocare ad alti livelli, se sei qui in Svizzera non è facile essere convocato»), ora nel presente di Pavlovic ci sono il Chiasso e le sue "finali".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
challenge league daniel pavlovic fc chiasso

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved