Congo Dr
1
Marocco
1
fine
(1-0)
Mali
0
Tunisia
1
fine
(0-1)
Cameroon
0
Algeria
1
fine
(0-1)
Ghana
0
Nigeria
0
fine
(0-0)
Egitto
1
Senegal
0
fine
(1-0)
Senegal
1
Egitto
0
fine
(1-0 : 0-0 : 0-0)
Nigeria
1
Ghana
1
fine
(1-1)
Algeria
1
Cameroon
2
fine
(0-1)
Marocco
4
Congo Dr
1
fine
(2-0)
Tunisia
0
Mali
0
fine
(0-0)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 min

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau
HOCKEY
14 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
14 ore

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
14 ore

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
14 ore

Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince

I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
17 ore

Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt

Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
18 ore

Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono

Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Bob
1 gior

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
1 gior

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
1 gior

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
1 gior

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
1 gior

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
1 gior

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
1 gior

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
1 gior

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
1 gior

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
1 gior

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
1 gior

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
1 gior

Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo

Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
BASKET
1 gior

Due trasferte in Romandia per Spinelli e Tigers

Il Massagno non deve scherzare contro il Nyon, mentre un Lugano con qualche assente di troppo sarà ospite del Ginevra
SCI ALPINO
1 gior

Cdm senza pace, annullata la discesa di Beaver Creek

Uomini fermi, come settimana scorsa a Lake Louise, a causa di vento e precipitazioni nevose. Si tratta della nona gara tolta dal calendario o posticipata
Hockey
2 gior

Tre giornate e multa a Bachofner

Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
CALCIO
19.04.2021 - 20:36

Ceferin: ‘Escluso dall'Uefa chi partecipa alla Super Lega’

La nuova entità, alla quale hanno aderito 12 squadre, sommersa dalle critiche. Il presidente della confederazione europea: ‘Giocatori privati della Nazionale’

ceferin-escluso-dall-uefa-chi-partecipa-alla-super-lega
La Champions League nel mirino dei dissidenti

Guerra di parole e battaglie giudiziarie all’orizzonte del calcio europeo. La Super Lega, una competizione privata fondata domenica da 12 club dissidenti, ha scatenato la protesta dei tifosi e degli organi di governo, che l'hanno definita “uno sputo in faccia agli amanti del calcio”.

Dopo decenni in cui lo spettro dello scisma è stato sventolato per strappare all'UEFA sempre maggiori concessioni, i top club del continente, guidati da Real Madrid, Liverpool e Manchester United, hanno fatto il grande passo creando una società privata, soprannominata Super Lega, e avviando preventivamente le procedure legali per garantire che il progetto sia lanciato correttamente di fronte all'opposizione di UEFA, l'organizzatrice della Champions League e FIFA, le quali hanno minacciato cause miliardarie contro le società dissidenti.

La creazione della Super Lega è “una proposta vergognosa” da parte di pochi club “guidati dall'avidità” e “uno sputo in faccia a tutti gli amanti del calcio”, ha detto il presidente dell’UEFA Aleksander Ceferin in una conferenza stampa. Il capo dell'organismo europeo ha replicato all’iniziativa scismatica promettendo di escludere i club e i giocatori interessati da tutte le competizioni nazionali e internazionali, e ha ufficializzato l'adozione di una riforma della Champions League, che sarà ampliata da 32 a 36 squadre entro il 2024. Inoltre, il comitato esecutivo ha deciso di rinviare a venerdì la decisione in merito alle sedi di Euro 21, con Monaco, Dublino e Bilbao ancora in forse vista la reticenza dei rispettivi governi ad accettare la presenza degli spettatori sugli spalti.

I club ribelli – Milan, Arsenal, Atletico Madrid, Chelsea, Barcellona, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid e Tottenham – comprendono tutti i vincitori della Champions League dal 2005, a eccezione del Bayern Monaco. L’idea è di introdurre un controverso sistema di lega quasi chiusa paragonabile a quelle nordamericane di basket (Nba), football (Nfl) e hockey (Nhl). “La stagione inaugurale (...) inizierà il più presto possibile”, hanno assicurato i club fondatori in un comunicato, senza fissare un calendario specifico.

‘Risorse aggiuntive’

Secondo una fonte a conoscenza dei negoziati, Bayern Monaco, Paris St-Germain e Porto sono stati avvicinati, ma i tedeschi si sono fermamente opposti all’idea, mentre i francesi si sono limitati a non firmare. «Da parte tedesca, il Bayern Monaco e il Dortmund hanno chiarito di essere contrari al progetto», ha detto il patron del Borussia, Hans-Joachim Watzke.

Secondo i suoi promotori, la Super Lega funzionerebbe sotto forma di una regular season con 20 squadre, seguita dai playoff. Al via i 15 membri completi (i 12 club fondatori menzionati e altri tre da determinare) con l’aggiunta di cinque squadre scelte “attraverso un criterio basato sulle loro prestazioni nella stagione precedente”. Le partite si terrebbero a metà settimana, in concorrenza diretta con gli slot riservati alla Champions League, ma non con i campionati nazionali tradizionalmente disputati nei fine settimana.

La nuova competizione, secondo i suoi promotori, è destinata a “generare risorse aggiuntive per l'intera piramide calcistica” e i club fondatori riceveranno “un pagamento una tantum dell'ordine di 3,5 miliardi di euro esclusivamente per gli investimenti in infrastrutture e per compensare l'impatto della crisi del Covid-19”. La banca statunitense JPMorgan ha confermato che finanzierà il progetto.

Gli importi citati presuppongono entrate ben al di sopra di quelle ottenute dall’UEFA per tutte le sue competizioni per club (Champions League, Europa League e Supercoppa europea), che avevano generato 3,2 miliardi di euro di diritti televisivi nel 2018-2019, prima di una pandemia che ha gravemente afflitto il mercato dei diritti sportivi.

Minaccia di esclusione

Resta da vedere come UEFA e FIFA risponderanno a questo tentativo di secessione, simile a quello nel basket europeo, tra l'Eurolega e la Fiba. La Fifa “non può che disapprovare una lega europea chiusa e dissidente”, ha fatto sapere la federazione internazionale.

Da parte sua, Aleksander Ceferin ha ribadito lunedì che i giocatori militanti nei club aderenti a questa lega privata “saranno banditi” da competizioni internazionali come la Coppa del Mondo o l'Euro e “non potranno rappresentare le loro squadre nazionali”. La Svizzera, quindi, rischierebbe di non poter schierare all’Euro né Xherdan Shaqiri (Liverpool), né Granit Xhaka (Arsenal). Resta da vedere se la minaccia è conforme al diritto europeo della concorrenza, il che suggerisce una possibile battaglia legale. Proprio per questo motivo, il comitato esecutivo ha in programma una nuova riunione per martedì, al fine di valutare dal profilo legale le prossime mosse da prendere. All’interno dell’organo direttivo c’è infatti chi preme per un’immediata esclusione dei club dissidenti da Champions e campionati nazionali attualmente in corso.

In una lettera indirizzata a FIFA e UEFA, ottenuta dall'Afp, i promotori della Super Lega hanno annunciato di aver avviato preventivamente “una procedura presso i tribunali competenti per garantire la regolare istituzione e lo svolgimento della competizione”.

TIfosi inviperiti

Nel frattempo, le prese di posizione contrarie alla Super Lega si sono moltiplicate, soprattutto tra i tifosi. “È una rapina. Stanno togliendo ogni forma di incertezza sportiva, che è la base del nostro attaccamento a questo sport”, ha detto all'Afp Ronan Evain, coordinatore della rete Football Supporters Europe.

I membri dello Spion Kop 1906, uno dei principali gruppi sostenitori del Liverpool, hanno reso noto che ritireranno i loro striscioni dagli spalti della Kop, la curva simbolo della tifoseria dei Reds: “Sentiamo di non poter più dare il nostro sostegno a un club che mette l’avidità finanziaria davanti all’integrità del gioco», hanno fatto sapere via Twitter. 

Gli ex calciatori: ‘Vergogna’

Non sono da meno gli ex calciatori: “È un atto criminale contro i tifosi, una vergogna, una truffa – si è indignato Gary Neville, ex idolo del ManU in un monologo di tre minuti su Sky –. Devono essere severamente puniti, con multe salatissime, ritiro di punti o la cancellazione dei titoli conquistati”.

Gli ha fatto eco Rudi Völler, attuale dirigente a Leverkusen: “È un crimine contro il calcio. Dortmund e Bayern che hanno declinato l’invito hanno mostrato coraggio».

Sempre in Germania, Lukas Podolski ha definito il progetto “disgustoso, ingiusto. Sono deluso che club per i quali ho giocato abbiano aderito”, afferma riferendosi a Milan e Arsenal.

“I ragazzini sognano di vincere il Mondiale o la Champions, non una Super Lega qualunque – ha tuonato Mesut Özil, campione del mondo 2014 con la Germania –. La bellezza delle partite tra grandi squadre è che se ne giocano due o tre all’anno, non una ogni settimana”.

Ander Herrera, giocatore del Psg, rincara la dose… “Mi sono innamorato del calcio popolare, nel quale i tifosi hanno il sogno di vedere la loro squadra contro le più grandi. Se questa Super Lega si concretizzasse, tutti i sogni sparirebbero. I ricchi hanno rubato ciò che la gente ha creato, vale a dire lo sport più bello del mondo”.

Il Real Madrid fa parte dei club fondatori, ma la sua ex stella Luis Figo prende le distanze: “Questo sviluppo avido e senza cuore rappresenterebbe un disastro per la nostra base, per il calcio femminile e per l’intera comunità calcistica nel suo complesso. E tutto soltanto per servire gli interessi di proprietari che da tempo hanno smesso di preoccuparsi dei loro tifosi e mostrano null’altro che disprezzo per il merito sportivo. Una tragedia”.

Dejan Lovren, ex difensore del Liverpool, attualmente in forza allo Zenit San Pietroburgo afferma che “in un prossimo futuro il calcio si ritroverà sull’orlo del collasso”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved