Germania
2
Italia
0
1. tempo
(2-0)
Gran Bretagna
0
Finlandia
1
1. tempo
(0-1)
ceferin-escluso-dall-uefa-chi-partecipa-alla-super-lega
La Champions League nel mirino dei dissidenti
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
12 min

Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?

Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
CICLISMO
27 min

Bernal si allena, ma il suo rientro non ancora in agenda

Il colombiano, rimasto ferito in un incidente stradale nel mese di gennaio, ha preso parte a un evento a margine del Giro d’Italia
FOOTBALL
3 ore

Terza vittoria per i Lugano Rebels, Glarona k.o.

Successo per 24-7 nel campionato di Serie C. Dopo tre trasferte consecutive, domenica i ticinesi giocheranno a Cornaredo contro i Morges Bandits
Calcio
3 ore

La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff

Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta
Hockey
5 ore

Angelo, il siciliano di Helsinki

Nei pressi della Ice Hall uno dei pochi emigrati italiani gestisce un ristorante e ci racconta la sua storia
atletica
6 ore

‘Impossibile paragonarla ora all’Ajla della finale olimpica’

Dopo l’infortunio di febbraio, l’allenatore dell’atleta valmaggese, Laurent Meuwly, lancia la stagione: ‘Al top agli Europei di Monaco’
Serie A
10 ore

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
17 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
19 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
20 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
20 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
21 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
21 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
22 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
22 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
23 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
23 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
23 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
1 gior

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
1 gior

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
1 gior

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
1 gior

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
CALCIO
19.04.2021 - 20:36

Ceferin: ‘Escluso dall'Uefa chi partecipa alla Super Lega’

La nuova entità, alla quale hanno aderito 12 squadre, sommersa dalle critiche. Il presidente della confederazione europea: ‘Giocatori privati della Nazionale’

Guerra di parole e battaglie giudiziarie all’orizzonte del calcio europeo. La Super Lega, una competizione privata fondata domenica da 12 club dissidenti, ha scatenato la protesta dei tifosi e degli organi di governo, che l'hanno definita “uno sputo in faccia agli amanti del calcio”.

Dopo decenni in cui lo spettro dello scisma è stato sventolato per strappare all'UEFA sempre maggiori concessioni, i top club del continente, guidati da Real Madrid, Liverpool e Manchester United, hanno fatto il grande passo creando una società privata, soprannominata Super Lega, e avviando preventivamente le procedure legali per garantire che il progetto sia lanciato correttamente di fronte all'opposizione di UEFA, l'organizzatrice della Champions League e FIFA, le quali hanno minacciato cause miliardarie contro le società dissidenti.

La creazione della Super Lega è “una proposta vergognosa” da parte di pochi club “guidati dall'avidità” e “uno sputo in faccia a tutti gli amanti del calcio”, ha detto il presidente dell’UEFA Aleksander Ceferin in una conferenza stampa. Il capo dell'organismo europeo ha replicato all’iniziativa scismatica promettendo di escludere i club e i giocatori interessati da tutte le competizioni nazionali e internazionali, e ha ufficializzato l'adozione di una riforma della Champions League, che sarà ampliata da 32 a 36 squadre entro il 2024. Inoltre, il comitato esecutivo ha deciso di rinviare a venerdì la decisione in merito alle sedi di Euro 21, con Monaco, Dublino e Bilbao ancora in forse vista la reticenza dei rispettivi governi ad accettare la presenza degli spettatori sugli spalti.

I club ribelli – Milan, Arsenal, Atletico Madrid, Chelsea, Barcellona, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid e Tottenham – comprendono tutti i vincitori della Champions League dal 2005, a eccezione del Bayern Monaco. L’idea è di introdurre un controverso sistema di lega quasi chiusa paragonabile a quelle nordamericane di basket (Nba), football (Nfl) e hockey (Nhl). “La stagione inaugurale (...) inizierà il più presto possibile”, hanno assicurato i club fondatori in un comunicato, senza fissare un calendario specifico.

‘Risorse aggiuntive’

Secondo una fonte a conoscenza dei negoziati, Bayern Monaco, Paris St-Germain e Porto sono stati avvicinati, ma i tedeschi si sono fermamente opposti all’idea, mentre i francesi si sono limitati a non firmare. «Da parte tedesca, il Bayern Monaco e il Dortmund hanno chiarito di essere contrari al progetto», ha detto il patron del Borussia, Hans-Joachim Watzke.

Secondo i suoi promotori, la Super Lega funzionerebbe sotto forma di una regular season con 20 squadre, seguita dai playoff. Al via i 15 membri completi (i 12 club fondatori menzionati e altri tre da determinare) con l’aggiunta di cinque squadre scelte “attraverso un criterio basato sulle loro prestazioni nella stagione precedente”. Le partite si terrebbero a metà settimana, in concorrenza diretta con gli slot riservati alla Champions League, ma non con i campionati nazionali tradizionalmente disputati nei fine settimana.

La nuova competizione, secondo i suoi promotori, è destinata a “generare risorse aggiuntive per l'intera piramide calcistica” e i club fondatori riceveranno “un pagamento una tantum dell'ordine di 3,5 miliardi di euro esclusivamente per gli investimenti in infrastrutture e per compensare l'impatto della crisi del Covid-19”. La banca statunitense JPMorgan ha confermato che finanzierà il progetto.

Gli importi citati presuppongono entrate ben al di sopra di quelle ottenute dall’UEFA per tutte le sue competizioni per club (Champions League, Europa League e Supercoppa europea), che avevano generato 3,2 miliardi di euro di diritti televisivi nel 2018-2019, prima di una pandemia che ha gravemente afflitto il mercato dei diritti sportivi.

Minaccia di esclusione

Resta da vedere come UEFA e FIFA risponderanno a questo tentativo di secessione, simile a quello nel basket europeo, tra l'Eurolega e la Fiba. La Fifa “non può che disapprovare una lega europea chiusa e dissidente”, ha fatto sapere la federazione internazionale.

Da parte sua, Aleksander Ceferin ha ribadito lunedì che i giocatori militanti nei club aderenti a questa lega privata “saranno banditi” da competizioni internazionali come la Coppa del Mondo o l'Euro e “non potranno rappresentare le loro squadre nazionali”. La Svizzera, quindi, rischierebbe di non poter schierare all’Euro né Xherdan Shaqiri (Liverpool), né Granit Xhaka (Arsenal). Resta da vedere se la minaccia è conforme al diritto europeo della concorrenza, il che suggerisce una possibile battaglia legale. Proprio per questo motivo, il comitato esecutivo ha in programma una nuova riunione per martedì, al fine di valutare dal profilo legale le prossime mosse da prendere. All’interno dell’organo direttivo c’è infatti chi preme per un’immediata esclusione dei club dissidenti da Champions e campionati nazionali attualmente in corso.

In una lettera indirizzata a FIFA e UEFA, ottenuta dall'Afp, i promotori della Super Lega hanno annunciato di aver avviato preventivamente “una procedura presso i tribunali competenti per garantire la regolare istituzione e lo svolgimento della competizione”.

TIfosi inviperiti

Nel frattempo, le prese di posizione contrarie alla Super Lega si sono moltiplicate, soprattutto tra i tifosi. “È una rapina. Stanno togliendo ogni forma di incertezza sportiva, che è la base del nostro attaccamento a questo sport”, ha detto all'Afp Ronan Evain, coordinatore della rete Football Supporters Europe.

I membri dello Spion Kop 1906, uno dei principali gruppi sostenitori del Liverpool, hanno reso noto che ritireranno i loro striscioni dagli spalti della Kop, la curva simbolo della tifoseria dei Reds: “Sentiamo di non poter più dare il nostro sostegno a un club che mette l’avidità finanziaria davanti all’integrità del gioco», hanno fatto sapere via Twitter. 

Gli ex calciatori: ‘Vergogna’

Non sono da meno gli ex calciatori: “È un atto criminale contro i tifosi, una vergogna, una truffa – si è indignato Gary Neville, ex idolo del ManU in un monologo di tre minuti su Sky –. Devono essere severamente puniti, con multe salatissime, ritiro di punti o la cancellazione dei titoli conquistati”.

Gli ha fatto eco Rudi Völler, attuale dirigente a Leverkusen: “È un crimine contro il calcio. Dortmund e Bayern che hanno declinato l’invito hanno mostrato coraggio».

Sempre in Germania, Lukas Podolski ha definito il progetto “disgustoso, ingiusto. Sono deluso che club per i quali ho giocato abbiano aderito”, afferma riferendosi a Milan e Arsenal.

“I ragazzini sognano di vincere il Mondiale o la Champions, non una Super Lega qualunque – ha tuonato Mesut Özil, campione del mondo 2014 con la Germania –. La bellezza delle partite tra grandi squadre è che se ne giocano due o tre all’anno, non una ogni settimana”.

Ander Herrera, giocatore del Psg, rincara la dose… “Mi sono innamorato del calcio popolare, nel quale i tifosi hanno il sogno di vedere la loro squadra contro le più grandi. Se questa Super Lega si concretizzasse, tutti i sogni sparirebbero. I ricchi hanno rubato ciò che la gente ha creato, vale a dire lo sport più bello del mondo”.

Il Real Madrid fa parte dei club fondatori, ma la sua ex stella Luis Figo prende le distanze: “Questo sviluppo avido e senza cuore rappresenterebbe un disastro per la nostra base, per il calcio femminile e per l’intera comunità calcistica nel suo complesso. E tutto soltanto per servire gli interessi di proprietari che da tempo hanno smesso di preoccuparsi dei loro tifosi e mostrano null’altro che disprezzo per il merito sportivo. Una tragedia”.

Dejan Lovren, ex difensore del Liverpool, attualmente in forza allo Zenit San Pietroburgo afferma che “in un prossimo futuro il calcio si ritroverà sull’orlo del collasso”.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ceferin champions league euro super lega uefa

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved