CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
8 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
8 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
9 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
12 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
15 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
18 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
19 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
21 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
1 gior

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
1 gior

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
CALCIO
09.04.2021 - 14:40

Lugano, c'è quel 2-0 da vendicare

I bianconeri ricevono il Losanna che a fine febbraio aveva dominato la sfida della Tuilière. Maurizio Jacobacci: ‘I presupposti sono diversi’

lugano-c-e-quel-2-0-da-vendicare
A Losanna l'assenza di Mijat Maric si era fatta sentire

Settimana scorsa a Ginevra, il Lugano ha iniziato un “tour-de-force” che lo vedrà scendere in campo sette volte in 21 giorni, con cinque partite di campionato e due di Coppa Svizzera. I primi due impegni di questo intenso mini ciclo sono stati archiviati in maniera positiva, con il pareggio di Ginevra (con qualche rammarico per la rimonta subita nei minuti conclusivi) e il tutto sommato comodo accesso ai quarti di finale di Coppa contro il Monthey. E prima di pensare all’impegno di martedì (17.00) nel trofeo a eliminazione diretta contro il Lucerna, i bianconeri devono tornare a focalizzarsi sul campionato di Super League, perché questa sera alle 18.30 a Cornaredo arriva il Losanna. Quello stesso Losanna che lo scorso 28 febbraio aveva strapazzato i bianconeri allo Stade de la Tuilière con un 2-0 che non racconta per esteso la differenza espressa dal campo. Rifarsi da quella brutta prestazione è senza dubbio uno degli obiettivi di Maurizio Jacobacci e compagni, i quali sanno altresì che una vittoria consentirebbe loro di raggiungere quota 40 punti e di superare in tal modo quell’asticella da sempre posta dal tecnico quale garanzia di salvezza… «È lì che vogliamo arrivare e per farlo ci servono i tre punti. Ci ricordiamo, però, di quanto i vodesi ci abbiano fatto soffrire nella sfida di un mese e mezzo fa, nella quale non avevamo avuto voce in capitolo. In quell’occasione il Losanna aveva ampiamente meritato il successo, questa volta vogliamo dimostrare di essere migliori rispetto a quanto fatto alla Tuilière. Quella partita l’abbiamo studiata a fondo e domani cercheremo di mettere in pratica gli insegnamenti che ne abbiamo tratto».

Rispetto a quell’ultimo giorno del mese di febbraio, qualcosa è cambiato per un Lugano in serie positiva da tre partite (più la Coppa)... «Stiamo bene e questo lo si deduce anche dai risultati ottenuti. A Losanna avevamo dovuto fare i conti con le assenze di cinque o sei titolari, cosa che aveva contribuito ad accrescere le nostre difficoltà. Oggi abbiamo la rosa quasi al completo: mancheranno Oss e Guerrero per infortunio, Custodio per squalifica, ma a centrocampo abbiamo giocatori a sufficienza per poterlo rimpiazzare. Il contesto è dunque diverso: in campo potremo mettere giocatori importanti, con esperienza, per cui le basi di partenza non sono le stesse».

Il Lugano di Jacobacci è il primo, dal ritorno della squadra in Super League, ad aver raccolto 37 punti in 27 giornate… «Le statistiche fanno parte del gioco, ma se in mano hai solo quelle, non vinci niente. L’importante è saper coprire con lo sguardo soltanto la distanza che ti separa dalla partita successiva. Dobbiamo focalizzarci sul Losanna che rappresenterà un ostacolo difficile da superare: è una squadra giovane, capace di mettere in campo tanta corsa, per cui dovremo essere pronti a correre almeno quanto i vodesi. Dal canto nostro dovremo essere bravi, una volta recuperata palla, a non farci mettere sotto pressione, Occorreranno accortezza, compattezza e la capacità di non lasciar loro degli spazi nei quali far infilare gli attaccanti, molto veloci e bravi nello sfruttare gli inserimenti».

Dalla sfida di Coppa sul campo del Monthey, Jacobacci ha tratto delle valutazioni… «Non è stata una bella partita da vedere, ma era importante passare il turno. L’abbiamo fatto con concentrazione e serietà, con tre reti all’attivo e nessuna al passivo. Di fronte abbiamo trovato una squadra che non ci ha messo in difficoltà, al di là di due nostre sbavature difensive che hanno permesso loro di rendersi pericolosi. Nel complesso, in molti hanno fatto la loro partita, ma senza strafare. Da alcuni mi sarei aspettato di più, ad esempio da Macek o Guidotti: la critica non vale però solo per loro, in generale parecchi hanno reso al di sotto delle loro possibilità. Per me, però, contava superare il turno senza difficoltà ed è ciò che abbiamo fatto».

Il mantra recita che bisogna prendere partita dopo partita, per cui, prima del Lucerna c’è il Losanna. Resta il fatto che l’eliminazione dello Young Boys sul campo del San Gallo ha reso la Coppa Svizzera, priva dell’orco giallonero, molto più appetibile… «La Coppa è sempre stata un obiettivo importante, ma inizieremo a pensarci una volta messo in archivio l’impegno con il Losanna. È vero che l’eliminazione dello Young Boys lascia in corsa quattro squadre di Super League, tre di Challenge, con l’Aarau già qualificato per le semifinali. Insomma, la competizione è più che mai aperta e molto equilibrata. In una partita secca, la forma del giorno diventa importante, così come una rosa arruolabile al completo e, ovviamente, un pizzico di fortuna che non guasta mai. Ce la possiamo giocare contro tutti gli avversari ancora in lizza, ma prima c’è da affrontare il Losanna. Al momento, è quello il mio unico pensiero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved