portogallo-nettamente-piu-forte-la-svizzera-u21-e-fuori
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
5 ore

Van Rijthoven ci prova, ma Djokovic è troppo forte

Wimbledon, il serbo ai quarti. Nella sfida tra astri nascenti, Jannik Sinner manda a casa Alcaraz. In campo femminile la tunisina Jabeur ai quarti
BASKET
8 ore

La Svizzera vince in Irlanda e prosegue il cammino

La Nazionale di Papatheodorou accede quale migliore seconda alla successiva fase di pre-qualificazione in vista degli Europei 2025
CICLISMO
9 ore

I destini incrociati di Jakobsen e Groenewegen

Al Tour de France, nel weekend, vittorie per i due olandesi protagonisti nel 2020 di un drammatico episodio
FORMULA 1
10 ore

Prima vittoria di Sainz al termine di un Gp folle

A Silverstone il ferrarista ha preceduto Perez, Hamilton e Leclerc. Gara spettacolare. Partenza ripetuta per l’incredibile incidente di Zhou
MOUNTAIN BIKE
11 ore

Europei U23 e junior, la Svizzera domina il medagliere

Tre medaglie d’oro, tre d’argento e tre di bronzo per la delegazione rossocrociata nella rassegna di Anadia, in Portogallo
Tennis
13 ore

Roger: ‘Spero un giorno di tornare qui, su questa erba’

Federer a Wimbledon per la festa dei 100 anni del Centre Court. Il renano: ‘Questo torneo mi manca’
Calcio
13 ore

Benito torna all’YB

Il 30enne lascia anzitempo il Sion
PALLANUOTO
14 ore

La stagione degli Sharks si arresta a Carouge

Lugano battuto anche in gara 2 dei quarti di finale ed eliminato dalla corsa al titolo. È il peggior risultato stagionale dal 2012
ATLETICA
14 ore

Record ticinese sui 400 ostacoli per Mattia Tajana

Il nuovo limite cantonale è stato ottenuto sulla pista di La Chaux-de-Fonds. A Biasca buone prestazioni espresse dai giovani ticinesi
Calcio
15 ore

Attaccante congolese per il San Gallo

Dall’Amiens arriva Akolo
Calcio
31.03.2021 - 19:51
Aggiornamento: 20:56

Portogallo nettamente più forte, la Svizzera U21 è fuori

Si chiudono con un pesante 0-3 gli Europei della selezione di Lustrinelli. Lusitani fuori categoria e ai quarti assieme alla Croazia

Nulla fare, troppo ampio il divario tecnico tra il Portogallo e la Svizzera, battuta nettamente 3-0 e costretta ad abbandonare la fase intermedia degli Europei con un bilancio negativo di una vittoria (al debutto contro l’Inghilterra) e due sconfitte, quella bruciante, per come era maturata, contro la Croazia, avversario decisamente alla portata, e quella invece chiarissima e anche un po’ mortificante contro i lusitani di Rui Jorge, forte di calciatori di primo livello e di un’intelaiatura tale da farne una delle grandi favorite per il titolo che verrà assegnato nella fase a eliminazione (dai quarti di finale) in maggio.

Tante novità nell'undici titolare

Rispetto alla partita persa contro la Croazia, Mauro Lustrinelli ha cambiato ben sette degli undici titolari. Nuova, per la terza volta in tre partite, anche la coppia di difensori centrali, formata stavolta da Bamert e van der Werff, nettamente sorpresi - soprattutto il primo, in forza al Sion - in occasione del gol di testa al 3’ del loro omologo Queiros, in indisturbata e felice sortita offensiva. Mal piazzata, la retroguardia rossocrociata, nel momento di riprendere posizione su azione insistita dei lusitani, in costante possesso palla o abili nel recuperarla nelle poche volte in cui l’hanno persa.

Come contro i croati, elvetici colpiti nelle fasi d’avvio e costretti ad affrontare la sfida con un fardello sulle spalle di uno svantaggio che, tra l’altro, ha pure mandato all’aria i piani tattici di una sfida subito incanalata lungo i binari della rincorsa. Il netto divario tecnico e di proprietà di palleggio (completamente a favore del Portogallo) ha prodotto un tempo monocorde, chiaramente dominato dal Portogallo, limitatosi al controllo delle operazioni conservando il pallone e costringendo i ragazzi di Lustrinelli a continue e infruttuose corse e rincorse, per lo più a vuoto. La fredda cronaca ricorda che al tiro la Svizzera è andata due volte senza che abbia diritto di invocare occasioni da rete (Ndoye e Imeri, alle stelle) che non ci sono state. Poco da segnalare, in termini di opportunità, anche sul conto dei lusitano, vicini al raddoppio solo con Tomas (Racioppi ha messo una pezza).

Male i centrali

Diverso, l’atteggiamento della Svizzera in avvio di ripresa. Con più determinazione, mettendo più intensità nei duelli diretti, i rossocrociati hanno preso fiducia e guadagnato metri. In assenza del Var, sull’intervento di Dalot in scivolata restano il sospetto di un tocco di mano del milanista e le recriminazioni per un rigore che ci poteva stare e che avrebbe impresso alla partita una sferzata forse decisiva. Interessanti sprazzi rossocrociati, fin lì, mortificati però dall’accelerazione di un Portogallo sornione e cinico, al primo affondo del secondo tempo, valso il 2-0 di Trincao a porta sguarnita, dopo un primo intervento di Racioppi su Tomas. Sotto accusa ancora una volta Bamert, sorpreso alle spalle dall’inserimento della punta dello Sporting Lisbona.

Una mazzata, nel momento in cui l’inerzia di un duello comunque impari, sembrava cambiare, con Lustrinelli pronto a giocarsi le carte Toma e Zeqiri per cercare di rimettere in piedi un risultato poi definitivamente compromesso da una distrazione di van der Werff che ha regalato a Conceicao il 3-0. Un disastro, la coppia di centrali scelta da Lustrinelli, non esattamente azzeccata l’idea di lasciare in panchina Zesiger dell’Yb, certamente tra i migliori nel match di debutto di questi Europei contro l’Inghilterra, l’unico vinto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
europei u21 mauro lustrinelli svizzera u21
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved