la-u21-rappresenta-la-vetrina-del-nostro-movimento
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Freestyle
3 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
12 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
12 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
14 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
16 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
17 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
19 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
19 ore

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
1 gior

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
1 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
1 gior

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
1 gior

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
1 gior

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
1 gior

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
1 gior

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
1 gior

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
1 gior

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
1 gior

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
1 gior

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
1 gior

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
1 gior

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
2 gior

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
2 gior

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
2 gior

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
2 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
2 gior

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
2 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
2 gior

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
2 gior

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
2 gior

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
CALCIO
 
23.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:59

‘La U21 rappresenta la vetrina del nostro movimento’

Pier Tami, direttore delle squadre Nazionali alla vigilia della fase a gironi dell'Europeo: ‘Questo gruppo mi fa sognare un'avventura come quella del 2011‘

Quella di sabato 25 giugno 2011 è una data che il calcio svizzero difficilmente potrà scordare. Quella sera la Nazionale U21 diretta da Pier Tami si era giocata contro la Spagna il titolo continentale. Era andata male (gol di Herrera e Thiago Alcantara), ma quello fu probabilmente il punto più alto raggiunto dal calcio giovanile svizzero. A dieci anni di distanza, la U21 rossocrociata torna a una fase finale dell’Europeo. Con Pier Tami non più in panchina, ma nella stanza dei bottoni quale direttore delle squadre nazionali. E che tra poco più di 24 ore (esordio domani alle 15.00 contro l'Inghilterra) cederà a Mauro Lustrinelli l’onore di essere stato l’ultimo allenatore ad aver portato la selezione U21 alla fase finale… «È un onore che perdo volentieri – afferma il ticinese –, a maggior ragione se ci permetterà di togliere quel “vice” che per dieci anni è stato appiccicato di fianco a “campioni”. Sarebbe la realizzazione di un sogno».

Dieci anni di lontananza dal palcoscenico continentale sono molti, a maggior ragione per una nazione che si è sempre vantata della qualità della sua formazione. Finalmente l’attesa è finita… «Era ora! Dal giorno del mio arrivo all’Asf, ho sempre affermato che la U21 rappresenta la vetrina del calcio svizzero, in quanto è formata da giocatori che militano in Super e Challenge League, con l’eccezione di alcuni ragazzi già partiti all’estero proprio per i buoni risultati raccolti con il gruppo di Lustrinelli. A livello internazionale la qualità del nostro calcio passa sempre di più attraverso le Nazionali, perché purtroppo il nostro campionato ha perso valore nel ranking europeo e vedere una squadra svizzera impegnata in Champions o in Europa League diventa di anno in anno più difficile. Per questo motivo la vetrina internazionale per presentare i nostri talenti sarà sempre più la U21».

Per mettere in mostra i talenti, ma pure un concetto di formazione che negli anni molte federazioni hanno cercato di copiare… «La formazione è il vero valore del calcio elvetico. I giocatori formati in Svizzera rappresentano una delle forme di introito più importanti per le nostre società. Club come Young Boys, Basilea o Zurigo, che sulla “relève” investono molto, sono praticamente obbligati a plasmare giocatori per la loro prima squadra, con la consapevolezza di poterli tenere al massimo due o tre anni prima di cederli all’estero. E in questo senso, il buon cammino della U21 non è passato inosservato. In effetti, ancor prima della fase finale dell’Europeo, vale a dire nella finestra invernale di mercato, numerosi ragazzi hanno trovato sistemazione all’estero, da Lotomba e Ndiaye al Nizza a Sohm al Parma, da Rüegg al Verona a Zeqiri al Brighton… Tutte queste società sapevano benissimo che se avessero atteso la vetrina della fase finale, il prezzo dei ragazzi sarebbe lievitato in maniera sensibile. C’è un dato interessante che abbiamo estrapolato dal portale Transfermarkt: nell’ultimo anno e mezzo la Svizzera ha venduto all’estero giovani calciatori per un valore di mercato di 37 milioni di euro».

‘Favorevole a una riforma dei campionati’

Parte del merito per la qualificazione della Svizzera va data pure alle società, le quali rispetto a qualche anno fa hanno meno remore nel mandare allo sbaraglio ragazzi anche molto giovani (Omeragic a Zurigo e Stergiou a San Gallo sono solo due esempi)... «Sono sempre stato dell’opinione che quando i ragazzi escono dalla U18 debbano trovare spazio al più alto livello possibile. A mio modo di vedere, la valutazione di una riforma dei campionati andava fatta. Non è soltanto una questione di qualità, ma anche di quantità, in quanto i nostri giovani hanno bisogno di trovare posto in squadre di Super e Challenge League. Per questo motivo sono sempre stato un fautore dell’allargamento dei due principali campionati, ma in particolare della Challenge, in modo da permettere ai migliori giovani di trovare una sistemazione importante. Il nostro percorso formativo è ottimo, ma non basta. Finito l’apprendistato arriva il passaggio più difficile, il salto nel calcio professionistico o semiprofessionistico e lo si può compiere unicamente se inseriti in una struttura professionistica».

Il calcio svizzero ritrova il posto che gli compete all’interno del panorama giovanile del Continente… «Non dimentichiamo che nel 2011 le squadre qualificate alla fase finale erano soltanto otto, mentre quest’anno sono 16. Non è un dato di fatto acquisito, ma noi tra le migliori 16 d’Europa ci dovremmo sempre stare. Ma il dato significativo è rappresentato dalla maniera nella quale ci siamo qualificati, con nove vittorie e una sconfitta, per altro a obiettivo già raggiunto. Dodici anni fa, quando ero subentrato a Pierre-André Schürmann dopo una sola partita della fase di qualificazione, avevamo avuto un cammino travagliato, perché quel gruppo andava costruito dall’inizio. E mi ricordo che al mio esordio eravamo stati sconfitti in casa dall’Estonia. Cammin facendo eravamo diventati una squadra, strappando la qualificazione ai playoff soltanto all’ultima giornata. E nel doppio confronto con la Svezia (4-1 a Sion, 1-1 a Malmö, ndr) il gruppo aveva compiuto un vero salto di qualità che gli aveva permesso di giungere alla fase finale in crescendo. La Nazionale di Lustrinelli arriva all’appuntamento con qualche certezza in più rispetto alla mia».

Da molti anni il calcio svizzero non si accontenta più di partecipare, ma si pone obiettivi sempre più importanti… «In questo caso c’è da tenere in considerazione i disagi creati dalla pandemia che ha costretto l’Uefa a scindere in due il torneo, prima la fase a gironi e a inizio giugno quella a eliminazione diretta. A questo punto, l’unico obiettivo sul quale dobbiamo concentrarci è l’accesso ai quarti di finale. Ciò significa chiudere al primo o al secondo posto di un gruppo che comprende anche Inghilterra, Croazia e Portogallo. La programmazione in vista dell’eventuale seconda fase verrà fatta a tempo debito, ora dobbiamo concentrarci sulla conquista di un posto tra le migliori otto del Continente, proprio come avevamo fatto dieci anni fa».

Fiducia nella qualità del gruppo

Certo che Inghilterra, Croazia (domenica 28, ndr) e Portogallo (mercoledì 31, ndr) rappresentano tre avversari di prima categoria… «A livello di U21 non è mai il caso di valutare la forza degli avversari in base al pedigree calcistico delle rispettive nazioni. Certo, gli inglesi sono inglesi, croati e portoghesi fanno della tecnica il loro marchio di fabbrica, ma dieci anni fa l’Islanda aveva superato nei playoff i campioni in carica della Germania grazie a un gruppo poi diventato l’ossatura portante di una squadra capace negli anni di conquistarsi un posto a Mondiali ed Europei. Voglio dire che è spesso sbagliato valutare le annate in base al blasone del nome, sia in positivo, sia in negativo. Questa Nazionale mi lascia ben sperare per quanto ho visto nelle qualificazioni: certo, dovrà superare un ulteriore scalino e migliorare la qualità del gioco, ma in questo anno è mezzo ha sempre dimostrato di saper giocare da squadra e di avere la forza per ribaltare situazioni anche molto complicate».

Viene da chiedersi se sia un caso che dopo Pier Tami a portare la U21 all’Europeo sia un altro ticinese, Mauro Lustrinelli... «Per raggiungere determinate posizioni i ticinesi devono darsi da fare più degli altri, a cominciare dai corsi di allenatore da seguire in tedesco o francese. Questo, probabilmente, dà loro la capacità di comunicare con tutto il paese e non soltanto con una parte. Mauro lo conoscevo come giocatore, da quando sono arrivato in federazione ho avuto l’opportunità di apprezzarlo anche come allenatore. I risultati raggiunti sono il frutto dell’eccellente lavoro svolto. Il fatto che sia ticinese può pure essere considerato soltanto un caso, ma personalmente non credo sia così».

A livello organizzativo la federazione ha compiuto un passo avanti rispetto a dieci anni fa… «Nell’ultimo anno e mezzo la U21 ha a disposizione uno staff che non ha nulla da invidiare a quello della Nazionale maggiore. Nel 2011 lo staff era già professionale, ma era stato assemblato per il torneo finale, mentre Lustrinelli già durante le qualificazioni ha avuto a disposizione uno staff completo in ogni suo aspetto. Ho sempre voluto che la U21 fosse veramente professionalizzata in quanto, a differenza delle altre selezioni giovanili, è composta esclusivamente da ragazzi militanti in Super e Challenge League, quando non all’estero, in strutture estremamente professionali».

Nazionale A, conta solo vincere

Mercoledì la U21 scenderà in campo contro l’Inghilterra nella prima partita dell’Europeo. Il giorno dopo la Nazionale maggiore sarà di scena a Sofia contro la Bulgaria per la partita d’esordio nelle qualificazioni per i Mondiali 2022. Dopo una Nations League piuttosto difficile, i rossocrociati di Petkovic dovranno iniziare con il botto… «Sono due competizioni assolutamente diverse tra di loro. Nella Nations League ci siamo confrontati con le migliori squadre al mondo. Per noi era importante capire cosa significasse giocare sempre e solo ai massimi livelli, perché oltre a Germania e Spagna, in amichevole abbiamo affrontato Croazia e Belgio. Il 2020 ci ha detto che sul piano del gioco la squadra possedeva un’identità che riusciva a esprimere anche contro compagini maggiormente attrezzate. L’obiettivo era il mantenimento del posto nella Lega A e lo abbiamo raggiunto. Adesso inizia qualcosa di completamente diverso: il modo nel quale si ottengono i risultati passa in secondo piano, contano soltanto i punti e, di conseguenza, la qualificazione. Al Mondiale ci andrà solo la prima di gruppo, la seconda dovrà passare dai playoff e questo dà un’idea di quanto il compito sarà difficile, a maggior ragione con un’avversaria come l’Italia quale testa di serie. Certo, l’optimum sarebbe rappresentato dall’ottenimento del risultato attraverso la conferma del gioco, ma ora contano soltanto i punti che si sapranno raccogliere partita dopo partita».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved