stefan-wolf-il-lucernese-che-sente-la-piazza
Stefan Wolf a Cornaredo (Ti-Press)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
3 ore

All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil

I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
3 ore

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
7 ore

Via alla terza fase del massimo campionato

La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
9 ore

Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax

Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
12 ore

Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale

La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior

L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi

I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
1 gior

Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale

Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
Gallery
Hockey
1 gior

Il Ginevra archivia la pendenza in poco più di 5 minuti

Partita a senso unico sul ghiaccio della Cornèr Arena, con il Lugano di Serge Pelletier che incassa una sonora sconfitta: finisce 2-6
GINNASTICA
1 gior

Scandalo Usa: Geddert viene accusato, poi si suicida

L'ex tecnico della nazionale era stato accusato solo qualche ora prima di violenze e traffico di esseri umani, dopo la vicenda legata all'ex medico Larry Nassar
VELA
1 gior

Sulle onde virtuali s'assegna il titolo svizzero

Lunedì 1. marzo scatta la terza edizione del campionato nazionale eSaling. Knöpfel: 'Permetterà anche di far scoprire la vela a chi non l'ha mai praticata'
CALCIO
1 gior

Il Chiasso ospita il Wil per tre punti d'obbligo

Rossoblù sempre ultimi in classifica e il divario su chi sta davanti si va ampliando
CALCIO
1 gior

È ufficiale, Reto Ziegler al Lugano fino a giugno

Il ginevrino è a disposizione di Maurizio Jacobacci. In carriera ha vestito 35 volte la maglia della Nazionale e partecipato a due Mondiali (2010 e 2014)
SNOWBOARD
1 gior

Ai Mondiali, ambizioni svizzere al femminile

A Rogla, Julie Zogg punta a riconfermarsi nello slalom parallelo. Attesi buoni risultati anche da Patrizia Kummer e Ladina Jenny
CALCIO
1 gior

Torino - Sassuolo rinviata per Covid-19

Sette giocatori positivi tra i granata hanno costretto la Lega italiana a spostare la partita che averbbe dovuto aver luogo domani sera
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami all'assalto di coppetta e coppona

La ticinese può approfittare delle gare in Val di Fassa per mettere le mani sul globo di cristallo di superG e sorpassare Vlhova in vetta alla Cdm generale
CICLISMO
1 gior

Uae Tour, Pogacar controlla Vingegaard vince

Nel secondo arrivo in salita lo sloveno chiude appaiato al britannico Adam Yates e vede spianata la strada verso il successo finale
Calcio
23.02.2021 - 19:000

Stefan Wolf, il lucernese che ‘sente’ la piazza

Il 50enne ex difensore centrale anche della Nazionale da due settimane è il presidente dell'Fc Lucerna: ‘Voglio riavvicinare il club alla regione’

Il bilancio delle ultime tre partite del Lucerna è positivo: successo 4-0 contro il Vaduz, sconfitta di misura a San Gallo (2-1) e colpaccio esterno a Cornaredo (3-2 contro il Lugano). Difficile dire se il ciclo da 6 punti in 3 partite sia ascrivibile all'insediamento alla testa del Consiglio d'amministrazione in veste di presidente della società dell’ex difensore centrale beniamino dell’Allmend Stefan Wolf, ma certo che è il 50enne ex bandiera del club meglio non poteva approcciare la nuova realtà e la sua nuova sfida professionale. In un momento, oltretutto, particolarmente delicato per il calcio, più in generale per tutto lo sport professionistico. La missione affidata a Wolf è chiara: riavvicinare la Svizzera centrale all’Fc Lucerna, facendone un punto di riferimento attorno al quale un’intera realtà geografica possa nuovamente ricompattarsi.

Il nuovo corso poggia sull’azionariato popolare, atto a scongiurare il passaggio del club in mani estere e a coinvolgere sempre di più gli imprenditori e i sostenitori locali, i tifosi e gli sponsor, facendoli sentire parte del progetto. L’azionista di minoranza Josef Bieri ha fatto incetta di azioni per salire al 48 per cento delle quote (la maggior parte delle quali si cercherà poi di piazzare nella regione in tempi brevi), il restante 52 è nelle mani di Bernhard Alpstaeg, principale finanziatore della società, al quale spetta l'onere della copertura del deficit causato dalla pandemia e da un primo prestito federale da restituire entro il 2024. Sono loro, i due consiglieri d’amministrazione più rappresentativi, ad aver individuato in Stefan Wolf l'uomo ideale alle quali affidare il rilancio in chiave indigena di una società che contribuiscono a sostenere dal punto di vista economico.

Vivere il calcio

In seno all’Fc Lucerna si deve poter tornare a parlare per lo più di calcio, a vivere il calcio. Mostrando che nella svizzera centrale è di casa. È questo l'obiettivo che la dirigenza si prefigge con l’insediamento alla testa del Cda del 14 volte nazionale rossocrociato, campione svizzero e vincitore della Coppa con il Lucerna, già membro del Cda del San Gallo, nonché imprenditore di successo attivo con un importante ruolo dirigenziale in seno alla Cassa malati Luzerner Hinterland. «Lavoro con una squadra di colleghi molto competenti, in tutti gli ambiti della società - ha spiegato Wolf -. Avverto grande entusiasmo da parte di tutti i membri della grande famiglia dell’Fc Lucerna. I primi giorni sono stati molto carichi sul piano emotivo. Sono stato accolto con grande entusiasmo da tutti. Ho ricevuto tantissime attestazioni di stima che mi hanno rincuorato e reso felice. C'è grande voglia di andare avanti tutti assieme. C’è voglia di agire, e riguarda tutti, non solo il sottoscritto».

Il suo insediamento è avvenuto a metà stagione, in un momento storico oltretutto molto delicato. «Non è quello più favorevole, forse, la pandemia continua a essere un problema. A noi trovare il modo migliore di superare queste difficoltà, senza attendere che sia superata. La soluzione dell'azionariato popolare piace, così come la volontà di coinvolgere la Svizzera centrale. La pandemia è un ostacolo che rallenterà le operazioni, ma non vedo perché non partire subito sfruttando l’euforia che percepisco».

Ricreare la vicinanza tra club e piazza

Entrare nel cuore della Svizzera centrale è la missione che le è stata affidata. Significa che il Lucerna negli anni si è allontanato dalla sua gente? «In generale il calcio è diventato impersonale, il distacco lo si avverte. Quando ero un ragazzino, andavo all’Allmend per vedere i giocatori. Sapevo dove piazzarmi, per ricevere un autografo. Da calciatore, sapevo dove andare per incontrare i tifosi a caccia di un autografo. I tempi sono cambiati, ma è questo lo spirito, il senso di appartenenza e la vicinanza che mi piacerebbe ricreare nella e intorno alla squadra e alla società. Da un lato, perché le persone si identificano più facilmente con un club nel quale si riconoscono e dal quale si sentono coinvolti. Inoltre, nei momenti di difficoltà solitamente si rafforzano collaborazione e solidarietà. Non è facile pensare di unire e coinvolgere, in un contesto storico in cui si scoraggiano i contatti e si raccomandano le distanze». 

Filosofia condivisa

La sua nomina la deve agli azionisti Bernhard Alpstaeg e Josef Bieri, Che ne è della sua libertà d’azione? «In effetti, sono gli azionisti a determinare in quale direzione si deve muovere il Consiglio d’amministrazione. Tuttavia le decisioni le prendiamo in modo indipendente, anche perché rientrano nella filosofia adottata dal club. Cda e finanziatori devono seguire una via comune, altrimenti il club quale benefici può trarre?».

Quali compiti si prefigge, in veste di presidente? «Vogliamo essere dei partner affidabili della direzione della società. Vogliamo sostenere, non solo decidere. Siamo una squadra che discute e si sostiene. Può anche capitare che si arrivi a litigare, purché poi ci si focalizzi subito sull’obiettivo comune».

È inevitabile che in Stefan Wolf alberghi ancora l’animo del calciatore che è stato, dell’uomo di campo. Avrà anche compiti che riguardano la direzione tecnica e sportiva della prima squadra? «La direzione operativa resta competenza del direttore sportivo Remo Meyer e del tecnico Fabio Celestini. Non mi permetterò mai di prevaricarli, né di dire loro come e cosa fare. Tuttavia, mi pongo quale punto di riferimento anche per loro. È giusto che ci sia uno scambio sereno, che sia in campo durante un allenamento o da qualche altra parte, dietro le quinte».

 

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved