lugano-colpo-da-grande-ce-la-meritiamo-questa-classifica
Ti-Press/Gianinazzi
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
13 ore

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
14 ore

Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin

Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
16 ore

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
16 ore

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Tennis
18 ore

Australian Open, in dubbio la presenza di Nole

Novak Djokovic non vuole piegarsi al ‘ricatto’ dell’obbligo vaccinale imposto dagli organizzatori del primo Slam stagionale
Calcio
18 ore

Derby, un punto a testa per Bellinzona e Chiasso

La rete di Cortelezzi nel finale consente ai granata di rimediare al gol trovato da Maurin nel primo tempo
Calcio
18 ore

Martin Blaser (Fc Lugano): ‘Bene, avanti con questo entusiasmo’

Il Ceo della società bianconera, il cui futuro è garantito grazie al nuovo stadio del Pse, si dice soddisfatto e assicura: ‘Se potremo ci rinforzeremo’
Formula 1
18 ore

Il mondo dei motori piange la scomparsa di Frank Williams

L’inglese, ex pilota e patron dell’omonima scuderia dagli anni Settanta, è deceduto oggi all’età di 79 anni. Domenicali: ‘Se ne è andato un gigante’
gallery
Hockey
1 gior

Prima il Natale, poi... l’Epifania per l’Ambrì Piotta

Non basta un vantaggio di quattro reti (dopo soli 8 minuti): i biancoblù subiscono prima la rimonta e poi il sorpasso dello Zugo
Gallery
Calcio
1 gior

Lugano corsaro al ‘Letzi’, decide Custodio di testa

Quarta vittoria consecutiva dei bianconeri che in classifica salgono a quota 26, come il Basilea
Calcio
1 gior

Prisma, pm: plusvalenze per mascherare perdite d’esercizio

Questa in sintesi è l’ipotesi su cui stanno lavorando la procura di Torino e la Guardia di Finanza
Hockey
2 gior

Cereda: ‘Il dio dell’hockey sta guardando da un’altra parte’

Il coach biancoblù ha ben poco da rimproverare ai suoi, nonostante la sconfitta di Bienne. ‘Lo sforzo è stato buono, eccezion fatta per i primi minuti’
Hockey
2 gior

L’amarezza di Boedker: ‘Potevamo e dovevamo vincere’

Sotto di tre reti alla prima pausa, il Lugano di McSorley riesce a riprendere il Friborgo. Che però trova la stoccata decisiva nel prolungamento
Calcio
2 gior

Perquisizioni della ‘finanza’ nella sede della Juventus

Le Fiamme Gialle stanno recuperando documenti relativi alla compravendita di diritti alle prestazioni sportive
Hockey
2 gior

Il Lugano raddrizza il match, ma a vincere è il Friborgo

Sotto di tre reti alla prima pausa, i bianconeri rifanno superficie. Per poi cedere il passo al capolista nell’overtime
Hockey
2 gior

L’Ambrì per un soffio s’arrende al Bienne

Dopo un pessimo avvio i leventinesi di Luca Cereda riescono a rimontare, ma nel finale arriva la rete decisiva di Hofer per il 3 a 2 definitivo.
Calcio
2 gior

Lugano a Zurigo senza paura e senza fare calcoli

Domani sera al Letzigrund i bianconeri cercano punti per consolidare il terzo posto contro un Gc che li aveva messi in difficoltà alla prima del ‘Crus’
Sci
2 gior

C’è troppa neve, Feuz e i discesisti in pausa forzata

Stasera niente libera: slitta l’esordio della velocità sul pendio canadese di Lake Louise, a causa dell’eccessivo accumulo dopo le nevicate
Calcio
2 gior

Sulla strada per il Qatar l’Italia trova il Portogallo

Celebrato il sorteggio per i playoff di qualificazione ai Mondiali del 2022, dove gli Azzurri dovranno prima vedersela con la Macedonia del Nord
Calcio
2 gior

Blatter sentito come testimone sull’oscuro Mondiale in Qatar

Gli inquirenti francesi ieri e oggi hanno ascoltato a Zurigo l’ex presidente vallesano della Fifa. La polizia conferma le indiscrezioni di Le Monde
Calcio
2 gior

‘Un derby è speciale, portiamone i valori in campo’

Il tecnico del Chiasso Andrea Vitali lancia la sfida d’alta classifica con il Bellinzona (domenica alle 14.30 al Comunale): all’andata finì 2-1 per i momò
Basket
2 gior

Svizzera, servono schemi e un gioco ragionato

Dopo la deludente prova di giovedì in Austria, la nazionale torna in campo domenica a Friborgo contro Cipro nelle pre-qualificazioni a Euro 2025
Calcio
29.11.2020 - 18:000
Aggiornamento : 20:07

Lugano, colpo da ‘grande’. Ce la meritiamo, questa classifica’

Vittoria 1-0 contro il Basilea e risultato utile numero 17 per i bianconeri. Decide Mattia Bottani allo scadere. ‘Un gol di cui avevo un gran bisogno’

Una fiammata che ti cambia la partita. Che ti trasforma in tre punti uno 0-0 che tutto sommato ci poteva stare, tramutatosi invece in un successo pieno firmato Mattia Bottani, autore del gol decisivo a pochi secondi dal fischio finale di Tschudi. Gioia bianconera, quindi, per una vittoria ai danni del Basilea, pur sempre una delle squadre faro del campionato, che lancia i bianconeri alla rincorsa del leader Young Boys, lontano solo due punti.

Il premio, quindi, il Lugano se l’è preso sui titoli di coda, grazie a uno dei giocatori mandati in campo da Jacobacci in corso d’opera, Anzi, grazie a due dei subentranti, giacché l’assist a Bottani l’ha fornito Odgaard, a suo modo eroe di serata per un assist comodo che ha però fatto la differenza tra un punto che avrebbe accontentato e il successo pieno che profuma di esaltazione. Meritata, non fosse che perché i risultati utili consecutivi dei bianconeri sono diciassette, tra gli otto della passata stagione e i nove maturati quest’anno. Un ruolino di marcia sempre più da grande squadra, quantomeno da squadra ormai pienamente consapevole della propria forza.

Jacobacci: ‘Gran primo tempo. E ci crediamo sempre’

Maurizo Jacobacci mantiene un profilo basso che gli fa onore, senza disdegnare di portare a luce un po’ di sano orgoglio misto a soddisfazione per l’ennesimo risultato utile, l’ennesima partita di livello della sua gestione, e per una classifica davvero bella a vedersi. «Mi auguro che arriviamo il più presto possibile ai 39 punti che ho indicato quale quota salvezza - esordisce il mister - ma faccio volentieri i complimenti alla squadra. Nel primo tempo abbiamo disputato un’ottima gara. Due interventi dell’arbitro lasciano a desiderare, il vantaggio che non ha concesso a Gerndt lanciato verso la porta di Lindner e, soprattutto, il fallo fischiato a Lungoyi che si era liberato della marcatura e stava correndo verso la porta. Sono due occasioni molto importanti. Il Basilea nei primi 45’ non ha creato più di tanto. Ha però cambiato modulo, nella ripresa. Abbiamo sofferto un po’ ma abbiamo potuto deciderla a nostro favore anche grazie ai cambi. Da sempre do grande importanza alla qualità della panchina. Quelli che sono entrati hanno fatto molto bene la loro parte. Compreso Odgaard che ha trovato il pallone conquistato da Bottani in un duello aereo con Klose, che è più alto di lui».

Al netto dei meriti indiscutibili del Lugano, è giusto ribadire che alla luce di quanto emerso nella ripresa, tutto sommato gestita meglio dal Basilea, lo 0-0 sarebbe stato salutato come un risultato equo, pur concedendo al Lugano di aver fatto meglio, e di più, in un primo tempo nel quale Lungoyi è parso imprendibile, creando i presupposti per un vantaggio che però non si è concretizzato. Buoni propositi ai quali Mattia Bottani, nel finale, ha voluto dare la propria benedizione con la rete del successo che premia lui, non sempre decisivo. «All’89’ ho invitato i ragazzi alla calma, affinché portassimo a casa almeno un punto, questo è vero. È però ache vero che siamo entrati in campo per vincerla, questa partita. Sapevo che un match come questo avrebbe potuto essere deciso da un errore, da un episodio. Non è la prima volta che segniamo allo scadere, in altre occasioni siamo stati bravi a crederci fino in fondo. Sì, il punto mi avrebbe accontentato, ma sono dell’idea che in campo si raccoglie quanto si merita. Noi questa vittoria ce la siamo meritata, così come ci meritiamo la bella classifica che abbiamo. Confidavo nel Losanna, che potesse fermare lo Young Boys, ma tant’è. Di sicuro battendo il Basilea abbiamo lanciato un segnale molto forte alle altre squadre. Le abbiamo affrontate tutte, salvo l’Yb, e non siamo stati inferiori a nessuno. Il confronto con tutte le avversarie dice che meritiamo rispetto».

Bottani: ‘Successo figlio dell'ottimo momento’

Entrato dalla panchina, Mattia Bottani ha fatto la differenza, e alla prima occasione avuta ha fatto centro. «Come sempre - scherza il fantasista bianconero, consapevole di non aver mai brillato per freddezza sotto porta -. Questo successo lo si spiega anche pensando al momento in cui siamo ti aiuta. Siamo reduci da molti risultati molto positivi, in casi come questo la testa ti aiuta, così come la qualità della squadra che cresce di anno in anno. Avevo un gran bisogno di questo gol, avevo bisogno di dare il mio contributo, volevo ripagare i compagni che mi hanno sempre fatto sentire il loro calore. Li ringrazio. La mia assenza prolungata non ha aiutato la squadra né ha giocato a me stesso, Ho un rapporto speciale con tutti, con l'ambiente. È stato un anno difficile, avrei potuto perdere il controllo, ma ho sentito l’affetto di tutti».

Lungoyi vicino al gol e fermato sul più bello

Ricco di spunti interessanti il primo tempo un cui il bianconero più attivo sul fronte d'attacco è stato Lungoyi, vicino al gol già al 9' con un tiro a botta sicura forse ritardato di un istante fatale e respinto dal ventre di Cömert. Un primo squillo di marca bianconera seguito però alla replica renana affidata a un'incursione del ticinese Padula, incartatosi però sul più bello, ossia al cospetto di Baumann, graziato dal destro sgraziato del laterale sinistro di Sforza. Pochi gli attimi di respiro di una partita che Gerndt avrebbe potuto sbloccare al 17', se solo si fosse fidato di più del piede destro che sappiamo nom essere il più delicato, tra i due. Meno esitante del collega di reparto è stato Lungoyi, la cui serpentina irresistibile è stata interrotta da Klose al momento del tiro della punta di Jacobacci a ridosso di Lindner che già masticava amaro. Ancora Klose, ancora su Lungoyi, favorito da un disimpegno errato della difesa ospite. Si cambia fronte, per il colpo di testa pericoloso di Cabral al 35', ma sulla ribalta sale ancora Lungoyi, fermato dopo essersi liberato di Hajdari per un fallo che è però il difensore rossoblù (già ammonito!) a commettere, prima di crollare a terra e indurre in errore l'arbitro Tschudi. Un episodio chiave all'interno di una prima frazione vivace, segnata da qualche momento di stanca ma pronta a riaccendersi con improvvise folate. La maggior parte delle quali, di marca bianconera, come testimoniato dal sinistro di Gerndt allo scadere, calciato senza il necessario "giro", stavolta col piede buono.

Paratona di Lindner, ‘bruciato’ da Bottani al 91'

La ripresa ha fatto registrare un maggiore possesso palla del Basilea. Nei primi venti minuti Van Moos (tiro alto) e van Wolfswinkel (colpo di testa a lato pericoloso) hanno spaventato un po' il Lugano, messo in allarme anche da una conclusione "strozzata" di Stocker al termine di una pregevole azione corale degli ospiti. È però di Covilo l'opportunità più ghiotta per sbloccare il punteggio, ma il colpo di testa del mediano bianconero è stato sventato con bravura dal portiere Lindner, in volo. Sul capovolgimento di fronte, pronto Baumann a uscire sui piedi di Cabral. Sui titoli di coda, poi, il guizzo di Mattia Bottani, liberato da Odgaard al centro dell'area: 1-0 e tutti a casa a festeggiare il secondo posto a due lunghezze dallo Young Boys.

Lugano - Basilea 1-0

Rete: 92' Bottani 1-0

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric, Daprelà; Covilo; Lavanchy, Macek (65' Guidotti), Lovric, Guerrero (87' Facchinetti); Lungoyi (65' Bottani), Gerndt (76' Odgaard)

Basilea: Lindner; Cömert, Klose, Hajdari; Van Moos (69' Pululu), Frei, Kasami, Padula (46' van der Werff); Stocker; Cabral, Van Wolfswinkel.

Arbitro: Tschudi.

Note: 30 spettatori. Lugano senza Sabbatini (infortunato). Basilea senza Nikolic (ammalato), Jorge, Tushi, Xhaka, Zuffi (infortunati). Ammoniti: 24' Hajdari. 32' Gerndt (fuori la prossima). 39' Macek. 82' Guerrero.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved