laRegione
lugano-colpo-da-grande-ce-la-meritiamo-questa-classifica
Ti-Press/Gianinazzi
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Lugano, anche a Rapperswil niente da fare

Sotto 2-0 dopo 13', i bianconeri sono costretti nuovamente alla resa. Alla squadra di Pelletier non bastano le reti di un ritrovato Arcobello e di Morini
HOCKEY
4 ore

Ambrì, questa è una vittoria importante

I leventinesi sconfiggono all’overtime per 2-1 il Langnau. Decide una doppietta di Kostner.
Sci alpino
7 ore

Rossocrociati primi non certo per caso

Al giro di boa della stagione la Svizzera guida con un buon margine sull'Austria la classifica per nazioni. Reusser: ‘La squadra è vincente in ogni settore’
CALCIO
7 ore

Lugano, rientra l'emergenza a centrocampo

Gli infortuni a Sabbatini e Custodio, oltre alla squalifica di Lovric, avevano preoccupato Jacobacci. Ma entrambi hanno recuperato e contro l'Yb ci saranno
CALCIO
8 ore

Al Duhail o al Ahly sulla strada del Bayern Monaco

Effettuato il sorteggio del Mondiale per club (4-11 febbraio). I neozelandesi dell'Auckland rinunciano a causa della quarantena al loro rientro in patria
CICLISMO
10 ore

Thibaut Pinot dice di no al Tour de France

Il francese, beniamino del pubblico, ha deciso di rinunciare alla Grande Boucle e di incentrare la stagione sul Giro d'Italia
BASKET
10 ore

Arbitraggio, in Svizzera si va a spanne

Anche chi in campo europeo eccelle, come Clivaz, da noi è incline a dimostrare il suo potere. E per tecnici e giocatori, adeguarsi diventa un'impresa
Calcio
11 ore

Manata a un avversario: due partite di sospensione per Leo Messi

L'argentino era stato espulso domenica nei tempi supplementari per la prima volta da quando indossa la maglia del Barcellona
Calcio
12 ore

San Gallo-Lugano anticipata a domenica

Inizialmente prevista il 6 febbraio, subentra nella data prevista per Lucerna-Lugano rinviata causa quarantena della squadra di Celestini
Calcio
13 ore

Coppa Svizzera, Chiasso-Lucerna giovedì 11 febbraio

L'Asf ha fissato cinque ottavi di finale, ma quelli che vedono coinvolte le squadre dei campionati amatoriali (tra cui Monthey-Lugano) slittano ancora
Tennis
14 ore

Australian Open sotto pressione: anche due giocatori positivi

Tensione anche tra tennisti: 'Djokovic è un cretino' twitta Kyrgios. Non si placano le critiche per l'arrivo sul continente di tanti stranieri in vista del torneo.
Gallery
Calcio
20 ore

Paolo Righetti: ‘Ac Bellinzona al lavoro settimana prossima’

Il campionato di Promotion League riparte forse solo in aprile. ‘Ripartire, per dare un segnale, per la condizione e per il morale’
Atletica
1 gior

Ajla Del Ponte è pronta ad aggiungere altri mattoncini

La sprinter valmaggese si sta preparando (in Sudafrica) per una nuova stagione che per lei scatterà al coperto il 29 gennaio. Con un occhio rivolto a Tokyo
Hockey
1 gior

Due settimane di stop per il biancoblù Julius Nättinen

‘Solo’ una forte distorsione alle cervicali per il finlandese dell'Ambrì Piotta. Indisponibili pure Kneubuehler e Mazzolini
Hockey
1 gior

‘Preoccupato no, ma riconosco che mi manca qualcosa’

È un casco giallo un po' sbiadito quello di Mark Arcobello, topscorer del Lugano ma a secco di reti da sedici partite
Hockey
1 gior

Mondiali, marcia indietro dell'Iihf: niente Minsk

La Federazione internazionale ritira l'assegnazione dell'organizzazione alla Bielorussia. E valuta le opzioni di Danimarca e Slovacchia
Calcio
1 gior

La Nazionale due volte a San Gallo

Svizzera-Lituania per le qualificazioni agli Europei e Svizzera Finlandia (amichevole) al Kybunpark
Tennis
1 gior

La fase finale della Coppa Davis in tre città

Oltre a Madrid, due sedi europee ospiteranno due gironi a testa e due quarti di finale. Il Resto sarà concentrato nella capitale spagnola
Ciclismo
1 gior

Hirschi spalleggerà Pogacar al Tour de France

Il bernese nella scorsa edizione ha vinto la frazione di Sarran. Lo sloveno prenderà parte anche alla Vuelta
Calcio
1 gior

Paolo Tramezzani allenatore dell'Hajduk Spalato

L'ex tecnico bianconero e del Sion ha firmato per il club croato fino al 2022
Calcio
1 gior

Alain Nef nello staff dello Zurigo

Il 38enne ex difensore centrale proprio dell'Fcz ritiratosi nel 2019 è l'assistente allenatore della Under 18 tigurina
Tennis
1 gior

Alexander Zverev molla Roger Federer e si affida a Sergej Bubka

"Torno alle origini, mi sosterrà la mia famiglia". Il tedesco chiude la collaborazione con l'agenzia Team 8, fondata dal campione svizzero e dal suo manager.
Calcio
29.11.2020 - 18:000
Aggiornamento : 20:07

Lugano, colpo da ‘grande’. Ce la meritiamo, questa classifica’

Vittoria 1-0 contro il Basilea e risultato utile numero 17 per i bianconeri. Decide Mattia Bottani allo scadere. ‘Un gol di cui avevo un gran bisogno’

Una fiammata che ti cambia la partita. Che ti trasforma in tre punti uno 0-0 che tutto sommato ci poteva stare, tramutatosi invece in un successo pieno firmato Mattia Bottani, autore del gol decisivo a pochi secondi dal fischio finale di Tschudi. Gioia bianconera, quindi, per una vittoria ai danni del Basilea, pur sempre una delle squadre faro del campionato, che lancia i bianconeri alla rincorsa del leader Young Boys, lontano solo due punti.

Il premio, quindi, il Lugano se l’è preso sui titoli di coda, grazie a uno dei giocatori mandati in campo da Jacobacci in corso d’opera, Anzi, grazie a due dei subentranti, giacché l’assist a Bottani l’ha fornito Odgaard, a suo modo eroe di serata per un assist comodo che ha però fatto la differenza tra un punto che avrebbe accontentato e il successo pieno che profuma di esaltazione. Meritata, non fosse che perché i risultati utili consecutivi dei bianconeri sono diciassette, tra gli otto della passata stagione e i nove maturati quest’anno. Un ruolino di marcia sempre più da grande squadra, quantomeno da squadra ormai pienamente consapevole della propria forza.

Jacobacci: ‘Gran primo tempo. E ci crediamo sempre’

Maurizo Jacobacci mantiene un profilo basso che gli fa onore, senza disdegnare di portare a luce un po’ di sano orgoglio misto a soddisfazione per l’ennesimo risultato utile, l’ennesima partita di livello della sua gestione, e per una classifica davvero bella a vedersi. «Mi auguro che arriviamo il più presto possibile ai 39 punti che ho indicato quale quota salvezza - esordisce il mister - ma faccio volentieri i complimenti alla squadra. Nel primo tempo abbiamo disputato un’ottima gara. Due interventi dell’arbitro lasciano a desiderare, il vantaggio che non ha concesso a Gerndt lanciato verso la porta di Lindner e, soprattutto, il fallo fischiato a Lungoyi che si era liberato della marcatura e stava correndo verso la porta. Sono due occasioni molto importanti. Il Basilea nei primi 45’ non ha creato più di tanto. Ha però cambiato modulo, nella ripresa. Abbiamo sofferto un po’ ma abbiamo potuto deciderla a nostro favore anche grazie ai cambi. Da sempre do grande importanza alla qualità della panchina. Quelli che sono entrati hanno fatto molto bene la loro parte. Compreso Odgaard che ha trovato il pallone conquistato da Bottani in un duello aereo con Klose, che è più alto di lui».

Al netto dei meriti indiscutibili del Lugano, è giusto ribadire che alla luce di quanto emerso nella ripresa, tutto sommato gestita meglio dal Basilea, lo 0-0 sarebbe stato salutato come un risultato equo, pur concedendo al Lugano di aver fatto meglio, e di più, in un primo tempo nel quale Lungoyi è parso imprendibile, creando i presupposti per un vantaggio che però non si è concretizzato. Buoni propositi ai quali Mattia Bottani, nel finale, ha voluto dare la propria benedizione con la rete del successo che premia lui, non sempre decisivo. «All’89’ ho invitato i ragazzi alla calma, affinché portassimo a casa almeno un punto, questo è vero. È però ache vero che siamo entrati in campo per vincerla, questa partita. Sapevo che un match come questo avrebbe potuto essere deciso da un errore, da un episodio. Non è la prima volta che segniamo allo scadere, in altre occasioni siamo stati bravi a crederci fino in fondo. Sì, il punto mi avrebbe accontentato, ma sono dell’idea che in campo si raccoglie quanto si merita. Noi questa vittoria ce la siamo meritata, così come ci meritiamo la bella classifica che abbiamo. Confidavo nel Losanna, che potesse fermare lo Young Boys, ma tant’è. Di sicuro battendo il Basilea abbiamo lanciato un segnale molto forte alle altre squadre. Le abbiamo affrontate tutte, salvo l’Yb, e non siamo stati inferiori a nessuno. Il confronto con tutte le avversarie dice che meritiamo rispetto».

Bottani: ‘Successo figlio dell'ottimo momento’

Entrato dalla panchina, Mattia Bottani ha fatto la differenza, e alla prima occasione avuta ha fatto centro. «Come sempre - scherza il fantasista bianconero, consapevole di non aver mai brillato per freddezza sotto porta -. Questo successo lo si spiega anche pensando al momento in cui siamo ti aiuta. Siamo reduci da molti risultati molto positivi, in casi come questo la testa ti aiuta, così come la qualità della squadra che cresce di anno in anno. Avevo un gran bisogno di questo gol, avevo bisogno di dare il mio contributo, volevo ripagare i compagni che mi hanno sempre fatto sentire il loro calore. Li ringrazio. La mia assenza prolungata non ha aiutato la squadra né ha giocato a me stesso, Ho un rapporto speciale con tutti, con l'ambiente. È stato un anno difficile, avrei potuto perdere il controllo, ma ho sentito l’affetto di tutti».

Lungoyi vicino al gol e fermato sul più bello

Ricco di spunti interessanti il primo tempo un cui il bianconero più attivo sul fronte d'attacco è stato Lungoyi, vicino al gol già al 9' con un tiro a botta sicura forse ritardato di un istante fatale e respinto dal ventre di Cömert. Un primo squillo di marca bianconera seguito però alla replica renana affidata a un'incursione del ticinese Padula, incartatosi però sul più bello, ossia al cospetto di Baumann, graziato dal destro sgraziato del laterale sinistro di Sforza. Pochi gli attimi di respiro di una partita che Gerndt avrebbe potuto sbloccare al 17', se solo si fosse fidato di più del piede destro che sappiamo nom essere il più delicato, tra i due. Meno esitante del collega di reparto è stato Lungoyi, la cui serpentina irresistibile è stata interrotta da Klose al momento del tiro della punta di Jacobacci a ridosso di Lindner che già masticava amaro. Ancora Klose, ancora su Lungoyi, favorito da un disimpegno errato della difesa ospite. Si cambia fronte, per il colpo di testa pericoloso di Cabral al 35', ma sulla ribalta sale ancora Lungoyi, fermato dopo essersi liberato di Hajdari per un fallo che è però il difensore rossoblù (già ammonito!) a commettere, prima di crollare a terra e indurre in errore l'arbitro Tschudi. Un episodio chiave all'interno di una prima frazione vivace, segnata da qualche momento di stanca ma pronta a riaccendersi con improvvise folate. La maggior parte delle quali, di marca bianconera, come testimoniato dal sinistro di Gerndt allo scadere, calciato senza il necessario "giro", stavolta col piede buono.

Paratona di Lindner, ‘bruciato’ da Bottani al 91'

La ripresa ha fatto registrare un maggiore possesso palla del Basilea. Nei primi venti minuti Van Moos (tiro alto) e van Wolfswinkel (colpo di testa a lato pericoloso) hanno spaventato un po' il Lugano, messo in allarme anche da una conclusione "strozzata" di Stocker al termine di una pregevole azione corale degli ospiti. È però di Covilo l'opportunità più ghiotta per sbloccare il punteggio, ma il colpo di testa del mediano bianconero è stato sventato con bravura dal portiere Lindner, in volo. Sul capovolgimento di fronte, pronto Baumann a uscire sui piedi di Cabral. Sui titoli di coda, poi, il guizzo di Mattia Bottani, liberato da Odgaard al centro dell'area: 1-0 e tutti a casa a festeggiare il secondo posto a due lunghezze dallo Young Boys.

Lugano - Basilea 1-0

Rete: 92' Bottani 1-0

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric, Daprelà; Covilo; Lavanchy, Macek (65' Guidotti), Lovric, Guerrero (87' Facchinetti); Lungoyi (65' Bottani), Gerndt (76' Odgaard)

Basilea: Lindner; Cömert, Klose, Hajdari; Van Moos (69' Pululu), Frei, Kasami, Padula (46' van der Werff); Stocker; Cabral, Van Wolfswinkel.

Arbitro: Tschudi.

Note: 30 spettatori. Lugano senza Sabbatini (infortunato). Basilea senza Nikolic (ammalato), Jorge, Tushi, Xhaka, Zuffi (infortunati). Ammoniti: 24' Hajdari. 32' Gerndt (fuori la prossima). 39' Macek. 82' Guerrero.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved