bicchiere-mezzo-pieno-ma-quegli-ultimi-cinque-minuti
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
12 min

Petrucciani ci prova, ma il 45"26 non basta per la finale

L'onsernonese, più giovane semifinalista, chiude a testa alta la sua avventura sul giro di pista: quattordicesimo tempo complessivo per lui
CALCIO
12 min

Ferencvaros o Slavia Praga per lo Young Boys

Champions League, se i bernesi riuscissero a superare il Cluj nel terzo turno (domani l'andata in trasferta), affronterebbero ungheresi o cechi
Tokyo 2020
55 min

Mujinga Kambundji stacca il biglietto per la finale

Come nelle batterie, in semifinale l'elvetica eguaglia il suo primato svizzero (22"26) e si qualifica per l'ultimo atto
CICLISMO SU PISTA
1 ora

Delude il quartetto svizzero dell'inseguimento

Ultimi delle qualificazioni, gli elvetici possono battersi soltanto per la medaglia di bronzo. Schmid l'anello debole della squadra
Hockey
1 ora

Biennale a Davos per Simon Knak

Il 19enne attaccante zurighese, fresco di draft con i Nashville Predators, per le prossime due stagioni giocherà con i grigionesi
Tokyo 2020
1 ora

Liu Yang si copre d'oro negli anelli

Doppietta cinese a Tokyo. Terzo il campione uscente Petrounias, e quarto il francese Aït Saïd
Ginnastica
2 ore

Simone Biles in lizza nella finale della trave

Dopo diverse rinunce, la 24enne torna a rappresentare gli Stati Uniti: in corsa per l'oro, accanto a Sunie Lee domani ci sarà anche lei
Calcio
3 ore

Successione di Petkovic: a giorni la decisione

Il nuovo selezionatore della Nazionale verrà designato a breve. Creata una 'short list' di candidati
Tokyo 2020
3 ore

Krystsina Tsimanouskaya sotto protezione della polizia

L'atleta bielorussia si oppone all'ordine di rientro in Belorussia. Della vicenda si sta pure occupando l'Alto Commissariato per i rifugiati
Tokyo 2020
6 ore

Nei 200 m, Mujinga Kambundji vola in semifinale

La bernese eguaglia il suo primato svizzero e fa segnare il terzo miglior tempo in batteria
CALCIO
19 ore

La perla di Bottani, la zampata di Abubakar

Prima vittoria stagionale del Lugano che espugna lo Stade de Genève al termine di una prestazione incoraggiante. La decisione tra il 46’ e il 49’
Formula 1
20 ore

Arriva in Ungheria il gran giorno di Esteban Ocon

Clamoroso trionfo a Mogyorod per il pilota francese dell'Alpine, al termine di una domenica in cui succede di tutto. Compresa la squalifica post-gara a Vettel
Tokyo 2020
22 ore

Tutta la meraviglia di una medaglia

Spiazzante, sconvolgente ma tremendamente reale: le emozioni scatenate dal bronzo di Noè Ponti, ticinese nell'Olimpo in compagnie dei più grandi
Tokyo 2020
22 ore

Al maschile il re dello sprint è l'italiano Jacobs

L'incredibile finale dei 100 regala un podio inatteso, con il ventisienne bresciano che chiude in 9''80 grazie a un'impressionante progressione
Tokyo 2020
1 gior

Dopo il dispiacere a Nole, Zverev si mette l'oro al collo

Il gigante di Amburgo dopo aver eliminato il serbo in finale non lascia scampo al russo Khachanov e succede nell'albo d'oro al britannico Andy Murray
CALCIO
22.11.2020 - 17:560
Aggiornamento : 19:08

‘Bicchiere mezzo pieno, ma quegli ultimi cinque minuti...’

Il Lugano torna con un buon punto da Ginevra. Jacobacci: 'Primo tempo al di sdotto delle nostre possibilità, ma nella ripresa avremmo potuto vincere'

E fanno 15. La striscia di risultati positivi del Lugano prosegue anche dopo l’insidiosa trasferta a Ginevra. Certo, non permette ai bianconeri di mantenere la testa della classifica, ma li lascia comunque nelle zone alte, a due soli punti dalla capolista Young Boys. D’altra parte, uscire con un punto dalla Praille non rappresenta affatto un cattivo affare. Il Servette di Alain Geiger, per quanto fermo da quasi un mese a causa di quarantene proprie e altrui, ha ribadito di essere una buona squadra, dotata di un assetto di gioco ben delineato e di individualità niente male. Alla fine, il punto conquistato può stare un po’ stretto alla compagine di Maurizio Jacobacci, soprattutto alla luce di quanto mostrato nel secondo tempo, quando si è trovata a dover recuperare il gol firmato da Kyei al 37' (difesa piuttosto statica, in particolare con Kecskes che si è perso il francese in piena area di rigore), ma nei minuti finali ha comunque rischiato qualcosa di troppo. «Devo capire cosa è successo su quel corner – afferma Jacobacci –, situazione di gioco nella quale di solito siamo molto ordinati. Senza dubbio avremmo dovuto essere più aggressivi».

Al di là del gol incassato, i primi 45' hanno visto il Lugano faticare a innescare Gerndt e Odgaard, a causa di una certa staticità di tutta la squadra (anche a centrocampo, Lovric e Macek sono entrati in partita a carburazione lenta)... «Nel complesso, nel primo tempo abbiamo tenuto palla, ma quasi sempre in orizzontale. Ci è mancata la profondità degli attaccanti e gli inserimenti senz palla da parte dei centrocampisti. Per i granata è stato facile contenere le nostre iniziative, per quanto pure il Servette non è che abbia fatto chissà che. Direi che è stato un primo tempo discreto, nel quale sono però mancati i movimenti giusti».

Dopo la pausa, il Lugano ha subito messo in chiaro di essere tornato in campo con ben altro piglio rispetto a una prima frazione giocata un po’ troppo sulle sue. Ha schiacciato i granata nella loro metà campo, ha creato un buon numero di occasioni per passare, sia prima (Odgaard con un improbabile passaggio laterale in piena area al 50'), sia dopo il gol del pareggio ottenuto da Lavanchy al 63' (Guerrero in diagonale al 77', Covilo di testa all'89'), ma gli è sempre mancato quel pizzico di buona sorte in più. Che la Dea bendata gli ha però accordato nel finale, quando il Servette è tornato a mettere il naso alla finestra e ha rischiato la clamorosa beffa con Kone che, lanciato in contropiede (89'), ha centrato il palo sull’uscita disperata di Baumann e con Ondoua al 94', capace di sparacchiare al lato da buonissima posizione. «La squadra ha mostrato, ancora una volta, grande carattere – aggiunge il tecnico bianconero –. È la quarta volta che recuperiamo il risultato e non posso che fare i complimenti ai ragazzi. È vero, il Servette si è abbassato e ci ha lasciato costruire da dietro, ma non era per nulla scontato riuscire a segnare contro una difesa schierata e che nel finale si è proposta pure con una linea a cinque. Il gol è arrivato al momento giusto, ma non ci siamo accontentati, abbiamo cercato di uscire dalla Praille con tre punti. Abbiamo provato ad approfittare di un Servette un po' in difficoltà e ci siamo creati diverse occasioni per passare, ma ci siamo pure assunti grossi rischi».

L'entrata in gioco di Lungoyi e Ardaiz ha contribuito a vivacizzare l'attacco bianconero e sia il ginevrino, sia l'uruguaiano hanno avuto sul piede la palla buona... «Ardaiz ha avuto spunti interessanti, ha saputo difendere palla e smistarla. Tra l'altro, l'occasione capitata a Guerrero l'ha costruita proprio lui. Non era scontato, in una partita come questa, entrare e fare bene, ma lui ha dimostrato di possedere fisico e velocità, due caratteristiche che sicuramente potranno tornare utili nei mesi a venire. Mi dispiace, invece, per Odgaard: ha avuto la palla buona a centroarea, in una situazione così deve mostrare molta più cattiveria».

Insomma, un pareggio che poteva essere qualcosa di diverso (vittoria, ma pure sconfitta) e che dunque non può che star bene a un Lugano intento a proseguire sulla strada tracciata ormai da 15 partite... «Sono contento della prestazione offerta nel secondo tempo – conclude Jacobacci –. Ma non per quello che riguarda gli ultimi 5', perché non avremmo dovuto rischiare così tanto. L'atteggiamento, comunque, è stato buono e, ancora una volta, abbiamo dimostrato di essere fisicamente pronti. A conti fatti, il bicchiere lo vedo mezzo pieno. Un pareggio che ci permetterà di preparare in maniera tranquilla i prossimi appuntamenti, a prescindere da quella che è la classifica. Noi puntiamo a raggiungere il più in fretta possibile la quota salvezza...»

Servette - Lugano(1-0) 1-1

Reti: 37’ Kyei 1-0. 63’ Lavanchy 1-1

Servette: Frick; Sauthier, Rouiller, Sasso, Mendy; Valls (69’ Diallo), Ondoua; Imeri, Cognat (89’ Severin), Antunes (54’ Cespedes); Kyei (69’ Kone)

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric. Daprelà; Lavanchy, Locric, Custodio, Macek (76’ Covilo), Guerrero; Gerndt (76’ Ardaiz), Odgaard (58’ Lungoyi)

Arbitro: Dudic

Note: 50 spettatori. Servette senza Fofana (squalificato), Henchoz, Stevanovic e Schalk (infortunati); Lugano senza Bottani, e Sabbatini, Guidotti e Oss (infortunati). Ammoniti: 35’ Gerndt. 47’ Kecskes. 75’ Kone. 84’ Custodio. 88’ Ondoua

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved