laRegione
esame-farsa-di-suarez-la-juventus-non-e-indagata
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
7 ore

Lo Young Boys conquista un punto in Romania

Una conclusione di Fassnacht permette ai gialloneri di rimediare al vantaggio del Cluj firmato da Rondon. Primo punto dei bernesi in questa Europa League
Hockey
9 ore

Kostner positivo, Ambrì Piotta in quarantena

L'attaccante biancoblù ieri aveva accusato sintomi influenzali. Annullata la partita di domenica a Zugo
Calcio
11 ore

Fc Lugano, dopo Bottani positivo anche Osigwe

Sono in totale otto i bianconeri in quarantena. Il club ha chiesto il rinvio della partita di domenica contro lo Young Boys
Hockey
14 ore

'Andare avanti era la miglior opzione. O la meno peggio'

Nicola Mona: 'Fermare il campionato per un paio di mesi sperando che poi la situazione sarebbe migliorata era un'idea, ma non la più plausibile'
Altri sport
18 ore

Anche senza spettatori il campionato di Lna di pallavolo continua

Lo ha deciso oggi Swiss Volley, che entro la fine della settimana emanerà nuovi concetti di protezione da adottare durante allenamenti e partite
tennis
21 ore

Argento e bronzo per il Ticino, ma l'oro è aver potuto giocare

Due medaglie alle finali nazionali dell'Interclub junior. Riccardo Margaroli (Tennis Ticino): tante le squadre iscritte, movimento cantonale in salute
Hockey
23 ore

Si pattina almeno fino al 1° dicembre

Direzione della Lega e i club della National League hanno preso la decisione di continuare il campionato, poi valuteranno come procedere
Hockey
1 gior

'Un aiuto finanziario federale ora diventa imprescindibile'

Lo dice il direttore generale dell'Ambrì Piotta Nicola Mona. Lombardi: 'Quanto deciso oggi da Berna ci impone di rifare i calcoli ripartendo da zero'
Hockey
1 gior

Rappi in quarantena, salta la partita di venerdì a Lugano

Tre giocatori sangallesi e due membri dello staff positivi al coronavirus. In Swiss League fermato anche il Langenthal
Calcio
22.09.2020 - 21:100

Esame-farsa di Suarez, la Juventus non è indagata

Secondo l’inchiesta il test del calciatore uruguaiano per ottenere la cittadinanza italiana è stato superato con una truffa: argomenti concordati preventivamente

Appena cinque giorni fa Luis Suarez, attaccante del Barcellona a lungo obiettivo della Juventus, aveva superato la prova d'italiano di livello B1 (quello intermedio) presso l'Università per Stranieri di Perugia dimostrando di "comprendere bene la lingua", disse ai giornalisti il professor Lorenzo Rocca che lo aveva appena esaminato, sottolineando che nel parlato "si fa capire".

"Non spiccica na parola", "non coniuga i verbi", "parla all'infinito" diceva però il 12 settembre Stefania Spina, direttrice del Centro di valutazione e certificazione linguistica dell'Ateneo e docente del breve corso online seguito dal 'pistolero'. Non sapendo di essere intercettata dalla guardia di finanza. La procura perugina guidata da Raffaele Cantone ritiene infatti che quello di Suarez sia stato un "esame farsa" in una seduta fatta "ad hoc".

Stamani le fiamme gialle hanno perquisito gli uffici dell'Università per Stranieri. Tra gli indagati compaiono infatti la rettrice Giuliana Grego Bolli, il direttore generale Simone Olivieri, Stefania Spina, Lorenzo Rocca e un'impiegata che predispose l'attestato per il calciatore. L'ipotesi investigativa è che gli argomenti oggetto della prova d'esame siano stati "preventivamente concordati" con il candidato, al quale il punteggio "è stato attribuito prima ancora dello svolgimento", si legge nella nota del procuratore Cantone. In modo tale – emerge dal decreto della procura perugina – da "blindare l'esito favorevole". "Ma te pare che lo bocciamo!" un'altra delle frasi intercettate della professoressa Spina, la quale ricorda poi che "con dieci milioni a stagione di stipendio non glieli puoi far saltare perché non ha il B1".

Il comandante del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Perugia, colonnello Selvaggio Sarri (che non è parente dell'ex allenatore juventino pur avendo lo stesso cognome), ha quindi spiegato che è stata "la Juventus, attraverso il suo staff, a rivolgersi all'Università per Stranieri per sapere se ci fosse la possibilità di far svolgere a Suarez l'esame". Sottolineando che nessun appartenente al club piemontese è indagato. Il colonnello Sarri ha detto di "non sapere perché la Juventus si sia rivolta proprio alla Stranieri Perugia. Dall'indagine sono comunque emersi contatti tra lo staff juventino e i vertici dell'Ateneo che ha poi materialmente organizzato l'esame del calciatore. Perché lo ha fatto? Probabilmente per il ritorno d'immagine che sarebbe derivato".

Secondo gli inquirenti dagli accertamenti – avviati per "fatti diversi" che riguardano sempre palazzo Gallenga – emerge come la decisione di far superare l'esame al calciatore, "prescindendo da ogni valutazione delle effettive competenze linguistiche, sia stata assunta dai vertici dell'Università per Stranieri". Ateneo che si è difeso sottolineando "la correttezza e la trasparenza delle procedure seguite per l'esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez" e confidando "che ciò emergerà con chiarezza al termine delle verifiche in corso". Suarez intanto non risulta indagato e nell'indagine non sono coinvolti nemmeno persone del suo entourage. Quella emersa con le perquisizioni sarebbe comunque solo una parte dell'inchiesta in corso sulla quale stanno lavorando i magistrati di Perugia.

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved