laRegione
il-lugano-e-salvo-lo-young-boys-e-campione
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
5 ore

Il successo contro il Borussia tiene in vita l'Inter

Champions, i nerazzurri approfittano della grande serata di Lukaku e di giocheranno tutto tra una settimna con lo Shakthar. Agli ottavi Liverpool e Porto
CALCIO FEMMINILE
6 ore

Svizzera battuta, per l'Euro 2022 servono i playoff

Il Belgio si è imposto 4-0, aggiudicandosi la vittoria di gruppo. Le elvetiche quasi certe di non accedere nemmeno tra le tre migliori seconde
Formula 1
7 ore

Grosjean: ‘Ho visto la morte in faccia’

Il pilota ginevrino con licenza francese parla dopo il terribile incidente di domenica nel Gp del Bahrain: ‘È come essere nato una seconda volta’
DRESSAGE
9 ore

Per Philine Brunner il Mondiale è sfumato sul più bello

‘Non capita spesso in carriera di qualificarsi per simili eventi. La delusione è grandissima’, ma il Covid-19 ha avuto la meglio
HOCKEY
10 ore

Tocca agli Zsc Lions fermarsi per il Covid-19

La squadra zurighese dovrà rimanere in quarantena fino al 9 dicembre. ‘Saltano’ le due sfide in programma con il Langnau
Gallery
Sci
12 ore

TiSki, asticella da mantenere in alto

Successore di Enzo Filippini, Marco Gut traccia le linee guida della federazione di sci della Svizzera italiana: volti nuovi e continuità
Basket
13 ore

La Svizzera e un exploit figlio più del gruppo che del talento

Il successo di Mladjan e compagni sulla Serbia si somma ad altri grandi momenti per i colori rossocrociati, che rimangono tuttavia troppo isolati
Sci di fondo
13 ore

Paura del Covid, le star norvegesi snobbano la Cdm

La federazione scandinava ha comunicato che i suoi atleti salteranno le prove di Davos e Dresda per proteggerli e preservarli in vista dei Mondiali
Altri sport
14 ore

Thomas Bach senza concorrenti: il Cio non cambierà la testa

Il tedesco è l'unico candidato alla presidenza del Comitato olimpico internazionale. Succederà a se stesso, nonostante le molte critiche di autoritarismo.
Formula 1
15 ore

Lewis Hamilton positivo al Covid, stagione finita?

Il fresco campione del mondo (per la settima volta) sta bene ma è in isolamento: non prenderà parte questo weekend al Gp di Sakhir ed è in dubbio per Abu Dhabi
Calcio
16 ore

La neve sposta di un giorno Winterthur-Chiasso

Le nevicate a Nord delle Alpi hanno costretto a rinviare a domani (ore 19) il match di Challenge League inizialmente previsto questa sera alla Schützenwiese
Sci
16 ore

Mikaela Shiffrin a St. Moritz non ci sarà

La 25enne statunitense ha deciso di concentrarsi sulle discipline tecniche e non si presenterà al via dei due super-G in programma nel weekend in Engadina
Calcio
31.07.2020 - 22:250

Il Lugano è salvo, lo Young Boys è campione

Nell’ultima uscita stagionale a Cornaredo i bianconeri superano 3-1 il Servette e conquistano la quinta salvezza consecutiva. Terzo titolo di fila per i bernesi.

Il Lugano è salvo. E in fondo, è l’unica cosa che conta. Da sempre, figuriamoci in una stagione travagliata come questa. E difatti se fischi e mugugni di alcuni degli 800 spettatori presenti per l’ultima uscita stagionale a Cornaredo hanno accompagnato l’esibizione a tratti stucchevole dei propri beniamini (in particolare nel primo tempo, forse la peggiore del post-lockdown), al triplice fischio finale che ha sancito il 3-1 con il Servette a risuonare nell’impianto luganese sono stati gli applausi per la quinta salvezza consecutiva dalla promozione in Super League nel 2015 conquistata dai protetti del presidente Renzetti. Grazie al settimo risultato utile consecutivo - comunque non necessario viste le vittorie mancate di Thun (0-0 con il Basilea e ora a -7 dal Lugano) e Sion (a -8 dopo lo 0-1 con l’Yb campione svizzero per la terza volta consecutiva) -, ma soprattutto grazie all’ennesima stagione (che si concluderà lunedì in casa del Neuchâtel già retrocesso) fatta di molta sostanza e che dall’avvicendamento tra Celestini e Jacobacci ha visto i ticinesi acquisire ulteriore solidità e costanza, che hanno permesso loro di raggiungere una salvezza più che meritata e che alla luce di tutto può (deve) soddisfare.

Primo tempo

Per la sfida contro un Servette non proprio motivatissimo vista la certezza di chiudere il campionato al quarto posto sinonimo di Europa League (a metà agosto i preliminari), tanto da spingere il tecnico Alain Geiger a lanciare tra i titolari un classe 2001 (Martial) e un 2002 (Henchoz), Jacobacci rispetto al pirotecnico 4-4 di Basilea ha ritrovato Gerndt, Custodio e Maric, subito mandati in campo al posto di Holender (infortunato) Guidotti e Covilo.

Il Lugano ha provato a prendere da subito in mano le redini dell’incontro ma gli ospiti non glie l’hanno permesso e le due squadre si sono alternate in maniera piuttosto regolare nel possesso palla. I primi a rendersi pericolosi sono stati i padroni di casa ma Lovric al 13’ ha sprecato la bella imbeccata di Gerndt, mentre tre minuti più tardi le parti si sono invertite ma l’assist dell’austriaco non ha raggiunto lo svedese solo davanti all’ex bianconero Kiassumbua. Il primo squillo dei ginevrini è invece arrivato poco dopo con la conclusione a lato dal limite di Andrea Maccoppi, seguita al 20’ dal vantaggio trovato da Kone dopo bella discesa sulla sinistra di Imeri (nell’occasione un po’ passiva la retroguardia bianconera). La reazione di Sabbatini e compagni si è fatta attendere e tra i fischi di qualche sostenitore bianconero scontento è stato ancora il Servette a rendersi più volte pericoloso Iapichino (nella prima occasione attento Baumann a chiudere sul primo palo), Imeri (salvataggio in extremis di Custodio) e Martial. E non è un caso se il pareggio dei granata (stasera in bianco) è arrivata su autorete di un altro ex, Steve Rouiller, che al 42’ ha spinto nella sua porta un traversone di Lungoyi.

Secondo tempo

Nella ripresa i padroni di casa sono tornati in campo con tutt’altro piglio e dopo nemmeno cinque minuti sono passati in vantaggio con un’incornata di Gerndt su bel traversone Custodio. Un episodio al quale hanno fatto seguito una serie di buone occasioni non sfruttate dai sottocenerini (in particolare da Lungoyi, tra i più attivi ma anche tra i più imprecisi), che hanno comunque gestito bene la (mancata) reazione degli ospiti fino al 3-1 trovato all'82' di testa da Maric, su pennellata ancora di Custodio.

Lugano - Servette (1-1) 3-1

Reti: 20’ Kone 0-1. 42’ Rouiller (autorete) 1-1. 50’ Gerndt 2-1. 82' Maric 3-1

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric, Daprelà; Lavanchy, Lovric (67’ Guidotti), Custodio (90' Covilo), Sabbatini, Yao (90' Jefferson); Lungoyi (90' Macek), Gerndt (80' Janga)

Servette: Kiassumbua; Sauthier (76’ Mazzolini), Rouiller, Henchoz, Iapichino (59’ Goncalves); Maccoppi (59’ Holcbecher; Stevanovic (70’ Ajdini), Cognat (70’ Guerin), Martial, Imeri; Kone

Arbitro: San

Note: 800 spettatori. Lugano senza Bottani e Holender (infortunati), Pavlovic, Sasere e Rodriguez; Servette privo di R. Alves, Cespedes, Kyei, Ondoua, Samba, Sasso, Schalk, Routis, Severin e Tasar (infortunati). Ammoniti: 63’ Lovric. 76’ Maric. 78’ Baumann. 88' Imeri

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved