laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press/Gianinazzi
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore
Il Werder Brema trema ma rimane in Bundesliga
La squadra di Kohfeldt ha salvato il proprio posto nella massima categoria tedesca grazie al 2-2 nella sfida di ritorno del playout contro l'Heidenheim
Handbike
11 ore
Terzo intervento chirurgico per Zanardi
È stato sottoposto a un intervento di chirurgia maxillo-facciale. Le condizioni neurologiche restano gravi e la prognosi resta riservata.
Ciclismo
14 ore
Gli Europei a Plouay
La rassegna continentale dal 24 al 28 agosto, tra i Campionati nazionali e il Tour de France
Tennis
15 ore
Federer: 'Sì, Wimbledon mi manca'
Il basilese si esprime sul suo rientro: 'Lavoro molto duramente per tornare anche a trionfare a Londra'
Hockey
17 ore
Rockets da sostenere in una stagione ricca di novità
Tra le offerte della campagna abbonamenti dei ticinesi, lo sconto del 50 per cento per gli abbonati di Ambrì, Lugano e Davos
Ippica
17 ore
Guerdat vince il 5 stelle di St. Tropez
Il giurassiano in sella a Victorio des Frotards quest'anno si era già imposto nei concorsi di Basilea e Bordeaux
Calcio
1 gior
Lo Xamax rimpiazza Magnin con Henchoz
La sconfitta con il Basilea costringe i neocastellani a reagire: la squadra al tecnico friborghese, il cui arrivo alla Maladière in realtà è un ritorno
CALCIO
1 gior
Jacobacci: 'C'è della rabbia, è inutile negarlo'
La giornata sfortunata di Yao, il difensore nigeriano, permette allo Young Boys di imporsi. Nel primo tempo i ticinesi falliscono troppe occasioni da rete
Formula 1
1 gior
Bottas trionfa in Austria, in un Gp dall'epilogo pirotecnico
Soltanto undici vetture arrivano al traguardo della prima corsa stagionale. Sul podio anche Leclerc e l'incredulo Norris, mentre Hamilton si fa male da solo
BOCCE
1 gior
A Lugano prime bocciate dopo la pausa forzata
Ieri al Centro nazionale allenamento collegiale per i quadri rossocrociati. Con il ritorno nella selezione maggiore del navigato Tiziano Catarin
CALCIO
1 gior
Lugano, quattro nuovi innesti per affrontare lo Young Boys
Jacobacci ha scelto di mandare in campo da primo minuto Jefferson, Sasere, Guidotti e Holender. Assenti Custodio, Gerndt, Maric e Bottani
Tennis
1 gior
Tiafoe contagiato, ma ad Atlanta lo show va avanti
Lo statunitense annuncia su Twitter la sua positività al Covid. In Georgia, però, gli organizzatori annunciano che si continuerà a giocare. Polemiche o no
ATLETICA
2 gior
Ajla non ha avversarie: 11''32, miglior crono europeo
In Italia la ticinese sui 100 firma il personale stagionale, che è anche il più basso a livello continentale. Ma il suo tempo di riferimento resta l'11''21
Calcio
2 gior
Il Lugano sogna in grande: dopo il Basilea nel mirino l'Yb
Reduce dallo storico successo contro i renani, la squadra di Jacobacci è attesa dalla trasferta in casa dei campioni svizzeri: 'Cerchiamo il colpaccio'.
Hockey
2 gior
Igor Larionov, il Professore ha una nuova cattedra
Il leggendario ex attaccante che passò dal Ticino guiderà l'Under 20 russa. 'Sogno una squadra bella da vedere, che diverta i ragazzi. E che abbia successo'
Football americano
3 gior
Svolta storica nella Nfl: è la fine dei Redskins?
La Nfl scende in campo contro il razzismo, e la squadra di Washington, sotto pressione, medita di cambiare il suo nome
Calcio
3 gior
Team Ticino, Alessandro Colombi al posto di Novoselskiy
Il direttore generale del Corriere del Ticino entra nel comitato dell'Associazione che gestisce il calcio giovanile d'élite cantonale
Automobilismo
3 gior
Scusate il ritardo: la F1 riaccende i motori
Solo otto gare certe, in calendario, per una stagione a metà che passerà sicuramente alla storia per la sua unicità
Hockey
3 gior
Per l'Ambrì Piotta ecco Julius Nättinen
I biancoblù mettono sotto contratto per un anno il finlandese, che alla Valascia si porta in dote il titolo di cannoniere della Liiga
Altri sport
3 gior
La risalita del numero di casi di Covid-19 frena il football
Le nove squadre di football di Melbourne si apprestano a lasciare temporaneamente la città dopo la nuova ondata di coronavirus
Calcio femminile
15.10.2019 - 05:500
Aggiornamento : 09:29

Nessuna via d’uscita per il Football femminile Lugano

La sezione della popolazione diretta da Silvia Gada toglie ogni speranza al club bianconero di Lega nazionale A: le americane non sono in regola

Emanuele Gaiarin, presidente del Football Femminile Lugano 1976 la cui prima squadra si è vista privata della quindicina di calciatrici statunitensi sprovviste del permesso di lavoro imposto dalla Sem, la Segreteria di Stato della migrazione, ha annunciato il proprio disimpegno, conseguenza delle nuove condizioni venutesi a creare ch rendono vano il suo sforzo di portare avanti a Lugano un discorso di stretta interazione tra studi superiori (o accademici) e sport. L’ipotesi del ritiro della squadra non è infondata, con tanti saluti a un progetto nato con le migliori intenzioni ma che non poggiava su basi legali solide. Sotto i colpi di alcune verifiche portate avanti dalla Sezione della popolazione, il castello dell’Ff Lugano è crollato, senza che ci siano i margini per una ricostruzione. Quantomeno, non nelle modalità che erano state scelte dall’attuale dirigenza sposate, oltretutto, dall’Ff Lugano di Angelo Renzetti, con cui il rapporto era stato intensificato nelle scorse settimane. «Le attività svolte in una qualsiasi serie A – spiega Silvia Gada, direttrice della Sezione della popolazione – siano esse maschili o femminili, sono considerate per le persone provenienti da Stati terzi alla stregua di attività lucrative».

Le quali, per svolgere suddetta attività, devono essere in possesso di un regolare permesso di lavoro, ciò che naturalmente le americane in forza al club bianconero non hanno, come le verifiche del caso hanno facilmente potuto constatare. È questo, in soldoni, il principio che ‘condanna’ il Lugano calcio femminile, messo alle strette da una direttiva della Sem senza via d’uscita, se non la regolarizzazione della posizione di ciascuna calciatrice straniera, con tanto di minimo salariale da corrispondere loro.

Il contesto fa la differenza

Le statunitensi in forza all’Ff Lugano sono (o meglio, erano) in Ticino con il cosiddetto “Pass Academy”, ovvero un visto per un’esperienza di studio o attività sportiva all’estero. Questo statuto non apre però le porte a una deroga al principio contenuto nelle direttive della Sem, ben spiegato dalla signora Gada. La quale aggiunge che «se l’attività sportiva la si svolgesse in una squadra che milita, per fare un esempio, in una società di Prima Lega, non ci sarebbe problema alcuno. Sarebbe un’attività amatoriale, e potrebbe essere considerata aggiuntiva a una realtà di studio, che a quella stregua sarebbe però l’obiettivo principale del rilascio del permesso. Nel caso delle calciatrici, il motivo principale per cui sono sul nostro territorio, è la pratica di un’attività sportiva in serie A. La differenza la fa il contesto che regolamenta la presenza sul territorio di tutte le persone: ciascun permesso rispecchia il motivo per cui è stato richiesto. Hanno diritto di esserci il cittadino in possesso del passaporto, la persona che richiede il permesso da frontaliere per venire a lavorare, o una persona che ha un permesso B senza attività lucrativa perché ha già i mezzi propri. Queste ragazze, per contro, arrivano dagli Stati Uniti, hanno un permesso di studio (la maggior parte di loro), a Varese, e studiano in Italia. Arrivano in Ticino per svolgere un’attività in serie A, giudicata, a seguito di una verifica fatta con la Sem, professionistica per gli Stati terzi, quindi lucrativa. Non c’è altro modo di definirla, se non come attività principale sportiva a scopo lucrativo. La quale andrebbe regolarizzata con un contratto e con le relative condizioni che andrebbero riconosciute e rispettate. Il discorso sarebbe diverso se fossero comunitarie: in quel caso, le regole sarebbero diverse». Ma non è questo il caso. Né ci sono i margini perché la questione, dal punto di vista del Lugano, si possa risolvere, se non regolarizzando la posizione delle proprie calciatrici straniere. «Facendo domanda per ogni singolo elemento, come attività lucrativa, rispettando lo stipendio minimo indicato dalle direttive. Altre realtà sportive rispecchiano questi vincoli». Ma non impiegano quindici straniere... «Questo significa che il Lugano ha fatto il passo più lungo della gamba». «Il visto da turista non è un appiglio... «Risulta che si allenino tutte le sere, e che siano in Ticino per le partite, nel fine settimana. Vanno ben oltre i tre mesi previsti dal permesso di turista».

La società si difende

«Auspico una soluzione in tempi brevi, perché sabato dovremmo già scendere in campo per una nuova partita». Renato Belotti, diesse del Lugano, non nasconde la preoccupazione per una vertenza che potrebbe avere gravi ripercussioni sul club bianconero... «Noi abbiamo agito in assoluta buona fede, ma se la Segreteria di Stato per le migrazioni (Sem) confermasse l’impossibilità per le nostre ragazze di scendere in campo, rischieremmo davvero di chiudere baracca e burattini perché sarebbe economicamente impensabile e sportivamente diseducativo portare a termine le rimanenti 19 giornate di campionato con ragazze di 16 e 17 anni, con la certezza di perdere il nostro posto nell’élite svizzera. Tutto il progetto di crescita del calcio femminile si basava sul mantenimento di un posto nella massima categoria, anche grazie alle giocatrici statunitensi, in modo da dare uno sbocco a tutte le ragazze che stanno crescendo e che a Giubiasco si allenano tre-quattro volte a settimana. Non possiamo permetterci di stipendiare le nostre giocatrici e nel contempo rischiamo di perdere quei pochi sostegni finanziari legati alla visibilità e al riscontro ottenuti».
Come è nato questo pastrocchio? «Eravamo convinti che, in quanto calcio femminile e in quanto legati alla Lega amatori dell’Asf non avessimo bisogno di permessi di lavoro per le nostre giocatrici, le quali, lo ribadisco ancora, non percepiscono compenso alcuno. E nemmeno noi traiamo benefici economici dall’operazione. Essendo dilettanti pure, le ragazze possono andarsene a parametro zero quando desiderano e noi non percepiamo alcuna indennità di formazione».
La Sem dovrebbe valutare meglio, caso per caso, sport per sport, società per società? «Non muovo nessun rimprovero all’azione della Sem, ma credo che quando questo regolamento è stato messo nero su bianco si sia pensato soltanto al calcio declinato al maschile e a tutti quegli sport che davvero presentano realtà legate al professionismo».
L’Asf doveva essere la corrente della situazione. Perché non vi ha mai messi sul chi vive? «Non so il perché, ma a noi non è mai stato segnalato il problema. Eppure le ragazze le dovevamo tesserare. E lo facevamo passando dal canale riservato agli atleti dilettanti. Forse a Berna nessuno si è accorto che qualcosa non funzionava».
Due terzi delle ragazze sono già tornate negli States... «Avrebbero dovuto iniziare la scuola ad ottobre a Varese, ma la situazione ha colto pure loro di sorpresa. Se la vertenza non si dovesse risolvere in tempi brevi, pure le cinque ancora qui sono destinate a far rientro a casa loro».
Il futuro del Lugano è dunque appeso a un filo.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved