laRegione
Nuovo abbonamento
fc-lugano-stavolta-forse-non-e-una-barzelletta
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

Francoforte nuovamente battuto: il Basilea vola ai quarti

Europa League, già forti del 3-0 dell'andata, i renani non fanno sconti ai tedeschi, stavolta superati con il minimo degli scarti
atletica
10 ore

Ricky Petrucciani è una scheggia sui 200 metri

Il ticinese dell'Lc Zürich fa segnare il nuovo record cantonale sulla distanza e si avvicina alla soglia dei 21"
Gallery
Hockey
12 ore

Sul ghiaccio di Biasca, l'Ambrì Piotta fa sul serio

Coach Luca Cereda: 'Il campionato? Non vedo perché non debba cominciare il 18 settembre'
Formula 1
12 ore

Mercedes e Bottas insieme fino al termine della stagione 2021

La scuderia dominatrice di F1 ha prolungato il contratto con il suo pilota numero 2, compagno di squadra di Lewis Hamilton
Calcio
13 ore

La Women's Super League in diretta tv

Alcune partite del massimo campionato di calcio femminile saranno trasmesse sulle emittenti della Ssr tra cui Rsi LA2.
Ciclismo
14 ore

Jakobsen, operazione di cinque ore alla testa: 'Grave ma stabile'

Ferite al viso per l'olandese vittima di una terribile caduta ieri al Giro di Polonia. I medici proveranno oggi a farlo uscire dal coma.
Calcio
14 ore

Presunta evasione, uno a zero del fisco contro Neymar

Il Tribunale federale ha infatti accettato un ricorso riguardo a una richiesta di assistenza amministrativa delle autorità spagnole
Calcio
15 ore

Le Cavallette scornate cambiano l'allenatore

 La mancata promozione del Grasshopper in Super League costa il posto a Zoltan Kadar. Gli succede il portoghese João Carlos Pereira.
CICLISMO
1 gior

Jakobsen in pericolo di vita dopo una caduta in Polonia

L'olandese mandato contro le transenne da Groenewegen, poi squalificato, nella volata della prima tappa. Ferma condanna da parte dell'Uci
CALCIO
1 gior

Lugano, Gianni Lovato nuovo responsabile dell'area tecnica

Ex giornalista ed ex dirigente ad Ascoli, il 58.enne italiano lavorerà a stretto contatto con il direttore sportivo Marco Padalino
CICLISMO
1 gior

Daryl Impey al fianco di Chris Froome

Il sudafricano ha sottoscritto un accordo di due anni con la Israel Start-Up Nation, formazione che dal 2021 avrà il britannico quale leader
TENNIS
1 gior

Per Nadal anche il Roland-Garros rimane in dubbio

Dopo la rinuncia agli Us Open, lo spagnolo non conferma la presenza a Parigi: 'Al momento opportuno capiremo se la situazione è sotto controllo. Solo allora deciderò'
MOTOCICLISMO
1 gior

Jesko Raffin non disputerà il Gp della Repubblica ceca

Il 24.enne zurighese soffre di disturbi della circolazione e di vertigini, problemi al momento ancora sotto studio medico
CALCIO
1 gior

Il River Plate rifà il look al Monumental

Terreno di nuova generazione, eliminazione della pista di atletica, abbassamento del campo e istallazione di nuove tribune
HOCKEY
1 gior

Carolina e Niederreiter volano agli ottavi

Playoff della Nhl, gli Huricanes hanno eliminato 3-0 i New York Rangers. Doppietta per Kevin Fiala nella sconfitta di Minnesota contro Vancouver
Calcio
2 gior

Il Chiasso cambia rotta: esonerato il tecnico Alessandro Lupi

L'avventura dell'allenatore italiano sulla panchina rossoblù termina dopo appena una stagione. Prende il suo posto Giovanni Zichella, direttore tecnico Ezequiel Carboni
Tennis
2 gior

Anche il Masters 1000 di Madrid cede al Coronavirus

La situazione sanitaria critica in Spagna ha costretto gli organizzatori ad annullare il torneo che avrebbe dovuto tenersi nella capitale dal 12 al 20 settembre.
Calcio
01.02.2019 - 06:010
Aggiornamento : 08:19

Fc Lugano, stavolta (forse) non è una barzelletta

Leonid Novoselskiy ammette di voler acquistare la società bianconera, Angelo Renzetti è aperto al dialogo: la cessione del club sembra più vicina che mai


Ci sono un architetto locarnese con un passato da portiere di calcio, un imprenditore russo attivo nel campo dei cosmetici e un club calcistico ticinese. Potrebbe sembrare l’inizio di una barzelletta, ma in realtà è forse quanto di più serio l’Fc Lugano e il suo presidente abbiano visto negli ultimi tempi a livello di potenziale di crescita (ma anche solo di sopravvivenza) del club. In soldoni, sono anni che il presidente Angelo Renzetti cerca un sostenitore o un acquirente serio e finalmente sembrerebbe averlo trovato nel 49enne moscovita Leonid Novoselskiy. Che però il giocattolino lo vuole tutto (o quasi) per sé...

Sì perché se inizialmente la trattativa avviata a settembre sembrava dover portare al semplice ingresso in società di colui che nell’ultimo anno e mezzo ha rivoluzionato il settore giovanile bianconero (di cui è presidente e nel quale ha già investito oltre un milione e mezzo di franchi), è lo stesso Novoselskiy a confermarci che «sì, siamo pronti a rilevare l’Fc Lugano e la trattativa con Angelo Renzetti è seria e a buon punto, tanto che definirei molto probabile il passaggio di proprietà nei prossimi mesi».

Un interesse nella Sa che gestisce la prima squadra luganese che si è materializzato solo in un secondo tempo e che rimane comunque legato inscindibilmente al lavoro con i giovani... «Ammetto che a noi interesserebbe avere il controllo della prima squadra, ma per un semplice motivo: proseguire con la formazione dei giovani, ambito nel quale in fondo tutto è cominciato. Inizialmente infatti non avevamo proprio pensato alla prima squadra, l’abbiamo preso quasi come un hobby, ma poi ci ha preso sempre più e il progetto è cresciuto fino ad arrivare a questo punto. L’ambizione ora è far diventare Lugano una piazza importante per la formazione, una possibilità concreta di sbocco per i giovani di prospettiva. Evidentemente non siamo ancora pronti con i nostri ragazzi, perché per quanto in questo anno e mezzo è già stato svolto un lavoro eccezionale, ci vuole più tempo. In questo senso non avremmo nemmeno troppa fretta di mettere le mani sulla prima squadra, ma non vogliamo lasciarci sfuggire questa opportunità».

Un’opportunità che in pochi (nessuno) ha voluto però cogliere in questi anni nonostante i ripetuti appelli di Renzetti... «Non ci sono molti imprenditori che hanno una visione così a lungo termine e che sono pronti a investire puntando sui giovani. Anzi, a dirla tutta per la maggior parte delle persone rappresenterebbe un rischio quasi senza senso, lo ammetto, ma noi vediamo grande potenziale nel progetto Lugano e soprattutto siamo mossi da una grande passione, verso il calcio ma anche verso la gente con la quale lavoriamo e in particolare verso i nostri bambini, ai quali ci siamo davvero affezionati. E tutta l’operazione sarà meno rischiosa se riusciremo a portare avanti la nostra filosofia calcistica e umana, creando un reale e concreto collegamento tra la base (il settore giovanile) e la vetta (la prima squadra)».

Notiamo “Leo” parla spesso al plurale... «Effettivamente non sono mai stato solo, lavoro con un gruppo di persone che condividono la mia passione e le mie idee e che mi supportano in diversi progetti. Questo oltre a una buona solidità, mi dà anche molta energia e fiducia per lanciarmi in nuove sfide».

In una recente intervista Novoselskiy ci aveva confessato che “se per circa 25 anni la mia azienda (la Gradient, ndr) è stata il progetto della mia vita, nel quale ho dedicato anima e corpo, ora ho trovato nell’Fc Lugano qualcosa che potrebbe esserlo per i prossimi 25... «È così, sono uno che alla quantità preferisce la qualità. Magari faccio meno di quello che potrei, ma lo faccio bene. Con la mia azienda sono stato molto fortunato, ho trovato le persone giuste e insieme abbiamo raggiunto grandi risultati. Ora vorrei riuscire a fare un po’ lo stesso con il Lugano: crescere con ambizione e coinvolgendo le realtà locali, le persone, i club attraverso un progetto convincente che possa creare entusiasmo. È chiaro che la gente va allo stadio quando ci sono il bel gioco e i risultati, per cui soprattutto inizialmente sarà molto importante puntare anche sull’appartenenza, su un cuore della squadra formato da ragazzi ticinesi. Si tratta di trovare il giusto equilibrio e se dovessimo riuscirci, sono sicuro che l’entusiasmo tornerebbe e che la gente riempirebbe il nuovo stadio».

Già, lo stadio... «È fondamentale per il nostro progetto e in generale per il futuro della società, così come lo è il discorso del calcio d’élite in Ticino. Quella legata al Team Ticino è una situazione da risolvere (l’Asf si è proposta quale mediatrice tra le parti coinvolte, quindi anche Fc Chiasso, Ac Bellinzona e Ftc, ndr), stiamo lavorando per farlo e spero che troveremo presto una soluzione».
Tornando alle trattative per l’acquisto del club, Novoselskiy conferma le tempistiche indicate dal patron bianconero (vedi articolo sotto) e spiega che «a prescindere dal fatto se saremo noi, Angelo o qualcun altro a doverlo fare, bisognerà avere il tempo per programmare come si deve la prossima stagione».

Quanto all’eventuale ruolo futuro di Renzetti: «Stiamo ancora discutendo i vari scenari, ma troverei molto volentieri un posto per Angelo nel mio Lugano, perché abbiamo un ottimo rapporto e apprezzo davvero quello che sta facendo per il club, così come gli sono grato per la fiducia che mi ha dato nel progetto del settore giovanile. La sua passione e la sua esperienza potrebbero essere utili, ad esempio nell’ambito della costruzione del nuovo stadio, che non è proprio il mio campo».

Potrebbe anche lasciargli la presidenza? «Perché no?».
Forse perché la convivenza di due personalità così forti sarebbe tutto fuorché idilliaca? Staremo a vedere, quel che importa però a questo punto è che i due ne arrivino a una, altrimenti il rischio è che anche quella tra il russo e il locarnese (di origine abruzzese) diventi solo un’altra barzelletta.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved