laRegione
Nuovo abbonamento
facchin-no-a-mosse-egemoniche-nel-team-ticino
(Ti-Press/Putzu)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
2 ore

Ricky Petrucciani è una scheggia sui 200 metri

Il ticinese dell'Lc Zürich fa segnare il nuovo record cantonale sulla distanza e si avvicina alla soglia dei 21"
Gallery
Hockey
3 ore

Sul ghiaccio di Biasca, l'Ambrì Piotta fa sul serio

Coach Luca Cereda: 'Il campionato? Non vedo perché non debba cominciare il 18 settembre'
Formula 1
4 ore

Mercedes e Bottas insieme fino al termine della stagione 2021

La scuderia dominatrice di F1 ha prolungato il contratto con il suo pilota numero 2, compagno di squadra di Lewis Hamilton
Calcio
4 ore

La Women's Super League in diretta tv

Alcune partite del massimo campionato di calcio femminile saranno trasmesse sulle emittenti della Ssr tra cui Rsi LA2.
Ciclismo
5 ore

Jakobsen, operazione di cinque ore alla testa: 'Grave ma stabile'

Ferite al viso per l'olandese vittima di una terribile caduta ieri al Giro di Polonia. I medici proveranno oggi a farlo uscire dal coma.
Calcio
6 ore

Presunta evasione, uno a zero del fisco contro Neymar

Il Tribunale federale ha infatti accettato un ricorso riguardo a una richiesta di assistenza amministrativa delle autorità spagnole
Calcio
6 ore

Le Cavallette scornate cambiano l'allenatore

 La mancata promozione del Grasshopper in Super League costa il posto a Zoltan Kadar. Gli succede il portoghese João Carlos Pereira.
CICLISMO
19 ore

Jakobsen in pericolo di vita dopo una caduta in Polonia

L'olandese mandato contro le transenne da Groenewegen, poi squalificato, nella volata della prima tappa. Ferma condanna da parte dell'Uci
CALCIO
1 gior

Lugano, Gianni Lovato nuovo responsabile dell'area tecnica

Ex giornalista ed ex dirigente ad Ascoli, il 58.enne italiano lavorerà a stretto contatto con il direttore sportivo Marco Padalino
CICLISMO
1 gior

Daryl Impey al fianco di Chris Froome

Il sudafricano ha sottoscritto un accordo di due anni con la Israel Start-Up Nation, formazione che dal 2021 avrà il britannico quale leader
TENNIS
1 gior

Per Nadal anche il Roland-Garros rimane in dubbio

Dopo la rinuncia agli Us Open, lo spagnolo non conferma la presenza a Parigi: 'Al momento opportuno capiremo se la situazione è sotto controllo. Solo allora deciderò'
MOTOCICLISMO
1 gior

Jesko Raffin non disputerà il Gp della Repubblica ceca

Il 24.enne zurighese soffre di disturbi della circolazione e di vertigini, problemi al momento ancora sotto studio medico
CALCIO
1 gior

Il River Plate rifà il look al Monumental

Terreno di nuova generazione, eliminazione della pista di atletica, abbassamento del campo e istallazione di nuove tribune
HOCKEY
1 gior

Carolina e Niederreiter volano agli ottavi

Playoff della Nhl, gli Huricanes hanno eliminato 3-0 i New York Rangers. Doppietta per Kevin Fiala nella sconfitta di Minnesota contro Vancouver
Calcio
1 gior

Il Chiasso cambia rotta: esonerato il tecnico Alessandro Lupi

L'avventura dell'allenatore italiano sulla panchina rossoblù termina dopo appena una stagione. Prende il suo posto Giovanni Zichella, direttore tecnico Ezequiel Carboni
Tennis
1 gior

Anche il Masters 1000 di Madrid cede al Coronavirus

La situazione sanitaria critica in Spagna ha costretto gli organizzatori ad annullare il torneo che avrebbe dovuto tenersi nella capitale dal 12 al 20 settembre.
Altri sport
2 gior

Francia, bufera #MeToo: coinvolti 20 allenatori di pattinaggio

In un lungo rapporto commissionato dal ministero dello sport di Parigi viene confermato il clima di omertà in seno alla Fédération des Sports de Glace
Calcio
2 gior

L'esperienza di Stephan Andrist per il Chiasso

In vista della prossima stagione di Challenge League la società rossoblù ha ingaggiato il centrocamposta bernese Stephan Andrist, 150 presenze in Super League
Calcio
2 gior

Steven Zuber dall'Hoffenheim all'Eintracht Francoforte

Il 29enne internazionale rossocrociato lascia la squadra che aveva raggiunto nel 2014 in provenienza dal Cska Mosca e raggiunge l'altra compagine di Bundesliga.
Basket
2 gior

Due nuovi stranieri per i Lugano Tigers

In vista della prossima stagione di Lna il club sottocenerino ha annunciato l'ingaggio del playmaker Derek Jackson e dell'ala Elijah Minnie, entrambi statunitensi.
Atletica
2 gior

Al Galà con Del Ponte il meglio dell'atletica svizzera

Per l'appuntamento del 15 settembre a Bellinzona (diretta Rsi) confermato tra gli altri Jason Joseph (record nazionale e secondo tempo mondiale sui 110 ostacoli)
MotoGp
2 gior

Marquez operato una seconda volta al braccio fratturato

Per il campione spagnolo sostituzione della placca di titanio che era stata utilizzata per riparare l'omero rotto per una caduta in gara.
CALCIO
2 gior

Il Lugano chiude con tre punti, il Thun va allo spareggio

L'ultimo turno di Super League condanna i bernesi e salva il Sion dopo un'emozionante altalena di risultati. I bianconeri di Jacobacci terminano al quinto posto
CALCIO
2 gior

Jordan Lotomba lascia lo Young Boys alla volta di Nizza

Il laterale vodese ha annunciato il trasferimento a pochi giorni dalla conquista del terzo titolo nazionale. Se ne andrà da Berna anche il danese Sörensen
CALCIO
2 gior

La Fifa ribadisce: infondate le accuse contro Infantino

Caso Lauber: 'Sarebbe meglio occuparsi dei vecchi casi con sospetti ben più gravi', ha affermato in una conferenza stampa il vice segretario Alasdair Bell
HOCKEY
3 gior

Assenza di circa tre mesi per Yannick Albrecht

L'attaccante dello Zugo si è infortunato a una caviglia nel corso di un allenamento a secco
Calcio
3 gior

Il Gc dà il benservito a Wittwer, Buff e Chagas

Le cavallette non hanno rinnovato il contratto con i tre veterani. L'attaccante brasiliano aveva totalizzato 11 reti in 14 partite
Calcio
03.11.2018 - 14:350

Facchin: 'No a mosse egemoniche nel Team Ticino'

Il membro di comitato in quota Acb spiega quali sono i pericoli nel progetto di riassetto voluto dal Lugano: 'A rischio anche la continuità finanziaria'

Tra una settimana i giochi saranno fatti e il futuro del Team Ticino messo nero su bianco dalle decisioni dell’assemblea. Forse. O forse no, in quanto le diatribe sorte in seno al comitato dell’associazione potrebbero non trovare una soluzione nemmeno al termine delle assise dell’8 novembre. Gli schieramenti si conoscono: da una parte Lugano e Chiasso, dall’altra il Bellinzona, con la posizione della Federazione ticinese (Ftc) che rimane tutta da decifrare. Per capire come intende muoversi la società granata ci siamo rivolti a Flavio Facchin, membro di comitato del Team Ticino in quota Acb... «La tematica è complessa, ma il preambolo è chiaro: il Lugano ha portato avanti una volontà di cambiamento in relazione soprattutto a membri di comitato che non sono graditi alla società bianconera e, di riflesso, al Chiasso. Noi a Bellinzona, per quanto vi possano essere state tematiche sulle quali la nostra opinione divergeva da quella del comitato, in generale e con continuità ci siamo trovati bene con l’assetto esistente, portando avanti un lavoro in comune estremamente fattivo. Non abbiamo dunque rimproveri particolari da muovere ai membri del Team Ticino. Di conseguenza è nata una divergenza di vedute tra noi e il Lugano, in particolare con il presidente del settore giovanile Leonid Novoselskyi, desideroso di ampliare fortemente la cerchia di potere del club e imporre, se del caso, le scelte tecniche e metodologiche attualmente portate avanti a Cornaredo. Divergenze che sono poi sfociate in conflitti di aspetto personale, più che di idee, con duri scontri tra le parti in causa. Il nostro timore è che questi conflitti possano portare a cambiamenti negativi nel processo di mantenimento del fil rouge di formazione, per il quale i migliori ragazzi dei club transitano dal Team Ticino per concludere il loro percorso di crescita».

Fra le problematiche sollevate dal Lugano, la presenza in comitato di troppi membri che non sono espressione dei tre club di riferimento del Team Ticino... Così facendo si dimentica lo spirito fondamentale del Team Ticino: è molto importante che membri del comitato non siano espressione dei club, bensì della società civile, del mondo politico e di quello imprenditoriale ticinese. Attualmente, la gran parte dei membri sono persone di un certo profilo, ma esterne ai club, ciò che garantisce la capacità di raccogliere sponsorizzazioni. La formazione di punta ha un costo non indifferente, coperto in misura del 30% dai club membri e per il restante 70% da sovvenzioni dell’Asf e da sponsor privati, raccolti in tutto il Ticino in modo quasi esclusivo dagli stessi membri del Team Ticino. La cui assenza, nel caso di un mutamento strategico dell’assetto dirigenziale, rischierebbe di creare un elemento di criticità nella continuità finanziaria dell’associazione.

All’atto pratico, se il fallimento del Locarno ha portato a tre i club soci del Team Ticino e se Lugano e Chiasso voteranno di comune accordo per un cambiamento di strategia, sul fronte della continuità rimarrebbe il solo Bellinzona. Nel qual caso i giochi sembrerebbero già fatti... I soci, a dire il vero, da pochissimo tempo sono tornati ad essere quattro. Avendone il diritto, statuti alla mano, sin dalla costituzione del Team Ticino, l’Associazione svizzera di calcio (Asf) – per il tramite della Ftc che della federazione svizzera è un’emanazione – ha il diritto di entrare in qualsiasi momento in qualità di socio. Diritto che è stato esercitato, in quanto l’Asf desidera che all’interno del comitato vi sia una presenza istituzionale, a maggior ragione in un momento come questo, caratterizzato da forti conflitti che, a nostro modo di vedere, bene non fanno. A questo punto, dunque, anche la federazione ticinese disporrà di un voto.

E se con tre soci un due a uno è praticamente scontato, con quattro si potrebbe giungere a una situazione di stallo... È in effetti possibile che per talune votazioni il risultato sia un 2-2 che creerebbe una situazione di impasse.

Che andrebbe risolta in quale maniera? Non le so rispondere. Non vi sono precedenti, bisognerebbe studiare il caso. Mi immagino che vi potrebbe essere una sorta di commissariamento, oppure dovrà intervenire in modo diretto l’Asf, la quale in ultima istanza gode comunque di un peso e di un potere particolari. Potrebbe essere lei a dover proporre soluzioni diverse. Mi auguro che non si arrivi a tanto, ma è possibile, se non probabile, che su talune trattande vi possano essere divergenze tra i soci.

A questo punto il tavolo delle trattative è saltato, non c’è più spazio di manovra per raggiungere un accordo... Non era mai capitato di arrivare in assemblea con questa conflittualità. Ci sono state tavole rotonde, ma sempre a muso duro, con posizioni sostanzialmente inamovibili. D’altra parte, il Lugano – in maniera per loro legittima, per noi molto meno – ritiene, in quanto compagine di Super League, di essere la squadra faro e che le spetti il controllo del calcio d’élite ticinese. Purtroppo, la storia dei club ticinesi è funestata da momenti difficili, da fallimenti e ripartenze. L’aver creato un’associazione come il Team Ticino rappresentava una sorta di autoprotezione proprio contro dinamiche di quel tipo, poi puntualmente realizzatesi: una società faro del movimento ticinese, improvvisamente allo sbando per ragioni extracalcistiche. Di conseguenza, se un solo club prendesse il controllo totale, accentrando su di sé tutto ciò che è rappresentato al momento attuale dal Team Ticino, la domanda che come Bellinzona ci poniamo è molto semplice: cosa succederebbe se tra qualche anno il Lugano avesse dei problemi? Vorrebbe dire azzerare tutto, sarebbe un fallimento senza garanzie di continuità. Ed è proprio per questo che è necessario il pieno rispetto dei principi di protezione di tutta la formazione del calcio ticinese. Formazione nella quale il Bellinzona recita comunque un ruolo importante, quale squadra di riferimento dell’intero Sopraceneri. Il nostro è un lavoro altrettanto importante di quello svolto dal Lugano, senza che da parte nostra vi sia l’ambizione di pretendere di dettar legge.

Considerati i legami tra Lugano e Chiasso, arrivare allo scontro appare quanto meno autolesionistico. Non sarebbe stato meglio, dal punto di vista strategico, giungere a una sorta di do ut des con un passo indietro rispetto alle rivendicazioni iniziali da parte di ciascun membro? O tutto o niente. Questo è quanto percepito nel corso degli incontri: su molti aspetti Lugano e Chiasso non sono nemmeno entrati in discussione. La loro intenzione è di azzerare il comitato e non vi sono stati spazi di manovra o possibilità di diplomazia. Questo anche nello stile decisionista e imprenditoriale del signor Novoselskyi, il quale qualche mese fa, in un servizio andato in onda alla Rsi, non aveva nascosto il suo concetto: io metto i soldi, quindi voglio comandare.

Insomma, quella di giovedì prossimo sarà un’assemblea al calor bianco... Sarà un’assemblea calda e, purtroppo, piena di incognite, perché pur rimanendo aperta a tutti gli scenari, potrebbe pure tramutarsi in un’assembla di stallo.

‘Sorveglieremo affinché il lavoro di formazione venga svolto secondo i dettami dell’Asf’

mm«Noi non andremo in assemblea a svolgere il ruolo dell’arbitro, del giudice o del poliziotto». Fulvio Biancardi, presidente della Federazione ticinese calcio precisa senza mezzi termini quella che sarà la posizione della Ftc all’assemblea dell’8 novembre. Una precisazione doverosa, perché molti osservatori, alla luce del muro contro muro che negli ultimi mesi ha visto schierati Lugano e Chiasso da una parte, Bellinzona dall’altra, indicano la federazione cantonale quale possibile ago della bilancia per stabilire l’assetto futuro del Team Ticino... «Saremo presenti perché così ci ha chiesto l’Asf. Il nostro compito è di sorvegliare che il futuro lavoro del Team Ticino sia svolto correttamente nel rispetto dei dettami e dei criteri voluti dalla federazione svizzera in materia di formazione. Questo è il nostro compito, non sta a noi decidere chi debba o non debba entrare in comitato». La federazione ticinese, quale emanazione dell’Asf, è comunque diventata un partner a tutti gli effetti del Team Ticino... «Ufficialmente non ancora. Siamo in predicato di entrare in qualità di socio perché questo ci ha chiesto la federazione nazionale. Se proprio vogliamo dirla tutta, il Team Ticino è retto da uno statuto redatto con leggerezza, per usare un eufemismo. Per cui le manovre giuridiche da compiere non sono del tutto chiare. L’intenzione della Ftc è di entrare in seno al Team Ticino, ma le modalità con cui si riuscirà a formalizzare questo ingresso non sono ancora del tutto chiare. Secondo il Team Ticino noi saremmo già membri di diritto, ma questo non è vero in quanto non vi è stata alcuna formalizzazione e non è stato messo alcunché nero su bianco. È una situazione piuttosto complicata. E lo dice uno che, per mestiere, con la giurisprudenza ha quotidianamente a che fare». All’atto pratico, come vi comporterete in assemblea? «Noi non parteggiamo per nessuno. Il che non vuol dire che ci asterremo. L’ho detto sin dall’inizio: l’importante è il rinnovo del comitato, ben più di altre trattande che, di norma, vanno via come lettere alla posta. All’atto pratico voteremo i candidati proposti dalle varie società e ci asterremo eventualmente su argomenti di secondaria importanza o nei quali, come i conti societari, nell’ultimo anno di esercizio non abbiamo avuto voce in capitolo. Ripeto: a noi spetta il compito di sorvegliare affinché il lavoro della formazione d’élite nel nostro cantone venga svolto nel migliore dei modi. Le società hanno il legittimo diritto di proporre i candidati preferiti e noi sosterremo i nomi che verranno presentati. Non è compito nostro giudicare in merito a diatribe personali»

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved