CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Storie mondiali
3 ore

Usa 94, gloria per la Svizzera e requiem per Escobar

Durante il Mondiale 1994, dove i rossocrociati tornavano dopo quasi trent’anni, un calciatore colombiano venne ucciso a causa di un’autorete
hockey
12 ore

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
13 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
14 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
14 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
14 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
14 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
16 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
19 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
21 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
22 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
1 gior

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
BOCCE
1 gior

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
ATLETICA
1 gior

Kipchoge batte se stesso A Berlino nuovo record

A trentasette anni il keniano si ripete sulle strade della capitale tedesca, dove aveva già stabilito il primato della maratona nel 2018
CICLISMO
1 gior

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
1 gior

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
1 gior

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
1 gior

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
2 gior

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
2 gior

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
2 gior

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
2 gior

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
2 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
3 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
3 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
3 gior

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
3 gior

Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo

Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
HCAP
3 gior

L’Ambrì sbanca Porrentruy

I biancoblù infilano la quarta vittoria consecutiva, vincendo in terra giurassiana dopo il supplementare per 5-4
14.10.2018 - 14:11

'Ho vinto campionato, Champions e Mondiale'

Paolo Tramezzani, ex allenatore del Lugano e nuovo tecnico dell’Apoel Nicosia, si racconta partendo dal momento più difficile: la malattia della moglie Elisa.

di Sascha Cellina
ho-vinto-campionato-champions-e-mondiale

Paolo Tramezzani – ex calciatore tra le altre di Inter, Piacenza e Atalanta, nonché già allenatore di Lugano, Sion e che in settimana è diventato il nuovo tecnico dell’Apoel Nicosia – si racconta, partendo dal momento più difficile: la rara malattia della moglie Elisa, oggi guarita. Ma c’è spazio anche per Renzetti, per il calcio italiano e pure per l’aquila bicipite che tanto scompiglio ha creato nella nazionale rossocrociata.

Paolo, sappiamo che sei reduce da un periodo estremamente difficile e non certo per l’anno che hai passato senza allenare. Hai voglia di parlarcene?
Certo, perché fortunatamente ora il peggio è alle spalle, ma ricordo ancora tutto come se fosse ieri. Pochi giorni dopo l’ufficializzazione del mio passaggio al Sion, ero stato in ritiro con la squadra a Crans Montana, dal 22 giugno al primo luglio. Le mie due figlie e mia moglie mi avevano raggiunto in Svizzera il 3 e due giorni dopo abbiamo scoperto la malattia di Elisa. Il 5 luglio 2017, una data impossibile da dimenticare, perché è stato l’inizio di un periodo difficilissimo, un vero e proprio inferno. Per uno come me poi, abituato ad andare sempre al massimo, è stato davvero difficile dovermi fermare per una cosa simile. Anche perché non pensi mai che possa capitare a te o a qualcuno a cui tieni, ma poi quando succede, ti cade il mondo addosso. Non è possibile essere preparati a una cosa del genere. Eravamo in ginocchio, anche perché eravamo appena arrivati in un posto nuovo, dove si parlava una lingua diversa e non avevamo ancora nemmeno una casa.
Fortunatamente però poi, grazie anche all’aiuto del Sion, abbiamo reagito e trovato un’équipe specializzata all’ospedale di Berna, perché la forma di tumore alla colonna vertebrale che aveva colpito Elisa era davvero rara e molto grave, ma quei medici lo avevano già operato in passato. Anche per questo, dopo vari consulti, abbiamo deciso di rimanere a vivere a Montreaux e fortunatamente si è rivelata la scelta giusta. Per come è finita, posso dire che ho vinto campionato, Champions League e Mondiale.
Adesso quindi tua moglie sta bene?
Sì, ora grazie a Dio è guarita, anche se non mi sembra ancora vero di essere riusciti ad affrontare questa cosa e di essere qui a parlarne. Ma per fortuna è così e il bello è che la forza per andare avanti ce l’ha data proprio Elisa.
È stata tostissima, ha affrontato la malattia, l’operazione e le cure con una tenacia unica e ha trascinato tutta la famiglia.
Giustamente hai avuto altro a cui pensare, ma il calcio quanto ti è mancato?
Tantissimo. Nel limite del possibile ho cercato di rimanere aggiornato e quest’estate ho girato un po’ i ritiri delle varie squadre. Sono tornato nel mio mondo, insomma. E devo ammettere che cominciavo a sentirne la mancanza, raramente ci ero rimasto lontano così a lungo. Ho avuto la fortuna di iniziare a frequentare i campi da calcio da piccolino – a 9 anni ero già nel settore giovanile dell’Inter – e di lasciarli, come giocatore, a 38. Poi ho iniziato subito ad allenare, prima con le mie attività come la scuola calcio, in seguito per cinque anni alla nazionale albanese (dal gennaio 2012, ndr), prima delle esperienze a Lugano e Sion. Quasi tutta la mia vita l’ho passata sui campi da calcio, per cui è normale che non sono in grado di starci troppo lontano.
Per tua fortuna l’attesa è finita, visto che sei appena stato nominato allenatore dell’Apoel Nicosia...
È vero, sono molto contento, perché la voglia di tornare ad allenare era davvero tanta. Come detto il campo mi dà emozioni particolari, senza le quali arrivo a sera e ho la sensazione che alla mia giornata sia mancato qualcosa. Allo stesso tempo però ci tengo a dire che non avevo l’assillo di dover per forza e rapidamente trovare una panchina, perché dopo quanto capitato nei mesi scorsi, ho imparato a relativizzare tutto e a dare ancora più importanza a ogni istante che posso passare con la mia famiglia. Poi è arrivata questa opportunità ed ero di nuovo pronto a coglierla.
Adesso ti lancerai in questa nuova avventura a Cipro, ma pensi che ti rivedremo in Svizzera un giorno?
Mai dire mai, ma non credo, perlomeno non in compagini diverse da quelle che ho già diretto. In Svizzera ho avuto la fortuna di allenare il Lugano, che mi ha dato tantissimo. È stata la mia prima esperienza e penso che meglio di così non potesse andare. E poi ho potuto far parte di un club come il Sion che secondo me è speciale, lo capisci appena entri in quello stadio e dall’atmosfera che respiri, c’è grande passione in Vallese. Per questi motivi, oggi non vedo altre società in Svizzera nelle quali potrei rivivere quello che ho vissuto a Lugano e a Sion, a prescindere da come sono andate a finire.
Certo che vista la tua scelta di lasciare Lugano per Sion, il minimo che si possa dire è che sei uno a cui piacciono le sfide...
Effettivamente è così, le cose difficili da un certo punto di vista mi hanno sempre stimolato e dopo due esperienze per così dire “facili” con l’Albania e a Lugano, volevo qualcosa di diverso.
Segui ancora i bianconeri?
Il risultato del Lugano è il primo che guardo nei giorni in cui ci sono delle partite, lo seguo sempre con affetto e grande partecipazione, anche se non sono uno molto social e perciò non lo esterno in maniera particolare. Ma in fondo io sono sempre stato così, non ho mai avuto bisogno di rendere pubblici i miei sentimenti, ma è chiaro che per me Lugano è stato passione, calore, gioia e felicità. Ci sono stati anche momenti difficili, certo, ma proprio per questo è stata un’esperienza completa e bellissima.
Compreso il rapporto con il presidente Renzetti?
Certo, la mia esperienza in Ticino è stata speciale anche proprio perché c’era lui. C’è stata forse un’occasione in cui ci siamo “scontrati”, quando è venuto negli spogliatoi (dopo la sconfitta casalinga con l’Yb susseguente alla famosa “gita” in fabbrica, ndr), per il resto il nostro rapporto è sempre stato veramente bello. Anche perché di confronti ce ne sono stati, ma a me piacciono, fanno crescere. Ho dei ricordi di noi due che ci raccontiamo la nostra vita, sono frammenti che vanno ben oltre l’aspetto sportivo e che porterò sempre con me. Se oggi un allenatore mi chiedesse se andare o meno ad allenare il Lugano, gli direi di andarci di corsa.
E tu ci torneresti?
Assolutamente sì.
Cambiando discorso, tu che sei stato assistente di Gianni De Biasi sulla panchina dell’Albania, cosa pensi di quanto capitato ai Mondiali in casa rossocrociata, con il discusso gesto dell’aquila?
Innanzitutto lascerei fuori il discorso politico, perché non c’entra nulla. Ricordo la partita di qualificazione a Euro 2016 giocata a Belgrado (Serbia-Albania, il 14 ottobre 2014, ndr), interrotta dall’arrivo di un drone con la bandiera della Grande Albania con la scritta “Kosovo autoctono” (il match non si concluse, entrambe le squadre furono penalizzate, ndr). Lì sì, che fu una questione politica, mentre nel gesto di Xhaka sinceramente io che ho vissuto per cinque anni la realtà albanese, non vedo nulla di male, perché non era contro nessuno, bensì voleva trasmettere un senso di appartenenza che per chi ha origini balcaniche, rimane molto forte. Conosco benissimo i valori che hanno gli albanesi kosovari, so quanto hanno sofferto e quanto sono legati alla loro terra e capisco la voglia del giocatore di esternare il suo sentimento in un momento simbolicamente così forte. Poi non voglio dire se sia stato giusto, sbagliato, opportuno o no indossando la maglietta di un’altra nazionale e capisco che a qualcuno possa aver dato fastidio, però da parte del giocatore non lo ritengo un gesto negativo, anzi qualcosa di naturale e comprensibile.
Certo che però la Federazione rossocrociata avrebbe potuto gestire meglio la faccenda...
Questo sì, a maggior ragione visto che stiamo parlando di una nazionale che proprio nella multiculturalità ha la sua forza.
E la tua nazionale invece, quella italiana?
Mancini potrebbe essere l’uomo giusto, ha fatto bene a prendere le prime partite non come un banco di prova, ma come l’occasione per vedere all’opera più giocatori possibili e scegliere poi la strada da seguire. Che dovrà portare alla crescita dei nostri giovani senza pensare, nel limite del possibile, ai risultati. Perché il talento in Italia c’è, bisogna solo riuscire a valorizzarlo.
C’è tanta differenza tra allenare un squadra di club e una nazionale?
Sono due esperienze molto differenti. In una nazionale hai meno tempo per lavorare con i giocatori e di conseguenza come allenatore incidi meno sulle prestazioni. È più una sorta di gestione di una grande famiglia, che devi cercare di tenere unita. Allenare un club invece è bello proprio perché è un lavoro quotidiano, il rapporto con i giocatori, ma anche con la società e con la città, è più diretto. Io ho avuto la fortuna di vivere belle esperienze in entrambi i casi.
Infine che mi dici sulla Serie A? E sulla tua Inter?
Non c’è storia. Per lo scudetto, c’è solo la Juve, che già era la più forte prima, figuriamoci adesso con Cristiano Ronaldo. Per quanto riguarda il gioco invece mi piace vedere anche la Fiorentina, la Sampdoria, pure la Spal e l’Atalanta. Ma se vuoi vedere vincere, guardi la Juve. Questa è la Serie A in questo momento. Anche perché le sue avversarie hanno già perso troppi punti, a cominciare proprio dall’Inter. L’inizio negativo dei nerazzurri (4 punti nelle prime quattro giornate di campionato, ndr) mi ha un po’ sorpreso, perché ritenevo davvero ottima la rosa a disposizione di Spalletti ed effettivamente ora si sono ripresi, hanno iniziato a giocare da squadra e questo è fondamentale, prima viene il gruppo, poi i singoli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved