SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
26 min

Gianluca Ferrero nuovo presidente della Juve

L’uomo d’affari 59enne scelto dall’azionista principale per succedere ad Andrea Agnelli
Formula 1
2 ore

Mattia Binotto si è ufficialmente dimesso dalla Scuderia Ferrari

Il Team Principal lascerà il suo ruolo il 31 dicembre. ‘Giusto compiere questo passo, per quanto sia stata per me una decisione difficile’
Qatar 2022
4 ore

L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran

La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
6 ore

Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’

La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’,
SERIE A
13 ore

Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli

Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
14 ore

La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi

Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
14 ore

Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil

Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
14 ore

Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’

Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
COSE DELL'ALTRO MONDO
27.09.2022 - 16:57
Aggiornamento: 17:57

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie

non-basta-fare-bene-i-compiti-las-vegas-ne-sa-qualcosa

Si è spesso detto come, grazie soprattutto al meccanismo del draft, la National Football League sia probabilmente il campionato più equilibrato a livello mondiale. Affermazione tanto più vera da quando si è sciolto il connubio Belichick-Brady che in vent’anni aveva portato sei Super Bowl a New England. Dopo appena tre giornate, sono solo due le squadre ancora a punteggio pieno: Philadelphia e Miami, entrambe compagini il cui nome – eccezion fatta per gli Eagles nella stagione 2017 – da troppo tempo nessuno associa più al Vince Lombardi Trophy. Con un’accurata programmazione e uno spiccato acume nelle scelte strategiche, nel giro di pochi anni è possibile passare dall’altare alla polvere: una strategia che nello sport europeo è troppo spesso misconosciuta. Poi, però, proprio perché i valori in campo sono così simili, anche chi è convinto di aver operato con saggezza e lungimiranza, alla prova dei fatti può ritrovarsi con in mano un pugno di mosche. È il caso di Las Vegas, alla terza stagione nel deserto del Nevada (ma con alle spalle l’esperienza vissuta tra Oakland e Los Angeles), la cui franchigia si ritrova, unica in tutta la lega, ancora ferma al palo. Eppure, sembrava che i compiti fossero stati svolti in maniera corretta. In particolare con l’acquisizione via trade di Davante Adams, uno dei migliori ricevitori della lega (8 stagioni a Green Bay con 8’000 yarde guadagnate, 5 selezioni al Pro Bowl), e Chandler Jones (linebacker da 107,5 sack in carriera). E invece sono arrivate tre sconfitte con un differenziale complessivo di appena 10 punti. La stagione, si usa dire in questi casi, non è che agli albori, ma in un campionato di sole 17 partite un record di 0-3 rappresenta la pietra tombale che sta per essere calata sulle speranze di playoff. Il futuro è ancora tutto da scrivere, ma per i Raiders la post season rischia di diventare un Everest da scalare in stile alpino.

Nel football si è spesso portati a parlare soprattutto delle prestazioni dei quarterback, i quali occupano un ruolo fondamentale nel successo di una franchigia. Ma nella Nfl nessuno vince da solo, nemmeno una leggenda: occorrono ricevitori, linea d’attacco e difesa all’altezza delle aspettative. Lo ha ricordato domenica proprio Tom Brady, sconfitto da Green Bay. Tampa Bay ha totalizzato la miseria (per un attacco guidato da TB12) di 12 punti. E non è un caso che il misero bottino sia stato ottenuto nel giorno in cui erano assenti i tre principali ricevitori: Goodwin, Evans e Jones. Brady ha fatto il suo (31 su 42 per 271 yarde), ma a venir meno è stata l’esplosività dei receiver palla in mano, le famose yarde conquistate dopo la ricezione. Il football, gioco di squadra per antonomasia, non sarà mai un "one man show".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved