SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
3 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
3 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
3 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
6 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
9 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
12 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
13 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
16 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
20 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
CICLISMO
25.09.2022 - 13:13
Aggiornamento: 15:30

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga

Ats, a cura di Red.Sport
evenepoel-iridato-di-prepotenza

Sulle strade australiane di Wollongon a prevalere è stata la classe di Remco Evenepoel, capace di vincere in solitaria la gara su strada dei Mondiali andati in scena agli antipodi. Basti dire che l’avversario più vicino in classifica – il francese Laporte – che ha regolato in volata l’australiano Matthews (bronzo) e l’intero plotone, è giunto al traguardo con oltre due minuti di ritardo. Vincitore fra l’altro dell’ultima Vuelta, il 22enne Evenepoel ha dunque coronato nel migliore dei modi un’annata già ricca di successi. «Sono felicissimo», ha detto il nuovo campione del mondo. «Avevo la gamba, e abbiamo corso come una vera squadra, perché volevamo regalare al Belgio la maglia iridata, poco importava se a vincere fossi io o Van Aert. Lui aveva il compito di attendere, io di attaccare prima, ed è ciò che ho fatto». Davvero impressionante il palmarès 2022 del corridore della Quick-Step. «Si tratta di una stagione incredibile», ha commentato il diretto interessato. «Sono riuscito a vincere una corsa monumento come la Liegi, un grande giro a tappe (la Vuelta), una classica come la San Sebastian e ora pure il Mondiale».
Già bronzo a Wollongong nella crono disputata a inizio settimana, Evenepoel è andato in fuga a 40 km dal traguardo in compagnia del kazako Lutsenko, il quale si è però staccato quando all’arrivo mancavano ancora 26 km. Rimasto solo, il belga ha continuato a spingere andando a trionfare con 2"21 sugli inseguitori.

Gli svizzeri

Grande è stata la delusione per lo zurighese Mauro Schmid, che era partito all’inseguimento dei due fuggitivi in compagnia di Eenkhoorn, Rota e Skjelmose. Il 22enne elvetico, che alla vigilia non aveva nascosto le proprie ambizioni, pareva aver risparmiato le energie necessarie per puntare a una medaglia. Però, a furia di temporeggiare dopo aver ripreso Lutsenko, il gruppetto di cui faceva parte ha finito per farsi riprendere dal plotone. Al termine, Schmid ha chiuso soltanto 17°, mentre il turgoviese Küng ha occupato la ventesima posizione. 38° e staccato di oltre tre minuti l’argoviese di nascita Silvan Dillier. «Oggi mi sentivo forte», ha detto Mauro Schmid, ed è stata dura vedersi riprendere proprio alla fine. Ma abbiamo bluffato troppo, cincischiando a quel modo, e siamo stati puniti. Tutti volevamo l’argento o il bronzo, dato che l’oro era ormai sicuramente al collo di Evenepoel. Dopo aver spinto molto bene, ci siamo smarriti a furia di tenerci d’occhi a vicenda». Sul piano tattico, da segnalare il buon lavoro svolto dall’altro rossocrociato Simon Pellaud, capace di animare alla perfezione la fuga di giornata, composta da una quindicina di atleti e in grado di accumulare oltre sei minuti di vantaggio sul gruppo dei favoriti. Il vallesano si è arreso solo poco prima che Evenepoel decidesse di dinamitare la corsa.

La delegazione svizzera – brillante a cronometro con ben tre medaglie (oro a squadre miste, argento per Küng e bronzo per Marlen Reusser) – ha invece fallito ai Mondiali australiani nelle gare in linea. Fra le donne, la migliore è stata Elise Chabbey, che ha chiuso nona, mentre fra gli U23 l’elvetico meglio piazzato è stato il neocastellano Alexandre Balmer, giunto 15°.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved