SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
19 min

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
pugilato
1 ora

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
1 ora

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Altri sport
2 ore

Tom Brady annuncia il (nuovo) ritiro

L’uomo dei record, 45 anni, ha detto in un video che lascerà il football, stavolta ‘per davvero’
Hockey
3 ore

Ecco i 25 convocati di Fischer per i Beijer Hockey Games

Si gioca a Zurigo e Malmö, con Fora, Mirco e Marco Müller, Thürkauf, Heim, Eggenberger e Bichsel
Calcio
4 ore

Non valido il contratto di Ziyech al Psg

I documenti relativi al trasferimento dal Chelsea sono giunti fuori tempo massimo alla Lega francese di calcio
Hockey
11 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
17 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
17 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
17 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
19 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
19 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
22 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
22 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
22 ore

Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’

La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
23 ore

Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno

La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
23 ore

Golubic subito sconfitta a Lione

Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
1 gior

Djokovic più forte di tutti e di tutto

Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
1 gior

Gattuso lascia il Valencia

Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
1 gior

Addio a Bobby Hull

Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
1 gior

‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’

Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
L’ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Ad Anna Giamboni la prima gara del circuito femminile 2023

A Dietikon, l’esponente della Gerla ha superato in finale la bleniese Lorella Ferrari con il punteggio di 12-2
CROSS
1 gior

Roberto Delorenzi vince a Moghegno

La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
SCI ALPINO
1 gior

Diciannove nomi nella selezione rossocrociata per i Mondiali

Rimangono liberi cinque posti che verranno assegnati dopo lo slalom maschile di sabato a Chamonix
VOLLEY
2 gior

Doppia sconfitta, ma il Bellinzona esce a testa alta

Le ragazze della capitale superate sabato in campionato dal Lucerna e domenica in Coppa dal Lugano
RUGBY
03.09.2022 - 05:20

L’annus horribilis degli All Blacks

La più profonda crisi di risultati nella storia della nazionale neozelandese è figlia di motivi di varia natura

di Gianluca Barca
l-annus-horribilis-degli-all-blacks

Don’t cry for me Argentina. Non piangere per me Argentina, dicevano sabato a Christchurch i tifosi degli All Blacks, increduli davanti alla sconfitta degli (ormai poco) Invincibili contro i Pumas. E invece in Argentina si piangeva, eccome. Di gioia, di commozione, per la prima storica vittoria della nazionale albiceleste in Nuova Zelanda, al cospetto della squadra di rugby più forte e più famosa del mondo. Gli All Blacks sono considerati una delle cinque formazioni sportive più iconiche in assoluto, insieme alla nazionale brasiliana di calcio, ai Chicago Bulls (basket), ai Dallas Cowboys (football americano) e ai New York Yankees (baseball). Piangevano, è ovvio, anche i tifosi neozelandesi: loro sono alle prese con l’anno più nero dei Tuttineri. Due vittorie nelle ultime otto partite per gli All Blacks rappresentano una catastrofe che non ha riscontro nei tempi recenti. Laurie Mains che guidò la nazionale neozelandese di rugby dal 1992 al 1995, lasciò la squadra col bilancio più basso degli ultimi trent’anni, 23 vittorie in 34 partite, una statistica che la gran parte delle altre squadre possono solo sognare. Nessun allenatore francese ha mai vinto più del 65% delle partite affrontate sulla panchina dei Coqs e solo Clive Woodward ha portato l’Inghilterra, tra il 1997 e il 2004, al 70% di vittorie. Negli ultimi vent’anni, gli All Blacks si erano attestati ben sopra l’80%, il picco con l’ex poliziotto Steve Hansen come coach: 93 vittorie in 107 partite, una sconfitta ogni undici match. Tra l’agosto 2015 e il novembre 2018, 18 successi consecutivi. I record della formazione con la felce sul petto non si contano: il più eclatante, 509 settimane e sei giorni in testa al ranking mondiale, dal novembre 2009 all’agosto 2019, nemmeno il miglior Federer (310 settimane, secondo dietro a Djokovic, 373) si è avvicinato a quei numeri. Tutti questi risultati, lo scorso mese di giugno, hanno dato anche un valore economico al rugby neozelandese nel suo assieme: due miliardi e mezzo di dollari, secondo la valutazione del fondo di investimento americano Silver Lake diventato partner commerciale della federazione ovale della Nuova Zelanda.

Crisi da record

Solo che, dallo scorso novembre, gli All Blacks non vincono più, o molto poco: due sconfitte in autunno, a Dublino contro l’Irlanda e a Parigi contro la Francia. Poi la catastrofe di luglio, di nuovo contro l’Irlanda, capace di vincere 2-1 la serie di tre partite disputate nella Terra della lunga nuvola bianca, come i Maori chiamavano la Nuova Zelanda. Era dal 1994 che i Tuttineri non subivano due sconfitte in casa contro una formazione europea, allora fu la Francia. Più di recente: la batosta di Nelspruit contro il Sudafrica, 10-26, nel primo turno del Rugby Championship, seguita da un breve riscatto a Johannesburg, sempre contro gli Springbok, prima del nuovo tonfo contro i Pumas, la sesta nazionale nella storia capace di vincere in Nuova Zelanda. I tifosi chiedono la testa dell’allenatore Ian Foster, il quale dopo le sconfitte con l’Irlanda aveva sostituito i suoi assistenti in un implicito scarico di colpe, invece di assumere le proprie. Ma al di là degli eventuali errori tattici e degli occasionali rimbalzi imprevedibili della palla ovale, i tifosi degli All Blacks cominciano a temere che le radici del malessere della squadra siano più profonde e vengano da più lontano. Il Covid, certo, (chi non dà la colpa al Covid di questi tempi?). La pandemia ha costretto il rugby neozelandese a un lungo isolamento, soprattutto a livello di club, durato per tutto il 2020 e 2021. In questo periodo, le cinque franchigie che alimentano gli All Blacks (Blues, Crusaders, Chiefs, Highlanders e Hurricanes) hanno giocato esclusivamente tra di loro, per evitare contatti con il mondo esterno, dando vita al Super Rugby Aotearoa. Ne è scaturita una manifestazione di grande impatto spettacolare, apprezzata dagli appassionati di tutto il pianeta e che ha illuso molti che quel rugby – basato su straordinarie qualità individuali, estro, talento e inventiva – potesse essere anche la ricetta per continuare a trionfare in campo internazionale.

La standardizzazione

Il ritorno alla normalità, invece, ha messo gli All Blacks davanti all’amara realtà: di fronte a difese molto ben organizzate (Sudafrica, Irlanda, ma anche Argentina), al cospetto di rivali che durante il lockdown hanno messo su muscoli e potenza da far paura privilegiando la palestra al rischio di contatto nel gioco collettivo, la tecnica individuale diventa sterile e non produce vittorie. A forza di specchiarsi nella propria bravura, insomma, i neozelandesi non si sono accorti, come accadde al cervo di Fedro, che nel folto di quel contesto feroce che è la foresta stregata del rugby internazionale, il bel palco di corna che rappresentava motivo di vanto nella radura in battaglia dà più problemi che soddisfazioni, non aiuta a vincere e impone un cambio di strategia se si vuole tornare a battere i migliori. Il problema è che, nel frattempo, seguendo i dettami rigidi del professionismo sportivo, anche il rugby neozelandese ha cominciato ad accorpare le sue forze migliori, nelle scuole, nelle franchigie, nei club più prestigiosi, perdendo gran parte di quelle specificità provinciali (Taranaki, Waikato, Otago, Canterbury, per citare solo le più famose) che costituivano altrettante scuole ovali e fornivano ciascuna, nell’emergenza, una potenziale risposta diversa davanti alle difficoltà e alle sfide degli avversari. Da questo mix di approcci diversi al gioco del rugby nasceva la grande leggenda All Black. Adesso che gli standard sono diventati (quasi) tutti uguali, con poco confronto fra teorie e pratiche diverse, cambiare impostazioni e tattica nel momento di crisi diventa difficile ma essenziale. Il Sudafrica sta traendo immenso vantaggio dal confronto permanente delle sue squadre migliori (Sharks, Stormers, Bulls e Lions) con il rugby europeo, e dalla loro partecipazione nello United Rugby Championship, torneo a cui partecipano le squadre irlandesi, gallesi, scozzesi e le due italiane, Zebre e Benetton Treviso.

Bye bye melting pot

Insomma, la commistione aiuta, così come il meticciato produce campioni, basti pensare a Marcell Jacobs e alle sorelle Kambundji nell’atletica. Il rugby sudafricano, dopo i lunghi anni dell’apartheid, sposa a meraviglia le qualità atletiche dei suoi giocatori neri, di origine africana, con la durezza degli afrikaners, discendenti delle prime migrazioni europee, olandesi, francesi e inglesi. La stessa Francia, che ospiterà i prossimi Mondiali, si avvale di numerosi giocatori nati e cresciuti nelle colonie, il trequarti centro Moefana e il tallonatore Mauvaka vengono addirittura da Wallis e Futuna e Nuova Caledonia, i territori d’Oltremare più distanti che ci siano. Il rugby neozelandese per anni si è nutrito di robuste iniezioni isolane, tongani, samoani, figiani. Tutte realtà dove il rugby è di grande tradizione: combattimento, fisicità, fantasia. Non a caso le Fiji hanno vinto la medaglia d’oro nel rugby (Seven) maschile sia alle Olimpiadi di Tokyo che a quelle di Rio. Ma in un Paese di soli 5 milioni di abitanti come la Nuova Zelanda l’equilibrio è precario. Attratti dalle borse di studio delle scuole più prestigiose di Rotorua, di Wellington, di Auckland i ragazzi delle isole del Pacifico hanno trovato nel rugby uno strumento importante d’identità e un mezzo d’integrazione sociale. La loro enorme prestanza fisica ha permesso loro di imporsi fin dalle categorie giovanile e davanti a questo strapotere molti giovani pakeha, gli eredi della migrazione anglosassone, hanno cominciato a preferire il calcio al rugby (ricordate il pareggio della Nuova Zelanda con l’Italia ai Mondiali di calcio del 2010 in Sudafrica?).

Le attese degli investitori

Morale: il rugby anche nel regno di Aotearoa è diventato più "pacifico" (nel senso di oceano) che bianco. I poderosi "farmer" di origine europea, figli dei primi immigrati scozzesi, irlandesi, britannici, pian piano sono stati sostituiti nelle formazioni dei club, nelle franchigie e infine in nazionale dai fantasiosi interpreti di un rugby più spensierato, meno rigoroso, più individuale che collettivo. Insomma, la Nuova Zelanda ha perso nel tempo una parte di quel rigore contadino, occidentale, europeo che ne faceva una delle culle della tradizione ovale. In termini calcistici è come dire Brasile (che non vince i Mondiali dal 2002) contro Germania, attacco contro difesa, che tanta parte conta ormai nel rugby moderno: il Sudafrica vincitore dell’ultima Coppa del Mondo ne è diventato il nume tutelare.

Può essere che già dal prossimo weekend gli All Blacks ripristinino una parte del loro dominio. Ma per tornare a essere gli incontrastati numero uno probabilmente ci vorrà più tempo, con la giusta capacità di dosare risorse ambientali, storiche, atletiche e sportive. La Francia del calcio, nel 2018, è diventata campione del mondo in Russia con i vari Pogba, Mbappè, Kantè, ma anche con Griezmann, Giroud e Pavard. Può darsi che questo mix di culture diverse nel 2023 le permetta di fare il bis anche nel rugby. Il 2019 ha visto il trionfo della Rainbow Nation sudafricana. La Nuova Zelanda cerca la sua identità tra passato, presente e futuro. Mentre il fondo Silver Lake aspetta grandi ritorni dal suo investimento milionario, in un angolo della Terra dove il rugby è ancora religione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved