SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
45 min

Juwan James, quando il senso del dovere è più forte del dolore

Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 ora

Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl

Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
3 ore

Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving

Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
5 ore

Un mese di stop per Allan Arigoni

Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
16 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
HOCKEY
18 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
19 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
22 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
23 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
23 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
NUOTO
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:50

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’

di Stefano Minotti
l-entusiasmo-di-noe-e-parigi-e-sempre-piu-vicina
Keystone
‘Se non avessi contratto il Covid in Ungheria avrei ottenuto almeno tre medaglie dal delfino’

È una Nazionale che si affaccia per la prima volta alla top ten del medagliere quella che si appresta a lasciare Roma, a pochi giorni dalla conclusione dei trentaseiesimi campionati europei. Nono rango nella classifica dedicata alla disciplina del nuoto, che si tramuta in un decimo rango alla luce dei sessanta eventi disputati nella prima settimana di gare. Un’impresa che porta le firme di Lisa Mamié, Antonio Djakovic e Noè Ponti, vincitori delle quattro medaglie rossocrociate, un bottino che ha superato di gran lunga le aspettative di Swiss Aquatics, partita in direzione di Roma con i piedi di piombo. Invece, all’ombra dei Sette Colli, la selezione elvetica è riuscita a brillare, infilando di seguito (nell’arco di tre giornate) ben quattro medaglie. A dare il via alle danze ci ha pensato Noé Ponti, secondo nei 100 delfino in 50’’87 nella serata di domenica. Di seguito, lunedì le finali sono iniziate con l’argento di Antonio Djakovic, secondo (in 1’45’’60) soltanto alla nuova star dello stile libero mondiale, il diciassettenne rumeno David Popovici, per concludersi con l’impresa della zurighese Lisa Mamié, vincitrice della 200 rana in 2’23’’27. Ancora Djakovic poi, nell’ultima sessione di finali, ha rimpolpato il bottino rossocrociato, giungendo secondo nei 400 stile libero, chiusi in 3’43’’93.

Un risultato storico quello degli elvetici, che conferma la crescita del nostro movimento natatorio, come confermato da Noè Ponti, raggiunto telefonicamente per un commento sulla settimana romana: «È certamente un risultato storico: quattro medaglie, alle quali potremmo aggiungere anche i quattro quarti posti (la 4x200 stile libero maschile, i 100 e 200 dorso di Mityukov, la 200 mista di Desplanches, ndr.). Nessuno si aspettava un risultato del genere prima della partenza».

Risultati che sono giunti anche sull’onda dell’entusiasmo: «Veniamo tutti da una stagione complicata, ancora purtroppo condizionata dal Covid. Io stesso a tre settimane dalla partenza non sapevo se avrei partecipato o meno. All’interno della squadra c’è un bel clima e già dopo il quarto posto della staffetta sapevamo di poter far bene. Forse il mio argento nei 100 delfino ha dato la giusta carica a tutti gli altri».

Il bottino personale e di squadra avrebbe potuto essere più pingue, se solo il Covid non avesse inficiato la preparazione di molti: «Alcuni di noi non si sono presentati al meglio, ma quel che posso dire a livello personale è che sono fortemente consapevole del fatto che se non avessi contratto il virus in Ungheria me la sarei certamente giocata con Milak e avrei ottenuto almeno tre medaglie nel delfino. Sono molto felice per Antonio: ci conosciamo da una vita e vedere i suoi sforzi ripagati mi rende contento e allo stesso tempo mi motiva ancora di più a fare bene».

Questa consapevolezza sarà sicuramente un’arma in più nella prossima stagione: «Ora sono previste tre settimane di stop, poi si riprenderà in altura, a St. Moritz, in vista dei grandi appuntamenti del prossimo anno: i campionati del mondo in vasca corta di Melbourne in dicembre e quelli in vasca lunga di Fukuoka in luglio. Sono due eventi importanti, in cui vorrò fare bene. Siamo però consapevoli che si tratta di tappe di passaggio in vista delle Olimpiadi di Parigi, che sono sempre più vicine. Da gennaio proverò a nuotare i tempi di qualificazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved