SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
40 min

Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo

Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
2 ore

L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata

Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
BMX FREESTYLE
4 ore

A Cadenazzo, Ducarroz e Sideris si confermano campioni

Riuscita la manifestazione organizzata da Swiss Cycling in collaborazione con l’associazione Freestyle Park Ticino
CALCIO
5 ore

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
6 ore

Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano

I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
6 ore

A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp

Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
7 ore

La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez

Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
10 ore

La stagione inizia nel segno della Spinelli

Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
11 ore

Zoé Classens di nuovo sul podio

In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
CALCIO
11 ore

Una brutta giornata per chiudere una brutta settimana

Promotion League, il Chiasso sconfitto a Nyon al culmine di giorni in cui si è parlato molto di aspetti che esulano dal campo. Tre espulsi tra i rossoblù
MOTOMONDIALE
11 ore

MotoGP, Quartararo braccato da Bagnaia

In Thailandia vince Oliveira, in Moto2 si impone Arbolino, in Moto3 successo per Foggia
Indonesia
14 ore

Calca dopo la partita di calcio, almeno 125 morti

I tifosi dell’Arema Fc erano arrabbiati per la sconfitta subita contro la squadra rivale, tanto da invadere il campo. Sceso il numero delle vittime
hockey
1 gior

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
1 gior

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
1 gior

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
la ricorrenza
laR
 
07.08.2022 - 20:40
Aggiornamento: 23:43

Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’

Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina

con-il-parkour-da-diciotto-a-ottantacinque-sport
Ti-Press/Gianinazzi
Le prime acrobazie
+1

In occasione del cinquantesimo anniversario di Gioventù e Sport – programma di promozione dell’Ufficio federale dello sport, fondato nel 1972 – anche il Centro sportivo di Tenero ha partecipato alla festa, accogliendo un campo del giubileo al quale hanno partecipato settecento ragazzi, da tutta la svizzera e dall’estero (anche con lo statuto di rifugiato), disabili compresi. Oltre a numerose attività sportive (affidate agli studenti della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin), i giovani hanno potuto prendere parte anche a workshop dedicati a temi emergenti e sensibili come l’etica, la prevenzione, l’inclusione nello sport e l’uso dei mezzi di comunicazione. Erano inoltre previsti numerosi momenti conviviali, escursioni corso di cucina, attività circensi in collaborazione con il Teatro Dimitri e un atelier di prevenzione in collaborazione con Swiss Olympic e la federazione PluSport.

Ma non solo: è anche stata l’occasione per inaugurare una postazione per il parkour e lo street workout recentemente costruita nel centro sportivo locarnese.

Per l’occasione era presente anche Pierre-André Weber, responsabile degli sport per i giovani e per gli adulti presso l’Ufspo: «Con il programma Gioventù e Sport lo stato fornisce un sostegno finanziario ai club sportivi, per i campi sportivi e per la formazione dei monitori – ha dichiarato Weber –. G+S esiste ormai da cinquant’anni, iniziando con diciotto sport, ora le discipline nelle quali viene svolta promozione e formazione sono ormai una novantina (ottantacinque per la precisione), l’ultimo arrivato è il parkour, entrato a far parte delle discipline G+S a ottobre dello scorso anno e vedremo cosa offrirà nel prossimo futuro, ma è sicuramente uno sport in netta crescita. In questo modo G+S rimane giovane, sportiva e unica».

‘È anche un ottimo allenamento fisico’

Julian Dutoit, responsabile del parkour in seno a Gioventù e Sport (e che con i colleghi Claudio Ceppi e Josua Ernst ha dato una dimostrazione pratica agli estasiati ragazzi riuniti sui prati di Tenero) è entusiasta della novità: «Avere questa infrastruttura è importantissimo, soprattutto per uno sport in forte crescita. È una postazione fantastica per iniziare questo sport, è adatta a bambini di tutte le età, siamo felici che sia arrivata e che sia stata aperta così velocemente».

Quanto è importante avere anche delle gare? «Per il pubblico è entusiasmante guardare le competizioni, che possono anche fungere da ispirazione per i più giovani per iniziare a praticare il parkour ed è fantastico che esistano, tuttavia non dovrebbero essere il punto centrale, in quanto la filosofia del parkour è quella di aiutarsi a vicenda, cercando di spingersi e per questo la concorrenza non è molto d’aiuto. Inoltre il parkour è un ottimo allenamento fisico, si utilizza tutto il corpo, c’è esplosività forza di gambe e del tronco».

Quali sono le prospettive per il parkour e come viene gestito? «Da circa cinque anni la partecipazione è in aumento e penso che i praticanti cresceranno ulteriormente nei prossimi dieci anni, grazie alla spinta di Gioventù e Sport, inoltre aiuta l’organizzazione che c’è dietro alla disciplina. Con Gioventù e Sport e la Federazione svizzera di Parkour cerchiamo di costruire tutta la piramide formativa, cercando nuovi monitori che possano diffondere la disciplina e di aumentare l’offerta per i novellini».

‘Normale organizzare il campo e ampliare l’offerta’

Infine il direttore del Centro sportivo di Tenero Bixio Caprara si è rivolto ai numerosi e giovani partecipanti al campo: «Da parte mia voglio ringraziare chi ha permesso di organizzare questa settimana, tra monitori, accompagnatori e tutti gli altri che hanno lavorato nei settori della cucina, delle pulizie e quant’altro».

In ottica futura invece, che utilizzo verrà fatto della struttura? «Come tutte le altre infrastrutture del Centro verrà messa a disposizione degli ospiti, per poterla usare bisogna chiedere l’autorizzazione, anche perché è necessario avere conoscenze in materia per evitare di farsi male, quindi ci dev’essere un monitore formato che possa insegnare ai ragazzi come praticare il parkour o lo street workout, quindi è una nuova disciplina di Gioventù e Sport, che come per le altre formerà i monitori, sarà possibile seguire dei corsi e i gruppi potranno venire qui e provare».

Intanto Tenero si conferma essere uno dei fulcri dell’attività sportiva in Svizzera… «Siamo nel cinquantesimo anniversario di Gioventù e Sport, il Centro sportivo nazionale della gioventù è quella parte dell’ufficio federale dello sport che si occupa dello sport giovanile, per cui era abbastanza normale organizzare innanzitutto questo campo nazionale e internazionale e secondariamente noi dobbiamo cercare di promuovere le nuove discipline, non le mode ma i trend, per cui essendo il parkour una nuova disciplina era normale che entrasse a far parte della nostra offerta».

Più offerta, significa più stimoli per praticare attività: «Abbiamo visto oggi durante la dimostrazione come i ragazzi la guardassero con grandi occhi, affascinati. L’obiettivo nostro è sempre quello di motivare i ragazzi a fare sport e movimento, l’importante è che tolgano le dita dal telefonino e si alzino dal divano, poi è uguale cosa facciano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved