WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
3. tempo
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
4
2. tempo
(0-4 : 3-0)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
3. tempo
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
4
2. tempo
(0-4 : 3-0)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
a-pechino-una-bolla-sanitaria-e-misure-molto-rigide
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
5 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
6 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
9 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
10 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
11 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
11 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
12 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Olimpiadi
04.01.2022 - 14:220
Aggiornamento : 17:07

A Pechino una bolla sanitaria e misure molto rigide

I Giochi olimpici invernali di Pechino (4-20 febbraio) saranno l’evento più sotto controllo dell’era pandemica

Una bolla sanitaria anti-Covid è stata predisposta attorno alle strutture che accoglieranno i Giochi olimpici di Pechino, a un mese dall’inizio delle competizioni che si annunciano come l’evento sportivo in assoluto più monitorato dell’era segnata dalla pandemia. In Cina, Paese nel quale la malattia è stata scoperta a fine 2019, misure molto rigide di tracciamento, isolamento e vaccinazione hanno permesso il contenimento dei contagi. Le frontiere sono chiuse praticamente da marzo 2020, i voli internazionali drasticamente ridotti.

Per accogliere i 3’000 atleti e il personale dei vari staff, è quindi stata predisposta la bolla al fine di evitare i contatti tra chi proviene dall’estero e la popolazione locale che risiede all’esterno delle strutture olimpiche. Negli spostamenti tra un sito e l’altro, gli stranieri non entreranno in contatto con gli abitanti delle zone circostanti. Per esempio, per recarsi sulle piste da sci si sposteranno in treno, a bordo di vagoni a loro riservati.

«All’interno della bolla – ha spiegato Zhao Weidong, responsabile della comunicazione del comitato organizzatore – adotteremo misure sanitarie molto rigide, tra le quali test quotidiani per assicurarci che eventuali positività possano essere immediatamente individuate».

Tra le condizioni poste dall’organizzazione, tutti gli atleti stranieri devono essere vaccinati, chi non lo fosse dovrà sottostare a una quarantena di 21 giorni. «Sorvegliamo da vicino la variante Omicron e il suo impatto sul mondo, in stretta collaborazione con il Comitato olimpico (Cio), per assicurarci che ci siano dei margini di manovra all’interno delle eventuali contromisure, in funzione della situazione epidemiologica».

Gli atleti e il personale cinese all’interno della bolla (volontari, autisti, addetti alla cucina) usciranno perlopiù solo dopo i Giochi paralimpici (4-13 marzo), dopo un periodo di quarantena. Gli spettatori (l’accesso alle strutture è riservato solo ai residenti in Cina) non avranno accesso alla bolla.

Stöckli: ‘Non prendiamo in considerazione un rinvio’

Il capo della missione olimpica Ralph Stöckli ha escluso un rinvio dei Giochi invernali di Pechino. «Ma non vogliamo nemmeno comportarci come se niente fosse». Domani il Comitato olimpico internazionale avrà uno scambio di vedute con i comitati nazionali: il tema centrale riguarderà la regolarità delle competizioni. «Un interrogativo – spiega il dirigente svizzero – che interessa e riguarda tutti. Si sono già levate molte voci circa la regolarità di gare che potrebbero non vedere al via tutti i migliori interpreti delle varie discipline».

Stöckli non ha chiarito bene quale sia la posizione di Swiss Olympic. «Gli sport invernali stanno entrando in una fase delicata, con molte competizioni decisive. Si capirà adesso se i Giochi potranno essere considerati una competizione regolare, se alla resa dei conti potranno essere disputati in maniera rispettosa dei canoni stessi dello sport».

Il capomissione rossocrociato ha anche detto che rispetterebbe la scelta degli atleti che dovessero decidere di non andare a Pechino: «Mi sarebbe oltremodo difficile criticare una scelta del genere. Partecipare ai Giochi deve essere un privilegio. Se un atleta non dovesse più considerarlo tale, allora è meglio che se ne resti a casa».

Criteri di selezione adattati

Per garantire il regolare svolgimento delle competizioni in Cina, Swiss Olympic ha apportato delle modifiche ai criteri di selezione di atlete e atleti. Non ci saranno quindi concorsi di varia natura di qualificazione. «Abbiamo adattato i criteri alle attuali contingenze – ha spiegato Stöckli –. Non si tengono più in considerazione solo i piazzamenti, bensì anche le valutazioni dei tecnici».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved