Losanna
Zurigo
20:00
 
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
7 ore

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
8 ore

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
8 ore

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
9 ore

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
21 ore

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
22 ore

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
22 ore

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
1 gior

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
1 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
1 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
1 gior

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
Motociclismo
laR
 
02.01.2022 - 21:35

Rolfo: ‘Chiuso un capitolo, se ne apre un altro più avvincente’

Mondiale Endurance, il 44enne luganese volta pagina e torna in Superstock. ‘Dove per un team privato il podio è sicuramente più accessibile’

rolfo-chiuso-un-capitolo-se-ne-apre-un-altro-piu-avvincente
Tempo di voltare pagina

Di curve, in sella alla moto, ne ha affrontate parecchie. Ma anche, metaforicamente, nella sua carriera. E una di queste, Roby Rolfo se l’è appena lasciata alle spalle, chiudendo il capitolo Moto Ain per aprirne un altro altrettanto appassionate: la prossima stagione il centauro luganese disputerà ancora il Mondiale Endurance, ma con i colori di un’altra squadra: la francese Og Motorsport di Sarazin. «Sì, l’accordo con questa nuova squadra è stato chiuso proprio nelle scorse settimane, e sono estremamente felice che le discussioni siano andate a buon fine – racconta un sorridente il 41enne –. Ci tenevo a restare in sella, per continuare a inseguire il mio sogno-obiettivo di correre fino a 44 anni: il 44 è sempre stato il mio numero portafortuna».

Facciamo un passo indietro: cosa ha portato al cambio di direzione? «Il salto di categoria deciso al termine della passata stagione, dalla Superstock alla categoria Ewc, col senno di poi, è forse stato un passo troppo avventato per un team ’familiare’ come il nostro. Non dico a livello di risultati, perché quelli sono comunque stati soddisfacenti. Ciò che è mutato è stato soprattutto lo spirito del gruppo. Logicamente, quando si corre nella categoria maggiore, anche le aspettative, a cominciare da quelle degli sponsor, sono maggiori. E aumentano pure le spese... L’ingaggio di De Puniet, pilota dall’indiscutibile talento, ha spostato gli equilibri fra piloti in seno al team, a scapito in particolare dello ‘zoccolo duro’ costituito dal sottoscritto e da Robin Mulhauser. Giocoforza costretto a fare delle priorità nelle sue scelte strategiche visti i limiti con cui era confrontato, il team ha spesso messo in condizione privilegiata De Puniet. Alla lunga questo modo di agire ha creato attriti che hanno poi portato a una rottura, al punto che io e Robin abbiamo glissato sull’ultimo appuntamento della stagione, la 6 Ore di Most a fine ottobre, malgrado arrivassimo dal podio centrato sul Paul Ricard di Le Castellet qualche settimana prima. Fine del capitolo, insomma. Per noi, ma anche per De Puniet, che pure lui per la prossima stagione ha trovato un’altra sistemazione, in un team ufficiale. L’epilogo della storia, ad ogni buon conto, non rovina quanto fatto in queste stagioni con quel team: col Moto Ain ho comunque vissuto molti dei bei momenti, togliendomi pure diverse soddisfazioni, non da ultimo la conquista del titolo Superstock nel 2020».

Chiuso un capitolo, per Rolfo ce n’è dunque un altro che si apre: «Nuovo ma comunque con una ’vecchia’ conoscenza. Infatti, anche l’anno prossimo sarò in sella a una Yamaha R1, moto che conosco benone, visto che ci corro dal 2018. Quando mi sono guardato in giro alla ricerca di una nuova sistemazione, una delle mie premure è appunto stata quella di bussare alle porte dei team Yamaha: un paio di squadre di Ewc avevano mostrato interesse nei miei confronti, ma alla fine ho declinato le loro lusinghe per accordarmi con il team parigino Og Motorsport di Sarazin. Per me sarà un po’ come tornare alla condizione in cui ero due anni fa. Dopo una stagione nella categoria superiore sarò dunque in lizza nella Superstock, ma in fin dei conti questa è la categoria ideale quando si corre per i colori di un team non ufficiale, perché qui il podio è sicuramente più accessibile rispetto alla categoria superiore. E questo è appunto lo stimolo che andavo cercando per gli ultimi anni della mia carriera».

Oltre a Rolfo, in sella per il team ‘targato’ Og Motorsports ci saranno il nipponico Cocoro Atsumi e il francese Alex Plancassagne, «piloti che si sono già tolti qualche bella soddisfazione nell’Endurance».

Pronti via: il Mondiale Superstock 2022, come di consueto si articolerà su quattro gare. A dare il via alle competizioni sarà la classica 24 Ore di Le Mans, nel nord della Francia. Il campionato proseguirà poi il 5 giugno con la 24 Ore di Spa-Francorchamps («Quest’anno è stato rimesso in calendario l’appuntamento in Belgio, dove da anni il Mondiale non faceva più scalo: sarà un piacere tornare a misurarci su quel circuito») e il Bol d’Or di Le Castellet (pure una 24 Ore) a metà settembre. «L’ultima prova andrà in scena su un altro circuito classico: quello dell’Estoril, in Portogallo, dove verosimilmente si disputerà una 12 Ore».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved