DJOKOVIC N. (SRB)
0
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
1
2 set
(3-6 : 2-3)
Ginnastica artistica
28.09.2021 - 12:06
Aggiornamento: 17:18

Simone Biles: ‘Avrei dovuto smettere molto prima di Tokyo’

La ginnasta statunitense ha parlato, fra l’altro, degli abusi subiti dall’ex medico della squadra Usa Nassar, ora all’ergastolo per aggressioni sessuali

Ats, a cura de laRegione
simone-biles-avrei-dovuto-smettere-molto-prima-di-tokyo
(Keystone)

“Avrei dovuto smettere molto prima di Tokyo”, ha detto Simone Biles al New York Magazine. I problemi di salute mentale dell’icona della ginnastica americana l’hanno portata a rinunciare a diverse finali alle Olimpiadi di Tokyo, incrinandosi sotto la pressione del momento.

"Se si guarda a tutto quello che ho passato negli ultimi sette anni, non avrei mai dovuto essere in un’altra squadra olimpica," ha detto Simone Biles, che è considerata la più grande ginnasta di tutti i tempi. La 24enne texana aveva rivelato nel gennaio 2018 di essere una delle vittime dell’ex medico della squadra femminile statunitense Larry Nassar, che è stato condannato all’ergastolo per aggressioni sessuali nel corso di due decenni su più di 250 ginnaste, la maggior parte delle quali minorenni.

"Oltre il regno delle possibilità”

“Quando Nassar era nei media, era troppo. Ma non gli avrei lasciato prendere qualcosa per cui avevo lavorato da quando avevo sei anni. Non gli avrei permesso di portarmi via quella gioia. Così ho spinto oltre ciò che era possibile, finché la mia mente e il mio corpo me lo hanno permesso”, ha spiegato.

A Tokyo, la giovane ginnasta doveva essere la superstar delle Olimpiadi. Ma proprio mentre stava per iniziare il suo bottino di medaglie, si è bruscamente fermata, soffrendo di “twisties”, un fenomeno potenzialmente pericoloso che porta i ginnasti a perdere il loro senso di direzione mentre sono in aria. Ha finito per competere in una sola finale, vincendo il bronzo sulla trave.

"Diciamo che fino a 30 anni si vede perfettamente. Poi una mattina ti svegli e non riesci a vedere. Ma la gente ti dice di continuare a fare il tuo lavoro come se avessi ancora la vista. Saresti perso, vero?" ha spiegato. “Ho fatto ginnastica per 18 anni. Mi sono svegliata - persa. Come posso continuare?” ha proseguito.

‘Ci lavorerò per 20 anni’

La ginnasta con 32 medaglie olimpiche o mondiali, che in precedenza aveva rivelato che i suoi problemi di ansia si erano manifestati prima di Tokyo, spera di contribuire a far cessare la stigmatizzazione, cosicchè le persone possano essere diagnosticate prima e i trattamenti possano migliorare.

“Questo sarà probabilmente qualcosa su cui lavorerò per 20 anni", ha detto Simone Biles. "Voglio solo un medico che mi dica quando sarò guarita. Come quando si fa un intervento chirurgico e si aggiusta. Perché nessuno può dirmi che tra sei mesi sarà finita?”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved