Svizzera
5
Slovacchia
3
3. tempo
(1-1 : 2-1 : 2-1)
Finlandia
2
Svezia
3
rigori
(0-1 : 2-0 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
fraser-pryce-firma-il-gala-d-addio-di-lea-sprunger
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
19 min

Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti

Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
CALCIO
2 ore

‘C’è una Coppa da fotografare’: il gioioso assalto a Cornaredo

Migliaia di tifosi alla festa in onore dell’Fc Lugano, tra autografi e selfie con giocatori, staff e trofeo. Dalle 13.30 alle 17.30 un’interminabile fila
CALCIO
3 ore

Il Bellinzona può tentare l’impresa

Il Breitenrain non sarà promosso, per problemi allo stadio. Che al Comunale vanno risolti
corsa d'orientamento
3 ore

A Brè e Cademario doppietta di Cerny, vittorie di Ren e Asmus

Nello sprint hanno corso 260 atleti; nella gara lunga nei boschi si sono lanciati in 370
CICLISMO
4 ore

Grazie a Dainese, al Giro l’Italia festeggia allo sprint

Primo successo azzurro all’edizione numero 105 della corsa in rosa: a Reggio Emilia il ventiquattrenne veneto supera in rimonta il colombiano Gaviria
gallery
Altri sport
4 ore

Record di partecipanti alla 5ª TicinoMoesa: 115 atleti in canoa

Andrea Bernardi fa doppietta tra gli uomini; tra le donne vittorie di Giulia Formenton e di Hannah Müller. Il ticinese Cesare Mancini due volte 17°.
Hockey
4 ore

Hugo Gallet castiga l’Italia di Irland e Huras

In vantaggio fino a 66 secondi dalla fine, Frigo e compagni sono costretti alla resa al prolungamento. Mentre l’Austria s’arrende ai norvegesi
Tennis
4 ore

Vince Buzarnescu, ex top 20: Bandecchi saluta il Roland Garros

Al secondo turno delle qualificazioni dello Slam di Parigi, la ticinese sconfitta in due set dalla 34enne rumena 118a al mondo. Eliminato anche Stricker.
Tiri Liberi
5 ore

Semifinale senza coda e arbitraggio quasi perfetto

Il Neuchâtel con quattro stranieri per alcuni secondi, ma la Sam non fa reclamo e a norma di regolamento non ci saranno seguiti
CALCIO
5 ore

Il Breitenrain rinuncia alla promozione

Buona notizia per il Bellinzona: i bernesi non saliranno in Challenge per problemi strutturali dello stadio. Che la Turrita intende invece risolvere
Calcio
6 ore

Negli Usa le nazionali donne saranno pagate come gli uomini

Nel 2019 la causa di alcune giocatrici contro la Federazione statunitense. Ora l’accordo: stessi compensi per le selezioni femminile e maschile.
Altri sport
9 ore

Salì sul podio con la ‘Z’ sulla tuta: ginnasta russo sospeso

La Federazione internazionale di ginnastica ha sanzionato Ivan Kuliak, per avere ostentato il suo sostegno all’invasione dell’Ucraina
ciclismo
11 ore

Galeotto fu il tappo: Girmay costretto al ritiro dal Giro

Un infortunio all’occhio sinistro, a causa dei festeggiamenti della vittoria di ieri, toglie l’eritreo dalla Corsa rosa
Atletica
14.09.2021 - 22:07
Aggiornamento : 22:56

Fraser-Pryce firma il Galà d’addio di Lea Sprunger

La giamaicana stratosferica nei 100 m, nei quali in 10"78 ha realizzato il nuovo record dello stadio (5 in tutta la serata) davanti a Kambundji e Del Ponte.

Serata da record al Galà dei Castelli di Bellinzona, con il pubblico tornato finalmente a riempire il Comunale (toccati i 5’000 spettatori) e che ha spinto le stelle dell’atletica mondiale a firmare ben cinque primati dello stadio, uno al maschile e tre al femminile. Tra questi, lo straordinario 10"78 nei 100 m con cui la giamaicana Shelly-Ann Fraser Pryce si è presa la scena (davanti a Kambundji e Del Ponte) nella serata dell’addio alle competizioni di Lea Sprunger.

Apertasi con l’ormai classico appuntamento del pre-meeting dedicato alle giovani speranze della nostra atletica (da segnalare in particolare nei 100 m U18/U20 le vittorie di Nathan Oberti in 10”87 e di Desirée Regazzoni in 12”24), la serata del Comunale è entrata nel vivo con l’inizio del salto con l’asta femminile (poi andato con un ottimo 8,70 m alla slovena Sutej, mentre nel lungo maschile si è imposto con 7,81 l’italiano Randazzo) e con gli 800 m sempre delle donne, nei quali la giamaicana Goule ha mantenuto le attese imponendosi in 1’58”20 ma fermandosi a 10 centesimi dall’obiettivo record dello stadio (quinto posto in 1’59”98 per la migliore rossocrociata, Lore Hoffmann).

Primato del meeting centrato invece nella prima gara al maschile, i 400 m ostacoli, con lo svedese Bengtström che già nella finale B (nella quale Mattia Tajana chiudendo in 50”96 ha fallito l’assalto al record ticinese) ha cancellato il 48”64 di Fabrizio Mori portandolo a 48”53. Un tempo abbassato poi a 48”15 dal brasiliano Dos Santos, bronzo olimpico a Tokyo e impostosi nella finale A.

Nella gara forse più attesa della serata, i 100 m femminili, a prendersi la scena è stata la giamaicana Shelly-Ann Fraser-Pryce, che con un clamoroso 10”78 ha polverizzato il record dello stadio (10”95) firmato nel lontano 1996 dalla sua connazionale Marlene Ottey. Di fronte all’inarrivabile prestazione della seconda ai Giochi di Tokyo, si sono dovute accontentare rispettivamente del secondo e del terzo posto Mujinga Kambundji (10”99) e Ajla Del Ponte (11”11), che non sono quindi riuscite a dare l’assalto al primato nazionale della ticinese (10”90).

Anche nei 400 m femminili il miglior tempo dell’impianto (54”08 dell’americana Kim Batten nel 1998) è stato abbattuto grazie al 54”01 del fenomeno olandese classe 200 (bronzo a Tokyo) Femke Bol, ma l’emozione più grande l’ha sicuramente regalata Lea Sprunger, seconda in 54”53 per la quale l’ultima gara della stagione rappresentava anche l’ultima di una lunga carriera che l’ha vista tra le altre cose conquistare il titolo europeo nel 2018. Emozionata, la 31enne vodese a fine gara si è presa l’abbraccio delle colleghe (in particolare dell’amicona Ajla Del Ponte) e l’ovazione del Comunale, con gli organizzatori che l’hanno pure nominata socia onoraria del Galà.

Dopo i 1500 m maschili (altro primato dello stadio grazie al 3’35”48 del lussemburghese Grethen), altro momento topico con dei 100 m maschili dal cast stellare. Forse condizionati da una partenza rimandata ben due volte, i migliori sprinter al mondo (al via due terzi dell’ultimo podio olimpico) non sono riusciti a stare sotto i 10 secondi, con il canadese André De Grasse che correndo in 10”06 si è preso la rivincita della finale a cinque cerchi precedendo lo statunitense Fred Kerley (10”11) e l’altro americano Justin Gatlin (che dal canto suo potrebbe aver disputato l’ultima prova della carriera). Ultimo e lontano dal suo personale l’elvetico William Reais (10”46).

I 100 m ostacoli sono andati come previsto alla favorita olandese Nadine Visser con un 12”57 che le ha permesso di battere l’ennesimo record del meeting della serata (terza in 12,95 l’elvetica Ditaji Kambundji), mentre al maschile (110 m h) il rossocrociato Jason Joseph si è rifatto dopo la partenza falsa di Zurigo imponendosi in 13”34.

L’ultima gara al maschile (i 400 m vinti in 45”28 dall’olandese Dobber) sono stati l’occasione per salutare e ringraziare per l’incredibile stagione (culminata con la semifinale alle Olimpiadi) un Ricky Petrucciani che è sembrato aver proprio (comprensibilmente) finito la benzina e che si è dovuto accontentare del quinto posto in 46”38 (ben lontano dal suo personale di 45”02).

Sono invece mancati 11 centesimi a Mujinga Kambundji per migliorare il già suo record nazionale dei 200 m, gara che ha chiuso la serata e che l’ha vista trionfare in 22”36, prendendosi l’ultimo meritato applauso dell’ennesima grande serata di atletica vissuta al Comunale.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved