valentino-rossi-il-gusto-della-sfida-il-sapore-della-sconfitta
(foto Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
13 min

Pandemia, 10 milioni in indennizzi di troppo

Secondo la radio Srf alcuni club hanno ricevuto soldi da due programmi diversi. L’Ufspo: non risulta però che le società abbiano dato informazioni errate
ATLETICA
9 ore

Niente Mondiali per la stella dell’asta Sam Kendricks

Il californiano, che era già stato costretto a rinunciare ai Giochi a causa del Covid, sempre alle prese con problemi al ginocchio a una settimana dal via
Calcio
9 ore

S’alza il sipario sull’Euro con un successo inglese

Un gol di Mead decide la sfida inaugurale contro l’Austria. Le ragazze rossocrociate debutteranno sabato pomeriggio sfidando la selezione portoghese
Tennis
12 ore

Una folle maratona di oltre quattr’ore: Nadal in semifinale

Encomiabile lo spagnolo in campo nonostante dolori agli addominali, ma Taylor Fritz spreca la chance. Ora il maiorchino se la vedrà con il focoso Kyrgios
Tennis
14 ore

Davis, in Ecuador la Svizzera giocherà sul duro

A metà settembre si giocherà a Salinas, località balneare che abitualmente ospita un torneo Challenger
TOUR DE FRANCE
14 ore

Clarke vince la tappa del pavé, Van Aert sempre in giallo

In classifica sorride soprattutto Pogacar, che guadagna oltre due minuti su Roglic
BOCCE
16 ore

Il campionato ticinese sorride ancora a Laura Riso

Quarto oro cantonale per l’esponente della Gerla, che in finale al bocciodromo di Lugano ha prevalso sulla locarnese Rosaria Cadei
AUTOMOBILISMO
16 ore

Dopo Misano Alex e Ivan restano in lotta per il titolo

I due piloti ticinesi in lizza nelle Gt4 European series sono al giro di boa della loro stagione, sempre con in linea di mira il successo in classe Pro-Am
Calcio
18 ore

Liga, il quarantenne Joaquin prolunga fino al 2023

Ennesima stagione da professionista per il capitano del Betis
Calcio
18 ore

Calcio femminile: si riparte dalla Lnb

Giocatrici della regione e controllo da parte dell’Fc Lugano
Hockey
19 ore

Draft Nhl, Lian Bichsel sarà chiamato al primo turno?

Da qualche anno nessuno svizzero viene più scelto fra i migliori
Calcio
20 ore

Beloko dallo Xamax al Lucerna

Per il centrocampista contratto fino al 2025
salary cap
1 gior

Fiala e Jokic: stessa nazione, due mondi diversi

Sull’esempio dell’hockeista svizzero e del cestista serbo, ecco una piccola panoramica delle differenze salariali negli sport a stelle e strisce
HOCKEY
1 gior

Mike Grier nuovo general manager di Timo Meier a San José

Il 47.enne ex attaccante diventa il primo Gm di colore nella storia della Nhl. Suo fratello Chris ricopre lo stesso ruolo nei Miami Dolphins della Nfl
CALCIO
1 gior

Boris Babic, un’arma in più per l’attacco del Lugano

Il 25enne proveniente dal San Gallo ha firmato con i bianconeri un contratto triennale. In Super League vanta 68 presenze e 9 reti
TENNIS
1 gior

A Sinner non basta il 2-0, Djokovic si impone in cinque set

Il serbo in semifinale per la 43ª volta, l’11ª a Wimbledon. In campo femminile la sorpresa si chiama Tatjana Maria, Wta 103, alla sua prima semifinale
CICLISMO
1 gior

Capolavoro di Van Aert al Tour

Il belga, dopo tre secondi posti consecutivi, vince con gamba e testa la quarta frazione e rafforza il primato
inline hockey
1 gior

Il Sayaluca brilla agli Europei juniores

L’avventura europea termina con un quarto posto per la formazione ticinese, che ha saputo tener testa alle migliori compagini del Vecchio continente
Hockey
1 gior

Un Peltonen a Kloten

Si tratta di Jasper, figlio di Ville, ex giocatore del Lugano
Motociclismo
06.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:31
di Emanuele Mongiardo

Valentino Rossi, il gusto della sfida, il sapore della sconfitta

L'addio del 42enne pilota italiano, che a fine anno parcheggerà la moto. 'È stata un dura decisione da prendere, ma è arrivato il momento di dire basta'

Una delle battute più maligne lanciate a Valentino Rossi è arrivata dalla bocca di Casey Stoner. Era il 2011, il canguro mannaro stava per vincere il suo secondo mondiale, mentre il Dottore tribolava al primo anno di Ducati. A Jerez de la Frontera, una manovra azzardata di Rossi al settimo giro aveva portato alla caduta dell’australiano. Vano il tentativo di scuse ai box: «La tua ambizione ha superato il tuo talento», aveva chiosato con sarcasmo l’allora pilota dell’Hrc. Difficile dire se davvero, in un fuoriclasse come Valentino, fosse più grande l’ambizione del talento. Di certo la Desmosedici tra le sue mani non sembrava di gomma come la Yamaha. Se però si ribalta il senso della risposta di Stoner, per attribuirle valore positivo, allora si apprende una grande verità sul Quarantasei. L’ambizione, intesa come senso della sfida, è stata più importante del suo polso e della semplice fame di titoli. Lo dimostra la sua storia: chi si sorprende del fatto che abbia corso fino a quarantadue anni, dovrebbe ricordarsi di quante volte il pilota di Tavullia abbia imboccato la strada meno intuitiva – niente di strano per uno che ad Assen, all’ultima curva, in una spallata di Marc Marquez ci ha visto la possibilità di saltare cordolo e sabbia e aggiudicarsi la vittoria. È la natura di un uomo alla ricerca di nuovi stimoli, in uno sport di cui era diventato padrone di casa.

Rossi non si è mai accontentato di contare i titoli in salotto. Avremmo dovuto capirlo già diciotto anni fa. Chissà, forse quella gag a Brno nel 2003 – lui travestito da prigioniero con il piccone e la palla di piombo legata al piede – conteneva anche una patina di serietà. Condannato a vincere era il significato dell’esultanza. Anche per questo Valentino aveva deciso, contro ogni pronostico, di abbandonare Honda per abbracciare il progetto Yamaha, un team di metà classifica, il cui pilota di punta, Alex Barros, era arrivato appena nono a fine stagione. Rossi avrebbe raggiunto i quindici titoli di Agostini con la Honda? Possibile, anche perché forse la Tech-3 non avrebbe raggiunto quel grado di eccellenza. La sfida a sé stessi e alla tecnologia, però, viene prima della bacheca. Lo stesso ragionamento per cui, nel 2010, pur in ottimo stato di forma dopo la frattura esposta di tibia e perone che gli era costata il decimo Mondiale, aveva deciso di cambiare di nuovo squadra e di accasarsi alla Ducati.

L'intenso rapporto con la sconfitta

La tradizione sportiva italiana non vive solo di personaggi ossessionati dalla vittoria. Anzi, le sconfitte hanno intagliato l’epica di alcune delle figure più amate, più di quanto avrebbe potuto fare qualsiasi successo. Forse perché le cadute, dentro e fuori dal campo o dalla pista, diventano un riflesso delle difficoltà e, nel migliore dei casi, della capacità di reagire: Pantani squalificato al Giro, Baggio relegato alla provincia, Totti che rischia di rimanere senza una caviglia prima del mondiale. Valentino Rossi rispetto a loro vive in un limbo, perché è stato un vincitore seriale e più di lui hanno raccolto solo Agostini e Nieto, però ha coltivato un rapporto con la sconfitta che è intenso tanto quanto i suoi trionfi. Chi se li dimentica i suoi occhi nel paddock nel 2006, dopo la caduta nel ghiaione di Valencia che aveva dato il titolo all’amico Nicky Hayden? Era l’ultima gara, Rossi dominava la classe regina da cinque anni. Le sue vittorie erano diventate quasi scontate, ma ci aveva pensato lui stesso a riportarci alla realtà: «Mi sarebbe piaciuto chiudere da imbattibile, ma succede solo nei fumetti». L’anno seguente, l’esplosione di Casey Stoner e della Ducati gommata Bridgestone sembrava aver dissolto del tutto l’aura divina del Dottore.

Poi però la rinascita, la capacità, grazie ai corpo a corpo, di entrare sottopelle prima a Stoner e poi a Lorenzo - «quando già ero vecchio e mi davano per finito», ci ha tenuto a ricordare ieri pomeriggio – nei due sorpassi più epici della sua carriera, quello al Cavatappi di Laguna Seca 2008 e quello all’ultima curva in Catalogna nel 2009. Il decimo titolo, però, è rimasto un miraggio: un po’ per il già citato infortunio del 2010, un po’ per la cattiva decisione di andare in Ducati, un po’ per Marc Marquez che si era messo di traverso nel 2015 – forse anche lui infastidito dal dominio tecnico e psicologico di Rossi a Termas de Río Hondo e ad Assen, fregato in entrambi i casi a fine gara.

Rossi continuava ad abitare le nostre domeniche, magari un po’ più indietro in griglia, eppure per qualcuno era già arrivato il momento di dire basta, come se si trattasse di un animale da sopprimere. Avrebbe dovuto essere chiaro, a quel punto, che senza la competitività dei giorni migliori, le gare per Valentino erano puro piacere primordiale, lo stesso piacere che da ragazzino lo aveva spinto a truccare il motore della sua Apecar a Tavullia – e che di riflesso avrebbe spinto una generazione intera, a metà anni Duemila, a elaborare motori e marmitte di Aerox blu col quarantasei stampato in carena.

Come se non bastasse, ci ha tenuto a ribadirlo anche nella conferenza stampa d’addio, con parole che dovrebbero farci riflettere sul nostro cinismo nei confronti dei fuoriclasse in decadenza: «È dura prendere questa decisione, avrei voluto correre per altri 25 anni ma è arrivato il momento di dire basta. […]È un momento triste e difficile, dire che l’anno prossimo non correrò con una moto. Ho fatto questo per quasi 30 anni e l’anno prossimo la mia vita cambierà da un certo punto di vista».

Un personaggio che va oltre i numeri

La dualità della carriera di Rossi, la compresenza di trionfi senza precedenti e di delusioni mai rimosse come quella del 2015, è un lascito prezioso per chi sa accettare la fallacia dei campioni. Se i siparietti post-gara, i sorpassi epici, persino gli spot pubblicitari hanno contribuito a trasformarlo in un’icona globale, e di fatto nell’uomo franchigia della MotoGp, i periodi bui e il senso di ingiustizia hanno cementato per sempre il rapporto coi suoi tifosi più stretti.

Pur di vederlo vincere, i suoi sostenitori avrebbero sempre scelto la strada più comoda. Se non fosse stato per il suo pensiero così fuori dagli schemi, però, Valentino non avrebbe avuto la stessa grandezza. La sua inquietudine, il bisogno di saggiare più e più moto per vedere se avrebbe potuto superare nuovi confini, ci invitano a ragionare in maniera diversa anche in uno sport sostanzialmente individuale come il motociclismo, dove è più facile valutare i protagonisti solo in base al palmarès. Più che la somma dei titoli, allora, dovremmo misurare quanto grandi sono le singole vittorie, qual è la loro storia, qual è il percorso di rinascita che le accompagna. Smetteremmo di farci ossessionare da quel mancato decimo Mondiale e dalla possibilità che Marc Marquez ne vinca più di lui: vale per i tifosi e per i detrattori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
motociclismo valentino rossi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved