Bologna
0
Roma
0
1. tempo
(0-0)
Inter
0
Spezia
0
1. tempo
(0-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:00
 
LENZ J. (GER)
1
STRICKER D. (SUI)
0
2 set
(7-5 : 2-2)
Bologna
0
Roma
0
1. tempo
(0-0)
Inter
0
Spezia
0
1. tempo
(0-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:00
 
LENZ J. (GER)
1
STRICKER D. (SUI)
0
2 set
(7-5 : 2-2)
petrucciani-olimpiadi-nel-mirino-gia-a-17-anni-e-ora-ci-sono
Facebook
Ricky Petrucciani dopo la vittoria nei 400m agli Europei U23 di Tallin
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Hc Lugano, Elia Riva bianconero fino al 2024

Domenichelli: ‘Siamo molto felici di poter contare su Elia anche nel futuro Lugano che stiamo costruendo insieme al nostro staff tecnico’
Pugilato
3 ore

La boxe torna ad Ascona con dieci incontri ‘olimpici’

Sabato sul ring del Bca una squadra formata da cinque pugili del Boxe Club Ascona rinforzata da cinque colleghi del Bc Riazzino
La conferenza
4 ore

L’importanza di un piano B

Serata tematica venerdì 10 dicembre sull’importanza di conciliare lo studio con lo sport professionistico
Calcio
5 ore

Lo Young Boys può recarsi a Manchester

Il club giallonero ha ricevuto un’autorizzazione speciale dalle autorità cantonali bernesi per evitare la quarantena di rientro dall’Inghilterra
Hockey
5 ore

Torneo di Visp, la Norvegia sostituisce la Russia

Il Quattro Nazioni vallesano di metà dicembre accoglie quindi la Norvegia che affiancherà Svizzera, Slovacchia e Lettonia
hockey
7 ore

Yakovenko e Lööv prolungano a Bienne

I due difensori stranieri hanno protratto il contratto per tre rispettivamente due stagioni
volley
8 ore

Caixeta e Hiruela lasciano il Lugano

Rescissione contrattuale tra le due giocatrici e la società alle prese con una grave crisi di risultati
Vela
9 ore

Alinghi torna in Coppa America nel 2024

Lo riferiscono i media neozelandesi. Il team svizzero ha pagato la tassa d’iscrizione per competere nella 37esima edizione della gara nel 2024
Hockey
18 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutto un’altra cosa’
Hockey
18 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ‘Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
20 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
20 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
23 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
23 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
23 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
23 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
1 gior

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
1 gior

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
1 gior

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
1 gior

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
2 gior

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
2 gior

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
Atletica
12.07.2021 - 22:430
Aggiornamento : 20.07.2021 - 10:00

Petrucciani, Olimpiadi nel mirino già a 17 anni. 'E ora ci sono'

Il 21enne ticinese alla vigilia della partenza per Tokyo. 'L'avevo sparata grossa, ma ce l'ho fatta. E se riesco a divertirmi, vado più forte'

“Sono sicuro, che posso farcela”. Non aveva ancora compiuto diciassette anni e, parole sue di oggi, accompagnate da una risata, «forse quando mi avevi intervistato la prima volta, l’avevo sparata un po’ tanto grossa». Ma l’ambizione di quel ragazzo dal talento già evidente, ora così tanto grossa non appare più. Il 22 luglio Ricky Petrucciani prenderà un volo. Destinazione: Tokyo, Olimpiadi. «Alla fine, l’ho detto e l’ho fatto», aggiunge con la gioia che s’indovina anche al telefono.

All’appuntamento più ambito per ogni sportivo, il ticinese arriverà lanciatissimo dalla prestazione maiuscola fatta segnare ai Campionati europei U23 di Tallinn, dove ha corso in 45”02 i 400 m, polverizzando il suo personale (45”69) e mettendosi al collo l’oro. Un tempo che equivale al nuovo record svizzero di categoria, a 3 centesimi dal primato nazionale assoluto di Mathias Rusterholz. 

Ma che effetto fa, sapere di partecipare alle Olimpiadi?

Io ho saputo e capito che sarei andato a Tokyo qualche giorno prima dell’ufficializzazione. In base al ranking stilato da World Athletics, grazie ai tempi che avevo fatto segnare, rientravo nei possibili partecipanti. Però la selezione dev’essere ufficializzata da Swiss Olympics, sulla base delle indicazioni di Swiss Athletics. La conferma di essere stato inserito nella delegazione svizzera è arrivata due giorni dopo. Sembrano pochi, ma è stata una lunga attesa. Quando ho potuto finalmente dire a tutti che parteciperò ai Giochi, mi sono davvero tolto un gran peso.

Se riguardi a te diciassettenne, cosa pensi del percorso che ti ha portato fino a qui?

Penso che sicuramente posso fare di più. Me lo sento. In ciò che sto facendo, c’è ancora un bel margine di miglioramento. Guardando indietro, vedo che in questi comunque pochi anni, di strada ne ho già percorsa parecchia e mi sono sempre confrontato con atleti veramente forti, anche in varie competizioni internazionali. Fino ad arrivare alla Diamond League, che era stata una chiamata dell’ultimo secondo e che è stata una grandissima emozione. Essere presente a un evento del genere, la prima volta, oltretutto in Italia e dunque sentendo parlare la propria lingua, è stato fantastico.

Quando si riesce a entrare in un evento della portata della Diamond League, ci si dice “ecco, ci sono” o si ha ancora più fame?

Si ha fame. Nessuna convocazione, nemmeno quella per le Olimpiadi, è mai un punto di arrivo. È invece un punto di partenza: un passo che si auspica porti a un nuovo livello, a uno step successivo nella carriera.

Negli ultimi mesi hai fatto segnare degli ottimi tempi sui 400 metri. Cosa ti ha permesso di ottenere questi crono?

Ho continuato a lavorare. In particolare dopo la mancata qualificazione per la finale agli Europei indoor a Torun, ero un po’ amareggiato. Mi sono concentrato sul lavoro che dovevo fare e sugli allenamenti. Sono così riuscito a scendere, finalmente, sotto i 47” indoor (all’interno, ci provavo da tre anni) e sotto i 46” all’esterno. A mio parere, ciò che ho mostrato fino a ora è sì buono, però non è ancora tutto. Per il momento va bene; ma io sono uno che, terminata una gara, si concentra già sulla seguente. Questo, allo scopo di migliorarmi continuamente e trarre degli insegnamenti da chi è più forte di me.

Cosa ti dà la percezione di avere ulteriori margini?

Tempi (che lo dimostrano) a parte: è una sensazione in corpo, che trasmette quella fiducia che rende consapevoli di poter andare sempre un passo avanti. È qualcosa che arriva dall’allenamento, ma anche tanto dalla testa. Se non ci sei con la testa, è difficile che migliori. E anche a livello mentale, ho coscienza di avere compiuto notevoli passi avanti.

Su cosa pensi o sai di dover lavorare, per riuscire a progredire?

Penso anzitutto che devo trovare la gara giusta: assenza di vento, nessuna pressione, sensazione di sentirsi veramente liberi. Sotto questo punto di vista, non ogni gara è come ce la si aspetta. Per ciò che mi riguarda, credo di riuscire meglio nelle competizioni all’estero. In Svizzera sanno tutti chi sono e la pressione è maggiore: dalle telecamere che ti seguono alla gente che ti ‘chiede’ di fare bene. Mentre fuori confine sono uno dei tanti e ogni altro atleta è lì per fare il proprio meglio; quindi mi sento più sollevato.

Il Petrucciani atleta con quali propositi si recherà a Tokyo?

Sicuramente vado per accumulare esperienza, perché è un appuntamento di tutt’altra dimensione. Non a caso è difficilissimo arrivarci e quando sei dentro, non è che sia tanto più facile – ride –. Voglio dunque provare a imparare il più possibile e fare il meglio nell’ambito delle mie possibilità. Mi auguro che arrivi un buon risultato. Se così non sarà, fa nulla: è la mia prima partecipazione, so che avrò altre occasioni. Mi sento comunque fiducioso e, visto come è andata agli Europei U23 di Tallinn, credo possa uscirne una prestazione valida.

E il Ricky persona con quale spirito partirà alla volta del più importante evento sportivo al mondo?

Di certo questo è un evento che lascerà il segno. Del resto, a chi non lascerebbe un segno, essere al via alle Olimpiadi – ride –?! In generale, spero di divertirmi. Mi piacerebbe inoltre riuscire a visitare un po’ la città. So che, con la pandemia ancora in corso, sarà complicato; vedremo... Sarebbe bello, perché il Giappone mi sembra stupendo. Di solito quando viaggio per le gare, cerco di sfruttare l’occasione per conoscere il luogo, capire quale sia la realtà del posto. Non sono per niente uno che si limita ad aeroporto e stanza di albergo.

Come vivi l’attenzione su di te, che va crescendo di pari passo con il miglioramento delle tue prestazioni?

Ho avvertito interesse in particolare ai Campionati svizzeri, in cui ero il favorito e avevo coscienza di dover far registrare un ottimo tempo, così da potermi assicurare l’accesso ai Giochi olimpici. Per fortuna sono riuscito a cogliere tutti i lati positivi e a trasformarli in pista in un buon risultato – sorride –; però, soprattutto in casa, si sente parecchio l’attenzione di tutta una serie di persone che vogliono vedere di cosa sei capace e dove ti ha portato l’allenamento fatto.

Quando eri ancora una giovane speranza dell’atletica, ci avevi detto che quando correvi, ti sentivi libero.
È ancora così, oppure oggi il tuo è un approccio più professionale e, in un certo senso, meno sentimentale?

Devo dire che ho capito una cosa: più la penso così, cioè che quando corro sono libero e mi diverto, e più arrivano risultati migliori. Quindi il mio pensiero, ultimamente, è sempre di godermi l’esperienza al massimo e poi quel che esce, esce. Di solito quando affronto una gara con questo approccio, l’esito è buono. È questo, che mi fa andare avanti. L’anno scorso non mi riusciva, prendere le cose in modo così leggero. Forse perché non ero in forma come nel 2021; forse ero stanco; forse perché tutta la situazione era complicata. La pandemia di coronavirus ha sicuramente pesato non poco sull’intera stagione passata e non sono stato in grado di godermi ogni esperienza affrontata. Ciò che invece cerco di fare quest’anno, puntando a tirare sempre fuori il meglio di me e divertirmi. Perché se non hai divertimento, è inutile che lo fai. Soprattutto quando si inizia ad affrontare le gare di peso, Diamond League o corse internazionali, in cui le sensazioni provate sono di tutt’altro genere, devi cercare di essere il più libero possibile e non farti influenzare dagli altri rispetto al risultato da ‘dover’ ottenere. E assaporare appieno l’esperienza. Anche quando la posta in gioco è alta e gli appuntamenti quelli che contano, com’è il caso delle Olimpiadi, più ‘alla leggera’ si affronta il processo, e meglio è. E oggi il bisogno di sentirmi libero è ancora più forte rispetto al passato.

SPORT: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved