DJOKOVIC N. (SRB)
0
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
1
2 set
(3-6 : 1-3)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
3 ore

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
4 ore

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
4 ore

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
5 ore

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
17 ore

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
17 ore

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
18 ore

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
22 ore

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
1 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
1 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
1 gior

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
1 gior

Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo

Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
HCAP
1 gior

L’Ambrì sbanca Porrentruy

I biancoblù infilano la quarta vittoria consecutiva, vincendo in terra giurassiana dopo il supplementare per 5-4
Tennis
1 gior

A Metz Wawrinka batte anche Ymer: è semifinale

Il giorno dopo aver eliminato dal torneo francese il numero 4 al mondo, il vodese riesce a buttar fuori anche il numero 100: finisce 6-4 4-6 7-6
Football americano
1 gior

Super Bowl: la Apple si beve la Pepsi

L’accordo pluriennale entrerà in vigore a partire dalla prossima edizione della finalissima di campionato di National Football League
ATLETICA
1 gior

Al MilLe Gruyère i ticinesi a caccia di un posto al Weltklasse

Domani a Ginevra saranno i giovani mezzofondisti a chiudere le finali nazionali di Swiss Athletics, e per i rossoblù quest’edizione sembra promettere bene
gallery
hockey
1 gior

È tempo di derby, anche fra le donne

Domenica alla Gottardo Arena il primo storico incontro tra Hcap Girls e Ladies Lugano. Allenatori concordi: ‘Sulla carta il Lugano è il grande favorito’
BASKET
2 gior

Cambio della guardia alla Sav: Cambieri nuovo presidente

Dopo cinque anni Michele Sera lascia il ruolo di coordinatore della Sezione basket della polisportiva, cedendo il testimone a un giovane di Vacallo
FUTSAL PER SORDI
2 gior

Il Ticino primeggia a Seon e bussa alle porte della Champions

Terza affermazione consecutiva dei ragazzi dell’United Deaf Club ai Campionati nazionali nel Canton Argovia, dove trionfano senza perdere un solo incontro
Ciclismo
01.07.2021 - 15:59
Aggiornamento: 16:26

Gp Ticino, uno sbocco al movimento giovanile ticinese

Domenica 11 luglio la seconda edizione della corsa U17, U19 ed élite valida anche quale Campionato ticinese (nonché tappa della ‘International Frauen Cup”)

gp-ticino-uno-sbocco-al-movimento-giovanile-ticinese
+2

Dare uno sbocco al movimento ciclistico giovanile ticinese. È con questo obiettivo che gli organizzatori del Gran Premio Ticino BancaStato propongono domenica 11 luglio la seconda edizione della corsa più importante a livello giovanile in Ticino. «L’unica - come ricordato dal presidente di Ticino Cycling Fabio Schnellmann - che riunisce le categorie U17, U19 ed élite».

In quanto unica prova della stagione per le categorie superiori - va però ricordato che in Ticino durante l'arco della stagione vengono proposte 16 gare del Kids Tour delle categorie fino alla Under 15 suddivise tra mountain bike, strada, pista e bmx - il Gran Premio Ticino assegnerà anche il titolo (e la maglia) di campione ticinese, come già accaduto per la mountain bike due settimane fa a Biasca. «Dopo un 2020 caratterizzato da tanti annullamento e dall’impossibilità di organizzare la seconda edizione del nostro Gran Premio, siamo lieti di poterlo proporre l’11 luglio. Le nuove misure sanitarie ci consentono di farlo in piena sicurezza e senza particolari limiti. Ticino Cycling ha voluto questa gara, di concerto con tutti le società cantonali, con quali c’è stata un’ottima collaborazione. Ci è sembrata un’ottima opportunità, l’abbiamo colta allo scopo di offrire ai corridoi ticinesi  di competere sulle strade di casa senza doversi sempre sorbire una trasferta oltre Gottardo o all’estero».

Sull'onda del successo del 2019

«È motivo di grande soddisfazione - interviene il presidente del comitato organizzatore Adriano Alari - poter comunicare oggi che il Gp Ticino si terrà tra meno di dieci giorni. Per il nostro comitato, del quale fanno parte rappresentanti di vari velo club, alcune persone esterne alle realtà delle società ed esponenti Ticino Cycling, non era e non è evidente affrontare l’incertezza legata alla situazione sanitaria. Né è stato facile superare quella che fu una grande delusione, ovvero l’annullamento all'ultimo minuto dell'edizione che avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, cancellata due settimana prima, con le conseguenze del caso a livello di organizzazione e del coinvolgimento di tanti volontari e di numerose associazioni». 

«L’obiettivo della nostra gara - rilancia Alari - è dare uno sbocco al movimento ciclistico giovanile ticinese. La prima edizione era stata un successo. Forse non insperato, ma sicuramente notevole, visto eravamo riusciti ad attirare tanti corridori dall’estero, operazione non così scontata. Altra nota lieta riguarda la partecipazione: supereremo il numero di iscrizioni della prima edizione, un dato non scontato, se si tiene conto delle restrizioni ancora in vigore soprattutto se si pensa ai corridori esteri. Sono più di 150 gli iscritti alla categoria principale, quella degli élite/U19/amateur, una cinquantina alla U19/donne, una quarantina alla U17. Confidiamo che il numero possa ulteriormente crescere nei prossimi giorni».

Da Lodrino a Lodrino

Per l’edizione entrante il percorso è stato ridisegnato, per una serie di ragioni. In primis, quelle logistiche e amministrative. La corsa si snoderà lungo un circuito con arrivo e partenza all’aerodromo di Lodrino. «Dal punto di vista tecnico - spiega il coordinatore Piero Alari - la gara è stata concepita per essere svolta in marzo. È quella la sua collocazione originale che ci piacerebbe in futuro mantenere, perché l'affluenza sarebbe ancora più marcata, visto che ci collocheremmo a inizio stagione. Sono tre le gare in programma: la categoria U17 e donne juniores, la U19 e donne élite, la categoria principale U23/élite/Master e amateur, con la presenza di tre squadre professionistiche “Continental” (due svizzere e una italiana). Nell’edizione del 2019 le squadre “pro” furono quattro, ma si svolse in marzo. Eravamo i primi a offrire una competizione in una stagione che altrove non era ancora decollata.Ecco perché in futuro vorremmo riproporre il Gp Ticino in marzo».

Non l’anno prossimo, però, visto che l’obiettivo, svelato da Schnellmann, è l’organizzazione dei Campionati svizzeri su suolo ticinese. «Già in vista di questa edizione - conferma il dirigente - vi sono stati dei contatti con Swiss Cyling affinché il nostro Gran Premio potesse anche fare da cornice al Campionato svizzero élite, ma purtroppo non è stato possibile coordinare le date con le esigenze della federazione svizzera. Se ci assegnassero l’organizzazione per il 2022 - precisa Alari -, accantoneremmo per un ulteriore anno l’idea di tornare a proporre il Gp Ticino in marzo. Swiss Cyling sarebbe contenta di tornare al sud delle alpi dopo 21 anni. L’ultima edizione fu a Bellinzona nel 2001. Riproporre un evento così, dopo un ventennio, sarebbe un bel traguardo. Ricordiamo che il Campionato svizzero prevede tutte le categorie, professionisti compresi, con i vari Hirschi e Küng. L'obiettivo è quello di farci trovare pronti, l'impegno sarà naturalmente anche più gravoso».

È storia di domani, questa. Il presente è il Gran Premio Ticino 2021, domenica 11 luglio 2021. «La gara non è una competizione che prevede uno sforzo enorme, con salite di grande importanza - puntualizza Alari -. È piuttosto una gara concepita per l’inizio della stagione agonistica, con un percorso abbastanza scorrevole, nel suo complesso. Gli U17 affronteranno un circuito sulle strade della Riviera piuttosto pianeggiante, 56,2 km con un dislivello di 248 metri: due giri tra Lodrino, Cresciano, Claro, Preonzo, Biasca, Osogna. La gara U19 per un giro e mezzo del circuito si snoda anch’essa in Riviera, per poi salire in occasione di un secondo giro in Leventina, affrontando la Biaschina e giungendo fino a Chiggiogna, per poi tornare da Nivo e scendere nuovamente verso Lodrino. La distanza da percorrere è di 80,8 chilometri, per un dislivello di 650 metri. Per La gara degli élite abbiano allungato il percorso (155,7 km): un circuito di due giri pianeggianti lungo la Val Riviera, e poi altri due giri salendo verso Chiggiogna, attraverso la Biaschina. È lecito attendersi una gara abbastanza veloce, con medie previste attorno ai 43/44 km/h».

Spazio al movimento femminile

Altra particolarità, il Gp Ticino è inserita nell'ambito dell'International Frauen Cup, «circuito femminile sostenuto da Swiss Cycling, che prevede diverse gare sparse sul territorio svizzero, con classifica a punti e relativa maglia di leader. Siamo felici di collaborare con questo circuito, lo faremo anche in futuro. Siamo lieti di sostenere anche il movimento nazionale femminile che negli ultimi anni si sta affermando ma che soffre la penuria di gare che costringe le atlete a sortite fuori dai confini nazionali. Non contabilizza grandi numeri, ma così facendo ci apriamo a un ciclismo totale, maschile e femminile. Le ragazze corrono con gli uomini secondo le normative di Swiss Cyling e Uci: le juniores con la categoria U17, le élite con la U19».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved