SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
5 ore

Nadal conferma un’assenza di 6-8 settimane

Gli esami effettuati a Barcellona hanno confermato diagnosi e tempi di recupero scaturiti dai primi controlli a Melbourne
PATTINAGGIO ARTISTICO
5 ore

Kimmy Repond può sognare il podio europeo

Ad Espoo, la 16.enne basilese ha chiuso al terzo posto il programma corto. Bene anche Livia Kaiser (18 anni) in nona posizione
SNOWBOARD
5 ore

Prima vittoria in Coppa del mondo per Ladina Jenny

A Blue Mountain (Canada), la svittese ha superato in finale l’italiana Dalmasso. Fuori agli ottavi le altre rossocrociate
CALCIO
9 ore

Nel 2022 la Fifa ha certificato più di 70’000 trasferimenti

Oltre 20’000 quelli di calciatori professionisti, cifra superiore al 2019 pre-Covid. Boom anche in campo femminile
MOUNTAIN BIKE
10 ore

Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità

Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
11 ore

Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League

Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
12 ore

Ufficiale, Sefolosha a Vevey

Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
14 ore

Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka

La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
15 ore

Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open

La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Tiri liberi
25.05.2021 - 12:35
Aggiornamento: 16:20

Basket: Olympic favorito, Starwings ‘ospiti’ con merito

Domani il via alla sfida al meglio delle cinque partite per l'assegnazione del titolo svizzero. I pronostici dicono Friborgo, ma attenzione ai basilesi.

basket-olympic-favorito-starwings-ospiti-con-merito
Keystone
La gioia dello Starwings per la qualificazione alla finale contro Olympic

Domani inizia l’ultimo atto del campionato, con la prima sfida fra Olympic e Starwings. Si giocherà al meglio delle cinque, con tutte o quasi le incognite del caso. Perché il caso, diciamo così, si chiama Starwings: ottavi in stagione, sono stati capaci di battere due a uno Ginevra e due a zero Neuchâtel; inanellando quattro vittorie consecutive contro la prima e la quarta della stagione regolare.

Prima di addentrarci in considerazioni, diamo onore a questa squadra basilese che, con una panchina ristretta, un roster certamente non da urlo e stranieri di basso costo, è riuscita a fare un vero miracolo sportivo. Il basket non è il calcio nel quale un ‘gollonzo’ basta a una squadra nettamente inferiore per buttar fuori squadre blasonate. Nel basket di canestri ce ne sono tanti e le azioni si susseguono più o meno velocemente: basta, è vero, l’ultimo canestro per vincere; ma dall’avversario devi essere al massimo a due punti.

Il fatto che gli Starwings abbiano eliminato squadre che costano almeno tre volte tanto, è un segnale che – dal mio punto di vista – evidenzia la pochezza tecnica del nostro basket, il quale parte dalla gestione delle partite alle qualità mentali dei giocatori, ancor prima di quelle tecniche. I flop ginevrini e neocastellani hanno messo in luce i limiti di chi sta in panca, inutile negarlo. Basilea ha fatto il suo compitino con molta determinazione: sempre con la difesa a zona, gioco controllato, ritmo adeguato ai suoi pochi mezzi, schemi elementari e anche un pizzico di fortuna. Le avversarie, pur disponendo di panchine lunghe e di nazionali, oltre a stranieri di livello superiore, si sono perse. Non hanno saputo mettere ritmo alle partite, non hanno saputo attaccare la zona con un minimo di logica, non hanno costretto ai falli i contendenti e hanno sprecato non poco. Si può anche accettare di perdere una partita, ma due di fila ci sembra veramente troppo; pur, lo ribadiamo, con tutto il rispetto per la squadra basilese. Gli Starwings, in cinque gare hanno tirato mediamente con oltre il 51% di riuscita; cifra importante, ma nemmeno astronomica, riuscendo anche a contenere il divario di palle perse e rimbalzi.

Quello che “non esiste” è che gli Starwings hanno sempre giocato con soli sei giocatori, più un paio di minuti per il settimo; mentre le avversarie hanno schierato fino a dieci giocatori. Risulta evidente che chi sta in panchina e prepara le partite in settimana quando e come vuole (visto che a Ginevra sono tutti professionisti e a lo è Neuchâtel oltre metà squadra), non è riuscito nella sfida successiva alla prima sconfitta a trovare le soluzioni adeguate per far valere il maggior tasso tecnico e numerico della sua squadra.

Domani, dunque, inizia la serie finale con l’Olympic chiaramente favorita. C’è da pensare che Aleksic (il quale, contro le difese a zona fatica da una vita a trovare le soluzioni adeguate), abbia avuto modo di lavorare in maniera mirata. Ma anche l’Olympic in stagione ha avuto problemi a Basilea: che la storia si possa ripetere, sarebbe un'ulteriore conferma che il nostro basket è veramente di livello molto scarso, checché ne pensino coloro che lo vedono con un futuro roseo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved