SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Storie mondiali
53 min

Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore

Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
HOCKEY
7 ore

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
9 ore

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
CALCIO
10 ore

Gonzalo Higuain annuncia il ritiro

L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
13 ore

La settimana della verità per Gerardo Seoane

Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
RALLY
14 ore

Quarto successo di Gilardoni nel Rally del Ticino

Dopo la tripletta tra il 2016 e il 2018, si è imposto con la moglie Chiara Giardelli quale copilota. ‘Una vittoria unica e speciale’
BMX
14 ore

Zoé Claessens chiude una stagione di successi

A Bogotá l’elvetica ha colto il terzo posto nella finale di Cdm. Nel 2022 ha conquistato il titolo europeo, l’argento mondiale e due successi in Coppa
CALCIO
14 ore

Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang

Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
15 ore

Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni

I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
TENNIS
20 ore

Stan Wawrinka già eliminato dal Torneo di Astana

Lampo e buio (preciso solo nella prima mezz’ora di gioco) per il tennista elvetico, battuto per 6-1, 2-6, 3-6 da Adrian Mannarino
CURLING
10.05.2021 - 22:48

La sorpresa di Silvana. ‘Non so neppure io cos'è successo’

Tirinzoni, Barbezat, Neuenschwander e Pätz si godono i fasti del trionfo mondiale sul ghiaccio di Calgary. Con quel magico colpo da 8 passato alla storia

la-sorpresa-di-silvana-non-so-neppure-io-cos-e-successo
Imbattibili, semplicemente. 'Mai uno penserebbe di poter vincere in questa maniera...' (Keystone)

Un cammino trionfale in un Mondiale a senso unico. Con una sola macchia, un'unica sconfitta (indolore, oltretutto) nella fase preliminare del torneo, contro la Svezia. Per il resto, Silvana Tirinzoni e le sue compagne del Curling club Aarau alle avversarie hanno lasciato soltanto le briciole, bissando sul ghiaccio canadese di Calgary quel titolo mondiale che avevano già centrato all'ultima edizione prima dell'avvento della pandemia, nel 2019, a Silkeborg, in Danimarca.

Stavolta, però, come detto, è un'altra cosa. Per un quartetto rossocrociato completato da Mélanie Barbezat, Esther Neuenschwander e Alina Pätz che diventa una macchina perfetta, mentre le avversarie possono soltanto stare a guardare. «A dire il vero, io stessa non saprei dire cos'è successo, per far sì che riuscissimo a togliere qualsiasi pietra e non importa in quale posizione» ammette la skip Silvana Tirinzoni all'agenzia Keystone Ats. «Quando si sogna di riuscire a vincere un titolo mondiale, non si immagina certo di riuscirci in questa maniera...».

A impressionare, soprattutto, è stato il grande affiatamento in pista. «Diciamo che siamo complementari. Mélanie è sempre molto motivata, sempre pronta: si entusiasma per tutto, anche quando qualcun'altra si sente come se fosse finita in un buco. Esther, invece, porta stabilità alla squadra con il suo stile tranquillo, mentre Alina è una certezza: appena deve fare qualcosa, la fa. Ed è incredibile quanto abbia giocato bene a questo Mondiale. Ciò ha dato fiducia a tutte noi».

Il fatto di aver già vinto in Danimarca, due anni fa, è stato di grande aiuto? «Certo, ci ha aiutato, ma a Silkeborg è stato un torneo completamente diverso: era una lotta costante, abbiamo dovuto lottare in ogni partita, e spesse volte siamo dovuti andare all'end supplementare. Qui, invece, è andato tutto molto più liscio. Quasi come se fosse una passeggiata. Credo semplicemente che abbiamo giocato meglio dell'ultima volta e siamo state in grado di risparmiare molta più energia durante il torneo».

In finale, contro la Russia, dopo quattro end eravate in vantaggio 3-1, ma da lì in poi non avete mai realmente offerto alle vostre avversarie l'opportunità di piazzare le due pietre che servivano loro per riaprire i giochi. Avete mai dubitato? «In verità, quando ti ritrovi in vantaggio di due punti non puoi essere sicura di nulla. Certo, ero molto fiduciosa dopo l'ottavo end, quando le russe hanno dovuto marcare il punto e noi siamo tornate ad avere il vantaggio dell'ultimo lancio. Però ero comunque nervosa, fino all'ultima pietra».

Questo Mondiale resterà nella storia per quegli incredibili otto punti in un solo end contro le danesi: in 104 edizioni dei campionati del mondo, siano stati essi maschili o femminili, non era mai capitato... Ha un significato particolare, quell'exploit? «Sono 32 anni che gioco a curling, e non avrei mai pensato di poter piazzare un giorno tutti gli otto sassi nella casa... Certo, è qualcosa di davvero speciale. È certamente più raro che andare in buca con un solo colpo nel golf. Di sicuro non è mai stato un obiettivo, ma è successo. Certamente serve che tutto giochi in tuo favore, e che le tue avversarie invece sbaglino tutto. Diciamo che per noi quel colpo da otto è capitato a fagiolo, in una settimana in cui tutto è andato in maniera assolutamente perfetta».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved