academy-e-coach-tempo-di-scelte-per-swiss-basketball
Keystone
Gianluca Barilari, ex coach della nazionale svizzera maschile di basket
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
8 ore

Fora: ‘Nei momenti difficili lottiamo gli uni per gli altri’

Il difensore ticinese è soddisfatto. Timo Meier: ‘Era il regalo più bello che potevamo fare a Bühli’
Hockey
9 ore

La Svizzera stende il Canada nello scontro al vertice!

Vittoria per 6 a 3, rossocrociati in testa al girone. Prima rete a un Mondiale per il ticinese Fora. Domani sfida con la Francia.
hockey
16 ore

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
21 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
1 gior

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
1 gior

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
1 gior

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
1 gior

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
1 gior

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
13.04.2021 - 12:20
Aggiornamento : 14:55

Academy e coach, tempo di scelte per Swiss Basketball

Qualche perplessità attorno al progetto pensato per i giovani dal 2004 al 2007; e al concorso per il dopo Barilari a guida della Nazionale

di Dario 'Mec' Bernasconi

La scorsa settimana avevamo scritto del progetto Academy messo in piedi da Swiss Basketball. Abbiamo raccolto le impressioni di alcuni club e sentito voci romande in merito. Vi è una chiara presa di posizione – almeno verbale, da quanto abbiamo saputo – da parte di diverse società, tenute all’oscuro sino all’ultimo del progetto che, ovviamente, coinvolge anche gli stessi club: visto che i giocatori, dodici, che faranno parte delle scelte che saranno operate oggi, appartengono appunto ai club e non alla federazione.

Anche sulla scelta di Damien Leyrolles quale responsabile, ha lasciato qualche perplessità; in quanto è stato privato della nazionale femminile per questioni etiche. Non in senso assoluto; ma avere una relazione con una giocatrice, non si sa quanto rientri nei cahiers de charges da lui sottoscritti nel contratto. Se Swiss Basketball ha reagito in questo modo, vuol dire che il coach non ha rispettato quanto firmato. Fatto uscire dalla porta, ecco però che lo si fa rientrare dalla finestra. Nulla contro Leyrolles, ma c’è da chiedersi dove stia la coerenza nella gestione di queste due scelte.

A proposito di scelte, visto e considerato che si vuole costruire una struttura in funzione della nazionale del futuro, se c’è una persona che ha seguito formazione delle varie Under, che ha seguito i vari campionati e che ha una conoscenza a 360° di quanto si fa in Svizzera, è Gianluca Barilari. Non è assolutamente una questione di campanilismo, ma se c’è un coach che ha guidato squadre nazionali in tutti i settori e con risultati lusinghieri è proprio Barilari. Poi, come sempre, ci sono i misteri gaudiosi nelle stanze dei bottoni e quindi staremo a vedere come verrà fondata questa Academy.

Già che siamo in tema di nazionali, sono aperte le candidature per il posto di coach della nazionale maschile. Bisogna presentare curriculum vari, attività svolte e dove, principi di base, conoscenza delle lingue (almeno due nazionali oltre all’inglese), non può essere un allenatore di club della massima serie e si deve anche proporre uno stipendio.

Questo ultimo aspetto ci fa un po’ sorridere, perché il concetto qualità-prezzo, come e chi lo stabilirà? Un bel curricolo, fatto di tanta formazione teorica e magari in seno a qualche ACR o in gruppi sperimentali, che si propone a prezzi stracciati avrà il sopravvento su un altro che ha forti esperienze e costa caro? Di solito – perlomeno livello federale, ma si suppone anche nei club che vanno per la maggiore – è chi prende, che stabilisce un tetto massimo di stipendio strettamente legato a compiti e carico che si impongono al nuovo allenatore. A meno che tutto quanto non sia la solita “polvere per gli orbi” che accomuna il basket a tanti altri settori sportivi, privati e pubblici, in cui si fa un concorso fatto su misura per la persona che si sa già che verrà presa. Visto che queste scelte sono sempre segreti di Pulcinella, non sarebbe meglio dire che si è designato Tizio o Caio, senza illudere e far perdere tempo ad altri concorrenti? Speriamo che nessuno venga poi a sostenere che questo percorso sia un aspetto della democrazia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
academy basket coach nazionale swiss basketball

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved