in-qatar-occhi-puntati-su-quartararo
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
25 min

‘Impossibile paragonarla ora all’Ajla della finale olimpica’

Dopo l’infortunio di febbraio, l’allenatore dell’atleta valmaggese, Laurent Meuwly, lancia la stagione: ‘Al top agli Europei di Monaco’
Serie A
3 ore

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
11 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
13 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
13 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
14 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
15 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
15 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
16 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
16 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
17 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
17 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
17 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
18 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
18 ore

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
1 gior

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
1 gior

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
Hockey
1 gior

Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti

Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
CALCIO
1 gior

‘C’è una Coppa da fotografare’: il gioioso assalto a Cornaredo

Migliaia di tifosi alla festa in onore dell’Fc Lugano, tra autografi e selfie con giocatori, staff e trofeo. Dalle 13.30 alle 17.30 un’interminabile fila
Motociclismo
27.03.2021 - 14:10

‘In Qatar occhi puntati su Quartararo’

Alla vigilia del debutto di Losail, Roby Rolfo... scalda i motori e parla della nuova stagione delle due ruote

Il Motomondiale riscopre il Qatar. Dopo un 2020 tutto europeo, le due ruote varcano nuovamente i confini del Vecchio Continente. Domani si torna a correre sul circuito di Losail, in Qatar, per la prova inaugurale della stagione 2021. Su quello stesso tracciato che avrebbe dovuto tenere a battesimo pure lo scorso mondiale, gara poi cancellata (la prima di molte altre) a causa della pandemia di coronavirus. Un anno dopo, l'emergenza sanitaria non è ancora rientrata, ma nel Motomondiale c'è voglia di voltare una volta per tutte pagina. Ripartendo appunto da quel Qatar che l'anno scorso aveva fatto da apripista a tutta una serie di spostamenti e rinvii, costringendo di fatto gli organizzatori a ripiegare su un mondiale tutto europeo, oltre che accorciato per numero di gare.

E cosa ci si dovrà attendere da questo Gp del Qatar di Losail, poi replicato (come Gp di Doha) una settimana più tardi? «Per quanto riguarda la MotoGp, in Qatar, per questa prima uscita, dovremmo avere uno stuzzicante antipasto di quanto ci attenderà da qui al 14 novembre (data dell'ultimo appuntamento, a Valencia, ndr) – spiega Roberto Rolfo, pilota luganese dal trascorso nel Motomondiale e ora impegnato nel Mondiale Endurance Ewc –. Quella che sta per aprirsi sarà una stagione avvincente, inaugurata appunto dal doppio appuntamento di Losail, sulla falsariga di quanto era stato fatto nel 2020 in Europa, nella speranza che si possano effettivamente disputare tutte le gare in programma. E proprio in base a quanto visto e vissuto un anno fa in occasione di questi doppi appuntamenti, l'inizio promette decisamente bene per la classe regina. In più, il fatto di disputare due corse sul medesimo circuito a distanza di pochi giorni ha permesso ai team di acquisire più riferimenti con cui poter leggere al meglio il tracciato e per affinare la moto».

Da profondo conoscitore del Motomondiale (di cui anche quest'anno sarà commentatore per l'italiana Dazn per le gare di Moto2 e Moto3), Rolfo prova a fare qualche nome: «A mio modo di vedere un pilota come Quartararo, che ha faticato un po' nella seconda parte della passata stagione, va annoverato tra i piloti da tenere d'occhio e inserito di diritto tra i favoriti per il titolo, considerato anche il fatto che quest'anno correrà con una moto ufficiale. Guardando a più in là, e penso in particolare alla gara di Jerez (il 2 maggio, dopo il doppio appuntamento di Losail e quello di Portimao) e a quelle che seguiranno, anche Pol Espargaro potrebbe esaltarsi, un po' come aveva fatto un anno fa quando correva con la Ktm. Ecco, se Quartararo, almeno alla vigilia, ha i numeri per essere la grande conferma, Espargaro ha quelli per profilarsi come la grande rivelazione. In Qatar, ad ogni buon conto, tutti i piloti Ducati, del team ufficiale e di quelli 'satelliti', saranno da tenere sotto stretta osservazione: Miller, ad esempio, è il classico pilota da 'giro secco', mentre Bagnaia, forse meno veloce, vanta spiccate caratteristiche passista».

‘Marquez lo spettacolo lo fa, ma senza lui è la corsa a spettacolarizzarsi’

Già costretto a saltare praticamente tutta la scorsa stagione dopo la caduta nella gara inaugurale, Marc Marquez, come noto, non sarà al via della gara inaugurale, e nemmeno per la replica una settimana più tardi: lo spagnolo, che in Qatar sarà nuovamente rimpiazzato da Bradl, conta però di ritornare alle competizioni in Portogallo, il 18 aprile. La sua assenza toglierà un po' dello spettacolo che ci si deve attendere in Qatar? «Marc è un grande pilota: quando è in pista, è lui dare spettacolo. Ma in sua assenza è la gara tutta che guadagna in spettacolarità. Perché quando Marquez è in forma, è difficile stargli in scia. È proprio la sua assenza che la passata stagione ha permesso una bella alternanza tra i vincitori delle varie gare. Ecco perché il pronti-via del Gp del Qatar si prospetta ancora più avvincente. Marquez mancherà di certo un po' all'inizio, ma per quanto ho sentito, sono certo che quando tornerà in sella, se sarà in buone condizioni fisiche, dopo un paio di gare di rodaggio potrà nuovamente essere quello di prima. Ma forse, anche per questa sua partenza a handicap, non lo metterei tra i favoriti al titolo».

Il fatto che il Motomondiale torni a varcare i confini dell'Europa cosa comporta? «Beh, le gare extraeuropee complicano sensibilmente il lavoro dei diversi team, togliendo loro diverso tempo prezioso per affinare le moto, perché queste vengono spedite sul posto con largo anticipo. Ciò potrebbe rallentare un po' lo sviluppo del mezzo: per poterlo settare al meglio sarà necessaria qualche gara in più del solito. Lo si è visto più volte in passato, e non solo nella MotoGp».

‘È Lowes l'uomo da battere in Moto2’

Passiamo alle Moto2: che stagione sarà? «In questa categoria ci sono state diverse novità. La più significativa concerne le gomme, un tipo con una mescola molto simile a quella che abbiamo provato noi con i test Endurance in Spagna a febbraio, che dovrebbero garantire maggiore aderenza, rispondendo così a diverse lamentele del passato, soprattutto a basse temperature. L'incidente capitato a Marini a Le Mans è in parte da ascrivere proprio al fatto che le gomme facevano fatica a scaldarsi. Con gomme più performanti in quelle condizioni, che dovrebbero essere quelle che si ritroveranno i piloti in Qatar, quelli che avevano faticato in costanza l'anno scorso, come i vari Navarro e Gardner, potrebbero dire la loro. E proprio Gardner quest'anno potrebbe fare un bel salto di qualità. Ma il favorito per il titolo, a mio modo di vedere, è Lowes». E Tom Lüthi? «È vero che in questi primi test lo si è visto più in difficoltà rispetto agli altri, ma Tom è comunque un pilota che può ancora dare qualcosa, anche perché conosce bene la categoria. Manca forse ancora un po' di quel feeling che ti permette di andare al massimo fin dai primi giri. Ad ogni modo ha già dimostrato di potersi ritagliare un po' di spazio tra i protagonisti di giornata».

‘In Moto3 occhi puntati su Jaume Masia’ 

Da ultimo eccoci alle Moto3: favoriti? «Io punterei su Jaume Masia. Bisognerà vedere come assimilerà il passaggio dalla Leopard alla Ktm, ma il 20enne spagnolo è tra quelli più costanti: tutte le volte che ha fatto un salto di qualità, poi ha mantenuto il ritmo. È anche vero che in questa categoria indicare un favorito è sempre molto dura, vista la battaglia che c'è praticamente a ogni gara. Non a caso la Moto3 la ritengo la classe più avvincente di tutto il Motomondiale, seguita a ruota dalla MotoGp e, in terza posizione, dalla Moto2».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
motociclismo motomondiale roby rolfo

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved