marco-e-nicole-e-quei-conti-con-il-destino-da-chiudere
+3
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
MOUNTAIN BIKE
1 min

Filippo Colombo quinto a Nalles

Ottima prova del ticinese nella terza tappa degli Internazionali d'Italia. Dominio svizzero con Mathias Flückiger e Nino Schurter
Calcio
3 ore

Covid, Daniele De Rossi: 'Non fossi venuto in ospedale...'

'Ho la polmonite interstiziale bilaterale, non a un livello gravissimo però ce l'ho'. Il calciatore in un video e foto virali (per il fastidio dei familiari)
CALCIO
14 ore

Il Lugano stringe i denti, vince e blinda la salvezza

I bianconeri battono il Losanna con un gol di Maric e raggiungono quota 40, considerata da Jacobacci la quota sicurezza. Ora possono pensare ai quarti di Coppa
Il tramonto della Valascia
16 ore

‘Questo stadio mancherà a tutti’

Un giornalista e un ex giocatore (pure nei panni dell'avversario) sfogliano l'ultima pagina dell'album
Hockey
1 gior

Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria

Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
Hockey
1 gior

Il Lugano conosce il suo rivale: nei quarti sfida il 'Rappi'

Trascinati dal loro portiere Melvin Nyffeler, a sorpresa i sangallesi eliminano il Bienne nei pre-playoff di National League. Il Davos, invece, è sull'1-1
Calcio
1 gior

Tra Chiasso e Kriens finisce 0-0. Un'occasione sprecata

I rossoblù costretti al pareggio da una squadra lucernese scesa in Ticino per barricarsi. ‘Ma la stagione è ancora lunghissima‘, dice il rientrante Maccoppi
NUOTO
1 gior

Tre record ai Nazionali di Uster. E il Ticino fa la sua parte

Noé Ponti brilla ancora ai campionati svizzeri, polverizzando l'8'06''64 di Stefan Sigrist sugli 800 stile libero, che resisteva da dodici anni
Tennis
1 gior

A Bellinzona continua il sogno di Simona Waltert

La ventenne grigionese vince la sfida con la coriacea Jana Fett e si qualifica alle semifinali del torneo Itf W 60
CALCIO FEMMINILE
1 gior

Pari della Svizzera nell'andata dello spareggio per Euro22

Le ragazze di Nielsen portano a casa dalla Repubblica ceca un prezioso 1-1, ottenuto al 90’ con un rigore trasformato da Crnogorcevic. Martedì il ritorno
Calcio
1 gior

Europei di calcio, dodici città pronte ad aprire al pubblico

In sospeso, oltre a quelle di Bilbao e Dublino, restano le sorti di Monaco e Roma. 'Hanno tempo fino al 19 aprile per informarci sui loro piani', dice l'Uefa
CICLISMO
1 gior

Doppietta Deceuninck con Honoré e Cerny

Al Giro dei Paesi Baschi la corsa si deciderà domani con sette salite in 112 km. Al comando sempre lo statunitense McNulty
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora in campo al Comunale, ospite il Brühl

La compagine di Davide Morandi al secondo appuntamento casalingo (in diretta streaming) dopo il pareggio di domenica scorsa contro l'Yverdon
CALCIO
1 gior

Young Boys campione già domenica?

I bernesi potrebbero conquistare il quarto titolo svizzero consecutivo se una serie di condizioni dovessero concretizzarsi
CALCIO
1 gior

Lugano, c'è quel 2-0 da vendicare

I bianconeri ricevono il Losanna che a fine febbraio aveva dominato la sfida della Tuilière. Maurizio Jacobacci: ‘I presupposti sono diversi’
Altri sport
1 gior

Basket, un weekend di gare che contano per Massagno e Lugano

Se le due squadre ticinesi vinceranno i rispettivi incontri domani (contro Nyon e Boncourt), la Spinelli si garantirà il secondo posto e i Tigers il sesto
CICLISMO
1 gior

Michi Schär e la borraccia volante. ‘Occorre buonsenso’

Dopo la squalifica al Fiandre, il lucernese scrive una lettera aperta all'Uci e chiama il presidente Lappartient: ‘Vorrei continuare a far felici i bambini’
CALCIO
2 gior

Parola dell'ex: ‘Sfida importante, non decisiva’

Elia Alessandrini, una stagione in rossoblù, domani scenderà al Riva IV con il suo Kriens per affrontare il Chiasso sulla strada verso la salvezza
HOCKEY
2 gior

'Qualche passo indietro, ma il sistema è quello giusto'

Per Paolo Duca e l'Ambrì è tempo di bilanci dopo una stagione difficile. 'Siamo stati costretti a rivedere la tempistica, ma la nostra strategia non cambia'
Il tramonto della Valascia
2 gior

‘Ricordo le stelle come tetto e lo sfondo di montagne’

Tocca a un ex giocatore e a un ex dirigente aprire l'album dei ricordi legato allo stadio
CICLISMO
2 gior

A Izaguirre la tappa, a McNulty la maglia

Giro dei Paesi Baschi, la quarta frazione va allo spagnolo dell'Astana mentre lo statunitense spodesta Roglic dalla prima posizione della generale
ATLETICA
2 gior

Il meeting di Oslo alza bandiera bianca

Annullato a causa del persistere della pandemia l'appuntamento con la Diamond League previsto il 10 giugno
CALCIO
2 gior

Caos Euro, a rischio le sedi di Dublino e Bilbao

Al momento attuale Irlanda e Spagna non sono propense ad aprire le partite al pubblico. L'Uefa dovrebbe decidere a inizio settimana prossima
ATLETICA
2 gior

Il Galà dei Castelli cambia data e passa al 14 settembre

Decisione ponderata con Swiss Athletics per poter avere una migliore partecipazione dopo le Olimpiadi di Tokyo e a ridosso della finale di Diamond League
Tennis
2 gior

Roland Garros, una settimana di attesa in cambio del pubblico

La scelta di posticipare il torneo ottiene l'appoggio degli organizzatori degli altri tornei del Grande Slam
TENNIS
3 gior

Il clima non dà pace al torneo di Bellinzona

L'Itf W60 della capitale ticinese confrontato con vento e freddo. Partite iniziate in ritardo in una giornata durata undici ore
TENNIS
3 gior

L'inizio del Roland-Garros posticipato di una settimana

Il torneo parigino si disputerà dal 30 maggio al 13 giugno nella speranza di poter accogliere un numero maggiore di spettatori
BASKET
3 gior

Massagno domina il terzo derby stagionale

Come da programma, la Spinelli ha superato un Lugano che ha comunque tenuto bene il campo, anche con alcuni giovani
Sci freestyle
06.03.2021 - 11:190
Aggiornamento : 16:37

Marco e Nicole e quei conti con il destino da chiudere

I due ticinesi Tadé e Gasparini arrivano ai Mondiali al via lunedì ad Almaty (Kazakistan) da percorsi diversi, ma entrambi con voglia di rivincita

Due anni or sono, entrambi avevano dovuto guardare i Mondiali di Deer Valley alla televisione: Marco Tadé stava lottando per tornare quello di prima dopo il grave infortunio al ginocchio destro patito l'anno precedente, mentre per Nicole Gasparini la ferita era ancora freschissima, visto che il suo ginocchio sinistro aveva fatto crac poco prima della partenza per gli Stati Uniti. Oggi, entrambi sono in Kazakistan per prendere parte, ognuno con le proprie motivazioni e i propri obiettivi, alla rassegna iridata e chiudere i conti con il destino.

Marco Tadé

Il minimo che si possa dire, è che a Marco Tadé, le cose facili proprio non piacciono. Scherzi a parte, il 25enne di Tenero che già in passato non sempre è arrivato ai grandi appuntamenti nelle migliori condizioni – per non parlare di quando è stato costretto a saltarli a piedi pari, come nel caso della Olimpiadi del 2018 a Pyeongchang, sfumate a pochi giorni dalla partenza per la Corea a causa di un infortunio a un ginocchio –, si è involato per il Kazakistan con grandi aspettative, ma anche con delle costole doloranti.

«Purtroppo mi complico sempre la vita, stavolta provando un nuovo salto in allenamento a Deer Valley sono caduto e ho rotto la cartilagine delle costole – ci spiega il ticinese, che abbiamo sentito il giorno prima della partenza (mercoledì) per Almaty assieme alla compagna di squadra Nicole Gasparini –. Non è un tipo di infortunio sul quale si può intervenire, bisogna solo avere pazienza e infatti dopo i primi giorni molto doloranti la situazione è migliorata. Sento ancora dolore, ma è sopportabile e non mi impedisce di sciare. E poi ho ancora un po’ di tempo per recuperare, sabato cominceranno gli allenamenti e lunedì le gare, prima il moguls e il giorno dopo il dual».

Un imprevisto che non ha però scoraggiato più di tanto il freestyler di casa nostra, d’altronde come detto ormai abituato alle insidie nascoste tra le gobbe di uno sport tra i impegnativi per il corpo di un atleta, a maggior ragione se si cerca di spingersi sempre ai propri limiti per farsi posto tra l’élite mondiale… «È così, fa parte del gioco, si cade e ci si rialza. Anche questa è stata una caduta come tante altre, solo che mi sono fatto male. In realtà era un’evoluzione (un “doppio full”, ndr) che avevo già provato in passato e che avevamo deciso di riprendere quest’anno, visto che l’obiettivo di questa stagione, anche in previsione dei Mondiali, era riuscire a inserire un po’ più di difficoltà nei salti. A questo punto non penso che lo riproporrò in Kazakistan».

Dove l’obiettivo a questo punto sarà «un po’ quello di tutta la stagione, ossia riuscire a entrare tra i migliori dieci (nella prova individuale i migliori 18 delle qualificazioni accedono alla finale 1, seguita dalla finale 2 con i sei migliori, ndr), anche se dovrò vedere come riuscirò a gestire il dolore. Vedremo giorno per giorno come andrà».

Un giudizio non sempre facile da capire e accettare

Lunedì si comincerà dal moguls, per poi affrontare il giorno dopo la gara di dual (i migliori 32 dopo le qualificazioni si sfideranno in parallelo a partire dai 16esimi di finale), disciplina quest’ultima nella quale Tadé ha ottenuto i suoi migliori risultati, tra cui il bronzo alla rassegna iridata del 2017 in Sierra Nevada (oltre a due dei suoi tre podi in Coppa del mondo)... «Rispetto al 2017, purtroppo sono invecchiato. Scherzi a parte, da allora sono migliorato molto tecnicamente, sia nei salti sia nella sciata. Ho inoltre accumulato una discreta esperienza, questo sarà il mio quarto Mondiale e da questo punto di vista so come gestirlo. Per quel che riguarda la disciplina, non ho preferenze e penso sia un caso che i risultati migliori siano arrivati nel dual, anche se è vero che scendendo in parallelo il paragone tra due atleti è sotto gli occhi di tutti e quindi il margine di errore nel giudizio è più ristretto, si capisce subito chi è il più bravo. Purtroppo come tutti gli sport che prevedono dei giudici, capita che non sempre i punteggi rispecchino le sensazioni e le prestazioni, a me è capitato diverse volte di essermi sentito vittima di ingiustizie e anche un po’ di pregiudizi, ma anche questo fa parte del gioco».

Un gioco nel quale Marco Tadé è pronto a rituffarsi nonostante le incognite, compresa una pista sconosciuta… «Abbiamo corso già lo scorso anno in Kazakistan, ma hanno cambiato pendio e rifatto un po’ tutto, per cui si riparte da zero. In ogni caso ho parlato con Andrea (Rinaldi, ex tecnico della selezione rossocrociata e oggi direttore di gara della Fis per il freestle, ndr) e mi ha detto che è una di quelle piste preparate con la terra, per cui non sarà un tracciato molto diverso da quelli olimpici o di altri Mondiali. Da questo punto di vista sappiamo cosa aspettarci, poi bisognerà vedere come è stata preparata a livello di neve e in che condizioni meteorologiche correremo».

Nicole Gasparini

Con i Mondiali, Nicole Gasparini ha un conto in sospeso. Due anni fa, mentre si stava allenando in Colorado per la rassegna iridata di Deer Valley, la 23enne di Cadro si era gravemente infortunata ai legamenti del ginocchio sinistro. Dopo un’intera stagione persa, quest’anno il ritorno alle competizioni e la soddisfazione di un biglietto per Almaty. Anche in considerazione del periodo pandemico che stiamo vivendo, la ticinese non può certo aver già recuperato tutto il tempo perso, ma l’ultimo test pre-Mondiale, sulle nevi di Airolo, l’ha rincuorata… «Ero seconda dopo le qualificazioni, poi ho perso una posizione. Sono contenta, è un terzo posto che fa bene al morale».

Per Nicole Gasparini gli ultimi due anni sono stati molto difficili, segnati dagli alti e bassi della riabilitazione. Presentarsi al via dei Mondiali in Kazakistan rappresenta di per sè un successo, frutto del lavoro svolto per ritrovare la migliore condizione… «Lo ammetto, rientrare non è stato per nulla facile. In particolare nelle prime gare disputate ho faticato a trovare il ritmo. Il déclic è giunto a fine gennaio, quando mi trovavo negli Stati Uniti: le sensazioni sono migliorate, ho capito che stavo compiendo progressi e questo mi ha rinfrancata. Nell’ultima settimana ho proseguito il lavoro iniziato negli States e mi sento sempre meglio. Sono davvero felice dei progressi ottenuti».

Grazie alle moderne tecniche chirurgiche, l’aspetto medico dell'infortunio al ginocchio è stato regolato senza strascichi. Non si può dire la stessa cosa per quanto concerne il fattore mentale, soprattutto in una disciplina come il moguls nella quale le ginocchia vengono costantemente sovraccaricate… «In questi mesi mi sto rendendo conto di quanto sia difficile ritrovare nella testa l’indispensabile fiducia. Fisicamente sto bene, ho lavorato con intensità durante la riabilitazione, per cui non ho problemi particolari. Per quanto riguarda il mentale, invece, occorre tornare a crederci, ritrovare la fiducia in ogni movimento, in ogni fase del gesto tecnico. Mi sta aiutando molto il preparatore mentale perché è proprio a quel livello che devo compiere l’ultimo step. Arriverà il giorno in cui mi sentirò di nuovo completamente libera, ne sono certa, ma al momento devo armarmi di pazienza. È un percorso attraverso il quale è necessario passare e devo accettare che ci voglia il tempo necessario».

Una sorta di allenamento mentale… «Esatto, anche se le difficoltà maggiori nascono proprio durante gli allenamenti. In gara, di norma, non ci pensi, mentre quando non hai lo stress della competizione c’è maggiore tendenza a prendere in considerazioni alcuni aspetti come la pista ghiacciata, ripida o difficile che ti portano, magari in maniera inconsapevole, a tirare un po’ il freno. Ma se in allenamento non dai il 100%, di certo non lo potrai fare nemmeno in gara. In stagione sono andata incontro a numerosi alti e bassi. Mi rendo conto di progredire in maniera costante e questo mi dà grande fiducia, ma è ovvio che sto lavorando in proiezione del 2022».

La stagione è stata meno intensa rispetto alle consuetudini… «Avrei preferito avere a disposizione un numero maggiore di competizioni, in quanto mi avrebbe permesso di mantenere il ritmo. Invece, ci siamo ritrovate ad avere ampi buchi tra una prova e l’altra, ciò che ha comportato grattacapi non indifferenti nella gestione degli allenamenti. In tempi di pandemia, infatti, è più difficile organizzare spostamenti e a volte diventa arduo trovare stazioni invernali in grado di costruire una pista di moguls e metterla a disposizione per la preparazione degli atleti».

Quel ruolo di outsider di chi è già contento di esserci

Nicole Gasparini è partita alla volta di Almaty senza porre l’asticella troppo in alto… «Arrivo ai Mondiali da outsider. Ho disputato poche prove di Coppa del mondo e dalla mia non ho risultati eclatanti che mi possano permettere di puntare al podio. Per me è già una grande opportunità il fatto di poterci essere. Spero di riuscire a portare al traguardo le discese sulle quali sto lavorando in queste settimane e con le quali ho avuto un buon feeling. Per ora non voglio stare a pensare a quello che potrebbe essere il risultato finale».

Il pendio di Almaty è nuovo, nessuno lo conosce… «Per me potrebbe essere un vantaggio, potrebbe permettermi di chiudere almeno in parte il gap dovuto alla lunga assenza per infortunio».

Un tracciato inedito come lo sarà quello delle Olimpiadi 2022, vero obiettivo a medio termine per la 23enne ticinese… «Le Olimpiadi hanno quel qualcosa in più che nemmeno un Mondiale può darti. In Cina avremmo dovuto disputare i Campionati del mondo di quest’anno, poi spostati per ragioni di pandemia in Kazakistan, per cui tra un anno ci ritroveremo su un pendio che nessuno ha avuto modo di provare prima. È vero, in Cina si è già gareggiato in passato, ma in un altro resort, non in quello che ospiterà i Giochi».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved